Coronavirus, come mai i parlamentari non si sono ancora ridotti lo stipendio?

Stiamo veramente messi male a causa di questi arresti domiciliari di massa. E ci sono moltissimi italiani che vivono una situazione agghiacciante per motivi economici. Quanti hanno perso ogni reddito e sono passati da una situazione difficile alla miseria? L’assalto al supermercato di Palermo è un segno terribile di questa emergenza.

Buonissima cosa il salvagente lanciato dal governo con i primi sussidi, più di 4 miliardi per lenire il disagio degli italiani in difficoltà. Ma siamo di fronte a una vera Caporetto economica e anche privati cittadini e aziende stanno facendo a gara con iniziative solidali, per sostenere la sanità e i cittadini che più soffrono.
Continua a leggere...

 

Categorie: 

Coronavirus, italiani agli arresti domiciliari: e tu, sei innocente?!

La detenzione di massa non era l’unica alternativa. Era l’unica possibilità concreta per l’Italia ma non era l’unica scelta possibile. In Corea hanno bloccato il coronavirus senza carcerare tutta la popolazione: hanno fatto tamponi di massa, hanno individuato i contagiati, hanno ricostruito i loro contatti seguendo gli spostamenti del loro cellulare e hanno messo in quarantena solo quelli che erano entrati in contatto con i contagiati. E poi sempre usando i cellulari hanno controllato che restassero a casa. Quarantena mirata.

Ma in Italia questo non è possibile. Loro hanno fatto la rivoluzione digitale, noi no. Noi italiani siamo condannati al carcere perché non abbiamo le competenze, non abbiamo la cultura, ci sono troppi indisciplinati e troppa gente incapace di capire quanto è lungo un metro, che non ti devi toccare la faccia e devi lavarti le mani.
Continua a leggere...

 

Categorie: 

Shock del cambiamento totale: come affrontare l’ansia e l’angoscia

Pillole di benessere psicologico ai tempi del coronavirus (1)

Le nostre abitudini, i tempi delle nostre giornate, le occupazioni, le relazioni sono state stravolte da questa pandemia. Improvvisamente ci siamo trovati in un mondo assurdo, inaspettato, spaventoso; viviamo una situazione che avevamo visto solo nei film catastrofici. Tutti per un attimo ci siamo chiesti: stanno per arrivare gli zombi?

Di fronte a un cambiamento improvviso nella nostra mente si attivano processi fisiologici primordiali: i nostri antenati si sentivano al sicuro quando riconoscevano tutto quel che li circondava e sapevano quindi che non c’erano belve nei paraggi. Quando qualche particolare del loro mondo cambiava scattavano le molecole prodotte dal cervello per rendere i sensi più vigili e i muscoli pronti all’azione. È naturale e importante che questo accada ma se questo stato di allarme si prolunga troppo nel tempo diventa sindrome da stress e non fa bene.

Possiamo però agire e crearci una nuova scansione del tempo in modo tale da ritrovare ogni giorno momenti conosciuti che ci tranquillizzino.

Questo video ti propone semplici consigli per rendere sopportabile il carcere domestico.

Contenuto disponibile solo dopo accettazione dei cookie

Contenuto disponibile solo dopo accettazione dei cookie

Pillole antistress ai tempi del coronavirus è una serie di 5 brevi video nei quali Jacopo Fo intervista Ilaria Fontana, psicologa e psicoterapeuta.

Continua a leggere...

 

Categorie: 

Quanto della tua salute dipende da come fai lavorare il cervello?

(Non voglio parlarti del rapporto tra psiche e malattie ma proprio di come usi la mente)

Quarant’anni fa, vicino a Wuxi, Cina, seduto su una panchina dalla quale si poteva ammirare lo splendido lago e un’assurda piscina con falso colonnato greco, costruita da un inglese con grave turbe psichiche, ascoltavo un amico neurologo, che mi raccontava la storia di un suo strano paziente.

Quest’uomo soffriva di una grave malattia degenerativa della muscolatura. Ma aveva stupito i medici perché, nonostante il malanno, continuava a camminare e a muoversi, vent’anni dopo la manifestazione iniziale del male. Quel che affascinava il medico era che quest’uomo era riuscito a contrastare la malattia allenando muscoli “secondari” in modo da mantenere la mobilità. Camminava in modo un po’ inconsueto, ma camminava.
Continua a leggere...

 

Categorie: 

Yoga demenziale: MUSCOLI E EMOZIONI

Contenuto disponibile solo dopo accettazione dei cookie

Contenuto disponibile solo dopo accettazione dei cookie

MUSCOLI E EMOZIONI: L'incredibile collaborazione tra corpo, mente, sentimenti.
Decima pillola di Yoga Demenziale!

LE ALTRE PILLOLE LE TROVI QUI:
1) Ridere fa bene
2) Il respiro
3) Il movimento rallentato
4) Sesso: la penetrazione morbida
5) Migliora la tua voce
6) La meditazione pigra
7) Sesso: la Penetrazione Morbida
8) Lo Zen e l'Amore romantico
9) Dove gode il maschio?

22 pillole in 22 giorni per spostare il tuo punto di osservare bene alcuni aspetti della realtà che hai davanti agli occhi ma potresti non avere identificato.


Discussione sulla pillola di Yoga Demenziale "Muscoli ed Emozioni"

Contenuto disponibile solo dopo accettazione dei cookie

Contenuto disponibile solo dopo accettazione dei cookie


Yoga demenziale: DOVE GODE IL MASCHIO?

 

Pillola di Yoga Demenziale numero 9

Contenuto disponibile solo dopo accettazione dei cookie

Contenuto disponibile solo dopo accettazione dei cookie

Come è possibile che in una società dominata dai maschi si sappia così poco del piacere dell’uomo?
Perché non si può parlare del piacere maschile? Quanta paura c’è di mostrarsi fragili? Il piacere rende fragili?
 

LE ALTRE PILLOLE LE TROVI QUI:
1) Ridere fa bene
2) Il respiro
3) Il movimento rallentato
4) Sesso: la penetrazione morbida
5) Migliora la tua voce
6) La meditazione pigra
7) Sesso: la Penetrazione Morbida
8) Lo Zen e l'Amore romantico

22 pillole in 22 giorni per spostare il tuo punto di osservare bene alcuni aspetti della realtà che hai davanti agli occhi ma potresti non avere identificato.


Discussione sulla pillola di Yoga Demenziale sul piacere maschile

Contenuto disponibile solo dopo accettazione dei cookie

Contenuto disponibile solo dopo accettazione dei cookie

 


Jacopo Fo: Ode agli italiani

Contenuto disponibile solo dopo accettazione dei cookie

Contenuto disponibile solo dopo accettazione dei cookie

Ai dottori con gli occhi stanchi. Agli stupidi, ai ladri e ai santi

In detenzione per pandemia (innocente) mi accorgo di cambiamenti apparentemente microscopici. Nel film che sto guardando a un certo punto vedo un gruppo di persone in un salotto sedute le une vicine alle altre; sento una sensazione d’allarme: non stanno osservando le distanze di sicurezza!

Assurdo, ma è un segnale di una mutazione mentale.
Quanto durerà?
Ci si chiede con gli amici al telefono.
Il sistema collasserà?
Ma no! Scherzi?

Siamo italiani, quando la situazione si fa seria scopriamo una capacità bestiale di schierarci e combattere. Da dove ci viene?
Siamo magnifici cialtroniAnarchici con la passione di fare quadrato. Ogni tanto.
Continua a leggere...

 

Categorie: