Salute e Benessere

Pasta al pomodoro

Nel 2006 il giovane chef inglese Jamie Oliver lancio' una campagna per migliorare la qualita' del cibo e della cucina nelle mense scolastiche britanniche.
Venne introdotta la dieta mediterranea, ma a un anno di distanza sembra che a molti ragazzi non piaccia proprio. Secondo i dati del governo oltre 400mila studenti hanno disertato i pasti a scuola dopo la scomparsa di merendine e hamburger.
Ecco cosa risponde un giornalista del Daily Telegraph: "Ormai sembra un crimine contro l'umanita' dire 'no' alle richieste egoistiche dei bambini. Lasciateli digiuni. Scopriranno presto di avere molto spazio nello stomaco per i cibi tanto 'odiati'. Tornare indietro alla dieta spazzatura sarebbe una barbarie oltre che dannoso per la sanita' pubblica, che sara' costretta a curare una nuova generazione di cinquantenni con le arterie intasate".

(Fonte: Internazionale)


Partecipa anche tu all'autunno caldo di Alcatraz

Vieni a sostenere la Libera Università Autogestita!

La proposta di venire gratis a Alcatraz (dal 15 settembre al 30 ottobre, a pulire i boschi 4 ore al giorno)  e frequentare laboratori (autoimpresa informatica, comunicazione ecotecnologica, scrittura di un libro di esaltazione degli svizzeri. Massaggio spontaneo) ha trovato un'ottima risposta  (http://www.jacopofo.com/node/3449).
Ora allarghiamo la proposta: sarà possibile partecipare alle attività ANCHE PAGANDO e in questo caso frequentando ANCHE per meno di 4 giorni. Molti ci hanno implorato di offrire anche questa possibilità a chi proprio non ha voglia di lavorare ma vorrebbe comunque partecipare a questo progetto. E visto che siamo generosi vi diamo persino questa facoltà. E oggi non è da tutti offrire di poter pagare qualche cosa...
E adesso che abbiamo accontentato tutti passiamo alle informazioni su quel che succederà per 45 giorni a Alcatraz.

La prima cosa da sapere è che sarà un'esperienza che struttureremo insieme.
Il primo obiettivo dello stage sarà proprio questo: partecipare alla costruzione di un progetto che ha solo le linee generali fissate e va fatto vivere trovando collettivamente idee e modalità.
Attenzione perché parlare di un processo creativo non vuol dire lasciarsi andare al casino. Il nostro scopo in questo mese e mezzo è quello di costruire capacità di lavoro e di iniziativa, quindi l'attività sarà focalizzata sui risultati. Il fatto che si segua un metodo di lavoro innovativo, appassionante e aperto, non vuol dire che devieremo dall'obiettivo.
Non devieremo neppure di un millimetro anche se non è ancora chiara la direzione che prenderemo e anche se contempliamo la necessità di curvare, saltellare e zigzagare perché sappiamo che quelli che vanno sempre dritti sbattono contro i muri.
Quindi il lavoro dei laboratori inizierà con una fase di discussione sul progetto e di sperimentazione e via via che arriveranno altre persone adatteremo e amplieremo il progetto.

Ora ci occuperemo di analizzare meglio i singoli settori di attività.

Realizzazione del libro "Perché gli svizzeri sono più intelligenti degli italiani."

1) Struttura del lavoro. Fase uno: ricerca informazioni in biblioteca e in rete.
Fase due: realizzazione del testo. Ogni partecipante stenderà una sezione del libro.
Fase tre: revisione del testo.
Fase quattro: gestione dell'edizione, promozione e vendita (ovviamente si intende di riuscire a chiudere il lavoro entro i 45 giorni previsti. Non è impossibile: i quotidiani li realizzano in 24 ore. Un libro contiene generalmente meno testo di quanto ne contiene un quotidiano.
2) Temi. La Svizzera si è liberata dalla nobiltà e dal potere feudale diventando una federazione di repubbliche dal 1300. Da allora è indipendente. Non ha mai partecipato a guerre ed è restata praticamente in pace per 700 anni (ci sono state però alcune guerre interne tra cantoni). Come sono riusciti a ottenere un simile risultato? Quali condizioni culturali preesistenti hanno reso possibile questa incredibile anomalia? La Svizzera è anche una nazione dove esiste una burocrazia efficiente che lascia liberi i cittadini di scegliere come applicare la legge. La legge stabilisce ad esempio che per vendere un cibo tu debba trasportarlo a una certa temperatura. Se vuoi ti compri un camion frigorifero, ma se non vuoi farlo puoi utilizzare qualunque altro sistema, a patto che si ottenga il risultato stabilito dalla legge. Ad esempio puoi usare una scatola realizzata con 10 strati di cartone e refrigerata con sacchetti di acqua ghiacciata. E' sufficiente che poi ci metti un termometro che dimostri che effettivamente la temperatura interna è quella richiesta dalla legge (una roba che in Italia te la sogni). Vogliamo indagare in quali altri settori la Svizzera funziona meglio dell'Italia, dal punto di vista della burocrazia, dei sistemi di controllo della qualità delle merci e difesa dei consumatori (con particolare attenzione alle tipologie dei contratti tra banche e risparmiatori). Un altro argomento che vorremmo approfondire è quello dell'esercito svizzero che è composto da tutti i cittadini che si tengono a casa mitra, bazooka e mortai. Come mai, nonostante questa enorme disponibilità di armi, la criminalità in Svizzera è così bassa (dimostrazione che la diffusione delle armi non comporta affatto di per sé l'aumento degli omicidi)?
3) Edizione del libro. Inizieremo a dare la caccia a un editore svizzero che sia disposto a pubblicare questo nostro testo. Nel frattempo lo metteremo in vendita sul web con stampa on demand.
4) Condizioni. Tutti coloro che avranno prodotto parti della ricerca, di qualità (e quindi utilizzate) saranno elencati tra gli autori del libro. Gli allievi non parteciperanno alla divisione degli eventuali utili derivanti dal lavoro dei laboratori che andrà a coprire i costi dei laboratori stessi (il che vale per tutti i laboratori).


Gruppo di sperimentazione di autoimpresa nel settore ecotecnologie e promozione del fotovoltaico. 
Autoimpresa nel settore della comunicazione via internet.

Questo gruppo potrebbe dividersi in due se ci sono abbastanza partecipanti. Qui ne parlo in un solo capitoletto perché la strutturazione è analoga. Ovviamente chi volesse partecipare al lavoro di comunicazione via web dovrebbe arrivare con un pc portatile il che ci permetterebbe di lavorare da più postazioni.

1) Strutturazione del progetto. Cosa vogliamo fare e come vogliamo farlo. Partiamo da due linee di lavoro già avviate: una serie di assemblee di paese nelle quali proponiamo pannelli solari, stiamo organizzandole da luglio e abbiamo i primi riscontri positivi. Questi incontri, in bar e case del popolo sono preceduti da un lavoro preparatorio di pubblicità con volantini casa per casa, manifesti eccetera. E sono seguiti da sopraluoghi e rapporto diretto con i nuovi associati al gruppo di acquisto fino alla conclusione dell'iter di adesione. L'idea è quella di formarsi in questo lavoro e iniziare a organizzare un'assemblea nel proprio territorio per quando si tornerà da Alcatraz. Ma l'obiettivo è anche quello di sviluppare un progetto che preveda di trovare e formare 100 persone dinamiche, capaci di dar vita a una rete di avvisatori locali nel settore delle ecotecnologie e della consociazione degli acquisti. Progetto parallelo e sinergico: creare una centrale web di comunicazione basata su una rete di scambio banner tra siti etici connessa con un sistema di affiliazione (facoltativo). I sistemi di affiliazione sono connessioni tra siti che hanno contenuti e siti che vendono prodotti (nel nostro caso etici). I siti che hanno contenuti offrono, ai siti che vendono, spazi banner (inseriti automaticamente grazie a un software) e ricevono in cambio royalties sui click true (ingressi nei siti venditori) o percentuali sulle vendite effettivamente realizzate.
2) Realizzazione del progetto. Si tratterà innanzi tutto di valutare le specifiche attitudini di ognuno e ipotizzare la costruzione di una squadra con compiti specifici individuali. E si tratterà poi di fissare obiettivi e tempistica. Si inizierà quindi con il lavoro pratico alternato a momenti di formazione che seguiranno anche le esigenze che via via si evidenzieranno. Il gruppo sarà coadiuvato da alcuni tutor, specialisti nei singoli settori e con anni di esperienza.
3) Obiettivo. Raggiungere risultati che siano base di partenza per la continuazione dell'attività nella propria zona. Si tratta di inventare un sistema a rete in cui ognuno sappia essere di supporto agli altri partecipanti con scambio di esperienze. Il gruppo potrebbe anche riuscire a esprimere un sistema di coordinamento centralizzato con l'individuazione di funzioni manageriali di interconnessione (vedi i controllori di Wikipedia). Un simile sistema prevede la realizzazione di protocolli operativi e sistemi di referenziazione degli operatori ai quali intervengano anche "i clienti" serviti dalla rete stessa. Ovviamente dietro c'è una grossa questione di architettura organizzativa.

Stage di Naturopatia mirato alla formazione professionale nel Massaggio Spontaneo.
Si tratta di una tecnica molto semplice ma estremamente efficace che prevede una preesistente capacità di ascolto e di comunicazione.

1) Acquisizione dei principi generali. Si tratta di una parte teorica nella quale si daranno informazioni generali che permettano di inquadrare i principi del Massaggio Spontaneo in un modello complessivo (vedi "La rivoluzione pigra" su http://www.jacopofo.com/?q=node/1531)
2) Panoramica delle tecniche terapeutiche non convenzionali. Principi e metodologie. Uno studio necessario per poter collocare il proprio lavoro conoscendo la disponibilità di risorse alle quali attingere e formando quindi una capacità di agire come consigliere nell'orientamento terapeutico (una sorta di facilitatore).
3) Lavoro specifico sul massaggio e le tecniche base correlate. Allenamento realizzando massaggi. (Fare pratica per imparare)
4) Esperienze nel settore della comicoterapia che offrono gli strumenti per gestire in modo corretto il rapporto con le persone alle quali si offre un massaggio.

Il costo, per chi vuole pagare, per la pensione completa + laboratori, al giorno, a persona è: 75 euro con sistemazione in camere a più letti, 100 euro per chi vuole camere matrimoniali con bagno, 125 per la singola con bagno.

Per informazioni e prenotazioni chiama Alcatraz: 075 9229938/39 o info@alcatraz.it

 


Dislessia solidale

Sei dislessica / dislessico?

Apriamo qui un altro laboratorio del Progetto Benessere, questa sulla dislessia, un problema che in Italia si stima riguardi circa un milione e mezzo di persone.

Inserendo un commento a questo messaggio potete raccontare esperienze, fornire notizie e quant'altro.

Grazie

 


Calcoli biliari solidali

Caro Jacopo,
Ti spiego il mio problema: soffro di calcolosi biliari con brutte coliche periodiche, la cistifellea è piena di calcoli e ovviamente i medici spingono da nove anni per mandarmi sotto i ferri, io ho resistito finora, ma l'ultima colica mi ha portato inj ospedale per 8 giorni.
Ho letto proprio oggi su internet che esiste una cura naturale a base di succo di mela, olio e limone e sali inglesi, tu che ti dedichi ormai da anni alla difusione delle cure naturali, ne hai sentito parlare? o sai di altri rimedi naturali definitivi?
Ti ringrazio di cuore.
A. V. (Cagliari)

Risponde Jacopo Fo

Caro A., non so nulla delle cure che mi citi, e sinceramente se la situazione è così grave prenderei seriamente in considerazione l'intervento chirurgico.
In certe situazioni la medicina alternativa non ha strumenti abbastanza rapidi.
Comunque apro un post su www.jacopofo.com chiedendo consiglio ai nostri meravigliosi utenti.
Magari qualcuno ti può aiutare.


Gratis a Alcatraz: vieni a inventare una Libera Universita'.

Ho buttato li' questa idea di venire gratis a Alcatraz tra il 15 settembre e il 30 ottobre (minimo 24 giorni) a raccogliere legna e mettersi alla prova con stage teorico-pratici.
La mia proposta ha raccolto parecchie risposte entusiastiche e questo mi ha confortato.
E dopo giorni passati a fare i conti e a vedere se poteva veramente stare in piedi economicamente tutta la storia sono arrivato alla conclusione ponderata che possiamo riuscire veramente a gestire Alcatraz in pareggio per 45 giorni, senza far pagare niente a 30 stagisti. Ovviamente le varianti sono numerose e i rischi economici notevoli. Ma affrontandoli ci sentiremo estremamente vivi. Il che e' bene.
Ma cosa faremo nelle 4 ore al giorno dedicate ai seminari?
Su questo sono 25 anni che faccio sogni.
E in effetti se questo esperimento funzionasse potremo veramente creare un'esperienza assolutamente nuova e ripetibile.
Una Libera Universita' gratuita dove si fanno esperienze unendo studio e lavoro pratico e dando la reale possibilita' a persone motivate di costruirsi un'attivita' lavorativa appassionate, appagante e remunerativa.
Ecco quindi (udite udite) il Grandioso Programma Didattico Teoricopratico.

ATTENZIONE SI TRATTA DI UNA PROPOSTA. LE ATTIVITA' SI SVOLGERANNO REALMENTE SOLO SE VI SARANNO ALMENO 5 PARTECIPANTI A OGNI "CLASSE", DISPOSTI A RESTARE A ALCATRAZ PER ALMENO 24 GIORNI. QUINDI SE UN TEMA TI INTERESSA DATTI DA FARE A TROVARE ALTRI 4 ISCRITTI.

Sezione scrittura Libri Antagonisti.
Realizzazione di un volume sugli svizzeri.
Nell'alta Lombardia quando vuoi dire che uno e' ciula dici: "sei un po' svizzero". Invece gli svizzeri sono dei geni. Tanto per dirne una da 700 anni non fanno una guerra. Come hanno fatto?
Il titolo provvisorio del libro e' "Perche' gli svizzeri sono piu' intelligenti degli italiani." L'obiettivo e' realizzare una ricerca (internet, biblioteca, interviste telefoniche) e discussione, scrivere quel che vien fuori e andare a casa con il libro stampato e rilegato. Prossimamente scrivero' un post dando tutti gli elementi sul tema che ho finora raccolto.

Sezione Naturopata Olistico

Un seminario che dia una conoscenza generale delle terapie naturali e metta in grado di utilizzare in modo appropriato alcune tecniche base di massaggio e che permetta un intenso allenamento pratico. Inoltre vorremmo formare la capacita' di insegnare semplici sistemi di rilassamento e movimento che permettano alle persone di mantenersi in buona salute.
Ci sono molti corsi per diventare naturopata basati sull'insegnamento di sistemi terapeutici ognuno dei quali richiederebbe anni di studio. Il risultato e' quello di formare persone che poi non sono realmente in grado di curare nessuno perche' non conoscono a sufficienza nessuna terapia.
La nostra proposta e' quella invece di offrire una specializzazione approfondita su una sola tecnica elementare: il Movimento Spontaneo (vedi "La Rivoluzione Pigra"  http://www.jacopofo.com/?q=node/1531).
Ci siamo inspirati all'esperienza cinese dei Medici dai Piedi Scalzi che avevano una formazione generica sulle regole dell'igiene di base e una preparazione specialistica su una sola malattia. Riuscirono a dar vita a una rivoluzione sanitaria ottenendo risultati enormi come quello di debellare la sifilide in pochi anni.
Non ci proponiamo di formare terapeuti ma facilitatori del benessere.
Soprattutto ci poniamo il problema di non mandare in giro gente a fare danni.
A partire da questa esperienza che permette di offrire subito un servizio di base, ma veramente utile, una persona potra' poi intraprendere il difficile e lungo percorso per diventare sul serio Naturopata Olistico.

Realizzazione dell'Autostrada Informatica Ribelle.
A partire dal 15 settembre lanceremo
una proposta di scambio link e affiliazione per dare ai siti del Movimento maggiore visibilita' e creare una rete di contatti. Inoltre creeremo un sistema di affiliazione che permettera' ai siti di ospitare un pacchetto di pubblicita' di web shop etici e ecologici traendone benefici anche economici in modo da potenziare la capacita' di iniziativa culturale.
Durante lo stage ci occuperemo di sviluppare concretamente questo progetto. Ci sara' anche la possibilita' di realizzare un proprio sito all'interno della rete e di studiare modi per permettere ai siti gemellati di interagire.
(Per collaborare a questa impresa e' necessario portarsi un computer portatile).

Realizzazione campagna di promozione delle ecotecnologie.
Vogliamo sviluppare l'attivita' intrapresa con il gruppo d'acquisto fotovoltaico.
L'idea e' di sviluppare una rete di promotori-informatori. Sperimenteremo vari sistemi per far conoscere le possibilita' offerte dalle ecotecnologie.
In primo luogo assemblee di zona nelle case del popolo, nei circoli Arci e nei bar. Vedremo come organizzarle, pubblicizzarle, gestirle. Sperimenteremo poi altri sistemi e vedremo in pratica quali danno risultati.

Lo spirito dell'impresa
Come ho gia' detto questa idea di 45 giorni di universita' libera e gratuita e' un esperimento totale. Lo ripeto perche' non vorrei che ci si facesse delle aspettative sbagliate.
Ovviamente il primo interrogativo e' se ci saranno persone sufficienti disposte a restare per almeno 24 giorni di seguito in modo di potere creare iniziative organiche.
Se questo non avverra' dovremo ripiegare su attivita' piu' semplici. Fare un discorso coerente con persone che restano pochi giorni non e' pensabile.
In caso non ci fosse un numero sufficiente di persone disposte a restare per 24 giorni proporremo comunque una serie di lezioni e di discussioni ogni giorno e cercheremo di inventarci assieme attivita' che abbia senso seguire anche per pochi giorni.
Per adesso mi interessa capire se ci sono adesioni sufficienti o no.
Vi daro' notizia degli sviluppi e approfondiro' i temi proposti nei prossimi post.

ATTENZIONE
Alle persone che vogliono partecipare a questo esperimento e' richiesto impegno.
Vorremmo essere chiari su questo.
E' richiesto senso di responsabilita'.
Crediamo che imparare, vivere assieme, inventarsi una professione indipendente e etica sia difficile e non ci interessa sprecare il tempo con chi non ha voglia di impegnarsi e di rispettare le regole elementari del vivere e lavorare insieme.

Jacopo Fo


Malocclusi Solidali

Ciao Jacopo. Ho letto con immenso interesse le tue considerazioni sulle emorroidi. Credo che la medicina ufficiale dovrebbe davvero uscire dalle proprie gabbie mentali.
Volevo chiederti se fosse possibile aprire una sezione per i malocclusi solidali. E' un problema davvero diffusissimo quello del cattivo bilanciamento mandibolare e provoca danni immensi, che pochi
prendono in considerazione.
Io da tantissimi anni soffro di una terribile emicrania sul lato destro: gli attacchi sono mensili e colpiscono in particolare l'occhio destro che spesso lacrima, e comunque la parte destra del cranio.A
questo si accompagna una forte contrattura della parte alta del trapezio destro e ovviamente dei muscoli del collo. La crisi dura tre giorni e non ci sono farmaci che la facciano passare, riescono solo ad
attenuarla per qualche ora.Ho preso Aulin, Tachipirina, Orudis (supposte, pastiglie e iniezioni), iniezioni di Voltaren e Muscoril (a volte con Plasil perché mi viene anche nausea e vomito a causa del mal
di testa), Feldene Fast e Dio solo sa cos'altro. Ultimamente Nimesulide in pastiglie, ma a volte mi fa venire nausea.
Ma c'è una cosa, che è l'evidente causa dell'emicrania: ho fatto diverse lastre, due risonanze magnetiche e una TAC ed è venuto fuori  che il condilo mandibolare sinistro è atrofizzato e quindi è fuori
posto, provocando dall'altra parte una sublussazione della mandibola in apertura. Le due arcate dentali si toccano solo a sinistra. Il dolore al lato sinistro è continuo, l'articolazione fa rumore, ormai anche a destra, e ultimamente noto che a volte faccio fatica a parlare, come se non riuscissi ad aprire bene la bocca (tra l'altro canto in un coro). Un altro sintomo recente è la perdita di equilibrio, ci sono dei momenti in cui non mi sento sicura sulle gambe e ho giramenti di testa (ho 38
anni).
Nessuno in questi anni tra i dentisti visitati mi ha mai dato la certezza di risolvere il problema, naturalmente pero' consigliandomi di mettere apparecchi costosissimi, bite inutili di cui neanche loro erano convinti e operazioni chirurgiche (che non ho mai fatto, ovviamente!).
Già venti anni fa i miei amici mi dicevano che ero gonfia da un lato: era il muscolo facciale ipersviluppato. Il dolore peggiora di anno in anno e la parte è sempre in tensione.Qualche tempo fa ho fatto una visita da un gnatologo di Genova che mi suggeriva un bite e della fisioterapia. Ma il costo era per me eccessivo (sono praticamente disoccupata). Ora sono finita al maxillo facciale di un ospedale di
Genova dove l'equipe si è buttata subito sull'idea di operarmi, poi l'équipe ha cambiato idea e ora mi ha fatto un bite SUPERIORE che pero' mi impedisce di paralre e che quindi non posso portare tutto il giorno, per motivi di lavoro (anche se lavoro momentaneo) e sociali.
Ho contattato l'associazione APPIM e ho scoperto un mondo immenso ma sommerso. Ho scoperto che ci sono molti altri che si occupano di questo problema, naturalmente la sanita' pubblica non affronta tutto questo neanche lontanamente, continuando ad avere una popolazione con problemi
grandissimi e pagandone le conseguenze anche dal punto di vista economico (a causa dell'invalidita' che questi problemi provocano: mal di testa, problemi articolari, problemi psicologici, problemi alla
vista e all'udito, problemi deambulatori.....).
Ti prego di guardare i siti che ti ho indicato e se vuoi prova a digitare su Google MALOCCLUSIONE....e scoprirai davvero un mondo incredibile.
Ciao
Claudia


Progetto Benessere: Cervicale solidale

Ci scrive Nick61:

Da aprile di quest'anno sono entrato nel club di "quelli che hanno la cervicale". Mi piacerebbe se Alcatraz aggiungesse questo nuovo, avvincente argomento al suo "Progetto Benessere".
La mia richiesta è molto poco disinteressata: essendo un "novizio" della cervicale, ho poco da raccontare, e molto da imparare.
Comunque, vi racconto la mia esperienza: ad aprile di quest'anno mi hanno diagnosticato una "cervicalgia da colpo di frusta"; mi piacerebbe anche raccontarvi, in un altro "post", come mi sono preso il "colpo di frusta". Oltre alla ovvia rigidità del collo, i sintomi che trovo piu' fastidiosi, e che stanno letteralmente cambiando la mia vita, sono: leggero ma costante mal di testa, e leggero senso di nausea e vertigini; un po' come avere sempre il mal di mare.
Mi hanno sconsigliato la fisioterapia "classica" (ionoforesi, ecc.); quindi ho cominciato, a poco piu' di un mese dal trauma, a fare fisioterapia "posturale". I fisioterapisti del centro sono molto professionali, la mia fisioterapista è anche carina, la mia postura è migliorata, ma i sintomi fastidiosi (mal di testa, nausea) sono solo un po' diminuiti.
Un medico (un otorino, dal quale ero andato per verificare se i miei sintomi erano dovuti ad una labirintite) mi ha consigliato un bravo osteopata, che mi ha "scrocchiato" il collo (una cosa impressionante: chi l'ha provato, sa di cosa parlo). Dopo la "scrocchiatura" ero completamente guarito, anzi non ero mai stato cosi' bene. Stavo gia' pensando ad un "ex-voto" da lasciare nello studio dell'osteopata quando, dopo 5 o 6 giorni, i sintomi sono gradualmente ritornati, anche se stavo meglio rispetto a prima della "scrocchiatura". Sono tornato dall'osteopata per una seconda "scrocchiatura" (purtroppo l'ultima, perchè è una manovra che si puo' fare al massimo 2 volte l'anno), ed ancora una volta i sintomi sono completamente spariti per tornare, anche se piu' lievi, dopo qualche giorno.
Nel frattempo, ho scoperto che un sacco di gente ha "la cervicale".
I miei colleghi mi hanno consigliato un po' di tutto:
- di tenermela, tanto non si puo' fare niente (questo era un collega un po' stronzo);
- belladonna (omeopatica), come rilassante muscolare;
- una panca inclinata, dove ci si stende con la testa verso il basso: serve a "tirare naturalmente" la cervicale.
A questo punto, mi piacerebbe ascoltare consigli e condividere esperienze di persone che hanno il mio stesso problema (solo se sono di sinistra, pero').
Ciao a tutti.

Per inserire i vostri contributi aggiungete un commento a questo messaggio.

Emorroidi solidali (ultimo atto)

(questo è il terzo articolo. Vedi gli altri in: http://www.jacopofo.com/?q=node/1918 e http://www.jacopofo.com/?q=node/2496)

Cerco qui di riassumere gli ultimi passi fatti verso l’agognata liberazione dal gonfiore.

Ultime scoperte sui rimedi.
1- Ho scoperto casualmente un nesso tra come bevo e la contrazione anale.
Se si beve a gargarozzo e non a piccoli sorsi (riempiendo la bocca e poi mandando giù) si attiva una fascia muscolare alla base della gola che coinvolge nel movimento muscoli alla bocca dello stomaco e più giù, lungo la “colonna digestiva” fino alla zona dell’ano.
Bere in questo modo mi ha dato un subitaneo miglioramento. L’idea è che le emorroidi siano collegate a una mancanza di movimento in una serie di fasce muscolari. Un’azione abbandonata, l’assenza di precisi movimenti, porta alla perdita di tono muscolare e al cedimento delle fasce intorno all’ano. Potremmo cioè dire che all’origine delle emorroidi c’è proprio una mancanza di tono muscolare che porta al crollo verso l’esterno delle pareti anali e al loro gonfiarsi. Riconquistando certi movimenti le pareti anali si rafforzano e non tendono più a questa specie di prolasso. Inoltre i tessuti rinvigoriti “tengono abbracciati” in modo sano le vene e le arterie, le sostengono, impedendo loro di cedere e gonfiarsi.
Questo discorso è collegato al benessere che si trae sbadigliando a lungo. Anche in questo caso si mobilitano le fasce muscolari del bassoventre tonificandole e riinsegnando loro a muoversi. Infatti una volta che, con la deglutizione profonda e lo sbadiglio stiracchiato e pigro, si riimpara questo movimento poi si tende a muovere quei muscoli senza accorgersene durante la giornata, respirando e facendo altri movimenti.
Questa ginnastica della deglutizione e dello sbadiglio cioè ottiene un risultato non tanto per l’allenamento che provoca direttamente, durante l’esercizio, ma perché ci permette di riinsegnare a questi muscoli (una volta percepiti e identificati dal cervello) a muoversi naturalmente a riattivarsi e a partecipare poi (come dev’essere) ai movimenti del corpo.
Questo discorso si basa sull’idea che i muscoli del ventre, legati alla percezione dell’equilibrio, siano naturalmente coinvolti praticamente in tutti i movimenti del corpo. Cause emotive e poco movimento, provocano una sorta di paralisi di questi muscoli che smettono di partecipare fluidamente al movimento del corpo e deperiscono entrando in una sorta di atrofia. L’assenza del movimento provoca minor circolazione del sangue nei capillari: il movimento aiuta infatti la circolazione del sangue agendo come una sorta di pompa spinge il sangue. La cattiva circolazione diminuisce l’apporto di elementi nutritivi (trasportati dal sangue) alle cellule e la debolezza dei tessuti. Inoltre si creano delle “sacche di pressione” che non vengono smaltite.
Credo che sia proprio questa scoperta che ha provocato un netto miglioramento della mia situazione. La teoria mi è stata confermata da Massimo Valente, grande osteopatia di Bari, che mi ha fatto un massaggio incentrato sui muscoli della pancia. Mi ha spiegato che avevo il ventre molto contratto e che questa mia contrazione provocava deperimento e pressione eccessiva nella zona anale e conseguente gonfiore. L’effetto del massaggio, come Massimo mi aveva preannunciato, è continuato per 15 giorni portando a un progressivo rilassamento dei muscoli del ventre (adorabili muscoli).
Massimo Valente che è una persona generosa, si è dichiarato disponibile a segnalare osteopati capaci in giro per l’Italia. Potete contattarlo all’indirizzo massimo@tuttosteopatia.it, 0803968115.
Ovviamente questo discorso rafforza l’idea che il movimento fisico sia essenziale per ridare tonicità a tutto il corpo.
Ugualmente il ragionamento è collegato a quanto ho scritto nei precedenti articoli sulla necessità di imparare a muovere, camminando ad esempio, la zona di collo e spalle, aumentando così l’efficacia del movimento di questa zona che è una delle due pompe meccaniche del corpo. L’altra “pompa” è come si è detto costituita dal bacino e dalle anche. Muovendo come natura comanda spalle e collo si aumenta la pressione in alto e la si diminuisce in basso (bacino e anche e quindi bassoventre).
Ricordo anche che è importante rilassare i muscoli della fascia nuca-mandibola-naso che sono gemellati a quelli del basso ventre. Per rilassarli bisogna muoverli al rallentatore: il più lentamente possibile fino a sentire una sensazione di calore provocata dalla maggiore circolazione del sangue.
Per riassumere questo discorso muscolare potrei dire che tutti questi esercizi hanno lo scopo di riattivare i muscoli che “tirano su il culo”. Detto in altri termini (più raffinati) i muscoli anali si sostengono con un movimento che è collegato con quello di “aspirare attraverso l’ano”. Non sono impazzito. Hai presente quei mattacchioni che durante spettacoli di varietà di dubbio gusto eseguono pezzi musicali scoreggiando? Da quel che ho capito “prendono fiato” proprio riuscendo a aspirare con il sedere. Mi son detto: quindi esiste una funzione aspiratoria anale. E mi è sembrato ovvio che le emorroidi che crollano e si gonfiano sparirebbero se si ristabilisse questa capacità di tirare verso l’alto quel che sta “scappando fuori”.
Dopo settimane di tentativi ora ho la sensazione di riuscire a produrre, con molta difficoltà, minuscoli movimenti aspiratori. E ne provo giovamento.

In questa mia affascinante esperienza con le emorroidi ho capito molte cose sul movimento del mio corpo. E grazie ai molti consigli offertimi dai partecipanti a questo Laboratorio Solidale ha anche capito che la mia sofferenza emorroidale è collegata a una sofferenza emotiva. Ho già scritto del rapporto tra rabbia repressa e emorroidi che scoppiano.
In questi giorni ho capito anche (o almeno mi sembra) come agisce la repressione della rabbia.
Infatti ho avuto un ulteriore enorme miglioramento quando mi sono accorto che la repressione della rabbia agisce inibendo un preciso movimento e una sensazione di sé collegata all’incazzatura.
Mi ha aiutato a capire questo discorso un amico, Antonio Di Mattia, che mi ha parlato della salute e del benessere in termini di UNITA’.
Unirsi fa bene. Unirsi con gli altri, collaborare, condividere, entrare in empatia. Non a caso gli scienziati hanno recentemente scoperto che la generosità fa bene. Quando regaliamo qualche cosa, quando ci dedichiamo al benessere degli altri si scatenano nella mente le stesse reazioni chimiche che sperimentiamo durante il piacere sessuale (un’altra forma di unione). E queste reazioni chimiche hanno un effetto straordinario sul sistema immunitario e quindi sul generale benessere del corpo.
Ma come posso sperimentare un’esperienza di unità al mio interno?
Innanzi tutto posso visualizzare me stesso come un tutt’uno. Ad esempio cercando di ascoltare contemporaneamente tutte le sensazioni del corpo senza selezionarle e senza concentrarmi solo su una parte. Si tratta di abbandonarsi alle sensazioni passivamente, ascoltare e basta, senza neppure “tendere l’orecchio”.
Poi posso giocare con le visualizzazioni: ad esempio immaginare una luce che dall’imboccatura dello stomaco si diffonda piacevolmente in tutto il corpo fino alla punta dei capelli e delle dita di mani e piedi. Posso respirare profondamente visualizzando l’ossigeno che raggiunge ogni mia parte.
In questi giorni ho poi scoperto un esercizio potente che sembra avere un effetto eccellente direttamente sul gonfiore delle emorroidi provocando sgonfiamenti quasi istantanei.
Immagino di essere arrabbiato. Molto arrabbiato. Sento la rabbia in tutto il corpo. Cosa faccio quando sono veramente arrabbiato? Stringo i denti e sento che tutto il corpo è unito in questa rabbia mentre stringo i denti. Io contro tutti. Io unito al mio interno. Ovviamente la parte “contro tutti” è negativa (e va tralasciata non dandole importanza) ma la parte “io unito” è essenziale. L’esercizio consiste nell’immaginare, far finta di sentire quella sensazione di unità e compattezza che mi danno la rabbia e lo stringere i denti. SENZA STRINGERE I DENTI (come ho detto se stringi i denti veramente provochi una contrazione dei muscoli della mandibola e questo aumenta invece di diminuire la contrazione anale).
Questo esercizio lo considero molto importante.

Per concludere il discorso devo dire che le emorroidi sono un tipo di disturbo molto difficile da affrontare, proprio perché sono collegate a molti meccanismi nascosti nel profondo dei nostri comportamenti muscolari e mentali.
Affrontarle significa affrontare molti aspetti. Non c’è una sola cosa in grado di risolvere le emorroidi. Bisogna affrontare il problema da molti punti: dieta, movimento, modo di pensare, riabilitazione di movimenti abbandonati e di stati d’animo, sensazioni di sé. E ovviamente bisogna smetterla di stare molte ore seduti o in piedi… certo è difficile presentarsi in ufficio con una sedia sdraio… Ma tocca trovare un modo per evitare la continua pressione sull’ano.
Poi c’è il problema che le emorroidi sono un disturbo periodico.
In questi sette mesi, da quando ho deciso che avevo veramente bisogno di curarmi, più volte mi è sembrato di aver risolto la questione e poi ha avuto una ricaduta.
E più volte ho avuto la tentazione di arrendermi, farmi operare e basta.
Ma dopo tanti tentativi ora mi trovo a constatare che sto lentamente ma continuamente migliorando. Le crisi di gonfiore e i sanguinamenti si sono via via ridotti sempre più. All’inizio duravano giorni e giorni. Adesso, se proprio mi strapazzo ho un lieve gonfiore che dura qualche ora e le perdite di sangue sono rare e di entità simbolica.
Mangio quantità industriali di insalata, un cucchiaione da minestra colmo di crusca a ogni pasto (la mando giù masticandola con un po’ d’acqua, non fa poi così schifo, anzi se la mastichi a lungo ha addirittura un buon sapore). E cerco di godermi più momenti di relax, giocando con mia figlia piccola e mia nipote, chiacchierando con gli amici, passeggiando. E cerco di sorridere di più. A volte lo faccio per finta. Ma fa bene lo stesso. Il cervello è stupido e dopo un po’ che sorridi pensa che tutto vada bene e inizia a produrre le sostanze chimiche della felicità che sono piacevoli e fanno bene.
E devo ringraziare tutti quanti mi hanno aiutato in questa ricerca.
Sicuramente da solo non ci sarei mai riuscito.


Disturbo ossessivo compulsivo solidale

Ciao jacopo! Ti scrivo questa mail per chiederti l'apertura di un
laboratorio sul disturbo ossessivo compulsivo. Ne soffro da almeno 8 anni,
ma diciamo che ne ho avuto prova certa qualche mese fa, dopo la diagnosi di
uno psichiatra. Mi piacerebbe capire l'origine di questo male, ed anche
un'interpretazione alternativa, sul modello di Louis Hay, quella donna che
citi nel tuo libro "guarire ridendo". Il disturbo genera ossessioni e
compulsioni, cioè azioni ripetitive che possono essere sia mentali, che
fisiche, e poi genera anche sensi di colpa ed ansia, depressione, portando
verso una qualità di vita scadente. La tipologia più diffusa, e purtroppo la
più grave, è detta cronica ingravescente. Ok in breve spero di averti dato
idea di cosa è questo disturbo. Spero tu ne parli nel tuo blog. Salutoni. E
un abbraccio.


Tiroide solidale

Ricevo dall'amica Stefania questa lettera che chiede l'apertura di un laboratorio Solidale sulla tiroide.

Ecco lo spazio. Spero sia utile a lei e a tutte le persone che hanno questo tipo di disturbo.

Ho fatto gli esami del sangue un mese fa ed è emerso che sono ipotiroidea, anzichè avere un valore THS inferiore a 4 ce l'ho a 14.57.

Prima di prendere l' Eutirox, sto cercando di curarmi con alghe e con tutto ciò che contiene Iodio.
E penso anche che devo dedicarmi ad un modo di pensare e sentire più tranquillo, il mio ritorno dall 'Olanda mi ha spaccato e son sempre stata bene io!

Volevo chiederti se potevi aprire un post in cui trattare l'argomento della tiroide, xè volevo sapere da altri se hanno usato cure alternative all' ormone (eutirox,) dal quale sarei poi dipendente tutta la vita e raccogliere consigli anche sulla base di dati di analisi.