Scambiare e vendere energie rinnovabili sia libero per tutti

 

PIU' DI 20MILA FIRME!!!
Nel video qui sopra la conferenza stampa di presentazione in Senato della raccolta firme. Senato della Repubblica, Palazzo Madama, Sala Caduti di Nassirya.

Intervengono:
Gianni Girotto, Senatore
Pippo Civati, Deputato
Fabio Roggiolani, per Associazione Ecofuturo e Giga/Free
Jacopo Fo, per Associazione Ecofuturo
Edoardo Zanchini, Vice Presidente Nazionale di Legambiente
Lucia Cuffaro, divulgatrice ambientale

Introduce Sergio Ferraris, giornalista scientifico, Direttore QualEnergia.
Intervengono anche rappresentanti delle Associazioni dell'ambientalismo, dei consumatori e del settore delle fonti rinnovabili.

Jacopo Fo presenta la raccolta firme

 

Scambiare o vendere energie rinnovabili sia libero per tutti

Dopo molti rinvii, l'aula del Senato riprenderà l'esame sul ddl Concorrenza. Su spinta delle Associazioni ambientaliste, dei consumatori e del settore delle rinnovabili e dell'efficienza energetica sono stati presentati emendamenti importanti che riguardano lo sviluppo della generazione distribuita di energia rinnovabile, che potrebbero consentire il ripristino dei "sistemi di distribuzione chiusi", reti elettriche che permettono di scambiare energia prodotta verso più clienti.

L'utilizzo dei "sistemi di distribuzione chiusi" da parte dei singoli cittadini "prosumers" o da piccole, medie o grandi aziende, rompe definitivamente un sistema basato su forme di oligopolio che scaricano sui costi energetici di ognuno di noi le loro inefficienze, i loro gigantismi organizzativi, i loro sprechi infiniti.

CONTINUA A LEGGERE E FIRMA LA PETIZIONE


Crisi e burocrazia, scambiare o vendere energie rinnovabili sia libero per tutti

 

Sicuramente Berlusconi è stato odiato in modo smisurato. Ma questo odio ha scelto di non travalicare alcuni limiti.
Ad esempio, non è mai stata condotta una campagna incisiva sul fatto che le aziende del presidente del Consiglio possedessero due reti televisive pornografiche a pagamento e un casinò online. Credo che sarebbe stato uno shock per i suoi cattolici elettori.

Parto da questa osservazione perché il tema del post è l’efficacia limitata dell’azione dei progressisti. Prova ne è che Berlusconi è durato 20 anni e se ne è andato solo dopo aver dato il colpo di grazia all’economia. E nonostante questo, è raro che si rinfacci alle destre il disastro che hanno realizzato. Se i progressisti avessero più senso pratico in ogni dibattito televisivo, qualunque cosa dicano gli esponenti delle destre dovremmo sentir rispondere: con che faccia mi parli, dopo che avete condotto l’Italia al tracollo economico?

CONTINUA SUL BLOG DEL FATTO QUOTIDIANO

Categorie: 

Il gambero Pink Floyd

Una nuova specie di gambero dotato di una chela rosa, recentemente scoperto a Panama, è stato ufficialmente battezzato “synalpheus pinkfloydi” in onore della band musicale dei Pink Floyd.
Secondo quanto riportato dalla rivista scientifica Zootaxa, il gambero synalpheus pinkfloydi sarebbe in grado di emettere suoni fino a 210 decibel, tanto da uccidere eventuali pesci predatori. Facendo scattare la sua grande chela, il gambero Pink Floyd altera la pressione idraulica intorno a sé, creando delle bolle che implodono producendo il suono.
La chela è una Black Fender Stratocaster.
(Fonte: IlPost)

LEGGI LE ALTRE BUONE NOTIZIE DI CACAO DI OGGI


E’ illegale mangiare cani e gatti

E’ Taiwan il primo Paese asiatico a proibire il consumo di carne di cani e gatti. Il divieto entrerà in vigore da maggio.
Fino ad allora se andate da quelle parte tenete a casa Pluto e Fuffi.
(Fonte: Repubblica)

LEGGI LE ALTRE BUONE NOTIZIE DI CACAO DI OGGI


Il Teatro di Radio 3: la mostra di Dario Fo a Palazzo Barberini Roma

Mostra su Dario Fo e Franca Rame a Roma. Ne parlano il figlio Jacopo e la nipote Mattea. Intervista del 14 aprile 2017

Clicca qui per ascoltare l'intervista

Per maggiori informazioni sulla mostra clicca qui

Categorie: 

La vita è una maratona

Montesilvano, Pescara: rapina un bar e fugge a piedi. Da una volante nelle vicinanze scende Giovanni De Benedictis, vicebrigadiere, che si lancia all’inseguimento.
Non lo avrebbe mai bloccato se non fosse stato medaglia di bronzo nei 20 km di marcia alle Olimpiadi del 1992.
Gara “tattica” quella di Giovanni: ha inseguito il malvivente aspettando che si spompasse ma senza mai perderlo di vista. Solo all’ultimo ha fatto uno scatto e ha bloccato l’uomo.
(Fonte: Corriere.it)

LEGGI LE ALTRE BUONE NOTIZIE DI CACAO DI OGGI