Altre notizie dai nostri siti

People For Planet del 24 maggio 2018

Le Buone Notizie di Cacao - 9 ore 36 sec fa

Farmaci inutilizzati non scaduti: recuperarli è possibile. Ecco come
Contro lo spreco di farmaci recuperare quelli inutilizzati e ancora non scaduti è possibile.
L’attività, promossa dalla Fondazione Banco Farmaceutico, viene svolta da una rete di farmacie in diverse città d’Italia
Continua su People For Planet

Idee per un governo condiviso: gestione della Sanità
Ecco alcune proposte che non sono né di sinistra né di destra, solo di buonsenso.
In questa prima di 4 puntate video parliamo di gestione della Sanità e lo facciamo con Luca Foresti, Amministratore Delegato del Centro Medico Santagostino di Milano, https://www.cmsantagostino.it diventato un vero e proprio centro di eccellenza in Italia per l’elevata qualità dei servizi sanitari erogati ai pazienti, in tempi brevi e riducendo i costi. Nel 2016 la spesa sanitaria italiana è stata di 149 miliardi e mezzo di euro, l’8,9% del Pil (Report Istat), una bella voce di costo che si può ridurre elevando la qualità.
Continua su people For Planet

Te ne devi andare!

Le Buone Notizie di Cacao - 9 ore 1 min fa

New York, Usa: fanno causa al figlio trentenne perché non se ne vuole andare da casa. In tribunale il “ragazzo” si è difeso da solo sostenendo che aveva diritto di restare nella sua cameretta per almeno altri sei mesi ma il giudice non ha voluto sentire ragioni: deve andarsene subito.
I genitori le hanno provate tutte: gli hanno dato del denaro per affittare la nuova casa offrendosi di cercargliela ma niente da fare e allora ci ha pensato il giudice.
E non è detto che sia finita qui.
(Fonte: Ansa.it)

Un treno rosa e fucsia

Le Buone Notizie di Cacao - 9 ore 3 min fa

Si tratta di un convoglio Hello Kitty che sarà in servizio sulle ferrovie occidentali giapponesi dal 30 giugno di quest’anno.
Decisamente inquietante.
(Fonte: Repubblica)

La marijuana light è davvero legale

Le Buone Notizie di Cacao - 9 ore 5 min fa

Il Ministero dell'Agricoltura, con una circolare, precisa le regole del mercato delle infiorescenze.
"La coltivazione della canapa - si legge nella circolare - è consentita senza necessità di autorizzazione, che viene richiesta invece se la pianta ha un tasso THC di oltre lo 0,2% come previsto da regolamento europeo. Qualora la percentuale risulti superiore ma entro il limite dello 0,6% l'agricoltore non ha alcuna responsabilità; in caso venga accertato un tasso superiore allo 0,6% l'autorità giudiziaria può disporre il sequestro o la distruzione delle coltivazioni di canapa".
E ora via al divertimento legale!

Il clima difeso dagli Indios

People For Planet - 17 ore 11 min fa

Nel frattempo, però, continuiamo a emettere qualcosa come 32,5 miliardi di tonnellate di anidride carbonica nell’atmosfera (dato del 2017, raccolto presso il laboratorio del Nooa di Mauna Loa, alle Hawaii, punto di riferimento mondiale per la concentrazione di CO2 in atmosfera) – un aumento del 1,4% su base annua dopo una stasi degli ultimi tre anni, con una concentrazione da record che ha raggiunto le 408,35 parti per milione di CO2 .

Chiaro, quindi, che il problema a questo punto non sia solo quello dell’emissione di anidride carbonica in atmosfera ma anche la rimozione della stessa dall’atmosfera.

Per due motivi. Il primo è legato al fatto che per decenni si continuerà a emettere CO2: si pensi solo a quante autovetture ad alimentazione fossile esistono sul pianeta, circa 1,2 miliardi nel 2015 secondo Navigant Research, con un mercato che lo scorso anno è stato di 71,3 milioni di autovetture nuove – in crescita del 2,5%. Auto che sono al 99% ad alimentazione fossile, ossia emettono una media di 120 grammi di anidride carbonica per chilometro. L’altro motivo è che si deve iniziare a pensare a come rimuovere la CO2 dall’atmosfera per “limitare” i danni di questa crescita. Lasciando perdere, per ora, il sequestro e il confinamento della CO2 nel sottosuolo – tecnica che potrebbe essere utile solo per la generazione elettrica, visto che necessita di grandi impianti, e solo quando saranno abbattuti i costi – la via che si potrebbe seguire è quella del “sequestro” dell’anidride carbonica nel terreno attraverso pratiche “naturali”, che si affiancano a quella storica della forestazione, e che sono tre.

Indietro nel tempo

La prima risale ai tempi più antichi ed è quella usata dagli Indios dell’Amazzonia nei secoli passati per fertilizzare i terreni.

Si tratta della Terra preta – Terra nera in portoghese – ossia di vasti appezzamenti di terreno nei pressi dei villaggi che hanno una percentuale di carbone vegetale al proprio interno di circa il 9%, contro quello presente in modo naturale che è del 0,5%, cosa che porta il contenuto di carbonio del terreno al 15%.

Si tratta di una caratteristica che è di origine antropica, visto che assieme al carbone vegetale spesso si trovano altre sostanze di origine organica evidentemente deposte dall’uomo. E si comincia a diffondere presso gli studiosi l’idea che si tratti di un sistema il cui scopo era quello di fertilizzare terreni caratterizzati da una certa scarsità di nutrienti, sistema già utilizzato anche in altre zone del Pianeta, come nel Sud America e in Africa, nonché in Inghilterra, dove si pensa che il metodo sia stato usato in epoca romana. Le potenzialità di sequestro di CO2 di questa tecnica sono elevate e, al contrario della forestazione, la CO2 sequestrata rimane nel terreno per migliaia di anni e non viene restituita all’atmosfera al fine vita, naturale o artificiale che sia, degli alberi. Il sistema usato dagli Indios è stato studiato a lungo e ora si affacciano diverse ipotesi di “creazione” su vasta scala di questi terreni.

L’evoluzione innovativa

Una di queste è il biochar, un carbone vegetale ottenuto dalla pirolisi – trattamento termico a alta temperatura in assenza di ossigeno – di vegetali come i residui e i sottoprodotti agricoli quali le potature, le stoppie dei cereali e il fogliame.

Dal processo di pirolisi si ottiene un gas, il syngas, che ha un potenziale calorico pari a quello del Gpl che può essere utilizzato per produrre calore ed energia elettrica, e il biochar, appunto, che è costituito al 90% da carbonio. Una volta utilizzato nei terreni il biochar è un forte ammendante (cioè fertilizzante) che aumenta la ritenzione dell’acqua e degli elementi nutritivi da parte dei terreni e migliora la struttura degli stessi. Il risultato è che si aumenta la produttività dei terreni fino al 15%, come dimostrato da alcune sperimentazioni in Toscana sul grano duro, poiché diminuisce la necessità di acqua e fertilizzanti e viene sequestrato il carbonio in maniera duratura.

Da una ricerca fatta dalla Iowa State University si stima che un’azienda agricola di 250 ettari possa sequestrare qualcosa come 1.900 tonnellate di carbonio ogni anno utilizzando il biochar addizionato con l’azoto. Si tratta di un metodo così promettente che è stato preso in seria considerazione nel corso degli appuntamenti sul clima delle Nazioni Unite, le Cop, e che potrebbe unire l’esigenza di ridurre la CO2 in atmosfera con quella di aumentare la produzione agricola; quest’ultima è una necessità che nasce in vista dell’aumento della popolazione umana sul Pianeta, al 2050 è prevista intorno ai 9,7 miliardi di persone e di 11 miliardi nel 2100.

Da non sottovalutare, infine, il fatto che una serie di studi sta verificando con successo che la pirolisi delle biomasse può essere utilizzata per la produzione di biocarburanti di seconda generazione che non impattano sulla filiera alimentare, visto che ne utilizzano i sottoprodotti e non le colture sostitutive agli alimenti.

Biogas carbon negative

Il terzo sistema è quello messo a punto al Consorzio Italiano Biogas (Cib) che è stato denominato Biogasfattobene.

Il sistema unisce una serie di pratiche agricole avanzate e virtuose come i doppi raccolti, la fertirrigazione e i sistemi di arricchimento naturali del terreno, producendo così più alimenti senza utilizzare più suolo e riducendo le spese: infatti non si devono smaltire gli effluenti zootecnici, non si acquistano fertilizzanti chimici poiché si utilizzano biofertilizzanti di produzione propria, e si può utilizzare come carburante il biometano raffinato dal biogas, mentre quello in eccedenza viene impiegato per la produzione elettrica.

Il bilancio sul fronte della CO2 è neutrale, ma può diventare negativo, visto che il carbonio può essere sequestrato nel terreno con l’utilizzo del digestato che si ottiene in uscita dall’impianto per la produzione di biogas. Il tutto è stato ratificato da uno studio condotto dal team scientifico del Consorzio Italiano Biogas con il Centro Ricerche Produzioni Animali e la Michigan State University per valutare l’impronta carbonica dell’energia elettrica prodotta con i principi del Biogasfattobene.

I risultati ci sono. Se un impianto a biogas, alimentato completamente a mais, produce 34 grammi di CO2 equivalente per MJ – meno della metà dell’utilizzo di metano d’origine fossile, che è di 72 grammi di CO2 equivalente per MJ – applicando la serie di pratiche messe a punto dal Cib si passa a emissioni negative per ben 36 grammi di CO2 equivalente per MJ. Ossia si producono più alimenti e più energia, mettendo sotto terra la CO2, e facendo diventare la produzione di energia da fonte rinnovabile una vera e propria infrastruttura che riesce a mitigare le emissioni climalteranti.

Tutte queste pratiche hanno un contenuto tecnologico, anche quelle antiche degli Indios, ma sono accumunate da un approccio comune che le unisce alla logica dell’economia circolare. Ossia utilizzare al massimo le risorse disponibili innestando processi che riutilizzano i materiali, con metodologie olistiche, ossia che sfruttano le connessioni possibili tra una pratica e un’altra. E tra diversi sistemi. La circolarità del ciclo nel quale un rifiuto diventa risorsa, utilizzando metodi innovativi – nei casi che abbiamo visto gran parte dell’innovazione risiede proprio nel metodo – sarà la chiave di volta per rispondere alle sfide del futuro.

A partire da quella più grande: i cambiamenti climatici.

 

Fonti: 

Il record delle emissioni 2017:
https://www.reuters.com/article/us-energy-carbon-iea/global-carbon-emissions-hit-record-high-in-2017-idUSKBN1GY0RB

Il biochar:
http://www.ichar.org/data/files/bro_ichar_new.pdf

Il Biogasfattobene:
https://www.consorziobiogas.it/wp-content/uploads/2017/08/BIOGAS_INFORMA_n21.pdf (pagina 10)

 

The post Il clima difeso dagli Indios appeared first on PeopleForPlanet.

Categorie: Altri blog

Farmaci inutilizzati non scaduti: recuperarli è possibile. Ecco come

People For Planet - 19 ore 6 min fa

L’attività, promossa dalla Fondazione Banco Farmaceutico, viene svolta da una rete di farmacie in diverse città d’Italia

Quante persone hanno in casa propria confezioni di farmaci solo parzialmente utilizzate? E quante volte questi medicinali ancora validi rimangono inutilizzati o vengono gettati via? Uno spreco enorme di risorse, senza dimenticare le conseguenze prodotte sull’ambiente dal loro smaltimento – che non sempre viene svolto nel modo corretto.

In attesa che in Italia si arrivi a vendere farmaci sfusi come già accade in altre nazioni, così da avere a disposizione il preciso numero di dosi che consenta di portare a termine la cura in base alla prescrizione medica e, quindi, senza eccedenze (argomento molto sentito da People for Planet, che per informare e sensibilizzare sull’argomento ha all’attivo una  campagna a favore dei farmaci sfusi), un passo da fare nella direzione di un consumo di farmaci più responsabile è recuperare quelli inutilizzati, ma ancora validi: nel nostro Paese è possibile grazie al progetto “Recupero farmaci validi non scaduti” promosso dalla Fondazione Banco Farmaceutico, organizzazione nata nel 2000 per contrastare la povertà sanitaria.

Nuova vita ai farmaci

I farmaci raccolti tramite questa iniziativa vengono destinati a persone indigenti che non avrebbero altrimenti possibilità di accedere alle cure: consentire a coloro che vivono in situazioni di disagio economico di curarsi e, allo stesso tempo, evitare sprechi e costi per tutta la collettività – poiché il medicinale inutilizzato produce inquinamento anche quando viene smaltito correttamente – è un duplice risultato che potrebbe fare la differenza. Come spiega in una lettera Sergio Daniotti, Presidente Fondazione Banco Farmaceutico onlus, “in 10 città e provincie italiane, all’interno delle farmacie che aderiscono all’iniziativa, sono posizionati appositi contenitori di raccolta facilmente identificabili in cui ognuno, assistito dal farmacista, può donare i medicinali di cui non ha più bisogno. E’ un modello che non ha uguali in Europa riconosciuto, oltre che dalla legge, anche da convenzioni con ASL, ospedali, case di riposo e da donatori istituzionali e privati”.

Un progetto nato nel 2013

Il progetto, nato 5 anni fa, può ancora crescere molto e aumentare il numero di città e farmacie coinvolte: a oggi, infatti, l’iniziativa è attiva nelle città e nelle province di Torino, Milano, Monza e Brianza, Roma, Verona, Mantova, Varese, Macerata e Rimini, per un totale di circa 300 farmacie. Un’iniziativa che non solo evita enormi costi e sprechi per tutta la collettività, ma fa sì che molte persone che non possono permettersi di acquistare medicinali possano curarsi lo stesso.

 1,6 milioni di euro in un anno

Nel solo 2017 il Recupero farmaci validi non scaduti ha permesso di raccogliere oltre 113.400 confezioni di medicinali per un valore economico superiore a 1,6 milioni di euro. Dal 2013 a oggi sono state recuperate oltre 418.600 confezioni, per un valore economico pari a più di 5,7 milioni di euro.

Quali farmaci possono essere donati

Possono essere recuperati medicinali con almeno 8 mesi di validità, correttamente conservati nella loro confezione originale integra, con l’esclusione dei farmaci che richiedono conservazione a temperatura controllata, quelli ospedalieri (fascia H) e appartenenti alla categoria delle sostanze psicotrope e stupefacenti.

Come aderire all’iniziativa

All’interno delle farmacie che aderiscono all’iniziativa sono posizionati appositi contenitori di raccolta facilmente identificabili in cui chiunque, assistito dal farmacista, può donare i medicinali di cui non ha più bisogno. Sono i farmacisti a controllarne scadenza e integrità e, se il farmaco risulta idoneo alla donazione, viene apposta sulla confezione un timbro (o uno sticker) riportante la dicitura “Banco Farmaceutico. Farmaco donato. Vietata la vendita”. Gli enti e le farmacie aderenti al progetto sono consultabili cliccando sul link della singola città.

credit foto: ©grafikplusfoto – Fotolia.com

The post Farmaci inutilizzati non scaduti: recuperarli è possibile. Ecco come appeared first on PeopleForPlanet.

Categorie: Altri blog

Idee per un governo condiviso: Ecologia e tutela dell’Ambiente

People For Planet - 19 ore 6 min fa

Seconda puntata, seconda proposta per un governo condiviso tra M5S e Lega.
Oggi parliamo di ecologia e ambiente con Fabio Roggiolani, grande amico e “guerriero” della sostenibilità ambientale, quella applicata! Cofondatore del Festival EcoFuturo, da anni promuove campagne per applicare le ecotecnologie attualmente disponibili nei settori del risparmio energetico e della produzione di energia da fonti rinnovabili. Con lui parliamo di carburanti alternativi che si potrebbero iniziare a usare domani mattina. Volendo…

flowplayer.conf.analytics = "UA-11693000-17"; flowplayer.conf.container = "#player_134"; p = flowplayer(flowplayer.conf.container, { splash: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/134/output/thumb.jpg', aspectRatio: "16:9", key: '$995340359991288', clip: { sources: [ { type: 'application/x-mpegurl', src: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/134/output/idee-governo-ambiente-roggiolani.mp4_master.m3u8' }, { type: 'video/mp4', src: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/134/idee-governo-ambiente-roggiolani.mp4' } ] } })

 

Clicca qui per vedere tutte le nostre proposte al Governo

The post Idee per un governo condiviso: Ecologia e tutela dell’Ambiente appeared first on PeopleForPlanet.

Categorie: Altri blog

People For Planet del 23 maggio 2018

Le Buone Notizie di Cacao - Mer, 05/23/2018 - 11:28

Una legge facile da fare subito: i farmaci sfusi
6.000 tonnellate di farmaci buttati all’anno, sprechi di risorse, avvelenamenti di bambini per farmaci dimenticati in giro… Basta!
Continjua su People For Planet

Igienizzano e sono eco-friendly: i nuovi detersivi sono a base di batteri buoni
Detergenti a base di batteri probiotici in grado, oltre che di pulire le superfici dai microrganismi presenti, di inibire la ricontaminazione da parte di nuovi patogeni, garantendo una pulizia più duratura nel tempo.
Continua su People For Planet

Batteri buoni contro batteri cattivi anche in ospedale (VIDEO)
Cosa sono le infezioni correlate all’assistenza sanitaria.
Continua su People For Planet

Niente più scadenze contro lo spreco alimentare

Le Buone Notizie di Cacao - Mer, 05/23/2018 - 11:26

In fondo si tratta di una soluzione semplice: in molti supermercati britannici dagli alimenti è stata eliminata l’etichetta: “da consumarsi entro…” lasciando al consumatore la scelta in base al buon senso. La decisione è stata presa per ridurre l’enorme quantità di cibo che viene buttato via mentre è ancora commestibile.
Quando la mozzarella diventa verde (o blu) però buttatela!
(Fonte: La Stampa)

Blu non è un nome femminile

Le Buone Notizie di Cacao - Mer, 05/23/2018 - 11:22

Sono stati convocati in Procura a Milano i genitori di una bimba di un anno e mezzo chiamata Blu perché “in base all'articolo 35 del Dpr 396/2000 il nome imposto al bambino deve corrispondere al sesso". E pare che il nome Blu non corrisponda.
Su Twitter è stato suggerito di cambiare il nome in Pizza.
(Fonte: Ansa.it)

Capo protetto

Le Buone Notizie di Cacao - Mer, 05/23/2018 - 11:21

Capo Testa-Punta Falcone, nel comune di Santa Teresa di Gallura (Sassari), Sardegna, e Capo Milazzo, nel comune di Milazzo (Messina), Sicilia, sono due nuove aree marine protette, grazie alla firma dei decreti istitutivi da parte del Ministro dell'Ambiente Gian Luca Galletti. Le coste italiane ospitano 29 aree marine protette e due parchi sommersi, per una tutela specifica totale di 233.891 ettari di mare.
(Fonte: Adn Kronos, segnalata da Davide Calabria, grazie!)

Apertura del sipario sui prodotti e sui risultati del progetto Erasmus+ "TELL ME - Theatre for Education and Literacy Learning of Migrants in Europe"

Comitato Nobel Disabili Onlus - Mer, 05/23/2018 - 10:53

TORINO - 25 maggio 2018 – dalle ore 11:00 alle ore 13:00

Sala Rossa, Università degli Studi di Torino - Campus Luigi Einaudi, Lungo Dora Siena 100 A

Presentazione organizzata nel contesto di "fierIDA 2018", seconda edizione della "Fiera Nazionale dell'Istruzione degli Adulti" che si svolge dal 24 al 26 maggio al Campus Luigi Einaudi.
Evento gratuito e aperto al pubblico previa iscrizione online in https://social.tellmeproject.com/download

I posti sono limitati e le iscrizioni verranno accettate rispettando l'ordine cronologico.


TELL ME, il progetto europeo per l'USO DEL TEATRO NELL'ALFABETIZZAZIONE LINGUISTICA E MATEMATICA DEI MIGRANTI, presenta i prodotti creati ed i risultati ottenuti in un evento che vedrà i saluti dell'Eurodeputato CÉCILE KASHETU KYENGE e di JACOPO FO, interventi del team di ricerca con ESEMPI CONCRETI DI ESERCIZI TESTATI in vari workshop, la proiezione del DOCUFILM realizzato da Andrea Anconetani e la presentazione della PIATTAFORMA SOCIAL ONLINE, importante strumento ideato per implementare la rete europea fra coloro che si occupano di questi temi.
Il principale scopo di questo evento è quello di presentare il progetto nei suoi aspetti generali, condividerne gli output e fornire anche esempi concreti di esperienze e metodologie create.


Verrà consegnato ai presenti il kit educativo, importante prodotto creato da un'equipe transnazionale di ricercatori italiani, portoghesi, svedesi e turchi in due anni di lavoro e sperimentato in tre workshop rivolti a 24 operatori europei e in due corsi per migranti


Saranno inoltre illustrati e promossi il sito internet www.tellemeproject.com e la piattaforma social online https://social.tellmeproject.com, altro importante strumento ideato per diffondere su più larga scala possibile le linee guida metodologiche e per implementare la rete europea che connette le esperienze di coloro che operano nell'ambito dell'apprendimento e dell'inclusione sociale attraverso le arti.

Categorie: Altri blog

Il ciclo (e riciclo) di vita di carta e cartone

People For Planet - Mer, 05/23/2018 - 04:36

Ma solo all’inizio del ciclo, poi dalla carta, gettata nella raccolta differenziata e avviata al riciclo, si può ottenere altra carta.
Ogni anno vengono immesse al consumo 4,7 milioni di tonnellate di carta e cartone (imballaggi cellulosici). L’80% viene avviato al riciclo. C’è ancora molto da fare!

Per vedere l’infografica più grande clicca qui

The post Il ciclo (e riciclo) di vita di carta e cartone appeared first on PeopleForPlanet.

Categorie: Altri blog

Idee per un governo condiviso: gestione della Sanità

People For Planet - Mer, 05/23/2018 - 02:25

In questa prima di 4 puntate video parliamo di gestione della Sanità e lo facciamo con Luca Foresti, Amministratore Delegato del Centro Medico Santagostino di Milano, diventato un vero e proprio centro di eccellenza in Italia per l’elevata qualità dei servizi sanitari erogati ai pazienti, in tempi brevi e riducendo i costi. Nel 2016 la spesa sanitaria italiana è stata di 149 miliardi e mezzo di euro, l’8,9% del Pil (Report Istat), una bella voce di costo che si può ridurre elevando la qualità.

flowplayer.conf.analytics = "UA-11693000-17"; flowplayer.conf.container = "#player_133"; p = flowplayer(flowplayer.conf.container, { splash: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/133/output/thumb.jpg', aspectRatio: "16:9", key: '$995340359991288', clip: { sources: [ { type: 'application/x-mpegurl', src: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/133/output/idee-governo-luca-foresti-sanita.mp4_master.m3u8' }, { type: 'video/mp4', src: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/133/idee-governo-luca-foresti-sanita.mp4' } ] } })

 

Clicca qui per vedere tutte le nostre proposte al Governo

The post Idee per un governo condiviso: gestione della Sanità appeared first on PeopleForPlanet.

Categorie: Altri blog

Una legge facile da fare subito: i farmaci sfusi

People For Planet - Mer, 05/23/2018 - 02:09

Nell’articolo comparso ieri Jacopo Fo ha fatto un appello alla ragionevolezza: il nuovo Parlamento approvi delle leggi facili a basso costo e di evidente efficacia pratica. Una di queste è la legge sui farmaci sfusi.
E’ una delle leggi facili contenute nel Manifesto di People For Planet pubblicato il 29 gennaio, il giorno della nostra “nascita”.

La vendita di farmaci sfusi esiste già in altri Paesi?
Sì. L’elenco è lungo. Tra gli altri gli USA, la Germania, la Svizzera, il Canada…

In cosa consiste la vendita dei farmaci sfusi?
Anziché essere costretti ad acquistare confezioni spesso molto superiori alle necessità, si acquistano solo le quantità necessarie in base alla prescrizione del medico.

Come avviene la vendita?
Negli Stati Uniti per esempio le pillole nella quantità indicata dalla prescrizione vengono contate in farmacia da un macchinario sterile. I farmaci sono inseriti automaticamente in un contenitore di plastica sterile sigillato, su cui viene stampata un’etichetta con data di scadenza, nome del farmaco, posologia, ecc. In più viene stampato e consegnato il foglietto con tutte le istruzioni (quello che da noi è chiamato “il bugiardino”)

Quali effetti produrrebbe la sua introduzione?
– Basta farmaci scaduti presi per errore. Secondo un’indagine di Altro Consumo è un problema che coinvolge il 50% degli italiani
– Drastica riduzione dei casi di avvelenamento da farmaco. Secondo il Centro Antiveleni di Milano il 40% dei casi di avvelenamento è causato dai farmaci; il 34% è composto da bambini sotto i 6 anni che hanno assunto farmaci per errore. Se non ci fossero in giro in casa confezioni abbandonate di farmaci eccedenti le necessità verosimilmente questi casi si ridurrebbero.
– Basta farmaci gettati nell’ambiente. Secondo l’Associazione dei medici del servizio sanitario nazionale in Italia ogni anno le famiglie buttano 6.000 tonnellate di farmaci.
– Riduzione globale, per i cittadini e per lo Stato, dei costi. Secondo Federfarma abbiamo una spesa annua in farmaci di 22 miliardi. Se la vendita di farmaci sfusi comportasse una riduzione della spesa anche solo del 10% sarebbe un risparmio di più di 2 miliardi all’anno!

Ma in Italia c’è qualche speranza che si possa fare?
Certo che sì. Basta volerlo. Il Consiglio Regionale della Regione Toscana ha già approvato all’unanimità una mozione di Sì Toscana a Sinistra che impegna la Giunta Regionale ad attivarsi per promuovere la vendita di farmaci sfusi nelle farmacie. Nella mozione è esplicitamente richiamata la proposta avviata da People For Planet.

E, durante la campagna elettorale di marzo, abbiamo chiesto ai partiti candidati di esprimersi su questa nostra iniziativa. Tra quelli oggi presenti in parlamento Liberi e Uguali ha dato la sua adesione, tra gli altri nessuno si è detto contrario (e del resto come si potrebbe essere contrari?)

Cosa farà People For Planet per far approvare la legge sui farmaci sfusi?
Appena costituito il Governo chiederemo al Ministro della Sanità ed ai Gruppi Parlamentari di sostenere ed approvare questa legge e faremo pressione perché questo accada.

Cosa possiamo fare tutti assieme?
Innanzitutto chiediamo a tutti quelli che sono favorevoli di firmare il nostro Manifesto che contiene questa proposta. E di diffonderla e sostenerla, in tutte le sedi, sui media, sui social, ovunque.

Vinceremo, perché perdere fa male alla salute…

Clicca qui per leggere tutti gli articoli sull’argomento farmaci sfusi

The post Una legge facile da fare subito: i farmaci sfusi appeared first on PeopleForPlanet.

Categorie: Altri blog

People For Planet del 22 maggio 2018

Le Buone Notizie di Cacao - Mar, 05/22/2018 - 11:12

Il governo delle piccole cose
Appello: cerchiamo proposte per leggi facili che si potrebbero approvare rapidamente, ottenendo risparmi e la semplificazione del sistema Italia.
La politica ci ha abituati a grandi progetti che creano grande disaccordo e che generalmente abortiscono. L’Italia è oggi divisa in blocchi contrapposti e rissosi che coltivano la comunicazione su ciò che li divide.
Continua su People For Planet

Foodsharing e sai cosa mangi
 “Mangiare bene o mangiare male è una questione culturale. Mangiare o non mangiare è una questione di soldi.” (Manuel Vasquez Montalbàn) (...)
Continua su People For Planet

Pewec, energia dal moto ondoso (Video)
ENEA presenta un nuovo dispositivo per produrre in maniera economica energia dalle onde del mare (...)
Continua su People For Planet

Notizie da Arte Irregolare

Le Buone Notizie di Cacao - Mar, 05/22/2018 - 11:02

Da non perdere
Alla galleria Maroncelli 12 di Milano da domani al 28 settembre apre una mostra fantastica dal titolo “Il Fattore F. Femminilità, fragilità, forza”.
Arte al femminile. Dal Rinascimento al Novecento, grande è stato l’apporto dell’arte al femminile, anche se sempre tendenzialmente nell’ombra. Eppure tra il XVI e XX secolo, molte donne hanno prodotto capolavori degni dei più grandi nomi delle correnti artistiche occidentali. Questa mostra vuole rendere omaggio a quelle artiste che, nell’arco dei secoli, hanno saputo continuare a dipingere e rappresentare il mondo attraverso la loro sensibilità e il loro talento, pur rimanendo spesso lontane dall’ufficialità delle accademie.

Il fattore F: Femminilità, fragilità, forza
Inaugurazione: mercoledì 23 maggio 2018, dalle 18.30
In mostra dal 24 maggio al 28 settembre 2018
Arte al femminile. Dal Rinascimento al Novecento, grande è stato l’apporto dell’arte al femminile, anche se sempre tendenzialmente nell’ombra. Eppure tra il XVI e XX secolo, molte donne hanno prodotto capolavori degni dei più grandi nomi delle correnti artistiche occidentali. Questa mostra vuole rendere omaggio a quelle artiste che, nell’arco dei secoli, hanno saputo continuare a dipingere e rappresentare il mondo attraverso la loro sensibilità e il loro talento, pur rimanendo spesso lontane dall’ufficialità delle accademie.
La mostra è una collettiva che raccoglie il lavoro di cinque artiste: Marie-Claire Guyot, Cristina Martella, Nabila, Franca Settembrini, Annamaria Tosini; un dialogo tra approcci e stili differenti scaturiti dalla creatività di artiste diverse per età, condizione sociale, epoca, nazionalità.
diverse per età, condizione sociale, epoca, nazionalità.

maroncelli12.it

Pet Therapy in volo

Le Buone Notizie di Cacao - Mar, 05/22/2018 - 11:01

L’American Airlines è consapevole che un animaletto domestico mentre si è in volo può ridurre l’ansia dei passeggeri. Si chiamano: "emotional support animals" e proprio perché sono utilissimi, di solito volano gratis con i loro amici umani.
Solo che poi si è un po’ esagerato e la compagnia aerea si è trovata costretta a porre un freno a questa pratica limitando le specie di animali ammessi all’interno dell’aereo. Non possono più volare insetti, capre, ricci, furetti, rettili e altre specie - tra cui "animali con zanne".
Insomma, tocca lasciare a casa la vostra tarantola da compagnia.
(Fonte: Repubblica)

I firmatari del Manifesto di People For Planet

People For Planet - Mar, 05/22/2018 - 11:00

Clicca qui per leggere e firmare il Manifesto di People For Planet

 
Cesare Aglialoro, Operatore sociale
Paolo Aiello, Sviluppatore software
Michele Aina, Agricoltore
Diego Albertini, Cittadino del mondo
Stefania Albertini, Medico
Alfredo Albiani, Operatore olistico
Marco Alfieri, Giornalista
Michele Ammendola, Counselor
Luca Aoe, Copywriter
Giovanni Aquilino, Dipendente Pubblico
Silvana Arbia, Ex Magistrato – Senior Trial – Tribunale penale internazionale delle Nazioni Unite per il Ruanda
Maurizio Arrighi, Impiegato
Roberto Arzilla, Medico
Alessandra Ascia, Presidente del Consiglio Comunale di Gela
Paolo Astarita, Programmatore
Marco Bachi, Musicista
Claudio Baila, Tecnico
Anna Balbiano, Giornalista
Danila Baldo, Docente di scuola secondaria di secondo grado
Alessandra Balduccini, Agronoma
Fabiana Barbati, Cittadina (e imprenditrice agricola)
Leo Barbi, Anpi Gavorrano Scarlino
Andrea Guido Barcucci, Candidato Insieme x Gori prov. VA
Elisa Bardini, Laureata in Comunicazione Interculturale
Domenico Barranca, Impiegato
Maurizio Bartoletti, Ragioniere-commerciale
Gian Luigi Bassani, Operaio specializzato
Antonella Bassi, Forte lettrice
Eugenio Bausola, Pensionato
Luigino Bellizzi, Pensionato
Daniela Bellucci, Dottoressa
Stefano Benni, Scrittore
Roberta Bernobi, Terapista
Paolo Berretti, Padre e marito
Giovanni Berrino, Cittadino
Cristina Bertocci, Traduttore
Mauro Bertuzzi – Agronomo
Ezio Betolotto, Direttore
Francesca Bevacqua, Cittadina italiana residente all’estero
Sara Bianchi, Impiegata
Davide Bianchini, Consulente energetico e ambientale
Teresa Bilotta, Professoressa di Liceo in pensione
Fulvio Boccardo, Impiegato pubblico
Maurizio Bogani, Impiegato
Roberto Bogon, Responsabile Vendite
Antonella Bonfini, Artista
Patrizia Borghi, Insegnante
Luigi Maria Giuseppe Borghini, Insegnante
Marco Boschini, Coordinatore Associazione Comuni Virtuosi
Mauro Bottaro, libero professionista
Amalia Bove, CittadinAeBasta
Guido Bovo, Antiquario
Aurora Braida, Cuoca
Nicola Bressi, Dottore naturalista
Andrea Brezzi, Disegnatore meccanico
Paola Brundu, Dipendente pubblico
Riccardo Brusadin, Impiegato
Laura Burrone, Cittadina
Giancarlo Cadei, Analista programmatore
Davide Calabria, Collaboratore Scolastico (firma per legge 1 e 3)
Francesca Calini, Hotel manager
Elma Cani, Studentessa e lettric
Gabriella Canova, Scrittrice
Simone Canova, Scrittore
Carlo Cantini, Musicista
Monica Capitani, Insegnate
Nadia Capoleoni , Impiegata
Loretta Capra, Pensionata
Anna Cardiota, Avvocata
Anna Carella, Insegnante
Maria Carmine Carusone, Pensionata
Alice Carpini, Cittadina
Vania Carraro, Insegnante
Alessandro Carucci, Ricercatore
Marco Casareto, Giornalista
Sergio Casiraghi, Matematico
Valeria Castagna, Impiegata tutto fare
Roberto Aseglio Castagnot, Educatore professionale
Claudia Castelli, Docente
Fabiano Cavadini, Docente
Giovanni Cavalcabue, Impiegato
Antonio Cavallo , Studente
Lucio Cavazzoni , Candidato alla Camera dei Deputati per Liberi e Uguali
Giovanni Cazzaniga, Pensionato
Scilla Ceccherini, Cittadina italiana residente a Bruxelles
Ilaria Cecchi, Impiegata
Antonino Celentano, Impiegato
Catello Celotto, Impiegato
Paola Centofanti, Pensionata
Eugenio Cerelli , Tecnico Sanitario di Laboratorio Biomedico
Joelle Cerfoglia, Cittadina
Sara Cerrato, Studentessa
Claudio Cianca, Consulente Indipendente
Clelia Ciardulli, Lavoratore nella comunita’, Istruttore di Inglese per stranieri
Angelo Cifatte, Funzionario comunale
Francesca Cintori, Pensionata
Raffaele Cioffi, Docente Università Parthenope
Monica Cipelletti, Team enabler
Antonio Cipriani, Pensionato
Francesca Cocco, Partner innovazione – Knowledge for Business
Grazia Coco, Cittadina
Alessandra Colaiacovo, Mamma zen
Beatrice Coletti, TV Manager
Enrico Colliva, Funzionario pubblico
Giuliano Colomban, Project manager
Daniele Colombi, Impiegato ambientalista
Sara Comoglio, Neomamma
Alberto Corsetti, Odontotecnico
Federico Costa, Pasticcere
Vincenzo Cotronei, Pensionato
Claudia Crovace, Guida Turistica
Laura Cuccuru, Laureata in Comunicazione
Donatella Curti, Impiegata
Virginia D’Aiuto, Chimico
Maria Cristina Dalbosco, Scrittrice
Daniela Dal Fiume, Impiegata
Lorenzo Dambrosio, Studente
Sara Damiani, Impiegata
Carlo D’Andreis, Operaio
Luigi D’Angelo, Tecnico
Ilaria D’Arcangelo, Professionista HR
Antonio Deamici, Agronomo
Marilena De Biase, Insegnante in quiescenza
Felice Del Giudice, Docente
Marina Dell’Aquila, Insegnante
Viviana Della Bella, Pensionat
Giovanni Dell’Erba, Pensionato
Alfredo De Luca, Agronomo
Luigi De Magistris, Sindaco di Napoli
Leonarda De Matteis, Libero professionista
Nino De Miceli, Psicoterapeuta
Claudio De Paulis, Pensionato
Marco De Pertis, Ingegnere
Loredana De Petris, Senatrice Liberi e Uguali
Giuseppe De Renzis, Medico
Stefano De Rienzo, Imprenditore
Simona Di Bartolo, Biologa
Marcello Di Carne, Consulente
Alessandra Di Claudio, Amante della natura
Roberto Difalco, Psicologo
Barbara Di Feo, Imprenditrice
Antonio Di Lollo Capurso, Avvocato
Michele Dotti, EducAttore
Danilo Duina, Ingegnere
Mirella Esposito, Impiegata
Stefano Esposito, Advisor finanza sostenibile
Maurizio Faccioli, Operaio settore alimentare
Giorgio Fanò Illic, Professore Universitario
Gianfranca Fantin, Casalinga
Ferruccio Fantini, Pensionato
Nadia Farina, Dipendente pubblico
Maurizio Fauri, Docente Università Trento
Claudia Faverio, Libera professionista
Nicola Fera, Insegnante
Clelio Ferrara, Pensionato
Sergio Ferraris, Giornalista
Fabio Ferretti, Pensionato
Luca Ferretti, Videomaker
Piero Ferruccio, Pensionato
Fabio Fiamberti, Disoccupato
Diego Filotto, Insegnante
Alessandro Finazzi, Cantante
Jacopo Fo, Attore
Walter Fontana, Tecnico della sicurezza
Loretta Fontebasso, Mamma
Maria Rosaria Forcella, Insegnante
Vittorio Foresti, Insegnante a riposo
Maria Forgioli, Alimentazione naturale e orti
Clara Fornaro, Artista
Giannantonio Fornasari, Insegnante
Roberto Fortino, Pensionato
Filippo Fossati, Deputato
Francesco Francis, Pensionato
Maria Carmela Franze’, Avvocato
Tiziana Freti, Consulente
Carla Fruttaldo , Insegnante
Franco Fumo, Ingegnere e Agronomo
Carlo Gabardini, Scrittore
Graziano Galassi, Insegnante
Massimiliano Gallo, Direttore de Il Napolista
Vincenza Gambino, Docente di scuola primaria
Andrea Gardini, Medico
Francesca Garioni, Attrice
Vito Garofalo, Avvocato
Tiziana Gherardini, Pensionata
Alessandro Ghionzoli, Presidente di associazione di volontariato
Marco Giaccaria, Musicista
Valeria Gialanella, Pensionata
Anna Giamporcaro, Fotografa
Salvatore Giangreco, Avvocato
Ivan Giaquinto, Viaggiatore
Giovanni Giarratana, Pensionato
Anna Giordano, Casalinga
Daniela Giosuè, Ricercatrice Università della Tuscia
Antonio Girardo, Psicologo Analista
Gianni Pietro Girotto, Senatore Gruppo M5S
Bruno Giuranna, Musicista
Tiziana Maria Gherardini, Videomaker amatoriale
Greta Golia, Social media manager
Peter Gomez, Giornalista
Laura Graci, Insegnate di yoga – Counselor
Michele Fusco Granolla, Abitante del Pianeta
Fabio Grassi, Comunicazione turismo
Enrico Greppi, Cantante
Elena Gualco, Formatore
Roberto Guercia, Project Manager
Stephanie Holmes, Pensionata
Piero Iaschi, Medico pediatra
Miriam Ientile, Cittadina del mondo
Vincenzo Imperatore, Consulente aziendale
Licia Iob, Impiegata
Mauro Iori, Tabacchino
Rosanna Jemoli, Medico
Caterina Labate, Impiegata
Claudio Lago
Marco Lamalfa, Impiegato Daniele La Montagna, Ingegnere
Daniela Lancioni, Pensionata
Davide Lanfranco, Operaio
Osvaldo Lazzini, Pensionato
Alberto Leggio, Studente
Cristina Leonelli, Docente Università Modena Reggio Emilia
Maurizio Leoni, Fotografo
Gad Lerner, Giornalista
Laura Levati, Biologa
Filomena Ilaria Lillo, Studentessa
Marina Livella, Impiegata
Giancarlo Livraga, Semplice cittadino
Maurizio Lo Presti, Direttore T.O
Giampaolo Loreto, Geologo
Maria Daniela Lucchesi, Pensionata
Vito Lucente, Pensionato
Daniela Luise, Insegnante in pensione
Enrico Lupano, Pensionato
Daniele Luttazzi, Scrittore
Pietro Luzi, Anatomo Patologo
Antonello Macrì, Psicologo
Alberto Maggi, Teologo
Alessandro Silvio Maria Magistrelli, Studente
Luisella Magnoni, Pensionata
Alessandro Maida, Artista
Lorena Maini, Commerciante
Giulia Maira, Pensionata
Maria Maistrelli, Studentessa di biotecnologie
Devid Majenza, Geometra
Liana G. Malato, Agente di Commercio in pensione
Antonio Manca, Operaio
Stefania Manetti, Pediatra ACP
Marilena Manganaro, Insegnante
Andrea Maraffino, MioBio
Dacia Maraini, Scrittrice
Marina Maran, Docente
Paolo Marazzi, Guida Alpina
Marisa Marcante, Producer
Maurizio Marchetti, Tecnico tv
Umberto Marcomeni, Pensionato
Neri Marcorè, Attore
Mattiello Mariano, Insegnante
Livella Marina, Impiegata
Valerio Marinucci, Impiegato
Enrico Marone, Editore
Carlo Marzovillo, Libero Professionista
Marco Masieri, Commerciante
Andreina Mason, Impiegata
Paola Mastrodonato, Persona
Edwin Matta Castillo, Programs & Policy Officer ONU
Alessio Maurizi, Giornalista Radio24
Claudia Mazzola, Docente (precaria) scuola secondaria di I grado
Cristina Meda, In cerca di occupazione
Ezio Meli, Impiegato
Luca Mercalli, Metereologo (firma per i farmaci sfusi)
Cristina Merlino, Giornalista
Alfredo Messina, Avvocato
Gaia Mezzadri, Imprenditrice
Marco Milanesi, Libero professionista
Marco Mina, Pubblico impiegato
Rosa Minerva, Docente
Bruno Giulio Misculin, Candidato politico
Flavio Mobiglia, Educatore e Musicista
Sandro Mogni, Correttore di bozze
Maria Antonietta Montella, Scrittrice
Carlo Moretuzzo, Pensionato
Flaminia Morin, Cittadina italiana
Francesca Moroni, Insegnante
Paolo Morsut, Pensionato attivo
Ingy Mubiay, Scrittrice
Massimo Muratori, Libero professionista
Rossella Muroni, Candidata Camera dei deputati
Francesca Mustacchio, Agricoltore
Alessio Nanni, Artista
Luca Napoli, Psicologo Psicoterapeuta
Lorena Nascimben, Farmacista
Giuseppe Nenna, Concept designer, presidente associazione Ditaubi
Alessandro Nutini, Musicista
Claudio Oddone, Medico
Vincenzo Olivieri, Dirigente Veterinario ASL
Giorgio Orlandi, Cittadino pensionato
Andrea Orlandini, Musicista
Federico Pacini, Musicista
Franca Paganelli, Artigiana
Gabriella Pagani, Pensionata
Paolo P. Pagnon, Docente
Pippo Palazzolo, Libero ricercatore
Luisa Palermo, Insegnante in pensione
Giuseppe Panebianco, Impiegato
Daniela Papone, Pensionata
Sergio Parini, Giornalista
Zita Paris, Operatore socio-sanitario
Giovanni Battista Parodi, Archeologo
Enrico Parolini, Ingegnere in ambito efficienza energetica
Guido Passi, Regista
Bruno Patierno, Coordinatore Gruppo Atlantide
Iacopo Patierno, Regista
Maddalena Pedio, Dipendente Pubblica
Agostino Pela, Guardiaparco
Sara Pelargonio, Studente
Serena Pellegrino, Deputata
Giovanna Perfetti, Avvocato
Andrea Perissi, Pensionato
Carlo Petrini, Fondatore Slow Food
Cristina Piali, Impiegata
Luca Piattelli, Dipendente pubblico
Francesco Piccardi, Interprete di conferenza
Matteo Piccolo, Impiegato
Thomas Piccolo, Infermiere
Cristina Picchietti, Pensionata coscienziosa
Simone Pizzi, Commesso disoccupato
Elisa Poggiali, Ingegnere
Luciano Polese, Ingegnere
MariaCristina Pollastri, Casalinga
Manuela Porru, Programmatrice
Maria Paola Pozzi, Insegnante in pensione
Angela Prati, Fotografa
Margherita Prevedello, Operatore Sanitario
Tommaso Puglisi, Sognatore
Giuseppe Quattrone, Pensionato
Giulia Ranaldi, Operatrice sociale
Splendora Rapini, Medico
Chiara Rapuzzi, Consapevole umana
Donatella Reginato, Impiegata
Achille Renzullo, Architetto
Paola Restiglian, Funzionario ente regionale
Susanna Riavini, Pensionata
Angelo Riccardi, Disoccupato
Antonio Ricci, Autore TV
Carla Ricci, Architetto
Maria Ricci, Pensionata
Romina Rivoli, Libero professionista
Fabio Roggiolani, Cofondatore Ecofuturo Festival
Andrea Romoli, Impiegato
Daghi Rondanini, Ingegnere del suono
Patrizia Rosa, Pensionata
Laura Rossetti, Cittadina
Paolo Rossi, Attore
Eva Rossi, Operatore olistico
Valerio Rossi Albertini, Fisico CNR
Marina Rossignoli, Casalinga
Tanja Rosso, Operatrice Shiatsu
Loretta Roveda, Pensionata
Vera Roveda, Fotografa
Francesca Roversi, Insegnante
Berardino Corrado Ruggeri, Impiegato
Maurizio Sacco, Medico
Renzo Massimo Deliso Samaritani, Amministratore Associazione “Sole e Luna”
Giuseppa Sammati, Ente pubblico
Angelo Sandri, Segretario politico nazionale Democrazia Cristiana
Ana Maria Sandu, Receptionist
A.G. Saño, Street Artist
Cesare Santanera, Imprenditore
Massimo Santoro, Dirigente pubblico
Fabio Sasso, Direttore Napolisera.it
Pierluigi Scaccia, Neuro psicomotricista
Maria Giuseppina Scalzo, Pensionata
Gea Scancarello, Giornalista
Daniela Scarano, Insegnante
Paola Scarpellini, Cittadina
Antonio Scerbo, Redattore
Mario Sciubba, Pensionato
Cecilie Schippa, Pensionata
Giuseppe Scuderi, Essere Vivente
Sauro Secci, Blogger e Redattore Ecquologia
David Selvatico, Operatore Socio Sanitario
Rosario Senia, Pensionato
Roberto Serpieri, Docente Università Federico II
Maria Chiara Sibille, Guardiaparco
Marinella Signaigo, Psicoterapeuta
Tiziana Silvestri, Impiegata
Giulio Sisti, Lavoratore
Enza Somma, Mamma
Donata Soranna, Casalinga
Giovanni Sorrentino, Filmmaker
Sara Sorriso, Tecnico dei servizi sociali
Franco Spano, Imprenditore
Angelo Santi Spina, Managing partner di Proserpina BS
Christina Soelch, Psicomotricista
Antonio Stefanuto, Architetto
Pasquale Stigliani, Agricoltore
Andrea Stocchiero, Responsabile policy FOCSIV
Serena Strocchi, Pensionata
Arianna Taccone, Commercialista
Cristiana Talon
Isidoro Tamasi, Editore
Simona Rita Tamassia, Libero Professionista
Tiziana Tellini, Infermiera
Cristina Tena, Libero professionista
Alberto Terzi, Sociologo e life coach del buonumore
Gemma Terzi, Santa donna
Annamaria Tiraboschi, Cittadina
Umberto Tomba, Agente di commercio
Armando Tondo, Grafico
Flavia Tori, Dipendente pubblica
Fiorella Tortora, Pensionata
Barbara Toscano, Infermiera professionale
Annalisa Tota, Docente Università Roma 3
Marco Travaglio, Direttore Il Fatto Quotidiano
Daniela Trenti, Dirigente
Emma Tricarico, Pensionata
Bruno Tridico, Dipendente pubblico
Silvia Clara Tuscano, dr
Romano Ugolini, Imprenditore
Gabriella Vaccaro, Sociologo
Chiara Valentini, Giornalista
Serena Vanni, Tecnico tessile
Simona Vanni, Impiegata
Nazzareno Vasapollo, Project Manager programmi UE
Federica Ventura, Educatrice
Angelica Vigilante, Libera professionista
Maximilian Weise, Operaio metalmeccanico
Antonella Zampano, Docente
Maria Zanchetta, Casalinga
Cinzia Zannier, Impiegata
Enrico Zearo, Operaio
Daniela Zerbinati, Dipendente pubblico
Salvatore Zirano, Aspirante libero cittadino
Francesco Zoletto, Ingegnere e Consulente in corporate finance
Anna Delli Zuani, Insegnante
Agnese Zugnoni, Pensionata  

The post I firmatari del Manifesto di People For Planet appeared first on PeopleForPlanet.

Categorie: Altri blog

Con la Formula E ritornano le gare in Svizzera

Le Buone Notizie di Cacao - Mar, 05/22/2018 - 10:59

Domenica 27 maggio si correrà a Zurigo il campionato mondiale di Formula E. Le corse automobilistiche mancavano dalla Confederazione Elvetica da oltre 60 anni dopo la tragedia nella 24 Ore di Le Mans del 1955.