fatto quotidiano

Cellulari: se cade la linea chi ha chiamato richiama!

Cellulari: se cade la linea chi ha chiamato richiama!

Evitiamo di continuare a richiamarci reciprocamente e a trovare occupato! Aiutami a tagliare 10 miliardi di euro di spreco. Subito!

Con questo articolo lancio una grande campagna per le riforme fatte in casa. Iniziamo dalle questioni apparentemente piccole: le telefonate.
Quante volte ti succede che mentre stai parlando con qualcuno cada la linea?…E cosa succede poi? Il caos italico tipico: entrambi i telefonatori si affannano a richiamare ed entrambi trovano occupato perché l’altra persona sta anch’essa richiamando. Poi entrambi aspettano qualche secondo, nel caso arrivi la telefonata dell’altra persona. Ma non arriva perché entrambi stanno aspettando. Poi non si resiste più e ci si richiama nuovamente in contemporanea ed è di nuovo occupato!

CONTINUA SUL BLOG DEL FATTO QUOTIDIANO

Unioni civili: divento gay e sposo Antonio Albanese per colpa di Renzi

Unioni civili: divento gay e sposo Antonio Albanese per colpa di Renzi

La nuova legge è una vittoria storica sulle forze della reazione… E va bene.
Ma contiene assurdità notevoli (oltre a non consentire l’adozione del figlio del partner omosessuale). Questa legge discrimina addirittura le coppie NON omosessuali non riconoscendo diritti di eredità e di reversibilità della pensione. Ma perché? Cioè adoro gli omosessuali ma perché devono avere più diritti degli etero? Qual è il senso ideologico, morale, civile di questa diversità di trattamento?

Questo costringe me e mia moglie Eleonora Immacolata Antonio (giuro è vero, si chiama così!) Albanese a dichiararci coppia omosessuale. Sposerò quindi Antonio Albanese…

CONTINUA SUL BLOG DEL FATTO QUOTIDIANO

Salute: curarsi con la regalo-terapia

Il grande poeta Ferruccio Benzoni stava seduto sopra una sedia impagliata e mi raccontava di quel che era successo poco prima con una ragazza francese, mentre stavano baciandosi sulla spiaggia di Cesenatico favoriti dal buio della notte. Lei lo aveva guardato negli occhi e gli aveva mormorato, con quella voce rutilante che hanno solo le ragazze francesi: “Ferrucciò, tu est un solitaire…” E lui era andato già di testa per quella frase che secondo lui fotografava la sua anima e il mattino dopo mi lesse una poesia folgorante che sapeva di birra tedesca e di mare salato. Certo lui era un grande poeta… Ma chi a 18 anni non si è sentito un solitario? O una solitaria…
Gli zapatisti del Chapas sono convinti che noi occidentali siamo ammalati di solitudine a causa dell’individualismo.

CONTINUA SUL BLOG DEL FATTO QUOTIDIANO

Benessere, lo ammetto: io sono stupido!

La settimana scorsa ho raccontato che per curarmi l’ulcera per un mese ho passato ogni giorno 5 minuti appeso a testa in giù alla trave del soffitto, tramite un paio di ganci da caviglia, attaccati a una sbarra di legno. Tecnicamente tentavo di far raggiungere alla parte ulcerata del mio stomaco un bicchiere di acqua mista a particelle di argilla in sospensione. Solo che avevo un’idea confusa dell’anatomia e il sistema non ha dato nessun esito positivo, se non l’allungamento benefico che (alcuni sostengono senza portare prove scientifiche) si trae a stare appesi a testa in giù. (Forse). Ma comunque per un certo periodo della mia vita ho trovato questa pratica piacevole. Poi mi si sono svitate le rotule.
Alcuni cortesi lettori hanno commentato la mia sincera narrazione di un disastro psicofisico da me autoinflittomi, informandomi che sono uno stupido.
Ora, io mi chiedo, queste persone estremamente intelligenti sono convinte che se ti racconto che per un mese mi sono appeso al soffitto non ti sto forse dicendo anche che so di essere uno stupido?

CONTINUA SUL BLOG DEL FATTO QUOTIDIANO

Salute: come farsi venire l’ernia con la respirazione pranica

Salute: come farsi venire l’ernia con la respirazione pranicaUn giorno ad Alcatraz arrivò un grande maestro indiano dell’India; mentre andavamo al bar per un succo di frutta biotrascendente passammo di fronte alla porta spalancata della palestra (era estate) e lui buttò un’occhiata. Era in corso un seminario di  “asana” yoga, cioè quelle posizioni strane tutte intorcicate. Lui mi guarda sconvolto e mi chiede: “Ma cosa stanno facendo?”

Io perplesso gli rispondo: “Yoga.”
E lui sconfortato: “Ma no, voi occidentali non potete fare quelle cose lì! Vi fa malissimo! Bisogna iniziare quegli esercizi a 3 anni, quando il corpo è ancora elastico, sennò è pericoloso!”

Va beh… Forse quel grande maestro di Yoga era un po’ estremista. Ma l’aneddoto rende bene l’idea che con le discipline che provengono da altre culture e altre storie, tocca andarci con prudenza. Sennò si rischia. Io ad esempio mi sono fatto malissimo con la respirazione diaframmatica: 2 ernie, problemi di emorroidi e un inizio di vene varicose.
Il disastro è stato causato dal fatto che non avevo capito bene come funziona questa storia del diaframma.

CONTINUA SUL BLOG DEL FATTO QUOTIDIANO

Alimentazione e salute: vivere in eterno mangiando solo dinosauri

Milioni di italiani stanno discutendo su cosa sia più sano mangiare. La febbre salutista è alle stelle. Le intolleranze alimentari impazzano, la caccia al glutine è aperta. Schiere di cittadini sovrappeso tirano la cinghia e si iscrivono a corsi di fitness, yoga, marcia con i bastoncini e rebirthing olistico.
Il movimento progressista è depresso e rifluisce nel personale che in fondo è politico anche quello. Vanno molto forte i post macrobiotici che ci dicono che se mangi integrale e vegetariano diventi migliore e guarisci dalla colite perché i popoli che mangiano riso integrale e soia non soffrono di stomaco: per almeno 10mila anni gli umani si sono nutriti di granaglie e il nostro sistema digerente è fatto per digerirle. Vero!
Ma poi arriva un altro gruppo che dice: “Ma siete pazzi? Il nostro stomaco è fatto per digerire solo cibi crudi! Per milioni di anni non abbiamo mangiato altro! Il riso lessato è moneta del demonio”!

CONTINUA A LEGGERE SUL BLOG DEL FATTO QUOTIDIANO

Unioni civili: com’è possibile che sei cristiano e vuoi impormi come vivere?

Gesù ha predicato pace, amore, comprensione, pietà. Ma qui vedo tanti cristiani che le sue parole non le hanno proprio ascoltate!

Lasciamo per un attimo da parte la questione dei gay e delle lesbiche, i miei amici me lo permetteranno, (ovvio che negare i diritti degli omosessuali fa schifo!!!)… Ma porca di una miseria zozza, io sono vent’anni che convivo con una donna meravigliosa e ancora oggi se finisco all’ospedale lei non può mettere bocca perché non è mia moglie dal punto di vista burocratico e non ho modo di dichiarare: amo questa donna e lei è la mia compagna! E siamo un uomo e una donna, quindi non avete neanche la scusa che non rispettiamo qualche legge di natura (inventata e falsa visto che è pieno di animali gay, a partire dai bonobo che condividono il 97% del nostro dna e sono bisessuali in maniera pazzesca!!!). Quindi, perché da più di vent’anni si deve fare sta legge e non si fa?

CONTINUA A LEGGERE SUL BLOG DEL FATTO QUOTIDIANO

Smog, inquinamento e salute pubblica: da Di Pietro e Vendola solo promesse. Dal M5S fatti?

MilanoLa mia idea è semplice e neanche tanto nuova. Visto che non si riesce a smuovere la situazione italiana con l’opposizione in Parlamento, tempio dell’inciucio olistico, facciamo come Martin Luther King: cambiamo il Paese prendendoci i diritti civili con strumenti pacifici.

In Italia ci sono parecchie leggi che sono abbastanza buone ma che non vengono applicate.
Abbiamo una legge che vieta di praticare interessi da usura.
Abbiamo leggi che stabiliscono limiti per lo smog nelle città.
Leggi che stabiliscono che un casco da motociclista non si deve accartocciare al primo urto.
Leggi che vietano alle aziende di proporre contratti capestro…

Anni fa proposi pubblicamente a Di Pietro, di usare qualche milione di euro del finanziamento dei partiti, che Idv riceveva, per pagare un gruppo di avvocati, di tecnici e di ricercatori che raccogliessero prove delle malvessazioni e violazioni di leggi e regolamenti e ogni settimana lanciassero una campagna legale con denunce presso la Magistratura.

CONTINUA SUL BLOG DEL FATTO QUOTIDIANO

Emergenza smog: Milano è inquinata, colpa dei milanesi!

Emergenza smog: Milano è inquinata, colpa dei milanesi!

Finalmente la tv si è accorta che Milano e Roma sono camere a gas. Perché non piove, dicono.
Balle.
Sono anni che il movimento ecologista denuncia la truffa delle rilevazioni sugli inquinanti. Ma cosa vuoi che ti misuri una centralina se piazzi i tubi di aspirazione a quattro metri d’altezza?
Fammi i prelievi dell’aria ad altezza di passeggino, sulla circonvallazione e poi dimmi quanti giorni all’anno lo smog è oltre tutti i limiti di decenza. Ma le hai viste tu le madri infuriate che vanno con i passeggini di fronte al Comune a protestare per la beffa delle centraline segna smog? Non le hai viste perché non ci sono andate a disturbare il Pisapia! Povera creatura anche lui!
Ma l’indecenza sull’inquinamento è illimitata… L’hai sentita la storia che, secondo uno studio commissionato dal Sole 24 ore, Milano sarebbe la seconda città più vivibile d’Italia?
Sono stato a Milano per Natale e ho visto cose che voi umani neppure immaginate: ho visto giovanette piacenti fare lo jogging sulla circonvallazione!!!
Da paura. M’è venuto il catarro solo a guardarle.
Ma cos’hai nella testa? Brioches?

CONTINUA SUL BLOG DEL FATTO QUOTIDIANO

Salva banche, ma lo volete dire che la legge non punisce la truffa?

In televisione sento un uomo che grida: “I responsabili di questa truffa delle banche dovranno pagare!” Gli fa eco un politico: “Sì! I colpevoli devono essere condannati!!!”

E chi potrebbe dargli torto?
Solo che né l’opinion maker né il politico dicono la verità: nessuno pagherà per i 3 miliardi della Banca Etruria e per tutti gli altri miliardi rubati da banchieri generosi con i prestiti ai loro amici. Nessuno finirà in galera. Semplicemente perché in Italia non esiste una legge che punisca veramente la truffa!

Quando mi capita di dirlo vedo sempre facce che mi guardano come se fossi impazzito. Perché questa informazione è poco conosciuta. La pena per il reato di truffa semplice è la reclusione da sei mesi ai cinque anni con una multa ridicola da 51 euro a 1.032 euro; ma con qualche attenuante ottenuta con patteggiamenti vari si va al di sotto dei 3 anni di carcere, il che evita al truffatore di finire realmente in prigione. E con qualche cavillo la condanna è al di sotto del minimo richiesto dagli accordi internazionali per ottenere l’estradizione. E il meccanismo per la restituzione dei soldi truffati è talmente farraginoso che puoi riuscire a non andare in galera senza neanche dover restituire i soldi. E questo vale per il reato di truffa e quelli connessi: manipolazione del mercato azionario (insider trading), falso in bilancio e la maggioranza dei reati fiscali. Negli Usa per gli stessi reati si può finire in galera per 8 anni, ma si arriva anche a 20.

CONTINUA SUL BLOG DEL FATTO QUOTIDIANO