fatto quotidiano

La Bce chiede meno burocrazia, B. non molla

E anche i media riassumono la lettera segreta di Trichet glissando sulla richiesta centrale di rendere razionale l’amministrazione pubblica.
Le follie burocratiche italiane sono al centro del diktat al governo italiano. La Bce ha capito che l’inefficienza bizantina dell’amministrazione pubblica è tra i principali assassini della nostra economia.
Ma il governo, partiti e media fanno quadrato per difendere la fonte del potere della Casta, l’irrazionalità degli iter amministrativi e dei codicilli è una colonna essenziale del Sistema Italia.
Un pezzo della lettera viene quasi del tutto taciuto, strano, perché è il primo punto indicato da Trichet: “Le sfide principali sono l’aumento della concorrenza, particolarmente nei servizi, il miglioramento della qualità dei servizi pubblici…”
CONTINUA SUL BLOG DEL FATTO QUOTIDIANO


Fare il magnaccia per B. è un lavoro schifoso!

Gente senz’anima che traffica dalla mattina alla sera per trovare prostitute. E a volte faticano non poco per convincerle a fare sesso. Un vero inferno.
Esisteva un’organizzazione che in cambio di favori e appalti si dedicava  instancabilmente a reperire donne per gli appetiti suini di vari satrapi.
Immagina di essere un essere umano con il senso etico di una scarpa da tennis di uno che non si cambia mai i calzini… E ti trovi lì con l’Ape Regina che ti tempesta di telefonate perché servono altre donne per la prossima serata col presidente… E poi bisogna procurare i cantanti (arriva una bravissima che canta anche in Vaticano)… deve venire George Clooney e magari anche Fabrizio del Noce così le ragazze si convincono che conviene dare retta ai fratelli Tarantini (gioia, amore e gran…).
CONTINUA SUL BLOG DEL FATTO QUOTIDIANO


L’Italia tecnicamente è una salma che cammina

È già esplosa ma il rumore dello scoppio non è ancora arrivato alle nostre orecchie. Ecco come sopravvivere.
Che siamo nello sterco di maiale fino al collo lo dice ormai anche la Marcegaglia…
Puoi dare tutta la colpa a B., al bunga bunga, alla sinistra che non c’è, ai giornalisti corrotti e al Papa.
Ma io credo che sarebbe più utile cercare il piccolo Berlusconi che è dentro ognuno di noi, nascosto nel nostro modo di pensare.
Tocca ammettere che sostanzialmente abbiamo cercato di impedire il tracollo e non ci siamo riusciti… Tocca a noi cambiare metodo.
E soprattutto tocca capire come fare barriera contro l’imminente Macelleria Sociale.

CONTINUA SUL BLOG DEL FATTO QUOTIDIANO


La burocrazia è nemica del popolo!

Il New York Times e Der Spiegel spiegano agli imprenditori che investire in Italia non conviene a causa della burocrazia. Internazionale (santi subito!) ha ripubblicato questi due articoli che sono molto istruttivi. Raccontano cose che ogni italiano sa bene. Ad esempio, che una pratica elementare come quella relativa alla tassa sui rifiuti può diventare un incubo burocratico che dura anni.
Il ragionamento di questi giornalisti è semplice: perché investire in un Paese dove comandano le clientele? Un posto dove per incassare un credito devi affrontare un procedimento legale che dura almeno 9 anni?

CONTINUA SUL BLOG DEL FATTO QUOTIDIANO


La disoccupazione fa ridere?

Ai disoccupati conviene ridere o piangere? Oppure lottare? Ma chi lotta con la faccia seria, vince?
Il mio ultimo post sulla risata ha fatto incavolare parecchie persone. Il ridere è ancora visto da molti progressisti come una perdita di tempo: la lotta deve essere dura e si vince facendo la faccia scura. Di fronte ai drammi bisogna fare le persone serie!
Io credo invece che il comico, la satira, il ridere, siano uno strumento essenziale per il nostro benessere mentale e per affrontare le difficoltà. Mi ricordo la storia di un partigiano raccolta da mio padre e messa in scena in Vorrei morire anche stasera se dovessi pensare che non è servito a niente! Inseguiti dai fascisti, alcuni compagni si nascondono in una cisterna di liquami, e discutono su cosa fare per salvarsi, immersi nella merda fino al collo. E ci trovano qualche cosa da ridere, anche se rischiano di crepare da lì a poco.

CONTINUA SUL BLOG DEL FATTO QUOTIDIANO


Lo zen e l’arte di non far fallire lo Stato!

La mancanza d’amore ha provocato il crack finanziario? La crisi economica è un effetto collaterale della tristezza sentimentale dei popoli?
Nonostante tutti gli scandali e tutti gli abomini che saltano fuori quotidianamente, un grande numero di italiani continua a essere complice di questo sistema di corruttele e favori. Questa gente persiste nel sostenere il governo di B. e la Casta e sono evidentemente ancora abbastanza numerosi e decisi da rendere possibile la sopravvivenza di un sistema obsoleto e putrido.

CONTINUA SUL BLOG DEL FATTO QUOTIDIANO


Ecco il default Italia

E adesso goditi la diretta. C’è solo un’ultima speranza: tagliare lo spreco. Subito. Ti prego scendi in piazza!
I mercati non credono che l’Italia ce la possa fare a evitare l’impatto. E vogliono interessi più alti per i soldi che ci prestano. Il risultato è che fra pochi giorni gli interessi potrebbero costarci il doppio di quel che pagavamo 7 mesi fa. Semplicemente questo significa il crollo del sistema Italia.
Da tempo siamo in tanti a ripeterlo. Ce lo dicono gli economisti, l’Unione Europea, milioni di cittadini lo hanno urlato in piazza: la Casta deve rassegnarsi a tagliare lo spreco e i privilegi della politica.

CONTINUA SUL BLOG DEL FATTO QUOTIDIANO


Le Province, suicidio del Pd

Sono scandalizzato e furioso. E spero in un’insurrezione della base del Pd. Quel che è successo è assurdo e grottesco.
Il dietrofront di Silvio Banderuola, sul comma che avrebbe evitato a Mediaset di pagare 750 milioni di euro di danni per lo scippo della Mondadori, ha oscurato un evento che oserei definire epocale. Il Pd ha fatto una scelta masochista che spero avrà conseguenze catastrofiche sull’attuale dirigenza. In sostanza c’è stata alla Camera una votazione sull’abolizione delle Province con il seguente risultato: voti contrari: 225, cioè quasi tutto il Pdl e la Lega. Favorevoli: 83 tra Idv, Terzo Polo e qualche cane sciolto. Astenuti: 240, praticamente il Pd intero. A causa di numerose assenze e qualche defezione il governo, invece di raccogliere i 317 voti che gli hanno dato la fiducia il 21 giugno (con 293 voti contrari), ne ha raccolti solo 225.

CONTINUA SUL BLOG DEL FATTO QUOTIDIANO


Ma quanto mi rubi? (Sprechi di Stato)

Uno Stato che si fa rubare più di 565 miliardi di euro all’anno non è in crisi: è una nazione di deficienti! Con un improbo sforzo aritmetico, ho cercato di mettere insieme il dato complessivo di quanto ci costa il malgoverno della Casta. 
Ho cercato anche di separare in modo razionale le voci di questo bilancio della vergogna. 
Ecco i risultati dello spreco di Stato:

Evasione fiscale: 120 miliardi di euro l’anno; 
3 milioni di lavoratori in nero: più di 50 miliardi.
La corruzione di politici e funzionari pubblici ci costa 60 miliardi.

C’è poi la voce sprechi: se accorpiamo i Comuni con meno di 5.000 abitanti, sciogliamo province e Comunità Montane, razionalizziamo i consumi energetici, rendiamo più efficiente l’amministrazione pubblica (ad esempio, con l’adozione di software open source e con prezzari unificati per gli acquisti e gli appalti), semplifichiamo la burocrazia, dimezziamo il numero dei parlamentari, abbassiamo i loro stipendi e vitalizi, diminuiamo del 90% le auto blu, aboliamo il finanziamento ai partiti e ai giornali, riduciamo le regalie alla Chiesa Cattolica, smettiamo di andare a sparare all’estero, non compriamo altri cacciabombardieri e annulliamo le grandi opere inutili, possiamo ipotizzare di mettere insieme almeno altri 50 miliardi (stima molto prudenziale).
E siamo a più di 280 miliardi sperperati dallo Stato italiano ogni anno.

CONTINUA SUL BLOG DEL FATTO QUOTIDIANO


Vietare le droghe funziona?

Ti ricordi quando l’Olanda liberalizzò il consumo della canapa? Doveva succedere l’Apocalisse della droga. Ma non è andata così. Invece la legge Giovanardi ha fatto aumentare del 20% il consumo di cocaina e del 15% quello di cannabis.
Su questo argomento – permettetemi una piccola pubblicità – ho realizzato un libro, insieme a Nina Karen: L’erba del diavolo (Flaccovio editore), dove abbiamo raccolto una serie di dati e di statistiche che dovrebbero quantomeno stupire. Scorrendo i numeri scopriamo che siamo di fronte a un problema di fede. E un’idea del mondo e di Dio. La questione parte dal fatto indiscutibile che Dio punisce i peccatori. Ma i peccatori non hanno per questo smesso di peccare…

CONTINUA SUL BLOG DEL FATTO QUOTIDIANO