Ecologia e Ambiente

Notizie sull'Ecologia e sulla salvaguardia dell'Ambiente

Vuoi risparmiare fino a 48.000 euro di Irpef investendo in un appartamento della Città Verde?

Ecovillaggio Solare

Per tutto il 2014 sarà possibile detrarre dall’Irpef il 50% di quanto speso per la ristrutturazione di un appartamento. L’Irpef è una tassa che pagano sia i dipendenti sia i professionisti.
Questa possibilità di detrarre la metà di quanto investito per migliorare la qualità di un immobile è, una volta tanto, una legge intelligente che mira a rilanciare l’economia restaurando o ammodernando immobili esistenti.
Inoltre, in questo momento i prezzi delle case sono particolarmente bassi ed è quindi ipotizzabile comprare oggi un appartamento, ristrutturarlo e rivenderlo fra qualche anno ottenendo un doppio vantaggio: incassare l’aumento di valore, cioè rivendendo l’appartamento a un prezzo maggiore di quello pagato all’acquisto e contemporaneamente detrarre per 10 anni la metà dei costi di ristrutturazione.
Infine è possibile aumentare la quota di detrazione Irpef in quanto la legge prevede anche una detrazione del 65% per le spese che ottengono un miglioramento dell’efficienza energetica e ci sono anche altre detrazioni sull’acquisto di mobili.
Se la cosa ti interessa ti proponiamo di unire il tuo vantaggio economico personale con un vantaggio più “spirituale”: la possibilità di contribuire allo sviluppo di un grande progetto ecologico ed etico: la costruzione della Città Verde che stiamo realizzando intorno ad Alcatraz e all’Ecovillaggio Solare.

CONTINUA A LEGGERE SUL SITO DI CACAO


La casa stampata in 3D

La casa stampata in 3D

Come avrete letto nell'ultimo periodo ci siamo appassionati alle stampanti 3D e Jacopo prospettava la possibilità di realizzare addirittura una casa stampata direttamente in loco in 3D. Ed ecco cosa scrive Zeusnews: “Realizzare un'intera abitazione stampata in 3D in meno di 24 ore non è più un sogno”. Si parla del progetto Contour Crafting del professore Behrokh Khoshnevis dell'Università della California del Sud. L'idea è molto semplice: per stampare un intero edificio serve una grande stampante che strato su strato disegni la casa utilizzando cemento a presa rapida. “Utilizzando questo processo una sola casa o una serie di case, ognuna delle quali può basarsi su un progetto diverso, può essere costruita automaticamente in un colpo solo”. E una casa di 230 metri quadri potrebbe, teoricamente, essere costruita in meno di 24 ore, senza scarti di lavorazione e con pochissima manodopera.
VIDEO

LEGGI QUI LE ALTRE BUONE NOTIZIE DI OGGI

 


A Grugliasco, Torino, la spesa si paga anche con i rifiuti

A Grugliasco, Torino, la spesa si paga anche con i rifiuti

L'idea è semplice: chi conferisce rifiuti di plastica e alluminio negli appositi raccoglitori automatici riceve un buono d'acquisto da usare nel vicino supermercato o per acquistare biglietti del teatro.
Il progetto si chiama Garby ed è in corso a Grugliasco, Torino, nel supermercato Delizie di mare di via Fratel Prospero 4.
Per ogni pezzo consegnato i cittadini ricevono uno scontrino del valore di 3 centesimi di euro. Ma c'è anche un risvolto ecologico non da poco: i raccoglitori compattano i rifiuti che vengono poi trasportati direttamente alle aziende di riciclo, saltando il passaggio a un centro di raccolta.
(Fonte: Repubblica)

LEGGI QUI LE ALTRE BUONE NOTIZIE DI CACAO DI OGGI


Record dell'eolico in Spagna

Record dell'eolico in Spagna

Nel 2013 in Spagna l'energia eolica ha coperto il 21,1% della domanda superando al fotofinish il nucleare che si è fermato al 21%.
Lo storico sorpasso è dovuto a una crescita del 12% dell’energia dal vento rispetto al 2012, mentre il nucleare è calato dell’8,3%.
(Fonte: Ecoblog)

LEGGI QUI LE ALTRE BUONE NOTIZIE DI CACAO DI OGGI


Un lavoro da somari

Limone e Gina asini Montalto Ligure

Si chiamano Limone e Gina e lavorano a Montalto Ligure, nell'entroterra della provincia di Imperia. Il paesino è medievale e le vie sono strette e inaccessibili ai camion della nettezza urbana, quindi un operatore tutte le mattine ritira i sacchetti della raccolta differenziata a dorso dei due asini. Poi raccoglie anche le deiezioni degli asini, un lavoro infinito.
(Fonte: Repubblica)

LEGGI QUI LE ALTRE NOTIZIE DI CACAO DI OGGI


Universiadi a impatto zero

Universiadi a impatto zero

In Trentino Alto Adige, fino al 21 dicembre, si svolgono le Universiadi, una sorta di olimpiadi per studenti universitari da tutto il mondo. Il nostro caro amico Maurizio Fauri, in collaborazione con L'Università di Trento, sta realizzando un progetto per la “compensazione delle emissioni”, cioè una serie di iniziative che riescano a compensare le emissioni inquinanti causate dalla manifestazione. Da una parte il Comitato organizzatore ha adottato alcune buone pratiche (meno carta possibile, impiego di automezzi a trazione elettrica o alimentati a gas o idrogeno, medaglie in parte realizzate con materiali riciclati), dall'altra sono state adottate misure su tutto il territorio provinciale: riduzione della temperatura all’interno degli uffici e di altri edifici pubblici nel corso del mese di dicembre e gennaio di (1÷2)°C, attenuazione dell’illuminazione pubblica nelle ore della notte in zone di scarso traffico, limitazione dell’orario di accensione delle luminarie di Natale, promozione di car sharing, car pooling e Pedibus.
Un lavoro enorme, a cui chiunque può partecipare riducendo i propri consumi e quindi le emissioni inquinanti. Fate un giro sul sito http://zeroemission.universiadetrentino.org

Qui il comunicato stampa dell'iniziativa

 

LEGGI QUI LE ALTRE BUONE NOTIZIE DI OGGI

 


Elenco ecotecnologie e idee per lo sviluppo del Terzo Mondo

Stiamo realizzando un censimento di idee pratiche innovative, per realizzare un libro. Vuoi collaborare? Aggiungi quelle che conosci tu.
Stiamo anche creando un gruppo di lavoro su questo tema, che realizzi un libro in diverse lingue; se ti interessa partecipare invia una mail a elena@alcatraz.it e collegati alla prima riunione via web tv-chat-mail-skype-telefono lunedì 16 settembre ore 21,30 su www.alcatraz.it.

Ecco di seguito alcune ecotecnologie per i paesi in via di sviluppo di cui siamo a conoscenza.

- Stufe a legna per Paesi del Terzo mondo costruibili con una forbice da lamiera e qualche latta che permettono di bruciare legno in modo molto efficiente senza produrre fumo (pirolisi) offrendo un risparmio enorme nel consumo di legna. In questo modo si evita la desertificazione, l’inquinamento da fumo nelle case e si riduce il tempo che le famiglie devono dedicare alla raccolta della legna (vedi qui http://lenoteamargine.blogspot.it/2009/03/amazzonia-biomasse-e-pirolisi.html).

- Fornello a pirolisi per cucinare, produce anche elettricità per alimentare un cellulare o un led.
http://www.macitynet.it/BioLite-CampStove-liPhone-si-ricarica-facendo-bollire-lacqua/
http://www.biolitestove.com/

- Illuminazione domestica ottenuta con latte da 5 litri riempite di sterco di vacca, una manciata di sale, una pila esausta, un filo elettrico e un led. Dà luce per 45 giorni.

La tanica a forma di ruota col buco in mezzo che si trascina con una corda
- La tanica a forma di ruota col buco in mezzo che si trascina con una corda (versione 1 e versione 2).

- Sistemi di filtraggio dell’acqua a basso costo, sistemi di captazione dell’umidità dell’aria con muri a secco e altri metodi tradizionali (filtri sabbia polvere di carbone di legna, pietre, vedi Pietro Laureano)

- Solvatten, purificatore d’acqua. Quello di portare l’energia elettrica nelle comunità più povere e disastrate è solo la punta dell’iceberg. L’accesso all’acqua potabile, infatti, è una priorità che non può essere più ignorata. A dare il proprio contributo alla causa ci ha pensato l’inventore svedese Petra Wadstrom che ha inventato un sistema di depurazione dell’acqua alimentato con l’energia del sole. Il sistema, infatti, sfrutta i raggi UV per purificare l’acqua contenuta nella speciale tanica. (fonte: http://www.tuttogreen.it/49474/)

- Un altro tipo di desalinatore solare è stato inventato da un giovane neolaureato italiano, è in terra cotta e può generare circa 5 litri di acqua dolce dall’acqua salata.

- Eolico artigianale realizzato con rottami di bicicletta (progetto di un giovane africano).

- Micro mulino a vento composto da una ventina di piccolissime pale eoliche (non troviamo la fonte di questa notizia).

- Generatore di corrente idrico che sfrutta le onde con un galleggiante. La novità è che il generatore si trova sulla spiaggia, quindi è meno costoso di un generatore subacqueo.

- Mini impianti di biogas autocostruiti al costo di 150 dollari. Ne sono stati realizzati più di un milione e mezzo solo in Bangladesh

- Frigoriferi a inerzia, super isolati, costruiti sul posto a basso costo con mattoni, isolanti e un refrigeratore... Funzionano anche con un'ora sola di energia elettrica al giorno. Accumulano il freddo grazie a contenitori d’acqua (progetto della Western & Co di Giovanni Cimini).

- Biciclette modificate per il trasporto di merci

- Forni solari

- Lampada a gravità, sfrutta un meccanismo a contrappeso simile a quello di un orologio a pendolo per produrre corrente elettrica che alimenta una lampada a led.

- Serra Interrata. Al costo di 200 euro è possibile costruire una serra interrata che permette di coltivare verdure anche in inverno.

- Case a basso costo con argilla pressata mista a cemento e sabbia.
Roberto Mattone probabilmente è stato preso in giro a scuola per il suo cognome, e forse per rivalsa è diventato poi ingegnere e docente al Politecnico di Torino. Ma è andato oltre e ha inventato un mattone speciale. Realizzato in terra cruda (argilla), con l’aggiunta di una piccola percentuale di cemento (3/6%) e di sabbia finissima, ricavata setacciando ciottoli. Il mattone diventa particolarmente resistente grazie alla forza di una pressa manuale dotata di un lungo braccio. Basta che una persona si appenda al palo per ottenere, grazie ai miracoli dell’effetto leva, una compressione notevole, sufficiente a realizzare un mattone crudo molto più resistente e duraturo di quelli antichi. Inoltre, Mattone ha progettato un laterizio con una forma simile ai mattoncini dei Lego con l’aggiunta di incastri squadrati anche sui lati. Questo particolare rende molto più facile costruire un muro dritto e a piombo. Tra un mattone e l’altro si usa a mo' di colla argilla liquida. Case a basso costo grazie a questo metodo sono state realizzate in molti paesi in via di sviluppo. Per saperne di più vedi qui. Per una descrizione più tecnica scarica qui.
Sul sito del comune di Alessandria le pagine dello studio Terra Cruda, lavorare con la terra cruda, da pagina 37 a pagina 43, sono 3 Pdf.
Per contatti con l’associazione Mattone su Mattone vedi http://www.mattonesumattone.org

- Università indiana dei tecnici dai piedi scalzi
Nel villaggio di Kharaghogha vive Dhanjibhai Kerai, 30 anni. Gravemente paralizzato dalla polio è alto solo 70 centimetri. Anche se non è mai andato a scuola, Kerai ha avviato una piccola impresa di elettronica: ripara radio, registratori e televisori in bianco e nero, tutto a basso costo.
Si è poi specializzato nella costruzione di macchine agricole, carrucole, pompe con componenti recuperati in discarica. A partire dalla sua esperienza e da altre simili è nata un’università per tecnici che ospita fino a 500 allievi per volta. Kerai ha costruito anche uno scooter per disabili. Questo movimento per la tecnologia a basso costo sta cambiando la vita degli Dalit indiani che non possono attingere direttamente acqua dai pozzi e per ottenerla devono compiere servizi per le caste che hanno accesso ai pozzi. Questa forma di schiavitù per l’acqua viene oggi debellata da cooperative che costruiscono linee idriche per portare l’acqua direttamente nelle case degli Intoccabili.

- Generatore idrico a ruota galleggiante (simile a quelle dei trattori ma più leggera). Si alza e si abbassa seguendo il livello dell’acqua del fiume.

- Tecniche per bloccare il deserto e recuperare terreni
(Vedi anche articolo il Fatto Quotidiano Il contadino nero che fermò il deserto)
Negli anni settanta alcune Onlus decisero di realizzare collinette alte 4/5 metri e lunghe chilometri allo scopo di bloccare il vento secco del deserto che asciuga rapidamente il terreno dopo le piogge e creare così zone protette dove la vegetazione potesse ricrescere.
Partirono con ruspe e camion ma dopo poco tutta l’attrezzatura fu devastata dalla sabbia che si infiltrava ovunque e dovettero abbandonare l’idea. Così i contadini presero in mano la situazione utilizzando una tecnica millenaria.
Iniziarono a piantare lunghissime file di foglie di palma intrecciate. Queste foglie costituirono una barriera che tratteneva parte della sabbia portata dal vento. Così, piano piano, la sabbia si accumula intorno alle foglie fino a ricoprirle. Allora i contadini piantavano sulla prima fila una seconda fila di foglie. Altra sabbia si accumulava fino a coprire anche questo secondo strato. E così via. Un lavoro ciclopico che ha richiesto anni ma che lentamente ha iniziato a dare risultati (vedi Pietro Laureano e http://www.reportafrica.it/reportages.php?reportage=141).
Questi e altri tentativi analoghi hanno oggi raggiunto un ulteriore risultato, alcune multinazionali una volta tanto hanno deciso di fare qualche cosa di buono, investendo cifre enormi per piantare nelle zone predesertiche completamente improduttive, piante oleose resistentissime alla siccità ma disgraziatamente non commestibili, allo scopo di produrre biodiesel. Parliamo di estensioni di terreno grandi come la Lombardia… In questo campo, oltre alla coltivazione della Jatropha (sulla quale la sperimentazione ha dato esiti contrastanti) ci sono altri esperimenti in corso, ad esempio con una particolare varietà di cedro che può essere innaffiato con acqua relativamente salata. Un altro progetto è la Muraglia Verde africana (http://www.missionline.org/index.php?l=it&art=1547
e http://www.liquida.it/grande-muraglia-verde/) che partendo dal Senegal e attraversando 11 Stati dovrebbe costituire una fascia di alberi lunga 7.000 chilometri. Le piante più utilizzate sono l’Acacia senegalensis e la Balanites aegyptiaca, (datteri del deserto).
Un progetto analogo è in corso di realizzazione in Cina.
Tutte queste azioni hanno fatto sì che l’espansione dei deserti è stata in gran parte bloccata e in alcune zone si è arrivati addirittura a ridurne l’area.

Jacopo Fo
(con la collaborazione di Andrea Brugnolli)


Canapa mobile

Scooter elettrico in canapa BE.E Olanda Amsterdam

Gli inarrendevoli olandesi di Amsterdam hanno appena terminato la realizzazione di uno scooter elettrico in fibra di canapa. Si chiama BE.E, è il più ecologico al mondo ed è nato dalla collaborazione tra il costruttore Van.Eko, l'Università delle Scienze Applicate Inholland, l'agenzia di progettazione Waarmaker di Amsterdam e il produttore di materiali compositi NPSP. La robusta monoscocca è in canapa, lino e cellulosa ed è garantita per 4 anni, oltre ad essere completamente smaltibile a fine ciclo di vita.
Ideale per la città, BE.E ha un motore elettrico di 4 kW e circa 60 chilometri d'autonomia. Le batterie si ricaricano in 3 ore, 200 cicli di ricarica garantiti. La velocità è settabile su 25, 45 o 55 km/h. Le luci sono a LED, c'è una porta USB e un posto per mettere lo smartphone. Sotto la sella c'è anche un vano per le canne.
(Fonte: http://www.overgrow-italy.nl/?p=13486)
Davide Calabria

LEGGI QUI ALTRE NOTIZIE DI CACAO DI OGGI


Una bottiglia di plastica usata vale 10 centesimi

FareRaccolta

E' la formula adottata da “FareRaccolta”, un nuovo sistema ideato da alcuni professionisti di Rimini per raccogliere e riciclare i rifiuti premiando i più virtuosi. Chi conferisce i vuoti nei contenitori FareRaccolta riceve un bonus da spendere in una delle attività commerciali convenzionate. In Italia sono già attive 14 postazioni (in un anno sono stati raccolti 412.500 pezzi per un totale di oltre 12 tonnellate di Pet) e giorni fa è stata inaugurata la prima in Sardegna, nel Comune di Guspini.
http://www.fareraccolta.it/
(Segnalata da Rita C.)

LEGGI QUI LE ALTRE BUONE NOTIZIE DI OGGI

 


Arriva l'estate (e il surriscaldamento globale), è ora di mettere le copertine ai ghiacciai

Svizzera coperte ghiacciaio RodanoOgni estate il ghiacciaio del Rodano, nelle Alpi Svizzere, viene protetto da speciali coperte bianche in grado di ridurre al minimo lo scioglimento.
Questa è l'ultima di una serie di idee bizzarre per mantenere intatti i ghiacciai. Pare che nel 2008 un professore di geografia tentò l'installazione un'enorme parabrezza per bloccare i venti freddi e mantenerli il più possibile sopra il ghiacciaio.
Quando un aereo ci è passato attraverso il progetto è stato ritirato?
(Fonte: Greenme)

LEGGI QUI LE ALTRE BUONE NOTIZIE DI CACAO DI OGGI