Indice del blog, argomenti principali Tutto sullo Yoga Demenziale Fumetti, disegni, arte
Le notizie di Cacao I migliori video della rete, teatro, Jacopo Fo, Dario Fo Tutti gli articoli di Jacopo Fo

Il Teatro Fa Bene raccontato da Jacopo Fo

Tutto sul nostro progetto in Mozambico "Il Teatro Fa Bene" per realizzare, con attori mozambicani, uno spettacolo teatrale sanitario per avvicinare le popolazioni dei villaggi alle strutture mediche del Paese. Il progetto si svolge a Palma, nel nord del Mozambico.

www.ilteatrofabene.it

Parte Prima

Parte Seconda

26-28 febbraio: CORSO INTENSIVO DI PUBLIC SPEAKING con Jacopo Fo e il suo team

Un corso intensivo di Public Speaking per manager con Jacopo Fo e il suo team.

Nell’era delle super tecnologie parlare è diventato lo strumento più originale, emozionante, coinvolgente. Non esiste nulla di più potente della comunicazione personale, diretta. Parlare dentro e fuori l’azienda è una necessità e un’opportunità capace di fare la differenza.

Amplifica i tuoi strumenti
Il percorso formativo di un manager è basato sullo di studio teorico e le esperienze pratiche, migliaia di ore dedicate alla crescita delle capacità imprenditoriali.
Pochissime ore vengono investite nello sviluppo della capacità di raccontare la propria visione.
Leggere una relazione tecnica è un crimine dal punto di vista narrativo: il pubblico si distrae e non si emoziona. La comunicazione avviene solo apparentemente. La mente degli ascoltatori è chiusa. Raccontare senza emozionare è come a parlare al telefono prima che dall’altro capo qualcuno abbia risposto.
Pochi sanno che la scrittura tecnica, basata sui concetti, deve essere tradotta in linguaggio visivo.
Quanti sanno che la voce naturale ha più carisma? Quanti raccontano anche con i gesti?
Troppo spesso vediamo conferenzieri che si sono dimenticati di avere un corpo.
Ma prima di essere d’accordo con quel che dici devo sentire che desidero ascoltarti. I messaggi del corpo arrivano prima che la mente abbia compreso il significato delle parole.

MAGGIORI INFORMAZIONI CLICCA QUI

Le attività del Nuovo Comitato Nobel per i Disabili nel 2015

Carissimi,
come ogni anno siamo a relazionarvi sulle attività del Nuovo Comitato Nobel per i Disabili per l’anno appena trascorso.
Nel 2015 abbiamo soprattutto concentrato le nostre energie nell’avviare progetti e collaborazioni con Associazioni ed Enti cercando di valorizzare quello che sappiamo fare meglio e cioè l’arte come strumento per l’”inclusione sociale”. Due parolone che in realtà significano che attraverso l’arte cerchiamo di valorizzare le capacità di quanti, per caratteristiche e possibilità, non hanno spazio nei circuiti ufficiali.
Arte IRregolare ci sta dando grandi soddisfazioni.
Oltre alla galleria virtuale, il Collettivo Artisti Bolognesi ha attuato moltissime iniziative: mostre, incontri, mercati.
Abbiamo esposto le opere del Collettivo in giro per la città di Bologna grazie alla disponibilità del signor Bosco della Galleria De Marchi, di Antonio gestore del Barattolo Cafè di via Borgo di S. Pietro, di Antonio del negozio Uomini di Via del Pratello, di Mirco dell'osteria Al Pradel di via del Pratello, di Lisa del Mercato di Mezzo in Via Clavature.
Ringraziamo anche Radio Kairos di Bologna che ci ha ospitati più volte in trasmissione per parlare del progetto.
Trovate le foto di tutte queste iniziative nella nostra pagina Facebook

Nella galleria non solo gli artisti bolognesi ma anche opere di Armando Tondo, il nostro grafico-amico-disegnatore-autista-artista di fiducia, alcuni disegni di Jacopo e del Maestro Dario Fo, e anche di altri artisti che si sono proposti nel tempo. Insomma, proprio una galleria di Arte IRregolare perché il bello è bello.

Per il 2016 intendiamo rivolgerci anche ai Dipartimenti di Salute Mentale di altre regioni oltre all’Emilia-Romagna. Offriamo spazio Web e vorremmo organizzare un convegno-incontro a inizio estate ad Alcatraz. Vediamo come andrà.
Intendiamo anche aprire il sito ad altri aspetti dell’arte come l’artigianato di qualità e il design, e lo renderemo più fluido nella navigazione.
Conoscete qualche artista IRregolare che può essere inserito nella galleria? Avete contatti con il Dipartimento di Salute Mentale della vostra città? Fateci sapere a organizziamo un incontro.
Arte IRegolare ha permesso a un gruppo di artisti non solo incontrarsi intorno a un progetto concreto ma anche di organizzarsi e, non ultimo, di vendere le proprie opere valorizzando così il proprio lavoro.
Sempre in questo ambito siamo partner dell’Associazione Step4inclusion di Bologna nel progetto Destrutturarte (finanziato con i fondi dell’Otto per Mille della Chiesa Valdese) che inaugura oggi un atelier a partecipazione aperta e gratuita che durerà fino a giugno 2016 con due incontri settimanali.  Una commissione istituita ad hoc poi valuterà le opere realizzate nel corso dell’Atelier, per individuare i partecipanti con maggiore potenziale artistico, che saranno supportati da consulenze in ambito professionale e messi in relazione con enti creativi/artistici territoriali.

Insomma, non so se si è capito, ma in Arte IRregolare crediamo tantissimo ed è proprio bellissimo!

Oltre ad Arte IRregolare, nel 2015 abbiamo aperto anche alcune campagne di crowfounding, che sono ancora attive, come quella per l’acquisto di un pulmino per il piccolo coro di Roma dell’Associazione Artivendole. E anche la cooperativa Uno tra noi di Bisceglie ha raggiunto l’obiettivo di cambiare il pulmino regalato oltre dieci anni fa sempre dal Comitato.
Continuiamo a seguire e a sostenere l’Associazione Fuori dall'Ombra con cui abbiamo avviato un progetto street food. A settembre l’Associazione ha partecipato al Food Truck Festival di Assisi.

Lavorare con il Comitato significa incontrare persone straordinarie come i ragazzi di Fiorivano le Viole, un’associazione che a Perugia che ha ridato vita a un quartiere in pieno degrado. Sono stati riaperti negozi e organizzati incontri, corsi, è stato riaperto un cinema. E ogni anno viene organizzato un festival degli artisti di strada veramente straordinario. Durante il festival dell’Immaginazione che si è tenuto ad Alcatraz alla fine di agosto alcuni ragazzi di Fiorivano le Viole hanno organizzato un laboratorio di artigianato iniziando così una bella collaborazione tra artisti.

E sempre di arte parlavamo quando Dario Fo ha scritto la prefazione di un libro per ragazzi editato dall’Associazione CREA sulla storia di Dulcinea.
Ogni anno l’associazione organizza un concorso e assegna il Premio Ronzinante per promuovere e divulgare il patrimonio della cultura della diversità attraverso l’illustrazione per l’infanzia. L’anno prossimo si parla di Gulliver.
Premio Ronzinante

E così via... è impossibile descrivere tutto quello che abbiamo combinato in dodici mesi, perché oltre alle novità c’è il prosieguo di tutti gli altri progetti che si portano avanti di anno in anno: le battaglie per i diritti di Alessandra, per esempio, la risposta e l’accoglienza di decine di casi singoli che si trovano in solitudine ad affrontare situazioni complicate anche solo da una burocrazia assurda.
Di solito cerchiamo di aiutare queste persone a disagio proprio a orientarsi nelle varie possibilità offerte dai servizi sociali o nelle varie associazioni di zona.
Ma ci sono situazioni in cui è richiesto un urgente aiuto economico e in questo caso attuiamo, dove possibile, una forma di piccolo microcredito senza interessi. Restituire in tempi comodi, spesso comodissimi, quanto ricevuto permette a chi viene aiutato di sentirsi responsabile e a noi di riutilizzare i fondi per altri bisogni.
E, come insegna Mohamad Yunus, funziona tutto benissimo.

Che dire? Grazie, grazie a tutte quelle persone che hanno aiutato ora un progetto, ora un altro. Grazie ai volontari che hanno messo a disposizione orsi, tartarughe, gufi, angioletti la cui vendita va a finanziare il Comitato. Grazie a Paola e Ornella!
Grazie a Sara che mette a disposizione la sua straordinaria competenza professionale così da permettere la costituzione di cooperative solide.
Grazie a tutti, ma proprio a tutti, per seguirci sempre con grande affetto.

Cinzia e Gabriella

Un pieno d'energia

Entro pochi giorni la prima stazione per la ricarica di auto elettriche posizionata sull'autostrada A1 diventerà operativa. Pronto da tempo, il totem di ricarica è posto sulla diramazione Roma Sud, presso le aeree di servizio Frascati Est e Ovest, e darà una scossa alla mobilità elettrica d'Italia.
(Fonte: Adiconsum.it, segnalata da Davide Calabria)

LEGGI LE ALTRE BUONE NOTIZIE DI CACAO DI OGGI

L’Onu premia l’Italia

Per l’inclusione dei ragazzi disabili a scuola, che stando ai dati diffusi in Italia sono 234 mila (erano 167 mila, nel 2005) ma a differenza dei sistemi scolastici di altri Paesi dell’Ue sono perfettamente integrati nelle classi composte da ragazzi non disabili e non frequentano classi “speciali”.
Per il sottosegretario all’Istruzione Davide Faraone “Il sistema di inclusione scolastica italiano è un modello. In continuità con il percorso che ha portato all’abolizione delle classi speciali, stiamo mettendo in campo una serie di azioni riformiste, tra queste” ha detto “il sistema di formazione iniziale degli insegnanti di sostegno per renderlo più efficace”.
(Fonte: La Stampa)

LEGGI LE ALTRE BUONE NOTIZIE DI CACAO DI OGGI

L’empatia dello sbadiglio

Le donne sono contagiate dallo sbadiglio molto più spesso dei maschi e il contagio è tanto più facile quanto più la persona che ha sbadigliato per prima è emotivamente vicina.
Ad appurarlo è un gruppo di etologi del Museo di storia naturale dell'Università di Pisa che in un articolo pubblicato su "Royal Society Open Science" spiegano come ciò confermi che alla base del contagio dello sbadiglio ci sia un meccanismo empatico.
Si tratta cioè di un meccanismo biologico legato all'azione dei neuroni specchio, quella particolare classe di neuroni che si attiva sia quando compiamo un'azione, sia quando semplicemente la vediamo compiere.
Insomma, le femmine sono un po’ più empatiche dei maschi.
(Fonte: Scienze)

LEGGI LE ALTRE BUONE NOTIZIE DI CACAO DI OGGI

Un albero per San Valentino

I gestori di un parco bolognese invitano gli innamorati a piantare un albero come regalo di San Valentino. Le coppie potranno scegliere la specie e il luogo dove crescerà l'arbusto, un dono che rimarrà per sempre grazie alla Fondazione Villa Ghigi.
Il costo va dai 250 euro per la cura di un albero giovane ai 1000 per una pianta già "in esemplare" e da mettere a dimora.
"Quello che possiamo dare in cambio” dicono alla Fondazione, “oltre al piacere di piantare un albero nel più bel parco delle prime colline bolognesi, è un ringraziamento personale nel nostro sito, dove apriremo una specifica sezione per questo, con la localizzazione dei singoli alberi donati, e un riguardo particolare, soprattutto nei primi anni, perché la pianta cresca il meglio possibile".
(Fonte: Repubblica.it)

LEGGI LE ALTRE BUONE NOTIZIE DI CACAO DI OGGI

1-10 maggio: CORSO DI TEATRO CON DARIO FO E JACOPO FO

Per 9 giorni parleremo di teatro e arte, di passione e emozioni, di empatia e comunicazione. Scriveremo pezzi teatrali, scriveremo canzoni, giocheremo con i rudimenti del mimo e della voce.
Un seminario rivolto ad attori, registi e appassionati durante il quale verranno affrontati gli aspetti fondamentali della scrittura e della rappresentazione di un testo teatrale.

Oltre al Premio Nobel Dario Fo parteciperanno come insegnanti:

Fabrizio De Giovanni e Maria Chiara Di Marco della Compagnia Itineraria Teatro.
Eleonora Albanese (pittura libera)
Imad Zebala (la forza della musica)
Mario Pirovano (recitazione)
Eleonora Dalbosco (voce)
Angelo Airaghi (Tai Chi)
Jacopo Fo (il racconto teatrale)

PER MAGGIORI INFORMAZIONI CLICCA QUI

Un nuovo punto di vista per il Movimento Progressista: passiamo all’azione diretta

di Jacopo Fo

Lo scandalo di Affittopoli a Roma mostra che questa città è stata amministrata pessimamente dando agio alla corruzione e allo spreco di ingrassare, e Roma non è la sola in questo stato pietoso.
Ma Affittopoli mostra anche il grande limite di quell’insieme di persone che si impegnano per costruire un’Italia migliore e che io chiamo Movimento Progressista, (senza stare a fare tante distinzioni tra questa e quella bandiera).
I fatti ci dicono che il Movimento è sempre restato al carro della magistratura, manifestando sempre dopo che rari servitori dello Stato onesti erano riusciti a far scoppiare lo scandalo. Il Movimento Progressista italiano solo in poche occasioni ha saputo scoprire il mal governo e far scoppiare scandali.
Eppure le cose si sapevano. Quella che è mancata è stata la capacità di condurre inchieste, raccogliere prove e poi presentarsi di fronte ai giudici con accuse inoppugnabili.
Secondo me questo è un compito essenziale del far politica.
Lo stesso avviene su molte altre questioni oltre la corruzione, ad esempio l’inquinamento. Legaambiente è riuscita a fare scandalo dandosi strumenti formidabili come l’iniziativa dei lenzuoli bianchi ai balconi per monitorare lo smog. Ma queste iniziative non hanno mai provocato terremoti perché non sono mai state costruite in modo da ottenere l’intervento della magistratura.
Se oggi, ad esempio, nelle grandi metropoli, il Movimento si dotasse di pulmini per la misurazione dell’inquinamento che prelevassero l’aria non a tre metri d’altezza ma ad altezza passeggino e si realizzassero i prelievi sulle circonvallazioni, invece che sulle strade minori, il tasso di inquinamento dell’aria risulterebbe superiore ai limiti di legge quasi tutti i giorni dell’anno. E si potrebbero denunciare i sindaci per omissione di atti di ufficio, visto che sono loro i responsabili locali della salute dei cittadini.
Una simile iniziativa creerebbe ricadute enormi perché costringerebbe sindaci e prefetti a intervenire con azioni efficaci oppure a bloccare in modo permanente il traffico urbano, le emissioni industriali e quelle dei riscaldamenti domestici…

Uguale carenza di azione diretta il Movimento l’ha dimostrata nel settore della solidarietà sociale. Da questo punto di vista solo la componente cattolica ha messo in campo capacità di grande iniziativa ed efficacia. La sinistra laica ha agito invece in modo disordinato e locale, senza capacità di regìa. In altri paesi i progressisti sono stati capaci di ben altra efficacia, basti pensare al movimento greco che ha saputo costruire una potente rete di assistenza sanitaria, alimentare e psicologica ai cittadini gravemente colpiti dalla crisi. Una rete di solidarietà potente, che ha fatto la differenza e ha portato Siryza a vincere le ultime due elezioni.

Nella filosofia del Movimento manca la coscienza della centralità e della necessità di adottare la filosofia che oggi sta cambiando il mondo, dimostrando nei modi più svariati che per cambiare la situazione è necessario innanzi tutto cambiare il modo di pensare.
I media non ne parlano ma c’è un nuovo spettro che si aggira per il pianeta e che sta terrorizzando i conservatori: uno spettro senza nome… Una nuova prassi politica, sociale e umana che potremmo definire come la pratica dell’azione che cerca il risultato immediato e usa lo strumento della spinta gentile (link articolo Spinta gentile)


Molti si affannano in attività “di propaganda” senza rendersi conto che solo se si riesce a immaginare e mettere in pratica percorsi concreti, minutamente organizzati, funzionanti e capaci di offrire risultati tangibili e immediati si può pensare di cambiare il modo di pensare delle “larghe masse”.
Gli esempi sono innumerevoli, dalla Banca dei Poveri di Yunus, alle mutue autogestite dei contadini indiani, al mega gruppo d’acquisto globale dei lavoratori Volkswagen che permette risparmi enormi.

Ancora vedo troppi compagni e amici che si dannano a organizzare eventi ai quali parteciperà chi è già convinto e che non avranno nessun peso reale sulla realtà.
Questo modo di fare che illude di essere attivi mentre si resta ininfluenti va riconosciuto come inutile e abbandonato.
Se vogliamo il cambiamento dobbiamo innanzi tutto cambiare radicalmente il nostro modo di concepire l’azione sociale e culturale.
Abbiamo bisogno di rifondare il Movimento Progressista su basi completamente diverse. Gli italiani hanno bisogno di una massiccia dose di strategia del fare.

Democrazia affettiva

“A modellare il corso della storia sono state tre rivoluzioni.
La rivoluzione cognitiva: abbiamo imparato a pensare circa 70000 anni fa.
La rivoluzione agricola: abbiamo imparato a procurarci il cibo senza doverlo andare a cercare circa 12000 anni fa.
La rivoluzione scientifica: abbiamo imparato a renderci la vita più facile circa 500 anni fa.
La quarta rivoluzione è quella affettiva che è tutta da creare: riusciremo a renderci la vita ancora più bella smettendo di maltrattare la natura, gli altri esseri viventi, noi stessi e i nostri figli.”

Renato Palma è una di quelle persone che quando le conosci ti entrano da qualche parte del cuore, se volete, o in un angolino del cervello emotivo per non uscirne più.
Così è successo anche a me. Ho conosciuto Renato Palma, questo straordinario medico psicoterapeuta, ormai una decina d’anni fa, me lo fece conoscere Stefano Andreani, compagno di Maria Cristina, e anche nostro commercialista. Il commercialista più atipico del mondo non fosse altro perchè è alto due metri, balla la salsa, e ci vuole un bene dell’anima. Ma questa è un’altra storia.
Barba bianca fluente, occhi che brillano in un sorriso tra l’ironico e l’affettuoso, Renato è autore di diversi saggi e libri, tra i tanti ricordiamo il suo ultimo, La facile felicità, e I SI’ che aiutano a crescere (ne abbiamo anche parlato qui), un libro che si opponeva fermamente già dal titolo a un altro che appunto si intitolava: I No che aiutano a crescere.
Avete già capito il tipo.

Poco dopo Natale ci siamo incontrati con Renato e la moglie Paola per parlare della costituzione di una Associazione denominata: Centro studi per la promozione della Democrazia Affettiva.
Che cos’è la Democrazia Affettiva?
Sul sito democraziaaffettiva.eu si legge: “Un sistema di relazioni tra pari, anche se di età diverse, basato sull’affetto e non sulla forza, che rispetti le preferenze individuali”.
E, cito dallo Statuto, scopo dell’Associazione è promuovere la Democrazia Affettiva, un sistema di relazioni nel quale tutti hanno diritto di essere trattati da pari, a prescindere dall’età, dalle condizioni di salute o dalla situazione di temporanea, o definitiva, ridotta autosufficienza.
La Democrazia Affettiva:
- rifiuta l’uso della forza nelle relazioni.
- riconosce e rispetta le preferenze individuali, a partire dalla nascita. Non giustifica le scortesie nell’educazione.
- riconosce ai bambini il diritto alla facile felicità, che deriva dalla soddisfazione dei loro bisogni essenziali e dal non essere forzati nel loro percorso educativo
- rielabora l’identità di appartenenza, che spesso impone i valori del gruppo come non negoziabili e limita la possibilità di coltivare le diversità, arricchendola dell’identità affettiva, che permette anche ai bambini di rispondere alla domanda “chi sei” senza aver paura di essere rifiutati, contrastati o non accolti
- favorisce l’assunzione della responsabilità individuale nella scelta del modo di vivere le relazioni di prossimità, di educazione, di accudimento e cura.

Bella storia!

Ebbene, ora il Cento Studi per la promozione della Democrazia Affettiva è realtà: mercoledì scorso, il 3 febbraio, a Firenze, presso lo studio del commercialista alto e buono, si è costituita l’Associazione. Eravamo in tanti, ma mai abbastanza e malgrado la burocrazia sia sempre noiosa e antipatica è stato divertente guardarci negli occhi e raccontarci dei progetti che si stanno sviluppando per promuovere questa Democrazia Affettiva.
A proposito! Se siete a Firenze o nei pressi potete andare a sentire Renato Palma che parla dei Tempi dell’Affettività, mercoledì 10 febbraio, alle 18,30 alla Libreria dei Lettori in Via della Pergola.

Vi lascio con un racconto che è un buon esempio di Democrazia Affettiva. (...)

CONTINUA A LEGGERE

Condividi contenuti