Risparmio energetico

Il microeolico Revolutionair

Durante la Triennale di Milano Philippe Starck, in collaborazione con Pramac, ha presentato la sua nuova linea di microturbine eoliche Revolutionair.
Si tratta di due modelli: il primo, con una pala di forma quadrangolare, ha una potenza di 400W e costa intorno ai 2.500 euro, mentre il secondo, con pala  elicoidale, ha una potenza di 1KW e un costo di 3.500 euro.
Si tratta di aerogeneratori adatti a essere installati anche in aree urbane perche' funzionano indipendentemente dalla direzione del vento e sono in grado di sfruttare anche i fenomeni di turbolenza.
http://www.revolutionair-pramac.com/

fonte immagine

Creare energia elettrica muovendosi

Ogni giorno, quando svolgiamo le nostre faccende quotidiane o semplicemente ci muoviamo, trasformiamo la nostra energia chimica in energia cinetica e questa puo' essere mutata ulteriormente, raccolta e utilizzata per alimentare alcuni dispositivi elettrici.
Da questa premessa due progettisti coreani, Choi Hyung-Suk e Yun-Jung Sik, hanno sviluppato un sistema di riciclaggio dell’energia prodotta dall’uomo: durante il giorno si indossano particolari dispositivi che aderiscono ai polsi, alle dita e alle mani e che dispongono di una batteria che immagazzina l’energia: a fine giornata, l’utente puo' rimuoverla e utilizzarla per alimentare telefoni cellulari, lettori MP3 e altri piccoli apparecchi.
Il progetto prevede anche un’apparecchiatura piu' elaborata che consenta di raccogliere quantita' di energia maggiore, ad esempio quella prodotta dal moto sviluppato col ciclismo o correndo su un tapirulan in palestra. L'idea alla base del progetto e' che l’energia emessa dagli essere umani e' una valida alternativa e soprattutto non si esaurira' finche' la razza umana esiste.
E poi conferma il detto: chi si ferma e' perduto!

fonte immagine

Elettricita' alcolica

Gia' da anni in Brasile e' obbligatorio che il carburante per le auto contenga il 20% di etanolo (vale a dire alcol etilico). Ora e' stata inaugurata la prima centrale elettrica in grado di funzionare sia a gas che a bioetanolo, cioe' alcol ottenuto per via vegetale e non attraverso processi di sintesi chimica. La tecnologia applicata alla centrale e' particolarmente interessante in quanto e' stato reso possibile il passaggio istantaneo da un'alimentazione all'altra senza che vi siano effetti in termini di efficienza. Ne risente invece positivamente l'ambiente, dal momento che l'utilizzo del bioetanolo riduce sensibilmente le emissioni di biossido di carbonio.
Buone Notizie - Il 2009 e' stato un anno record per l'eolico offshore in Europa: 199 nuove turbine installate in 8 parchi, una crescita del 54%.

fonte immagine
 

Record rinnovabili

Secondo quanto riporta Ewea, l'associazione europea dell'industria eolica, il 2009 e' stato un anno record per l'eolico offshore - vale a dire per gli impianti installati al largo di mari e laghi - con una crescita in Europa del 54%.
199 turbine in 8 nuovi parchi eolici marini sono state collegate alla rete di distribuzione aumentando la capacita' di generazione di 577MW.
Il trend positivo dovrebbe continuare anche nel 2010 con l'installazione di 10 nuovi impianti capaci di generare altri 1.000 MW. Questo porterebbe a una crescita del 75% rispetto al 2009.
Gli Stati europei piu' virtuosi nell'eolico offshore sono la Gran Bretagna (44% della produzione totale UE) e la Norvegia (30%).
Piu' in generale l'Europa con le sue 828 turbine e' considerata leader mondiale nel settore.
(Fonte: Ansa Ambiente)

fonte immagine
 

Le reti elettriche intelligenti

Negli Stati Uniti sono note come “smart grid”, mentre in Italia si stanno affermando col nome di “Reti intelligenti” e si spera che possano far parte delle politiche energetiche del futuro.
Con il termine Rete intelligente non si intendono modifiche vere e proprie alla rete distributiva, ma un uso piu' razionale e, appunto, intelligente dell'elettricita'.
Il primo passo delle “smart grid” sono state le ecotecnologie che tagliano gli sprechi: apparecchi che spengono le lucine degli stand-by o bloccano il flusso di corrente quando si lascia un elettrodomestico attaccato alla spina, fino ai caricabatterie dei cellulari che prelevano corrente solo di notte (quando costa meno).
Come da anni va dicendo Beppe Grillo: se tutti gli italiani spegnessero le luci del loro televisore quando non lo usano, si risparmierebbe tanta energia quanta ne produce una centrale nucleare.
In un recente test condotto in 112 abitazioni di Seattle, riportato sul sito Ecologiae.com, grazie alle Smart Grid si e' ottenuto un risparmio medio del 10% nelle bollette e del 20% nell'utilizzo della rete elettrica.

fonte immagine

Torri di controllo alternative

E' stata “accesa” nell'aeroporto di Falconara Marittima (Ancona) la prima Torre di controllo fotovoltaica d'Europa.
I 245 moduli solari dell'impianto coprono il 25% del fabbisogno elettrico della struttura. In un anno risparmieranno circa 28mila euro evitando l’immissione in atmosfera di circa 32 milioni di tonnellate all’anno di gas serra.
Il prossimo passo saranno gli atterraggi a basso impatto.
(Fonte: Rinnovabili.it)
fonte immagine

Comuni virtuosi: Ponte nelle Alpi

Onore a questo piccolo Comune di 8.500 abitanti nelle Alpi bellunesi, vero e proprio modello di sostenibilita' ambientale e buone pratiche.
In soli due anni, grazie a un sistema di raccolta dei rifiuti porta a porta che ha dato lavoro a 5 persone, la raccolta differenziata e' arrivata al 90% con un taglio del 15% dei costi di gestione del servizio.
La scuola media e' stata dotata di pannelli solari fotovoltaici, mentre in tutte le aule sono state installate particolari lampade che si accendono e si spengono da sole e si autoregolano in base alla luce naturale.
Ai lampioni lungo le strade sono stati applicati particolari diffusori che convogliano tutta la luce verso il basso. Grazie a tutti questi accorgimenti i costi per l'illuminazione pubblica sono diminuiti del 30%.
Sono state inoltre incentivate le aziende che recuperano l'acqua piovana mentre attualmente e' in progetto un impianto per la produzione di biogas.
Per gli anziani e' previsto un servizio pubblico di trasporto completamente gratuito e nei parcheggi sono state inserite le strisce rosa, per agevolare le donne in stato di gravidanza.
Complimenti!
 

Fonti energetiche alternative

Tra le biomasse un settore ancora poco sfruttato e' quello delle alghe.
Le potenzialita' delle colture algali sono diverse: si possono ricavare da 20 a 40 tep (tonnellate equivalenti di petrolio) di biocarburante all'anno per ettaro, le alghe stesse assorbono anidride carbonica e non devono necessariamente essere coltivate in un terreno fertile.
La buona notizia e' che anche in Italia qualcosa si muove: il primo impianto italiano dovrebbe nascere nel 2011 a Venezia, dove verranno sfruttate le alghe della laguna e una nuova coltivazione di 8-12 ettari vicino a Porto Marghera.
La centrale, a emissioni zero, produrra' circa 40 Mw, 7 dei quali saranno destinati al Porto di Venezia e i restanti a meta' degli abitanti del centro storico.
Costo del progetto: 200 milioni di euro.

fonte immagine

L'ecologica famiglia Schmieder

Volete provare il confort di vivere in una casa ecologica? Una famiglia di San Candido, in Alto Adige, offre questa possibilita' affittando due appartamenti perfettamente ristrutturati e certificati CasaClima Gold+.
Non c'e' il riscaldamento tradizionale ma solo una pompa di calore, pannelli solari e un particolare sistema di aerazione.
La prima colazione e' a base di biomasse locali.
http://www.schmieder.bz/it/
 

Buone notizie per il Gruppo di acquisto di energia elettrica verde AGSM

Nel corso dell'anno scorso le tariffe dell'energia elettrica hanno subito una riduzione rispetto a gennaio 2009, momento in cui viene fissato da Agsm il prezzo a kWh per l'intero anno, e questo fa applicare ai nostri aderenti la “Clausola di garanzia rispetto al mercato di maggior tutela”.
In pratica a tutti coloro che hanno aderito all'inizio del 2009, Agsm restituira' un importo equivalente alla differenza tra quanto pagato nel corso del 2009 (effettuando un calcolo "pro die" per contabilizzare le fatture che fanno riferimento a consumi a cavallo dell'anno) e quanto il cliente avrebbe pagato rimanendo nel mercato vincolato.
Il rimborso sara' conteggiato nella prima bolletta 2010.
Se siete stati attenti al risparmio energetico e ai consumi potreste ricevere la magica bolletta con scritto NON C'E' NIENTE DA PAGARE!!!
Se non avete ancora aderito al Gruppo di acquisto di energia da fonti rinnovabili... fatelo!
 

clicca qui per saperne di più