Salute e Benessere

Meditecnologie: la maglietta per diabetici

Progettata in Giappone, si restringe tanto piu' vi avvicinate a una fonte di glucosio. Scherziamo. Le fibre di cotone con cui e' confezionata la maglietta sono impregnate di insulina, che viene poi gradualmente rilasciata nell'organismo attraverso i pori della pelle.
L'insulina resiste fino a 50 lavaggi, usate un detersivo dolce...
(Fonte: Ansa)


Il Brasile vieta l'abbronzatura artificiale

La notizia arriva dall'Agenzia di vigilanza per la Salute ed e' conseguenza di uno studio dell'Organizzazione mondiale della Sanita' secondo cui le lampade a raggi ultravioletti aumentano del 75% il rischio di melanoma alla pelle nelle persone sotto i 35 anni.
Nascere neri e' una fortuna, inutile essere gelosi...
(Fonte: Ansa)


Bit-Bit

Al Policlinico Gemelli di Roma e' nato un centro di cura per la dipendenza da internet, causata soprattutto da chat e social network come Facebook e Msn: una dipendenza che nei casi patologici provoca un comportamento ossessivo verso il web. Per gli esperti, “su Facebook, almeno due iscritti su 10 ne sono dipendenti mentre, secondo i dati di uno studio dell'universita' di Perugia, su 10 persone 4 possono sviluppare abusi o dipendenza da internet, la maggior parte delle volte inconsapevolmente”.
Potete scoprire che vostro figlio e' dipendente da Facebook se ogni 5 cinque secondi vi dice cosa sta pensando e lo fa parlando in terza persona.
(Fonte: Ansa.it)

Fonte imm


Cacao Etciu', salute!

Victoria Kenny, 52 anni, avvocato, era rimasta paralizzata dopo un violentissimo starnuto che le aveva causato la rottura di un disco della colonna vertebrale.
Ora, dopo 24 mesi e tre interventi senza successo, il chirurgo inglese Andrew Quaile e' riuscito a inserire nella schiena una placca metallica a sostegno delle vertebre e Victoria sta finalmente guarendo.
Quando starnutisce dovra' stare, per legge, sotto gli 80 km/h.
(Fonte: Repubblica)


Hai le emorroidi perche' stai in una posizione sbagliata quando fai la cacca?

Se fosse cosi' sarebbe scioccante.
Milioni di persone soffrono per un motivo stupidissimo?
L’idea e' semplice: per migliaia di millenni i nostri antenati hanno defecato accovacciati (come nei cessi alla turca, per intenderci). In questa posizione la pancia preme contro le ginocchia e i muscoli delle cosce sono sotto sforzo. Devo questa informazione Pierluigi Zanchi, grande macrobiotico e produttore di tofu straordinario. Lui mi ha spiegato che nella posizione alla turca anche la respirazione funziona in maniera diversa, porta a rilassare alcuni muscoli e ad attivarne altri, ottenendo la miglior sinergia possibile per espellere il bruno siluro. (Cerco di alzare un po’ il tono poetico di questo articolo utilizzando un linguaggio forbito, perche' senno' scivoliamo nella scagazza)

Cagando seduti sul wc invece i muscoli che dovrebbero cooperare all’espulsione non possono lavorare bene, non c’e' l’appoggio del ventre alle cosce ne' la tensione delle gambe, quindi si spinge male, si diventa inutilmente paonazzi e invece di coinvolgere tutta la serie dei muscoli che avvolgono il tubo defecatorio, si spinge “di ano”, le emorroidi si strozzano e le fistole anali si gonfiano.
La causa principe di tutto, insomma, sarebbe un cattivo appoggio muscolare che ci porta a strozzare venuzze che poi si gonfiano, ovviamente, come palloncini.
E di li' nasce il dolore terribilmente tormentoso e le lacerazioni sanguinanti se ne avvantaggiano.
Pierluigi mi ha detto di aver aiutato sua madre a guarire proprio proponendole la posizione turca (ha divelto il wc col piccone) e che da li' la buona novella si e' sparsa in tutto il vicinato (svizzero).
Non avendo un cesso alla turca e preferendo non dover discutere con Eleonora sul fatto di divellere il wc col piccone, ho debellato gli ultimi rimasugli di una pervicace fistola usando questo sistema: andare di corpo, nel momento espulsivo, chinandosi completamente, in modo che la pancia appoggi sulle cosce, e spingendo un po’ i piedi per terra. Anche se non e' esattamente come su di una turca ho notato un piacevole radicale cambiamento nel modo di andare di corpo dal punto di vista del lavoro di spinta. Veramente eccellente, non spingo piu' di ano ma con tutto il retto.
Che e' meglio.
Cambia anche la respirazione, ovviamente.

Un altro medicamento miracoloso che ho scoperto e' lo psilio in scaglie (colore sabbia chiara, da non confondersi con quello in grani che ha controindicazioni perche' rischia di attaccarsi a ventosa alle pareti del tuo stomaco, vedi sotto), che e' una mucillagine, va diluita in molta acqua.
Questo e' importante perche' lo psilio assorbe acqua velocissimamente e si trasforma in una massa viscida tipo blob da fantascienza. Questa caratteristica lo rende eccellente per trasformare le tue feci dure e spigolose in una mousse morbida, compatta e scivolosa. Quindi lo psilio e' ottimo nelle fasi acute delle emorroidi perche' rende meno traumatico il passaggio fecale (griderai: “Al miracolo!”).
Ma lo psilio deve essere ben diluito perche' se arriva giu' ancora asciutto rischia di attaccarsi alle pareti dello stomaco nel suo tentativo di succhiare acqua. Puo' quindi creare problemi, a partire dall’alitosi per arrivare a piu' gravi. Puo' quindi essere controindicato nei casi di:
Diabete Stenosi esofagea e ileus
Cautela in gravidanza e allattamento, consultare un medico o evitare l'assunzione
Ipersensibilita' nota e occlusione intestinale
Difficolta' nella detenzione di sostanze minerali utili (come in caso di morbo di chron o colite ulcerosa).
Evitare l’assunzione contemporanea di medicamenti o contraccettivi orali
Lo psilio puo' indurre meteorismo
Interpella il tuo medico prima di assumere psilio!
In ogni caso diluiscilo bene, un quarto di cucchiaino in almeno mezzo litro d’acqua. E non assumerlo insieme ad altri medicamenti perche' la mucillagine avvolge tutto e non fanno piu' effetto.
E non esagerare con le dosi. Consigliano un cucchiaino e piu' due volte al di' ma io ho visto che un quarto di cucchiaino da' gia' un buon effetto.
Ovviamente, quanto detto fin qui funziona se si usa una strategia multipla. Le emorroidi sono bestie complesse.
Ti rimando quindi all’articolo Emorroidi solidali, (http://www.jacopofo.com/node/1918) dove ho descritto tutti gli accorgimenti che ho trovato e che hanno funzionato debellando al 95% un malanno che mi teneva a letto piangente per giorni.
Ricordo qui i fondamentali:
Mangiare molta frutta e verdure. Nei casi acuti non mangiare altro per qualche giorno (eliminare anche cereali. Ma prima di farlo consigliati con il tuo medico).
Muovere i muscoli deglutitori della gola, che secondo la medicina tradizionale cinese e l’osteopatia sono collegati a quelli del tratto intestinale, rilassare la pancia, fare molti respiri di sollievo (espirare senza spingere l’aria fuori).
Ricevere massaggi e' molto efficace, in particolare consiglio un osteopata (puoi chiedere un nominativo dalle tue parti direttamente a Massimo Valente  http://www.tuttosteopatia.it/osteoblog/massimo_valente_blog/index.php?/archives/7-osteoporosi.html),
Rilassare la nuca, la mandibola, la zona intorno al naso, la lingua e le labbra.
Anche le tisane di achillea con un po’ di malva sono ottime.
L’achillea toglie acidita' alle feci ed e' disinfiammante. La malva e' calmante. Anche qui senti il tuo medico per eventuali controindicazioni.
Usare crema Fitoroid (Aboca, erbe) nelle fasi acute, Euflux (omeopatica) come mantenimento.
Sorridere, fare cose belle, guardare film comici (http://www.jacopofo.it/film/prima.html).
Affrontare la questione psicologica: da che cosa non riesci a staccarti. Le emorroidi sono questo: un’azione non terminata. La cacca e' l’ultima fase del processo digestivo, brami il cibo ma poi sei incapace di abbandonarlo. Nell’abbandonarlo c’e' il problema (c’e' una cosa dalla quale non riesci a staccarti, non riesci a finirla, e non riuscirci ti fa rodere il culo?)
Buon relax rettale a tutti.

Per approfondire questo approccio alla cura dei malanni:
Lo yoga demenziale. Il manuale definitivo della rivoluzione pigra. Fazi Editore
http://www.commercioetico.it/libri/librijacopo/manuale-yoga-demenziale.html
 


Obama apre alla cannabis terapeutica

In un comunicato della Casa Bianca si afferma che l’Fbi e la Dea, la polizia federale e l’antidroga, d'ora in poi dovranno concentrarsi esclusivamente su quanti spacciano illegalmente la marijuana e non su quelli che ne fanno un uso terapeutico.
I coltivatori e i commercianti di “marijuana medica”, come vengono chiamati negli Usa, saranno liberi di svolgere la loro attivita' (che verra' ovviamente regolamentata da leggi statali).
Il provvedimento, riporta lo stesso comunicato, verra' emanato a breve ed e' stato redatto in collaborazione con l'Associazione medica americana e i governatori dei 14 Stati (Alaska, California, Colorado, Hawaii, Maine, Maryland, Michigan, Montana, Nevada, New Mexico, Oregon, Rhode Island, Vermont e Washington) in cui era gia' tollerata la vendita di canapa a uso terapeutico.
(Fonte: Corriere)

Fonte imm


Nigeria: ristabilito il diritto a farsi curare

Grazie alla campagna promossa da un gruppo di politici, guidati dal senatore Osita Izunaso, il governo della Nigeria ha abrogato la legge, in vigore dagli anni '80, che proibiva ai medici di curare un ferito da arma da fuoco prima che la Polizia avesse stilato il verbale sull'accaduto.
Non si morira' piu' attendendo che arrivino gli agenti.
(Fonte: Peacereporter.net)


Il cuore artificiale a basso costo

E' in fase di sperimentazione in India, costa meno di 2.500 dollari e con i suoi 13 ventricoli si ispira al cuore degli scarafaggi, particolarmente robusto e resistente.
Se avete una blatta con problemi cardiaci ora c'e' la soluzione.
(Fonte: Ansa)


Il borace, questo sconosciuto...

Buon giorno a tutti!
Oggi vi sottoponiamo una richiesta di informazioni, visto che, come al solito, siete tanti e sempre super-informati e critici.
La questione riguarda il borace.
Wikipedia, a proposito, ci dice: sodio borato o sodio tetraborato decaidrato, anticamente noto col nome di tinkal o borace veneziano, è un importante composto del boro.
A parte questa informazione dotta, noi sappiamo che, diluito in acqua, può essere utilizzato per:
- lavare i panni in lavatrice, anche a bassa temperatura. Funziona anche come igienizzante.
- lavare i piatti... senza fare schiuma.
- lo si può utilizzare, inoltre, come detergente intimo, shampoo, dentifricio e colluttorio.
Voi cosa ci dite?
Lo conoscete?
Chi lo utilizza?
Avete notato controidicazioni?
Grazie, grazie mille!

Marianna