Cercasi volontari per dormire (60 giorni!)

In Francia il Medes, l'Istituto di medicina e fisiologia spaziale di Tolosa, cerca volontari per “simulare” le condizioni degli astronauti che abitano la Stazione spaziale internazionale e sperimentare un nuovo integratore alimentare.
I partecipanti dovranno passare nel centro francese 88 giorni, 14 dedicati alla preparazione, 60 a letto e altri 14 per ritornare in forma.
Il compenso previsto è di 16mila euro pagati in 4 anni. Se non riceverete più Cacao sapete dove siamo andati…
(Fonte: TgCom)

LEGGI LE ALTRE BUONE NOTIZIE DI CACAO DI OGGI


Troppo fritto: sei in arresto

Si chiamano “molestie olfattive”. Con la sentenza 14467/2017 la Corte di Cassazione ha infatti stabilito che l'eccesso di fumi e odori può rientrare nel "getto pericoloso di cose".
Gli inquilini del terzo piano di un palazzo avevano mosso accuse contro i proprietari di un appartamento, rei di emanare odori insopportabili dalla cucina. Da lì la causa e la sentenza.
Troppi supplì, signora mia
(Fonte: Ansa.it)

LEGGI LE ALTRE BUONE NOTIZIE DI CACAO DI OGGI


Anche i dinosauri si baciavano!!!

Secondo una ricerca pubblicata sulla rivista Scientific Reports, condotta da un team di ricercatori americani che ha studiato le caratteristiche del muso del Daspletosaurus horneri, un antenato del T-Rex vissuto più di 74 milioni di anni fa, i dinosauri si baciavano!
I ricercatori hanno individuato nervi e vasi sanguigni nei musi dei tirannosauri, indice di una rete sensoriale complessa e quindi di un'elevata sensibilità al tatto.
"Lo strofinamento tra i musi sensibili dei tirannosauri rappresentava probabilmente una parte vitale della fase pre-copulatoria", sottolineano gli autori dello studio.
Se non si fossero estinti sarebbero arrivati al bacio alla francese!
(Fonte: Repubblica.it)

LEGGI LE ALTRE BUONE NOTIZIE DI CACAO DI OGGI


I migliori Pesci d’Aprile 2017

La Palma d’oro di quest’anno per il miglior scherzo del primo aprile va certamente a Groupon che ha lanciato Groupo(R)n, piattaforma informatica simile a Groupon ma dedicata al mondo della seduzione e del piacere sessuale.
In sconto servizi come sexy chef a domicilio, corso di seduzione, sesso tantrico, eventi piccanti, "50 sfumature di viaggio", sex toys, kit per animare le serate di coppia, lingerie provocante, libri erotici, lezioni di ginnastica da camera e una misteriosa sessione "Vietato ai minori".
Lo scherzo è durato 5 giorni e 5.500 Grouporn acquistati…
Ikea ha invece lanciato una compagnia aerea, la FLIKEA, operativa dal 2019. Non era specificato se i passeggeri avrebbero dovuto montarsi l’aereo prima della partenza.
Scatenato Google che ha lanciato diversi nuovi servizi (tutti per scherzo): Google Gnome, la versione nano da giardino di Google Home, un altoparlante intelligente in grado di controllare dal tosaerba all’impianto di irrigazione e la possibilità di giocare a Pac-Man accedendo a Google Maps.
Sempre di Google la tastiera per computer in Pluriball. Invece di schiacciare i tasti si scoppiano le palline, geniale!!!
E cosa dire di Google Cheese Master? Un’app che scansiona i formaggi e ti dice cos’è, da dove arriva, quanto è stagionato.
Complimenti anche allo chef Gordon Ramsay che in diretta TV ha controllato se il frullatore stesse funzionando bene infilandoci un dito dentro e poi si è gettato a terra urlando con la mano insanguinata. L’ospite, che stava cucinando con chef Ramsay, è sbiancato.
Lexus si è inventata invece il Lane Valet Service, un’app che permette di spostare automaticamente di lato i veicoli che intralciano la carreggiata andando piano.
Se non potete permettervi una Lexus forse vi piacerà la nuova Dacia Sundero, con doccia solare all’interno della vettura.
A Catanzaro è girata la notizia che Briatore avesse comprato il porto per farne un punto di incontro per i VIP.
Sapete quale è considerato uno dei migliori Pesci d’Aprile di sempre? 1957, la BBC manda in onda un documentario, girato in Svizzera, in cui si vedevano persone felici intente a raccogliere spaghetti dagli alberi.

LEGGI LE ALTRE BUONE NOTIZIE DI CACAO DI OGGI


Il teatro e la lotta (seconda parte)

Intervento di Jacopo Fo all’Università La Sapienza di Roma il 24 marzo 2017
Il teatro e la lotta (seconda parte – per leggere la prima parte clicca qui)

Insieme a Giustino Durano e Franco Parenti mio padre e mia madre avevano fatto uno spettacolo che si chiamava “I Sani da legare”. L’anno dopo la compagnia mise in scena “Il dito nell’occhio” e Parenti e Durano dissero a mio padre che lo avrebbero ripreso in compagnia ma da solo. Senza Franca. Mio padre non sapeva come dirglielo e quindi le ha chiesto: “Mi vuoi sposare?” e immediatamente dopo: “Però non reciti l’anno prossimo”. Quindi io modestamente arrivo per un problema di recitazione. E immaginatevi come sono messo.
Questo fatto di raccontare i cavoli propri oggi è ancora poco diffuso e si trova in particolare nel cabaret americano. Ai tempi è stata una novità assoluta inventata da mia madre. E’ chiaro che ogni attore racconta se stesso, ma mia madre è stata una delle prime grandi attrici – probabilmente la prima grande attrice a livello mondiale – che ha iniziato a raccontare la sua vita per filo e per segno: da quando aveva 4 anni e ha incontrato il primo maniaco sessuale che le ha mostrato il membro e lei non capiva perché questo signore le mostrasse una salsiccia ansimando, via via tutte le esperienze della sua vita. E la comicità che riusciva a sviluppare partiva proprio dal fatto che raccontava episodi esilaranti che le erano successi veramente.
Certo che per poter raccontare episodi esilaranti della propria vita, bisogna viverli.
In uno spettacolo in particolare, “Sesso, grazie, tanto per gradire”, Franca Rame racconta proprio la sua storia, il suo rapporto con la sessualità con i maschi, e questa è stata la grande rivoluzione di quel momento.
Come si fa a diventare attori di questo tipo? Molti affermano che oggi non c’è spazio per nuovi attori e hanno ragione: per far la parte dell’attor giovane dovete aspettare che l’attore giovane di quella compagnia stabile muoia perché continua a fare l’attor giovane anche passati gli ottant’anni! Non c’è modo di sradicarli, è tutto un gioco di reciproci accreditamenti che non hanno niente a che fare con il numero di spettatori che uno porta a teatro… è abbastanza imbarazzante.
Malgrado questo ci sono enormi possibilità, ci sono settori che permettono di fare gli attori che generalmente non vengono considerati. Ad esempio, la guida turistica. E’ un mestiere che viene fatto fare a gente che non è capace di raccontare.
La mia più grande storia di teatro è stata portare le gite scolastiche nel bosco. Avevo anche fatto un corso ma avevo anche capito che parlare di licheni a dei 14enni con gli ormoni a mille era una partita persa, non gliene poteva fregare di meno.
Se poi li metti a contare i licheni su un quadratino di terra 10 cm per 10, ti odiano proprio. E hanno ragione.
Per cui piano piano mi sono costruito il mio primo spettacolo che aveva l’obiettivo di ottenere l’attenzione di 50 ragazzi in un bosco. Vi garantisco che è una scuola di teatro, di scrittura teatrale e di regia, che non ce n’è uguali.
Sapete che si ride per il sesso e per la merda e nelle gite scolastiche non potevo parlare di sesso quindi avevo preparato tutto un discorso sulla merda partendo dalla cacca di cavallo. Cercavo di far stabilire agli studenti da quanti giorni era stata cagata quella cacca di cavallo, tipo addestramento Sioux, e nessuno voleva annusare… e così di seguito raccontavo tutta la storia della merda. In questo modo riuscivo a ottenere la loro attenzione.
Quindi vi consiglio di fare qualunque cosa per avere la possibilità di recitare, ci sono davvero tantissime occasioni, non è facile perché di base niente è facile ma se un ragazzo vuole fare il protagonista di una commedia del teatro stabile di Vicenza il livello di difficoltà è un milione a uno. Se volete fare la guida turistica a Roma già scendiamo a delle percentuali accettabili.
Avete poi la grande possibilità di fregarvene del mercato e degli inciuci, prendere il vostro smartphone e andare in diretta su Facebook. Se avete delle storie da raccontare, qualche cosa da dire, qualcosa che vi appassiona, con questi mezzi potete raggiungere milioni di persone facendo cose strepitose.
Quando quelli della mia generazione non riuscivano a sfondare potevano dire: è tutto un magna magna, se non metti parti intime a disposizione dei potenti non fai carriera – e anche per fare quello bisogna essere abili e determinati perché c’è un sacco di gente che dà il proprio corpo senza ricevere alcuna contropartita, bisogna essere abilissimi, ci sono migliaia di persone che cercano di far carriera scopando anche lì ce la fa uno su cento, gli altri 99 vengono trombati senza ottenere grandi risultati  - e questo ci rendeva dei privilegiati.
Voi non avete nemmeno questa scusa perché – dati 2015 – il record di incasso in Italia, nel mondo dello spettacolo, è di un ragazzino di 16 anni che ha incassato due milioni di euro commentando i videogame, costo dell’operazione: zero. Il cellulare ce l’aveva, Facebook è gratis, e allora…  se qualcuno ha qualcosa da dire lo dice.
Se non riuscite a fare nulla sulla rete andate a casa: non ci sono scuse. Purtroppo avete il problema che siete una generazione che non ha scuse: se sei capace passi, se non sei capace non passi e quindi fai un altro mestiere.