SOLSTITIUM : Il Solstizio d'Estate a Gela

Il 21 giugno in occasione della Festa del Solstizio d’Estate, l’appuntamento è alla Pietra Calendario di Gela, soprannominata anche "piccola Stonehenge", per uno spettacolo mozzafiato!

Quando arrivano il solstizio d’estate e il solstizio d’inverno è possibile assistere, da un punto di osservazione privilegiato, a un fenomeno unico: il sole attraversa il foro realizzato dai nostri antenati su un lastrone di arenaria naturalmente orientato, dando vita a un incredibile spettacolo di luce.
Qui per maggiori informazioni. 

Trovi l'evento anche su Facebook!

COMUNICATO STAMPA: Pietra Calendario, una scoperta recente, una storia millenaria


COMUNICATO STAMPA

Pietra Calendario: una scoperta recente, una storia millenaria

Il 21 giugno in occasione della Festa del Solstizio d’Estate, l’appuntamento è alla Pietra Calendario di Gela per uno spettacolo mozzafiato.

Scoperta nel 2016 da un gruppo di appassionati, la Pietra Calendario di Gela è tra i monumenti preistorici più importanti in Italia. Il sito di contrada Ponte Olivo, ufficialmente riconosciuto il 18 marzo del 2017 dall’Istituto Nazionale di Astrofisica e Archeo-Astronomia e dall’Ordine dei Geologi Sicilia, si trova a pochi km dal centro di Gela, inserito in un contesto archeologico di grande rilievo, tra la monumentale necropoli del bronzo medio-finale di Dessueri e gli insediamenti dell’età del rame di Ponte Olivo.

La Pietra Calendario, ribattezzata dai giornali inglesi e americani la piccola Stonehenge, viene datata tra il IV ed il III millennio a.C. e veniva utilizzata dalle popolazioni preistoriche per misurare le stagioni e determinare il momento in cui avviare la semina e il raccolto. Il 21 giugno e il 21 dicembre, in occasione del solstizio d’estate e del solstizio d’inverno è possibile assistere, da un punto di osservazione privilegiato, a un fenomeno unico. Il sole attraversa il foro realizzato dai nostri antenati su di un lastrone di arenaria naturalmente orientato, dando vita a un incredibile spettacolo di luce.

Di grande rilievo la presenza sul lato est della Pietra Calendario di un menhir, lungo circa 5 metri, adagiato su di un fianco con base in prossimità di una fossa, dove probabilmente era allocato. Il menhir aveva la funzione di “mirino”, in quanto la parte sommitale lambiva la base del foro in linea con l’asse solstiziale.

La Festa della Pietra Calendario è un’iniziativa parte del progetto “Gela: Le Radici del Futuro”, realizzato dal Gruppo di Animazione Territoriale di Gela e da Jacopo Fo srl (Gruppo Atlantide), con il sostegno di Eni e il patrocinio del Comune di Gela. La Festa della Pietra Calendario 2018 ha ricevuto anche il patrocinio del Comune di Niscemi.

IL PROGRAMMA

Ore 18:30 raduno partecipanti presso il piazzale antistante l’Hotel Sileno (Gela)

Ore 19:00 aspettando il Solstizio, contrada Ponte Olivo.
- Saluto delle Istituzioni che sostengono e patrocinano l’iniziativa
- Incontro con gli scopritori della Pietra Calendario

Ore 20:20 Solstitium! Il sole attraversa la Pietra Calendario

Ore 20:40 Live The Cliffs Celtic: musica e spettacolo.
In contrada Ponte Olivo parcheggio gratuito e punti di ristoro a pagamento
Clicca qui per l'evento su Facebook!

Immagini di Gela e della Pietra Calendario: https://www.dropbox.com/sh/oumczec737fwksm/AACo9Mb2CA_lVYPrKFg5EtJja?dl=0

Video della Pietra Calendario:

 

Gela: Le Radici del Futuro www.gelaleradicidelfuturo.it

Per info
info@gelaleradicidelfuturo.it
Silvia Scuderi 3484735397


Categorie: 

Tennis senza cannucce

L’anno scorso a Wimbledon durante il torneo di tennis ne sono state usate 400mila in due settimane. Tutte usate per decorare il Pimm’s, cocktail a base di gin – molto gin -, menta, frutta e ghiaccio. Al di là del tasso alcolico degli spettatori, il problema è che le cannucce, insieme ai cotton fiocc e ad altre meraviglie, non si possono riciclare perché troppo piccole e vanno tutte a finire nei nostri mari. Quindi, eliminare il cocktail? Ma quando mai… da quest’anno e più precisamente dal 2 al 15 luglio eliminiamo le cartucce di plastica e le sostituiamo con quelle di carta riciclata e riciclabile, si son detti gli organizzatori.
Il mare ringrazia; per il fegato, ognuno se la veda con il proprio.
(Fonte: Repubblica)

(...) Continua a leggere CACAO di oggi

Una foca monaca si aggira per Favignana

Dicevano che era estinta, che non si vedeva più dagli anni ’70 e invece…
Grazie alle fototrappole installate dall’Ispra (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) i ricercatori hanno potuto vedere che un esemplare di foca monaca sverna nell’arcipelago delle Isole Egadi.
Ben tornata Foca Suora!
(Fonte: Lifegate.it)

(...) Continua a leggere CACAO di oggi