Energia

Energia rinnovabile a gradiente salino

In Olanda e' stata scoperta una nuova fonte di energia ecologica e rinnovabile: le foci dei fiumi.
La differenza di salinita' tra l'acqua dolce e il mare sarebbe in grado di produrre energia elettrica e dopo anni di studi si e' messo a punto un vero e proprio generatore.
Secondo i calcoli degli ingegneri del Wetsus, centro olandese per le tecnologie idriche sostenibili, un impianto con questa tecnologia installato alla foce del Reno sarebbe in grado di produrre 1 gigawatt di elettricita', sufficiente per alimentare 650 mila abitazioni senza causare danni all’ambiente ne' all’ecosistema.
Nonostante l'idea sia partita dai Paesi Bassi, la prima centrale dovrebbe sorgere in Norvegia, grazie alla collaborazione dell'azienda  Statkraft che attivera' il primo prototipo di centrale a energia osmotica a Tofte, vicino a Oslo.
(Fonte: Lanuovaecologia.it)


I numeri del vento

Nel 2008 l'energia eolica si e' attestata come la seconda fonte rinnovabile in Italia per produzione elettrica. La crescita e' stata vertiginosa, +35%.
A fine agosto 2008, questi i dati di potenza installata: prima tra tutte la regione Puglia, con 733 MW, a seguire Sicilia con 699 MW e Campania con 653 MW, Sardegna con 396 MW e Calabria con 135 MW (dati ENEA).
Nell'impianto sperimentale dell'Enel in Sardegna si e' arrivati a 3736.47 MW installati (dal 1984 quando nacque l'impianto) e altri 8.000 sono gia' stati autorizzati.
Dal punto di vista occupazionale, nel 2020 il settore eolico potrebbe arrivare a impiegare 66.000 "colletti verdi".
(Fonte: Rinnovabili.it)
Davide Calabria


Semafori a led a Roma

Le Commissioni Ambiente e Mobilita' del Comune di Roma hanno dato il loro via libera alla sostituzione dei semafori tradizionali con semafori a Led.
La potenza consumata da ogni segnalatore (23mila in tutto) passerebbe da 80 a 7 W, con un risparmio economico per il comune intorno ai 6 milioni di euro.
(Fonte: http://www.infobuildenergia.it/notizia.php?id=499)

 

Fonte imm

Nel video le istruzioni per costruire un'insegna luminoso a led in 60 secondi.

Categoria Buone Notizie Video
Temi: bricolage, elettricità, energia, strip light


I gruppi di acquisto (pannelli solari, energia rinnovabile, telefonia etica)

Per risparmiare e consumare sostenibile

 

Gruppo d'acquisto di TELEFONIA FISSA, VOiP, ADSL
In collaborazione con LIVECOM è il primo operatore telefonico non-profit d'Italia. Tariffe semplici e convenienti, contratti trasparenti e chiari.

 

 

Gruppo d'acquisto di ENERGIA RINNOVABILE
per la casa e le aziende

Risparmi sulla bolletta e scegli un produttore da fonti rinnovabili

 

 

Gruppo d'acquisto di PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI!
Tutti gli articoli e gli aggiornamenti

  

 


Gruppo di acquisto IMPIANTI EOLICI

 

 


Gruppo di acquisto OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA spremuto a freddo da agricoltura biologica

 

 

Gruppo di acquisto AUTO ELETTRICHE
Vuoi un'auto elettrica al prezzo di un’auto normale? Si può fare!


Cacca: ci puoi fare anche l'idrogeno!

Celle combustibili a idrogeno alimentata con la cacca (E poi dicono male degli stronzi)

Categoria Buone Notizie Video

Celle a Combustibile Microbiche: Rifiuti, Letame e Cellulosa per produrre l’Energia Elettrica del Futuro. Le Nuove Ricerche, alla scoperta delle prossime Fonti Bioenergetiche Sostenibili La corsa per rendere commerciabile l’etanolo e gli altri biocarburanti prodotti dai rifiuti contenenti cellulosa è sempre più frenetica ed ora alcuni ricercatori stanno cercando una nuova soluzione che utilizza dei batteri che digerendo rifiuti vegetali producano direttamente energia elettrica in celle a combustibili microbiche. :: Queste rivoluzionarie celle a combustibili microbiche potrebbero essere utilizzate per caricare batterie o altri dispositivi elettrici. Contemporaneamente altre ricerche stanno valutando la possibilità di utilizzare dei microbi che digeriscano i rifiuti umani nei trattamenti delle acque reflue per produrre energia elettrica. “Fondamentalmente stiamo convertendo la cellulosa in una diversa fonte di energia che non sia etanolo.” spiega John Regan ricercatore della Pennsylvania University. “Il sistema ancora non è così efficiente ma se si guarda a ciò che è stato fatto nell’ultimo decennio abbiamo compiuto passi da gigante”. -1. Celle a combustibile Microbiche come funzionano :: I microrganismi generano elettroni digerendo le diverse fonti di cibo ma nella maggior parte delle specie di queste di batteri gli elettroni vengono trasferiti direttamente all’interno delle molecole delle cellule. Le celle a combustibile microbiche fanno affidamento sulla capacità di alcuni batteri di estrarre gli elettroni dalle cellule. :: Se dotati di elettrodi nella giusta disposizione, i batteri possono scaricare questi elettroni attraverso un circuito, producendo elettricità. Ma come spiega Regan, questi batteri non digeriscono la cellulosa. Così il sistema si affida ad un altro tipo di batteri che spezzano le molecole di cellulosa in molecole più semplici da cui estrarre successivamente gli elettroni. :: Da qui Regan ha constatato che nelle acque reflue sono contenuti diverse comunità di microrganismi, spiegando che questi batteri potrebbero generare una piccola quantità di energia. Aggiungendo una certa quantità di cellulosa il processo verrebbe accelerato. I risultati degli esperimenti sono stati presentati in questa settimane durante la riunione della Geological Society of America a Houston, in Texas. :: Regan prevede che a breve termine queste celle a combustibili microbiche non dipenderanno più dalla cellulosa per produrre energia elettrica, utilizzando direttamente le acque reflue. “Nel trattamento dei rifiuti, il prodotto in entrata è gratuito. Questo materiale potrebbe essere utilizzato in queste celle a combustibili microbiche utilizzando l’energia elettrica per pompe o aeratori. Anche se le acque reflue non produrrebbero ora abbastanza elettricità per far funzionare l’impianto, si potrebbe almeno ridurre l’energia utilizzata in entrata per metterlo in moto. Altri hanno trovato microrganismi simili in ambienti molto diversi. Ann Christy della Ohio State University ha scoperto dei batteri recuperati dal letame delle vacche che degradano cellulosa ed estraggono elettroni utili per essere utilizzati nelle celle a combustibili microbiche. “Il carburante potrebbe essere fieno o qualsiasi altra sorta di fogliame, erba o carta o addirittura potrebbe essere semplicemente il letame” afferma Ann Christy. :: La ricercatrice infatti spiega che il suo laboratorio ha prodotto abbastanza energia con queste celle a combustibile da far funzionare un piccolo dispositivo come un lettore MP3. Queste celle a combustibile microbiche potrebbero essere utilizzate in zone rurali o senza energia elettrica a seguito di eventi calamitosi. La ricercatrice conclude che il sistema di queste celle a combustibile potrebbe essere scalato ed essere utilizzato così in case di campagna da privati utilizzando il potere del letame. :: Dispositivi analoghi sono già utilizzati nel mare per far funzionare dispositivi di controllo remoto. In tal caso, i microbi che vivono nei sedimenti oceanici convertendoli in materia organica e poi in energia elettrica grazie ad un elettrodo. “Abbiamo molta speranza in dispositivi come questi che utilizzano celle a combustibile microbiche. E’ un momento molto interessante per studiare questa nuova fonte di bioenergia.” Da http://www.genitronsviluppo.com/2008/10/13/celle-a-combustibile-microbic...


Elettricità: batterie di merda. Allora è vero! E dalla cacca si fa anche la benzina.

(I contenuti precedentemente pubblicati su questo post e tratti dal sito Agrolinker sono stati rimossi come richiesto dalla testata stessa.
Ci scusiamo per aver pubblicato l'articolo senza permesso.)

 

E tu la butti via!!!!

L'articolo qui di seguito spiega, parlando di batterie al rumine come mai si possano creare pile con il letame bovino. Ne avevamo scritto su
http://www.jacopofo.com/batterie_pile_elettriche_cacca_letame_sterco#comment-10693
Pare proprio allora che la storia sia vera. Ringrazio ziomaul per la segnalazione.
Pubblico di seguito anche un articolo sulla benzina dal letame. FANTASTICO.

Energia da fonti agricole
Secondo uno studio dell'università dell'Ohio, analizzato da Jorge Hilbert, ingegnere dell'INTA Istituto Nazionale Argentino di Tecnologia Agricola (http://www.inta.gov.ar/) sarebbe possibile estrarre energia a partire dall'attività di alcuni specifici microrganismi attivi nel rumine e negli escrementi dei bovini.
Con mezzo litro di succhi digestivi si possono produrre fino a 600 millivolts di elettricità.
I ricercatori avrebbero realizzato una pila biologica costituita di due capsule, una contenente succo ruminale e l'altra un agente ossidante, il ferrocianuro di potassio.


La benzina dal letame
pubblicato: domenica 05 marzo 2006 da Luca in: Varie Curiosità
Una notizia curiosa ma interessante dal Giappone: alcuni ricercatori dell’università di Tokyo sono riusciti ad estrarre benzina da letame di mucca. Il processo usato ha permesso di estrarre circa 11 grammi di benzina da 100 grammi di letame, applicando una pressione di 30 atmosfere, una temperatura di 300 gradi.

Un piccolo avviso, prima che “piccoli chimici” improvvisati decidano di mettere letame di mucca in una pentola a pressione: precisiamo che sono necessari diversi catalizzatori metallici perchè si ottenga benzina, la cui esatta composizione non è stata svelata dai ricercatori.

http://www.autoblog.it/post/3019/la-benzina-dal-letame


Batterie elettriche dalla cacca

Incredibile ma vero.
Nella trasmissione “La nobile storia della cacca“, condotta da Monty Halls
in onda su History (Sky), si mostra il funzionamento dell’invenzione di un giovane maestro di scuola del nord dell’India: H. S. Yadav. Il signor H. S. Yadav ha scoperto che si può produrre elettricità semplicemente riempiendo un barattolo di letame bovino, aggiungere sale (e suppongo acqua) una batterie elettrica esaurita (di quelle semplicissime che alimentano radio, torce elettriche ecc). Alla pila elettrica vanno collegati due fili (uno per ogni polo della pila). La pila a sterco di vacca produce 8 watt di potenza per 45 giorni.
Ho cercato su internet ma non ho trovato niente.
Mi sembra una scoperta incredibile.
H. S. Yadav la usa per portare l’elettricità nelle case e permettere ai bambini di studiare la sera.
Se la notizia fosse vera sarebbe una grande rivoluzione tecnologica.
C’è qualcuno che ne sa qualche cosa?

Ecco qui l'articolo che Ventsetmarees mi ha segnalato

Now, charge your cell with dung!
23 Jan 2007, 2329 hrs IST, Radha Sharma, TNN
Print Email Discuss Share Save Comment Text:
AHMEDABAD: What do you do if you are left without electricity for long stretches of time? You make your own electricity. Simple. Niruttam Kumar

Singh and Harvansh Yadav, a student-teacher duo from Gangagarh village in Bulandshaher, Uttar Pradesh, have made a cow dung battery that lights up electric bulbs, charges mobile phones and brings alive radios!

"In Gangagarh,we barely get five hours of electricity daily, making it difficult for students to study at night," says Yadav,who is in Ahmedabad to showcase his innovation at a workshop on 'Green Grassroots Innovation, Incubation and Enterprises' organised by the Society for Research and initiatives for Sustainable Technologies and Institutions (SRISTI) at IIM-Ahmedabad.

Three years ago, Yadav and Niruttam, a class 7, student came together to resolve the issue. "We knew cow dung produced biogas and decided to experiment with it to produce electricity.

We collected cow dung in a plastic container and put two discharged batteries in it. As we charged cow dung with a salt water solution, the positive and negative charges produced were collected in the batteries and interconnected in series to produce a current," Niruttan said.

The duo charged mobile phones with their innovation. "Each unit produces 1.5 volts of current," says Niruttam, adding, "The cow dung needs to be replaced once in 45 days. If one wants more efficiency, one can put sulphuric acid."

The two proudly say that their innovation has changed life in Bulandshaher. "Around 250 households in Gangagarh and neighbouring Kamonah, Jinamai, Risoolgarh and other villages use our battery to light bulbs and listen to radio. We teach them how to make such batteries free."

Niruttam is now planning to improve the design. "We want to use something that doesn't give a foul smell — cow urine perhaps." Meanwhile, this innovation is all set to charge mobile phones at Gujarat University. "We are planning to put a mobile phone charging unit in the campus for students," says professor Anil Gupta of SRISTI.
http://timesofindia.indiatimes.com/articleshow/1410529.cms


Corso per diventare progettista o installatore o promotore di impianti eolici per la produzione di energia elettrica

Prendi al volo le opportunità di lavoro nelle ecotecnologie.

Presso la Libera Università di Alcatraz (Gubbio)

Prossime date: 12-14 giugno 2009

Un panorama completo e esauriente su tutte le novità del settore, la resa delle tecnologie, i tempi di ammortamento degli investimenti, la legislatura, le norme e gli iter burocratici.
Una proposta realizzata da un'associazione che da 25 anni è impegnata nella diffusione delle tecnologie che proteggono l'ambiente.

Eolico.
Progettare e installare un impianto di produzione di energia elettrica dal vento .
Il vento è una forza naturale sfruttata da millenni per produrre energia e movimento.
In questo settore si sta sviluppando la tendenza alla costruzione di impianti di piccole proporzioni. Piccole  pale eoliche di 170 centimetri di diametro che possono essere installate su tetti o balconi. Producono un kilowat e costano circa un terzo di un kilowat solare.

Programma dettagliato del corso:
• Panorama delle tecnologie che sfruttano l'energia eolica
• Quadro normativo e legislativo
• Certificati verdi
• Titoli di efficienza energetica (D.M. 20/07/04)
• La conversione in elettricità
• Configurazione di un impianto eolico
• Realizzazione dell'impianto e scelta dei componenti
• Installazione
• Collegamento alla rete elettrica
• Verifica tecnica-funzionale
• Messa in esercizio
• Manutenzione degli impianti
• Studio di fattibilità tecnico-economico

Rivolto a elettricisti specializzati, installatori, architetti, geometri, ingegneri.

I partecipanti al corso senza esperienza professionale, che avranno seguito con profitto le lezioni, potranno svolgere uno STAGE di formazione presso un’azienda di progettazione e installazione.

Grazie a questa formula, corso+inserimento professionale, crediamo di aver realizzato una proposta unica per aiutare installatori e progettisti, con esperienza in altri campi specifici e giovani alle prime armi a entrare in questo settore con il piede giusto.
In questo momento in Italia c'è una grande penuria di tecnici qualificati e le aziende sono alla costante ricerca di dipendenti e sinergie aziendali in questo settore, perché la domanda è esplosa ma mancano le competenze professionali per soddisfarla.

Durata: un fine settimana. Inizio venerdì sera ore 21,30. Conclusione domenica pomeriggio ore 16.

Normative, leggi, iter burocratici relativi a migliorie nell'efficienza energetica e all'installazione di impianti di produzione elettrica e di bio gas da fonti rinnovabili.

Aspetti teorici e tecnici.
La normativa, autorizzazioni, detrazioni fiscali, limitazioni, iter burocratici.
Con una parte in particolare su Conto Energia, ritorno degli investimenti, sistemi di finanziamento. I certificati energetici (accordi di Kyoto).
Nuovi prodotti finanziari riferiti a investimenti nel settore delle ecotecnologie, del risparmio energetico e della produzione elettrica da fonti rinnovabili.

Il progetto
Un ciclo di corsi di aggiornamento per installatori, architetti, ingegneri e geometri, manager, commercialisti e imprenditori. Un panorama completo e esauriente su tutte le novità del settore, la resa delle tecnologie, i tempi di ammortamento degli investimenti, la legislatura, le norme e gli iter burocratici. I corsi avranno una parte pratica direttamente su impianti funzionanti. I docenti, coordinati da Jacopo Fo, sono specialisti ai massimi gradi, con decenni di esperienza sulle spalle.
Tra questi Maurizio Fauri, ricercatore e professore presso l'Università di Trento, sua la realizzazione del piano di risparmio energetico del comune di Padova, premiato come una delle migliori progettazioni realizzate effettivamente.
Michele Tarolli, amministratore delegato del Polo Tecnologico per l'Energia srl di Trento che ha realizzato il piano di risparmio energetico del comune di Padova, premiato come una delle migliori progettazioni realizzate effettivamente. Al loro fianco tecnici meno noti ma altrettanto competenti, selezionati in questi anni di complesso lavoro sul campo condotto dalla Libera Università di Alcatraz nella ricerca di ecotecnologie non disponibili in Italia e nella formazione di manager e installatori del settore. Ricordiamo qui la campagna di informazione sull'isolamento termico degli immobili (1986), la campagna per il biodiesel (1998), i corsi per idraulici sull'installazione dei pannelli solari termici (2000), le iniziative a sostegno dell'auto ad aria compressa (2000). Parliamo della stessa auto ad aria compressa che finalmente oggi è stata acquistata dall'indiana Tata Motors, dopo anni di ostracismo in Europa. E infine la campagna per la diffusione dei riduttori del flusso dell'acqua dei rubinetti e delle docce, condotta in collaborazione con l'Università di Parma e Lega Ambiente Turismo e quella per le lampadine ad alto risparmio (2000) che hanno portato in 6 anni alla distribuzione gratuita di milioni di pezzi da parte di decine di amministrazioni e aziende. Proprio la qualità degli insegnanti e l'esperienza accumulata nel settore ci permettono di candidarci ora come centro di eccellenza nella formazione in questo settore.
La nostra intenzione è quella di offrire uno strumento di aggiornamento rapido e esaustivo. Per questo abbiamo fatto la scelta di concentrare la formazione in una serie di fine settimana tematici che possono essere frequentati anche singolarmente a seconda delle particolari esigenze professionali ma che nell'insieme sono in grado di offrire una reale base di informazioni su tutte le problematiche inerenti a questo settore di punta.

Scheda tecnica
Il corso darà diritto a un attestato di frequenza rilasciato rilasciato dalla Libera Università di Alcatraz che oggi è una delle strutture maggiormente note nel settore grazie a 25 anni di esperienza e all'enorme successo delle azioni intraprese nel settore delle ecotecnologie.
I sette seminari che compongono il master si terranno ognuno più volte. Gli allievi potranno scegliere per ogni corso le date che preferiscono tra quelle proposte.
Ogni seminario è autoconclusivo e quindi si possono seguire i corsi secondo la successione preferita.
Il prezzo del corso è di 600 euro in sistemazione base (camere a più letti). Il sovrapprezzo per camera doppia con bagno è di 60 euro a notte. Per camera singola con bagno è di 100 euro a notte.
Il ciclo completo costa invece 3.600 euro e comprende 7 fine settimana di pensione completa in sistemazione base (camere a più letti) le lezioni e i supporti didattici.
Per informazioni ulteriori e iscrizioni 075 9229911-38-39 info@alcatraz.it

Vuoi intraprendere una nuova appassionante professione?
Diventa esperto in efficienza energetica e ecotecnologie. La rivoluzione energetica in Italia parte in ritardo ma proprio per questo offre opportunità enormi. Per rendere competitivo (e migliore per la nostra salute) il nostro "sistema Paese" dobbiamo colmare un divario di quindici anni rispetto ad altri paesi europei (ad esempio Austria e Germania). Mancano le informazioni e manca un interfaccia semplice tra cittadini e imprenditori e le tecnologie disponibili. Oggi esiste un grande spazio di iniziativa in questo settore. Chi vuole migliorare l'efficienza energetica di una costruzione o diventare produttore di energia deve affrontare enormi difficoltà nell'individuare le tecnologie appropriate, trovare professionisti capaci, scegliere le marche più affidabili, verificare l'effettiva correttezza di garanzie e assicurazioni, sbrigare una serie di pratiche burocratiche, orientarsi nel dedalo degli incentivi, delle detrazioni fiscali, dei finanziamenti e delle tariffe agevolate di vendita.?A metà tra il consulente e il promotore di nuove tecnologie questa figura professionale potrebbe trarre la remunerazione del proprio impegno sia dalle aziende che da installatori, progettisti e cliente finale, ottenendo un giusto guadagno, permettendo al contempo al cliente finale di risparmiare tempo, rischi e denaro. Sicuramente gradirà un acquisto chiavi in mano che non lo costringa a farsi venire il mal di testa dovendo diventare tuttologo ecotecnologico dilettante, una posizione altamente stressante con ricadute, di efficienza e costi, spesso disastrose. Ma lo spazio di una nuova attività come questa è tutto da inventare. Nei prossimi anni presso scuole, aziende e uffici pubblici crescerà la domanda di un'informazione semplice e aggiornata. Proprio perché il futuro del pianeta e dell'economia si gioca soprattutto sul terreno della Democrazia Energetica servono professionisti che trasformino la loro attività in un progetto che cresca facilitando le interazioni commerciali in questo settore. L'insieme di questi seminari costituisce di per sé una formazione di base che permette un'immediata e consapevole operatività lavorativa. E le nozioni sulle offerte che possono aprire la strada alla contrattualizzazione di varie forme di collaborazione con i diversi segmenti della filiera energetica. E' proprio questa frammentazione dell'offerta ad azzoppare il mercato e a offrire ampi margini operativi a chi voglia assumerne la complessità. Nell'era dei PC vinse chi, come Bill Gates, offriva un interfaccia tra la macchina e l'utente. Oggi la stessa dinamica si ripropone, altrettanto complessa, tra i diversi segmenti della filiera, allo stato attuale ancora incapaci di comunicare in modo fluido con clienti e potenziali alleati. Facilitare la complessità è il nostro mestiere.

Crea una nuova fonte di lavoro e sviluppo per la tua azienda.
Sei in grado oggi di rispondere alle domande dei tuoi clienti sulle possibilità delle nuove ecotecnologie? Potresti diventare tu promotore di nuovi impianti offrendo opportunità d'avanguardia che contribuiranno a sviluppare la soddisfazione e la fiducia dei tuoi clienti. Inoltre aumenterai la tua visibilità sul mercato operando in settori dove ancora non ci sono aziende con posizioni dominanti consolidate.
La capacità di stare al passo con le novità tecnologiche e di dare una risposta complessiva alla domanda che sta crescendo sono ovvie formule vincenti in un momento dinamico e fluido come questo. E' in queste fasi iniziali di una nuova frontiera che le persone con capacità di iniziativa e di lavoro ordinato riescono a concretizzare i loro obiettivi.

Non solo un corso.
Ognuno dei 6 seminari sulle ecotecnologie proposti da Alcatraz offre, oltre alle lezioni e alle esperienze sul campo, anche una grande occasione di intessere rapporti con produttori e tecnici. Come in ogni campo la conoscenza del terreno è un vantaggio essenziale. Durante questi incontri oltre alla formazione otterrai la conoscenza delle migliori offerte commerciali, contatti con aziende che possono interagire con la tua attività e sulle soluzioni tecnico organizzative che il mercato offre a operatori che hanno un'idea in testa.

Perché un seminario intensivo a Alcatraz
Da 25 anni questa libera università sulle colline umbre tra Gubbio, Assisi e Perugia, offre non solo corsi di alto livello in molti settori ma anche il contesto di tranquillità, convivialità e buona cucina che crediamo favoriscano l'apprendimento, rendendo un corso anche un'esperienza piacevole e rigenerante. Per questo oltre alle lezioni ci sarà la possibilità di seguire le lezioni di Yoga Demenziale di Jacopo Fo e gli altri clown di Alcatraz. Momenti di comicità e di ristoro per la mente ma anche occasioni per riflettere in modo divertente su meccanismi semplici del nostro modo di vivere. Elementi certamente estranei allo specifico del discorso energetico ma comunque utili per chi voglia sperimentare una filosofia di impresa e relazioni meno incravattata del solito. La Libera Università di Alcatraz da 15 anni organizza corsi motivazionali per imprese, basati sulla Comicoterapia, l'Intelligenza Emotiva e la creatività nell'ambito delle relazioni lavorative. Il nostro ristorante serve un menù tradizionale mediterraneo, con carne, e un menù vegetariano e dietetico.

 


Corso per progettista e installatore di pannelli solari termici

Prendi al volo le opportunità di lavoro nelle ecotecnologie.

Presso la Libera Università di Alcatraz (Gubbio)

Prossime date:
10-12 luglio 2009

 

Un panorama completo e esauriente su tutte le novità del settore, la resa delle tecnologie, i tempi di ammortamento degli investimenti, la legislatura, le norme e gli iter burocratici.
Una proposta realizzata da un'associazione che da 25 anni è impegnata nella diffusione delle tecnologie che proteggono l'ambiente.

Corso per progettista e installatore di pannelli solari termici (per la produzione di acqua calda)

Un impianto solare termico è estremamente conveniente anche grazie alle esenzioni fiscali offerte dallo stato.
Il mercato italiano del solare termico vedrà nei prossimi anni una grande espansione vista l'attuale inconsistenza. In Austria ci sono 200 metri quadrati di pannelli termici ogni 1000 abitanti, in Italia 6 metri quadrati ogni mille abitanti. Il costo degli impianti continua a diminuire mentre cresce costantemente il prezzo dei carburanti. E finalmente anche gli italiani si stanno accorgendo che vivono in un paese pieno di sole e che è semplice sfruttarlo per scaldare l'acqua.

Programma tecnico dettagliato del corso:
• Quadro normativo e legislativo
• Certificati verdi
• Titoli di efficienza energetica (D.M. 20/07/04)
• La radiazione solare e la conversione termica
• Configurazione di un impianto termico collegato all'impianto di riscaldamento.
• Realizzazione dell'impianto termico e scelta dei componenti
• Installazione
• Verifica tecnica-funzionale
• Messa in esercizio
• Manutenzione degli impianti termici
• Raffronto tra le diverse tipologie di pannello solare termico.
• Integrazione tra pannelli solari termici e caldaie a gas ad alto rendimento.
• Studio di fattibilità tecnico-economico

Rivolto a installatori, architetti, geometri, ingegneri.

I partecipanti al corso senza esperienza professionale, che avranno seguito con profitto le lezioni, potranno svolgere uno STAGE di formazione presso un’azienda di progettazione e installazione. E quindi conseguire l’esperienza necessaria a realizzare autonomamente un impianto.

Grazie a questa formula, corso+inserimento professionale crediamo di aver realizzato una proposta unica per aiutare installatori e progettisti, con esperienza in altri  campi specifici e giovani alle prime armi a entrare in questo settore con il piede giusto. In questo momento in Italia c'è una grande penuria di tecnici qualificati e le aziende sono alla costante ricerca di dipendenti e sinergie aziendali in questo settore, perché la domanda è esplosa ma mancano le competenze professionali per soddisfarla.

Il progetto
Un ciclo di corsi di aggiornamento per installatori, architetti, ingegneri e geometri, manager, commercialisti e imprenditori. Un panorama completo e esauriente su tutte le novità del settore, la resa delle tecnologie, i tempi di ammortamento degli investimenti, la legislatura, le norme e gli iter burocratici.
I corsi avranno una parte pratica direttamente su impianti funzionanti. I docenti, coordinati da Jacopo Fo, sono specialisti ai massimi gradi, con decenni di esperienza sulle spalle.
Tra questi Maurizio Fauri, ricercatore e professore presso l'Università di Trento, sua la realizzazione del piano di risparmio energetico del comune di Padova, premiato come una delle migliori progettazioni realizzate effettivamente.
Michele Tarolli, amministratore delegato del Polo Tecnologico per l'Energia srl di Trento che ha realizzato il piano di risparmio energetico del comune di Padova, premiato come una delle migliori progettazioni realizzate effettivamente. Al loro fianco tecnici meno noti ma altrettanto competenti, selezionati in questi anni di complesso lavoro sul campo condotto dalla Libera Università di Alcatraz nella ricerca di ecotecnologie non disponibili in Italia e nella formazione di manager e installatori del settore. Ricordiamo qui la campagna di informazione sull'isolamento termico degli immobili (1986), la campagna per il biodiesel (1998), i corsi per idraulici sull'installazione dei pannelli solari termici (2000), le iniziative a sostegno dell'auto ad aria compressa (2000). Parliamo della stessa auto ad aria compressa che finalmente oggi è stata acquistata dall'indiana Tata Motors, dopo anni di ostracismo in Europa. E infine la campagna per la diffusione dei riduttori del flusso dell'acqua dei rubinetti e delle docce, condotta in collaborazione con l'Università di Parma e Lega Ambiente Turismo e quella per le lampadine ad alto risparmio (2000) che hanno portato in 6 anni alla distribuzione gratuita di milioni di pezzi da parte di decine di amministrazioni e aziende. Proprio la qualità degli insegnanti e l'esperienza accumulata nel settore ci permettono di candidarci ora come centro di eccellenza nella formazione in questo settore.
La nostra intenzione è quella di offrire uno strumento di aggiornamento rapido e esaustivo. Per questo abbiamo fatto la scelta di concentrare la formazione in una serie di fine settimana tematici che possono essere frequentati anche singolarmente a seconda delle particolari esigenze professionali ma che nell'insieme sono in grado di offrire una reale base di informazioni su tutte le problematiche inerenti a questo settore di punta.

Scheda tecnica
Il corso darà diritto a un attestato di frequenza rilasciato rilasciato dalla Libera Università di Alcatraz che oggi è una delle strutture maggiormente note nel settore grazie a 25 anni di esperienza e all'enorme successo delle azioni intraprese nel settore delle ecotecnologie.
I sette seminari che compongono il master si terranno ognuno più volte. Gli allievi potranno scegliere per ogni corso le date che preferiscono tra quelle proposte.
Ogni seminario è autoconclusivo e quindi si possono seguire i corsi secondo la successione preferita.
Il prezzo del corso è di 600 euro in sistemazione base (camere a più letti). Il sovrapprezzo per camera doppia con bagno è di 60 euro a notte. Per camera singola con bagno è di 100 euro a notte.
Il ciclo completo costa invece 3.600 euro e comprende 7 fine settimana di pensione completa in sistemazione base (camere a più letti) le lezioni e i supporti didattici.
Per informazioni ulteriori e iscrizioni 075 9229911-38-39 info@alcatraz.it

Vuoi intraprendere una nuova appassionante professione?

Diventa esperto in efficienza energetica e ecotecnologie. La rivoluzione energetica in Italia parte in ritardo ma proprio per questo offre opportunità enormi. Per rendere competitivo (e migliore per la nostra salute) il nostro "sistema Paese" dobbiamo colmare un divario di quindici anni rispetto ad altri paesi europei (ad esempio Austria e Germania). Mancano le informazioni e manca un interfaccia semplice tra cittadini e imprenditori e le tecnologie disponibili. Oggi esiste un grande spazio di iniziativa in questo settore. Chi vuole migliorare l'efficienza energetica di una costruzione o diventare produttore di energia deve affrontare enormi difficoltà nell'individuare le tecnologie appropriate, trovare professionisti capaci, scegliere le marche più affidabili, verificare l'effettiva correttezza di garanzie e assicurazioni, sbrigare una serie di pratiche burocratiche, orientarsi nel dedalo degli incentivi, delle detrazioni fiscali, dei finanziamenti e delle tariffe agevolate di vendita. A metà tra il consulente e il promotore di nuove tecnologie questa figura professionale potrebbe trarre la remunerazione del proprio impegno sia dalle aziende che da installatori, progettisti e cliente finale, ottenendo un giusto guadagno, permettendo al contempo al cliente finale di risparmiare tempo, rischi e denaro. Sicuramente gradirà un acquisto chiavi in mano che non lo costringa a farsi venire il mal di testa dovendo diventare tuttologo ecotecnologico dilettante, una posizione altamente stressante con ricadute, di efficienza e costi, spesso disastrose. Ma lo spazio di una nuova attività come questa è tutto da inventare. Nei prossimi anni presso scuole, aziende e uffici pubblici crescerà la domanda di un'informazione semplice e aggiornata. Proprio perché il futuro del pianeta e dell'economia si gioca soprattutto sul terreno della Democrazia Energetica servono professionisti che trasformino la loro attività in un progetto che cresca facilitando le interazioni commerciali in questo settore. L'insieme di questi seminari costituisce di per sé una formazione di base che permette un'immediata e consapevole operatività lavorativa. E le nozioni sulle offerte che possono aprire la strada alla contrattualizzazione di varie forme di collaborazione con i diversi segmenti della filiera energetica. E' proprio questa frammentazione dell'offerta ad azzoppare il mercato e a offrire ampi margini operativi a chi voglia assumerne la complessità. Nell'era dei PC vinse chi, come Bill Gates, offriva un interfaccia tra la macchina e l'utente. Oggi la stessa dinamica si ripropone, altrettanto complessa, tra i diversi segmenti della filiera, allo stato attuale ancora incapaci di comunicare in modo fluido con clienti e potenziali alleati. Facilitare la complessità è il nostro mestiere.

Crea una nuova fonte di lavoro e sviluppo per la tua azienda.
Sei in grado oggi di rispondere alle domande dei tuoi clienti sulle possibilità delle nuove ecotecnologie? Potresti diventare tu promotore di nuovi impianti offrendo opportunità d'avanguardia che contribuiranno a sviluppare la soddisfazione e la fiducia dei tuoi clienti. Inoltre aumenterai la tua visibilità sul mercato operando in settori dove ancora non ci sono aziende con posizioni dominanti consolidate.
La capacità di stare al passo con le novità tecnologiche e di dare una risposta complessiva alla domanda che sta crescendo sono ovvie formule vincenti in un momento dinamico e fluido come questo. E' in queste fasi iniziali di una nuova frontiera che le persone con capacità di iniziativa e di lavoro ordinato riescono a concretizzare i loro obiettivi.

Non solo un corso.
Ognuno dei seminari sulle ecotecnologie proposti da Alcatraz offre, oltre alle lezioni e alle esperienze sul campo, anche una grande occasione di intessere rapporti con produttori e tecnici. Come in ogni campo la conoscenza del terreno è un vantaggio essenziale. Durante questi incontri oltre alla formazione otterrai la conoscenza delle migliori offerte commerciali, contatti con aziende che possono interagire con la tua attività e sulle soluzioni tecnico organizzative che il mercato offre a operatori che hanno un'idea in testa.

Perché un seminario intensivo a Alcatraz
Da 25 anni questa libera università sulle colline umbre tra Gubbio, Assisi e Perugia, offre non solo corsi di alto livello in molti settori ma anche il contesto di tranquillità, convivialità e buona cucina che crediamo favoriscano l'apprendimento, rendendo un corso anche un'esperienza piacevole e rigenerante. Per questo oltre alle lezioni ci sarà la possibilità di seguire le lezioni di Yoga Demenziale di Jacopo Fo e gli altri clown di Alcatraz. Momenti di comicità e di ristoro per la mente ma anche occasioni per riflettere in modo divertente su meccanismi semplici del nostro modo di vivere. Elementi certamente estranei allo specifico del discorso energetico ma comunque utili per chi voglia sperimentare una filosofia di impresa e relazioni meno incravattata del solito. La Libera Università di Alcatraz da 15 anni organizza corsi motivazionali per imprese, basati sulla Comicoterapia, l'Intelligenza Emotiva e la creatività nell'ambito delle relazioni lavorative. Il nostro ristorante serve un menù tradizionale mediterraneo, con carne, e un menù vegetariano e dietetico.