Scienza e Tecnica

Cacao Scienza e Tecnica

Il progetto di ingegneria

Miguel Salas e Robert Clain, studenti alla Cornell University, hanno ottenuto il massimo dei voti per il loro, sorprendente, progetto di ingegneria: un rilevatore di intensita' dei peti.
La macchinetta, costata 150 dollari, 350 ore di lavoro e 15.000 barattoli di fagioli, misura e classifica i gas emessi, per suono, temperatura e concentrazione di metano.
E' inoltre dotata di una ventola di sicurezza se la flatulenza raggiunge livelli allarmanti.
Potrebbe avere mercato in Giappone, dove si tengono vere e proprie gare di scoregge.
(Fonte: Asylumitalia.it)

Fonte imm


Leggere Franz Kafka rende piu' intelligenti

Lo rivela uno studio degli psicologi dell'Universita' della California di Santa Barbara.
Le parole del noto scrittore, in particolare la sua antologia di racconti “Un medico di campagna”, aprono la mente, sviluppano le strutture cognitive e favoriscono l'apprendimento.
Quindi, la ricetta per una vita al massimo e': Mozart quando si e' in fasce, Kafka appena si impara a leggere e due antidepressivi al giorno nella maturita'.
(Fonte: Ansa)

Fonte imm


Scoperto pianeta extrasolare simile alla Terra

Ruota attorno a una stella distante da noi 500 anni luce, nella costellazione Monoceros, L’Unicorno.
Scoperto dal satellite francese Corot, il pianeta avrebbe una massa di 5,5 grammi ogni centimetro cubo e cio' lo rende il piu' simile, tra tutti i pianeti di questo tipo finora rilevati, a Mercurio, Venere, Marte e anche la nostra Terra.
Stando ai primi dati e' gia' occupato da altre forme di vita.
(Fonte: Corriere)


Splendida notizia su Repubblica! Ma e' incompleta.

Un’intera pagina di Repubblica del 10 settembre mi fa sobbalzare: Volkswagen e' impazzita?
Lancia sul mercato una caldaia domestica a metano che produce energia elettrica e costa 5.000 euro. Volkswagen promette che centomila di questi generatori domestici, EcoBlu, produrranno nel 2012 tanta energia quanto due centrali nucleari (ma il titolista si sbaglia e scrive che servono 200mila caldaie).
La notizia cosi', nuda e cruda, non ha molto senso… Come fa una caldaia ad avere un’efficienza energetica superiore al 90% (Repubblica riporta il 94%)?
In realta' il progetto di Volkswagen e' ottimo, almeno sulla carta, e' il giornalista che ha fatto una confusione terribile.
Questa caldaia non produce solo elettricita', offre anche riscaldamento per caloriferi e acqua calda. Sostanzialmente permette di tagliare drasticamente i costi del riscaldamento utilizzando la stessa energia che impieghi per produrre calore per generare contemporaneamente anche elettricita', per la quale si riceve un “conto energia” di 0,5 centesimi per ogni kWh prodotto.
Non e' un’idea nuova, la Fiat produsse, senza crederci, il Totem all’inizio degli anni ’80. Sostanzialmente era il motore di una 127 a gas, che produceva elettricita', il calore della combustione del motore a scoppio veniva recuperato e utilizzato per scaldare l’acqua e quindi la casa.
In questa DOPPIA azione sta la convenienza. Due al prezzo di uno!
La novita' del progetto Volkswagen sta nella particolare efficienza di questa caldaia-generatore di corrente (bi-generazione), stimata nel 94%, e nel sistema che colleghera' in un unico network queste caldaie domestiche.
Ecco la traduzione di un articolo apparso su istockanalyst.com
“…Volkswagen produrra' la centrale ad alta efficienza EcoBlue CHP (“combined heat and power” combinata calore ed energia) che sara' azionata da un motore a metano della Volkswagen...” e ancora “… Oltre a fornire calore all’edificio in cui e' installata, questa centrale domestica sara' collegata in rete per formare in futuro una mega centrale elettrica avanzata…”

Qualcuno ha informazioni piu' approfondite su questa tecnologia?

Link ai siti italiani:
http://www.casaeclima.com/index.php?option=com_content&view=article&id=1805:la-germania-scommette-sulle-mini-centrali-a-metano&catid=1:latest-news&Itemid=50
http://www.ok-ambiente.com/2009/09/10/volkswagen-lancia-ecoblue-le-mini-centrali-elettriche-a-metano/

Link ai siti stranieri:
http://www.istockanalyst.com/article/viewiStockNews/articleid/3470372
http://www.greencarcongress.com/2009/09/volkswagen-lichtblick-20090909.html
http://www.german-info.com/press_shownews.php?pos=Economy&pid=1600


Il superscanner Nonotomo

Messo a punto dalla GE Sensing Inspection Technologies e' uno scanner in grado di realizzare fotografie tridimensionali ad alta risoluzione della struttura interna degli oggetti, mostrandone anche i particolari microscopici.
Moltissime le sue possibili applicazioni: dalla ricerca medica a quella archeologica fino all'importante scienza dell'indovinare il ripieno dei cioccolatini.
(Fonte: Repubblica)


Va piu' veloce un piccione viaggiatore o una linea internet ADSL?

Lo strano esperimento e' stato condotto presso un'azienda di Durban, in Sudafrica. Lo stesso pacchetto di dati, 4 gigabyte, e' stato depositato su una chiavetta usb e attaccato alla zampa di un piccione viaggiatore, poi inviato in un ufficio a 60 miglia di distanza. Contemporaneamente i dati sono stati spediti via e-mail attraverso una connessione Adsl.
Quando il piccione e' arrivato, un'ora e 8 minuti dopo, l'Adsl era ancora ferma al 4%.
Ha vinto il Wi-Fly!
(Fonte: Corriere.it)

fonte imm


Famolo strano

Huang Jiayou, cinese di Dongping, 66enne, allevatore di bestiame, da oltre 13 anni canta ai suoi maiali per farli crescere piu' in fretta e piu' contenti.
Ha iniziato nel 1996 dopo aver letto su un giornale che le galline fanno piu' uova se ascoltano musica.
Alla stampa ha dichiarato: “Preferiscono le canzoni di Meat Jagger”.
(Fonte: Ansa)


Il microchip per cambiare canale col pensiero

John Spratley, ricercatore dell'Universita' di Birmingham, sostiene di aver messo a punto un chip telepatico, da applicare sulla superficie del cervello, in grado di interfacciarsi via wireless con la televisione, il computer o l'impianto di illuminazione casalingo.
Si potra' cambiare canale, accendere il pc, spegnere le luci e attivare la propria spada laser con la sola forza del pensiero.
(Fonte. Ilmattino.it)


Fotocamera collettiva

Nel giro di un anno verra' messa in commercio la prima macchina fotografica con software gestionale open source.
Costera' piu' di 1.000 euro, ma potra' essere aggiornata e personalizzata senza costi aggiuntivi. Il suo nome e' "Frankencamera", ed e' stata realizzata utilizzando diverse apparecchiature come il chip di un Nokia, le lenti della Canon e la scheda madre della Texas Instruments. L'idea e' di Marc Levoy, professore di scienze della Stanford University in California. I foto-programmatori saranno liberi di creare applicazioni per controllare l'autofocus, il flash, per gestire la velocita' dello scatto o l'editing delle immagini.
(Fonte: Repubblica)
Davide Calabria

Fonte imm