Alcatraz

Ad Alcatraz c'è fervore artistico!

In questo momento Eleonora e Stefano stanno montando degli assurdi mobiletti colorati, con attaccate sopra sagome di legno ritagliato.
Stanno preparando oggetti per i regali di natale di CommercioEtico.it
Da una parte spero che Eleonora non mi lasci dopo aver scoperto che ci sono uomini che sanno realizzare incastri perfetti.
Dall’altra parte sono contento perché questo fervore artistico è vitalizzante.
Ad Alcatraz è in corso un curioso fenomeno di impollinatura globale.
Cioè siamo sempre stati un posto creativo, ma quel che accade ora è che continuano a sbocciare da tutte le parti produzioni (mobili, dipinti, spettacoli teatrali, video, libri ecc…).
Un fenomeno iniziato per i fatti suoi, e fuori dal mio controllo, quando Eleonora ha iniziato a riempire il bosco di allestimenti scenici folli. Poi è riuscita a coinvolgere qualche centinaio di persone in questo laboratorio di arte all’aperto. E adesso c’è un Bosco Fantastico che vale la pena vederlo. Ma con calma, perché le sculture te le devi andare a scovare… Poi Imad Zebala si è dato all’organizzazione del festival Estasi Musicando. Ad Alcatraz giravano molti attori, scrittori e disegnatori ma pochi musicisti. Che sono proprio biologicamente animali di altro tipo.
E cosa succede se chiudi in una stanza un musicista, un attore e uno scrittore? Succede che Stefano Benni fa uno spettacolo con Mesolella, sublime chitarrista… Poi mettiamo insieme lo spettacolo sui Seminole con una quindicina di artisti… E poi a mio padre gli vien voglia di fare un corso di teatro. Arrivano 130 persone e saltano fuori una dozzina di giovani che hanno scritto e allestito spettacoli che magari avrebbero bisogno qualche consiglio per arrivare al massimo… Oppure di uno scenografo e di un costumista…. E allora mio padre decide di fare un secondo corso a dicembre 2012 per far vedere in diretta come fanno lui e mia madre a mettere in scena un testo… E poi raggrupperemo questi attori per lavorare sui loro spettacoli.
E allora vien fuori Bruno Paterno e dice: “Ma qui c’è materiale per fare una trasmissione tv….” E perché no? E via a fare un demo con il gruppo di Alessandro Cofanelli (il maestro del video). Adesso stanno girando per le tv allo scopo di scoprire se c’è qualcuno interessato a mandarci in onda… Poi ci troviamo a discutere con Simone: perché non lanciamo un appello ai nostri lettori e troviamo una ventina di amanti delle ecotecnologie e facciamo un mensile in pdf e lo vendiamo?
Una redazione via web!
E poi ci sono una serie di cose delle quali non ti posso parlare perché sennò poi dovrei ucciderti. Tipo un paio di spettacoli pazzeschi che mischieranno musica e teatro.
E anche nel settore delle ecotecnologie c’è fermento. Pare proprio che una potente generazione di nuove macchine stia per rivoluzionare il mercato come un calzino. E anche lì ci sono progetti che stanno lievitando.
E intanto schiere di operai nerboruti stanno edificando l’Ecovillaggio Solare di Alcatraz… E i progetti pullulano anche lì. Poi abbiamo scoperto che esistono alcuni finanziamenti dell’UE che ci permetterebbero di realizzare cose mai viste: tipo Alcatraz che ospita gratis 40 persone per qualche mese, per realizzare prodotti culturali di ogni tipo…
Insomma, Alcatraz si sta trasformando in un mega centro di produzione artistica e di sperimentazione ecotecnologica.
Un luogo che è la base fisica di una rete di persone creative che amano lavorare insieme.
Vorrei raccontarti tutto questo, e anche altro e sentire cosa ne pensi e se ti va di collaborare.
Mercoledì sera alle ore 21,30 mi troverai dentro un televisorino pubblicato sulla home di www.alcatraz.it.
Potremo comunicare via chat e via Skype. Un mix di tecniche di connessione.
L’idea è di partire con 3 gruppi di lavoro.

1--- Ecotecno: creiamo uno strumento che dia informazioni dettagliate e verificate sulle ecotecnologie. Non le solite 4 righe che non spiegano niente.
Ecotecno: la più autorevole rivista italiana sulle ecotecnologie. Dati e diagrammi. Non le solite chiacchiere disinformate.

2--- Vuoi realizzare una grande ricerca storica sui Kalunga? Scrivere finalmente la storia censurata degli schiavi ribelli che in Brasile fuggirono in 30mila e si nascosero nell’Amazzonia (e non li trovarono più).

3--- Vuoi rifinire il tuo spettacolo teatrale? Farlo insieme ad altri (professionisti e dilettanti ) è meglio. Il lavoro collettivo libera energie di una potenza sconosciuta.

Ti connetti?

 


E' la musica ribelle, baby!

Estasi Musicando

Imad Zebala è riuscito a compiere un miracolo. 50 musicisti e ballerini verranno ad Alcatraz dal 28 luglio al 4 agosto.
Sinceramente quando me ne parlò tre anni fa pensai che non poteva funzionare.
Invece (insieme al grandissimo Nando Citarella) mi ha dimostrato la forza dell’energia creativa.
Perché di questo si tratta.
Mi chiedevo: verranno ad Alcatraz grandi musicisti, per pochissimi soldi, per esibirsi di fronte a pochissime persone?
Perché dovrebbero?
Quello che è successo è che negli ultimi 3 anni Alcatraz è diventata svariate volte un laboratorio musicale che ha messo a lavorare assieme musicisti che magari si conoscevano ma non collaboravano da anni.
Un incontro vero, anche con un pubblico di grandi appassionati… Persone che con la musica buona iniziano a vibrare… e si sente… E poi grandi ballerini… in mezzo alla natura, mangiando cibo squisito… Ne viene fuori una sinergia potente. E il festival Estasi Musicando è andato così crescendo e ora, al terzo anno, sta esplodendo allegramente (con una lista di partecipanti che continua ad aumentare).
È nato così lo spettacolo di Stefano Benni e Mesolella, che sta girando l’Italia alla grande, e lo spettacolo sui Seminole che sta coinvolgendo sempre più musicisti, A67, Toni Esposito, Modena City Ramblers, Sergio Laccone, Sud Sound System e attori come Paolo Rossi, Mario Pirovano, i miei genitori, che sfocerà in uno spettacolo in autunno…
Musica, teatro, poesia, grandi professionisti che si incontrano in una situazione unica. Questo lo sappiamo organizzare bene (Imad in modo particolare) e questo ci piace fare più di ogni altra cosa: creare idee emozionanti insieme agli altri!
Per questo sono convinto che ancora una volta Estasi Musicando sarà un grandissimo happening. Di quelli veri.
Cosa ne verrà fuori non lo sa ancora nessuno. Coltiviamo il gusto della sorpresa.
Dico solo una cosa: ho visto Toni Esposito suonare con 3 mani e Sergio Laccone spiegare in 5 minuti e 12 passi la differenza tra i ritmi sud americani e il valzer. Sono cose che ti aprono la mente e che mi stanno facendo amare ancor di più la musica.
La musica ribelle.
Preparate le scarpette e gli orecchi… Il 28 luglio comincia l’happenig!

ECCO INTANTO UNA LISTA PARZIALE DELLE ADESIONI AL FESTIVAL:

AKUNA MATATA "la tribù delle scimmie"
STEFANO BENNI
ANTONELLA CERCIELLO
NANDO CITARELLA
SIMONE CRISTICCHI

A67

VESNA ELEZ
FOJA
JAHMILA
ALESSANDRO HABER
FAUSTO MESOLELLA
MAURO PALMAS
IMAD ZEBALA
e
MARIO PIROVANO
ANGELO AIRAGHI
CORRADO FUSTO
ELEONORA ALBANESE
JACOPO FO


Per favore aiutatemi a capire perché ci considerano pazzi

E' estate ormai e fa caldo e mi è venuta voglia di raccontarvi un po’ di cavolacci miei, e di chiedervi addirittura aiuto … Mi scuso preventivamente con chi non ha voglia di ascoltare chiacchiere esistenziali e confessioni, saltate questo articolo…
Ad Alcatraz arrivano parecchie persone simpatiche, che magari da anni sono abbonate a Cacao, o hanno letto i nostri libri, e dopo un po’ che si chiacchiera mi dicono che erano anni che pensavano di venire a Alcatraz ma c’era qualche cosa che li bloccava … Gli sembrava che Alcatraz fosse un posto “strano” e venirci un po’ troppo impegnativo. E mi dicono che invece arrivando si sono stupiti di trovarsi in un posto “normale” dove ognuno fa quel che desidera e si sente a casa sua.
Altri mi dicono che non avrebbero pensato di trovarsi a chiacchierare con me al bar, perché credevano che io fossi uno che se ne sta in una torre e non parla con nessuno.
E via così.
Mi sono quindi chiesto come mai persone simpatiche, con le quali ci si trova subito in comunicazione, e che quindi sono sulla nostra stessa lunghezza d’onda, si siano trovate a farsi un’idea di Alcatraz o di me, come di qualche cosa di “complicato”.

Come mai Alcatraz, nonostante tutto quel che si è scritto e detto, continua a essere “segnata” da un’”aurea” di “luogo estremo”?
Un luogo estremo visto magari con simpatia, ma comunque estremo.
Ci sono persone che mi dicono: “Da tempo volevo venire ma solo ora mi sono deciso perché sono veramente distrutto.”
Va beh, mi fa piacere che Alcatraz sia sentita come un posto dove puoi andare a tirare su i pezzi quando sei alla frutta… Ma quando uno viene per star meglio quando già sta bene, lo preferisco…
E comunque anche questo fatto avvalora il sospetto che nonostante tutti gli sforzi di comunicazione non siamo riusciti a comunicare un’idea di Alcatraz corrispondente a quel che è realmente. Un posto dove si mangia bene e puoi andare a fare un corso o a far nulla, dove c’è della gente mediamente disposta a chiacchierare e a scherzare…
E questo è un problema, soprattutto per gente come noi che sostanzialmente di mestiere fa comunicazione.
Allora quel che ti chiedo sono due cose:
Perché diamo quest’immagine?
Come potremmo dare un’immagine diversa?

Inizio io cercando di mettere assieme alcune informazioni.

Innanzi tutto c’è da dire che comunicare è un casino.
In 30 anni sono usciti articoli su Alcatraz su tutti i maggiori giornali italiani.
Ho partecipato ad almeno una cinquantina di trasmissioni televisive e radiofoniche, convegni, fiere ecologiche, venduto mezzo milione di libri (dove c’è sempre scritto cos’è Alcatraz) e ogni tanto arriva qualcuno che dice: “Ho saputo che esiste questo posto solo la settimana scorsa, perché non fate un po’ di pubblicità?” E tu ti senti un verme.
Ciò a dire che far arrivare un’informazione non è facile, nel bailamme della società dello spettacolo.

Seconda informazione: io ho avuto molti vantaggi nella mia vita ma anche qualche problemino.
Sono figlio di papà, quindi strutturalmente stronzo. Mi sono occupato di ecologia troppo presto, quindi sono radical chic. Ho parlato di punto G e muscoletti vaginali (quindi sono un feticista gay maniaco sessuale).
Ho scritto un libro sui crimini della Chiesa Cattolica, quindi sono un demonio.
Facevo parte pure dell’estrema sinistra comunista, quindi sono un criminale.

Tutti questi prerequisiti comportano quindi che Alcatraz sia identificata come una comune anche se NON è una comune, nessuno ci abita, ed è sostanzialmente un albergo con annessi ristorante e aule per le lezioni. Postilla del fatto che si crede Alcatraz una comune è la convinzione che sia una comune mistica (per via che si mangia biologico) dedita alla meditazione trascendentale (odio la meditazione trascendentale!) e che io sia certamente un guru che vende l’apertura dei chakra un tanto al chilo (chi mi conosce, dopo 5 minuti capisce subito che come guru sono negato).

Sinceramente ho anche riflettuto a lungo su come sono fatto io…
Evidentemente un po’ strano lo sono. Devo anche ammettere che da ragazzino ero MOLTO strano… Di base… A scuola quando provavo a intervenire in assemblea mi fischiavano tutti, anche quelli del mio collettivo politico… E le ragazze, quanto ci provavo, scoppiavano a ridere.
Ero il tipo sfigato che se uno mi guardava male andavo lì e gli chiedevo: “Perché non mi vuoi bene?” Cioè, stile nerd.
Forse era anche la mia faccia da bambino che non mi rendeva credibile.
E pure nella redazione del Male ero in una posizione strana. Ogni tanto avevo buone idee, ma comunque ero considerato un po’ fuori di testa… E in effetti dopo il rapimento di mia madre ero restato un po’ “agitato”.
Questa fase iniziale della mia vita sociale ha determinato che non sono mai stato sostenuto da un sistema di referenze coltivato nel periodo giovanile. Questo in Italia è particolarmente importante, le referenze sono importanti, per credere che uno è una persona sensata hai bisogno che qualcuno te lo “raccomandi”. Il nostro sistema sociale è basato su questo meccanismo dei consigli degli amici.
Ecco, a me sicuramente è mancato questo. I miei amici di allora generalmente lo sono ancora adesso, abbiamo buoni rapporti, quando ci vediamo, magari mi raccontano di questioni intime… Quindi si fidano di me… Ma non sono il tipo di amico che presenteresti a tua sorella…
Con le persone che non mi hanno conosciuto da ragazzo ho qualche chance in più… Anche perché, onestamente, siamo veramente un gruppo affidabile… Magari il merito, più che mio, è della fortuna che ho avuto a incontrare persone straordinarie e mettermi a lavorare con loro… E al di là del merito, sul lavoro, ho sempre rispettato i contratti col cronometro, ma anche lì, quando ho detto ad alcuni miei amici che avremmo costruito impianti fotovoltaici finanziati al 100%, sono scoppiati a ridere. E il fatto che poi ne abbiamo realmente costruiti 310 (per lo più per merito di Maria Cristina Dalbosco, ma comunque si son fatti e funzionano tutti) non li ha poi fatti muovere di un millimetro dal loro stato d’animo nei miei confronti. Resto un casinaro.
Contrappunto a questa idea che si sia dei confusionari è il fatto che invece per alcuni siamo un gruppo di perfezionisti ossessivi… Recentemente su Aam Terranova, storico mensile dell’ecologia, è uscita una recensione di Alcatraz che diceva: “È un bel posto ma sono troppo organizzati”. Altri sono convinti che siamo un gruppo di tecnocrati bocconiani assatanati per i soldi che guadagnano milioni di euro con la cultura di sinistra…

Un altro aspetto sul quale ho riflettuto a lungo è che ho commesso un grave peccato culturale.
Uno che a 24 anni decide di scrivere l’Enciclopedia Universale in 22 volumi viene considerato un po’ presuntuoso. Se poi come sottotitolo dell’enciclopedia ci scrivi: “Come quella di Diderot, ma più sexy. L’unica enciclopedia rilegata ancora viva!” allora diventi veramente irritante. E a me sembrava così divertente!
Devo ammettere che ero conscio di fare una provocazione. Ma il divertimento era proprio quello…
Poi capisco che qualcuno si possa irritare per il fatto che uno dice: “Scriverò 22 volumi sulle nuove frontiere della cultura alternativa…”. Si incazzano soprattutto le persone che soffrono di creatività stitica e contemporaneamente si sentono più intelligenti di Pitagora.
Se poi di libri dell’Enciclopedia Universale invece di 22 ne pubblichi 28 allora sei proprio un provocatore. E se poi c’è pure qualcuno che se li compra allora diventi odioso.
E dà fastidio pure che si affermi che esiste un’altra cultura (che io mi sono limitato a raccontare) che esprime un modello antagonista del mondo… Ti danno del tuttologo superficiale.
E in realtà fa anche incazzare che ci si permetta di scrivere di GRANDI ARGOMENTI sghignazzando e infilandoci dentro battute sceme che fanno ridere… È lesa maestà. Violazione dell’area di sacralità del Pensiero Superiore…

Cavolo, quando mi sono messo a scrivere questo articolo non avevo chiaro in testa quanti cavoli di motivi ho per essere considerato un cazzone supponente… Merda…

Per completare il discorso aggiungo solo che questo non è un piagnisteo, perché so benissimo che esistono veramente molte persone che ci vogliono bene e ci vedono per quel che siamo… Una roba che ti corrobora… Il fatto stesso che in così tanti si siano fidati a darci da costruire il loro prezioso impianto fotovoltaico vuol dire molto… Ed è un segno di stima enorme. Così come il fatto che quando ci siamo trovati in difficoltà economica, 10 anni fa, siamo riusciti a continuare a galleggiare grazie a una dimostrazione di generosità enorme da parte di 1300 santi ecologisti che si sono abbonati a Cacao pagando una cosa che era gratis (e decidendo con web referendum che doveva continuare a essere gratis per chi non voleva pagare). E anche il fatto di aver trovato un gruppo di famiglie che hanno creduto nell’idea dell’Ecovillaggio Solare è un segno immensamente positivo.  Esistono molte persone fantastiche che hanno un’ottima opinione del nostro lavoro.
Quindi le cose vanno poi alla fin fine bene lo stesso, ma sai com’è… al meglio non c’è mai fine… se riuscissimo ad aggiustare un po’ la nostra immagine “mediatica” ci farebbe anche bene…

Va beh… se ti viene un’idea su qualche cosa che potremmo fare per darci un’aria di persone normali dimmelo. Ti sarò eternamente grato.


Vacanze per bambini e genitori alla Libera Università di Alcatraz

Nei mesi di giugno e luglio 2015

Sconti per famiglie numerose! Chiamaci per tutte le informazioni...

Vivere il rapporto con i nostri figli per una settimana insieme nel verde della Libera Università di Alcatraz, esplorare i territori dell’Umbria, passeggiare nel fiume, partecipare ai numerosi laboratori organizzati, andare in piscina e a cavallo, per i più piccoli e per i più grandicelli insieme a mamma o papà, per vivere una settimana di vacanza unica e indimenticabile, accompagnati da animatori, guide ambientali, cuoche dolcissime e artisti clown. Un’esperienza rilassante ed istruttiva allo stesso tempo, sia per il genitore che per il figlio o la figlia, trascorrere una settimana in campagna, insieme ad altri bambini e ad altri genitori, con attività organizzate per soddisfare necessità e desideri di tutti, settimane suddivise a seconda dell'età dei vostri figli, per assicurare una omogeneità dei parteciparti.

Date ESTATE 2015
Dal 14 al 21 giugno: età consigliata 8-11 anni
Dal 28 Giugno al 5 Luglio: età consigliata 10-13 anni
Dal 18 al 25 Luglio: età consigliata 3-7 anni
Dal 25 al 31 luglio: età consigliata 7-13 anni

Obiettivi
Far sperimentare al genitore e al bambino un nuovo modo di "stare insieme" per ritrovarsi e sviluppare in modo complementare tutte le potenzialità del bambino. La presenza del genitore durante le attività è fondamentale in quanto è sulla relazione genitore-bambino (che insieme sperimentano la realtà) che si fonda il progetto.

PER MAGGIORI INFORMAZIONI CLICCA QUI


Estasi Musicando 25-27 maggio 2012 Libera Università di Alcatraz

Estasi Musicando Libera Università di AlcatrazVolevamo dare un "ASSAGGIO SOSTANZIOSO" del Festival estivo della Libera Università di Alcatraz. Come sempre sarà un evento coinvolgente, dove si parla e si fa tutto ciò che riguarda la Musica con la sua filosofia, il suo potere sulla persona e sulle realtà umane diverse partendo DALL'INDIA PASSANDO DALLA MUSICA ARABO-MESOPOTAMICA DELL'IRAQ FINO ALL'ITALIA. Grandissimi musicisti di livello internazionale si scambieranno note ed esperienze, intoneranno pezzi indimenticabili dalla musica Sufi alla popolare e alle varie forme musicali attuali.
TRA QUESTI OSPITI CI SARA':

Fausto Mesolella (Avion travel) ..chitarra, il grande chitarrista presenterà il nuovo cd .."suonerò fino a farti fiorire"
Sageer Khan, discepolo e figlio del grande M° Munir Khan ..Sitar "India"
Rashmi bahatt.. maestro di Tabla "India"
Marwan Samer ..maestro di Ud "la chitarra araba ..Iraq"
Nando Citarella .. polistrumentista
e a presto altre sorprese..

Sarà proposto come sempre..un ciclo di seminari, spettacoli e concerti, avvalendosi della collaborazione e della partecipazione di artisti musicisti, cantanti e danzatori che tracceranno un percorso della loro esperienza di vissuto artistico. Tornerete a casa carichi di Meraviglie da farvi dire: "IO C'ERO!!!"
I numerosi seminari- corsi, inclusi nel programma della manifestazione, sono basati, non solo sull'apprendimento ma soprattutto, sul benessere psicofisico, scovando tutta l'energia positiva che ci offrono la musica, le danze e il ritmo nelle loro variazioni, dalle forme più tradizionali alle più moderne, arrivando al nostro cuore scuotendo le nostre più positive e recondite emozioni, tutto questo sotto la guida di vari esperti e artisti di alto livello, tra cui:
Rashmi bahatt e Sageer Khan i segreti della danze e musica Indiana.
Vesna Elez: danze orientali e balcaniche
Antonella Cerciello: danze popolari, "pizzica e tammoriata"
Nando Citarella: Voce Corpo Suono dall'Invocazione alla Trance per fermare il Tempo
Angelo Airaghi: tai chi
Corrado Fusto: watsu "massaggio in acqua calda"
Imad Zebala e Marwan Samer: il potere della musica dal sufismo alla musica attuale.
Poi ci sarà una mostra di quadri della nostra SANTA ROSSI.

Il costo totale in pensione completa, seminari, corsi e concerti del week end è di euro 246.00. Per chi usufruisce solo dell'evento senza vitto e alloggio il costo è di 110.00 euro.

PER INFO: www.alcatraz.it - info@alcatraz.it - imad@alcatraz.it - 0759229938-39-14

 


Nel 2012 il mondo non finirà, ma cambierà tutto.

Libera Università di Alcatraz

Ad Alcatraz stiamo lavorando perché il cambiamento sia il migliore possibile. Per te!
Sono ormai più di 30 anni che lavoriamo a questo progetto e, finalmente, tutto sta sbocciando. Il 2011 è stato un anno di mietitura e il 2012 si annuncia anche meglio.
Continueremo quindi a fare quel che sappiamo far meglio: i cibi deliziosi, i corsi di Yoga Demenziale, i laboratori d’arte, i corsi di massaggi, benessere, teatro…
 
Inoltre:
 
Il 10 Marzo, presso la Libera Università di Alcatraz,  Jacopo Fo presenterà il suo nuovo spettacolo teatrale “Impossibile  ma vero”. Alle ore 21:30. Per info 075-9229938
 
Vacanze per genitori e figli: una settimana con un programma completamente divertente! Insieme con i vostri bambini a fare giochi che appassionano bambini e adulti. Una settimana di pagliacci, mascherate, trucchi, magie, esperimenti scioccanti, immersi nella natura con cibi deliziosi anche per i bambini. 
 
In collaborazione con l' associazione Onlus Nuovo Comitato un Nobel per i disabili proponiamo corsi gratuiti per disabili e persone appartenenti a fasce sociali svantaggiate, sull’uso del computer, la realizzazione di cartoni animati vettoriali e applicazioni per smart phone.
 
Un ricco seminario di Yoga Ratna, il Gioiello, la Perla dello Yoga tenuto dalla dr. Enrica Rame, psicoterapeuta, insegnante diplomata della SIYR ed allieva diretta della Maestra Gabriella Cella Al-Chamali ideatrice di questo innovativo metodo terapeutico. Un articolato percorso attraverso movimenti guidati dal respiro, Yoga delle mani, sequenze di asana e pranayama finalizzate al riequilibrio del corpo e della mente.    
 
Seminario “La voce narrante”, dal testo alla lettura scenica con Stefano Benni, Umberto Petrin e Fabio Vignaroli dal 4 all'11 Agosto. 
 
Estasi Musicando, il festival della musica e della parola di Alcatraz. Imperdibili momenti di incontro e scambio con artisti, musicisti, cantanti e danzatori. Andate a vedere chi sono stati i nostri ospiti nelle precedenti edizioni: link
 
Corsi di equitazione, comic burlesque e comico-terapia. Corsi per realizzare orti sinergici, passeggiate nel bosco per la raccolta delle piante spontanee ed altri ancora.
 
Consulta l'intero calendario corsi
 
Ti ricordo che puoi venire ad Alcatraz a fare l'artista. Stiamo sviluppando furiosamente il museo parco di arte totale! Oltre a partecipare ai laboratori creativi, tenuti da Eleonora Albanese e Claudia Rordorf, se verrai in vacanza ad Alcatraz, ogni giorno potrai offrire la tua collaborazione creativa ai progetti artistici che sono in corso.
 
Alcatraz ha anche uno spazio televisivo su web: dirette con Jacopo Fo, Eleonora Albanese, le riprese dei corsi,    conferenze sull’ecologia, la storia e tutto il resto. Una tv a singhiozzo che puoi rivedere quando vuoi in streaming.
 
Altri video li puoi poi trovare sui nostri canali youtube: videojacopofojacopofo2  e repubblicadialcatraz
 
Ancora progetti:
 
Diventa cittadino della Libera Repubblica di Alcatraz, anzi, ministro o per giunta presidente. Partecipa anche tu alla costruzione della Repubblica ideale che un giorno salverà il Mondo! Su repubblicadialcatraz.com troverai laboratori ecologici, etici, artistici ed infinitamente poetici.
 
Un nuovo laboratorio partirà nell’autunno 2012: la vera storia degli schiavi ribelli del Brasile. Stiamo chiudendo libro e dvd sui Seminole, i nativi americani che non si arresero mai e vogliamo partire con una nuova avventura… Sei dei nostri? Saranno previste degli incontri ad Alcatraz la cui data verrà pubblicata nel calendario corsi. 
 
L’Ecovillaggio Solare: vanno avanti i lavori e sta diventando sempre più bello. A fine anno inizierà a esistere veramente un luogo completamente diverso dove abitare. Dopo 18 anni di lavoro arrivano i risultati!
 
CommercioEtico compie dieci anni ed ha un catalogo di proposte eccellenti. E mentre va avanti il successo del gruppo d’acquisto dei pannelli solari (250 impianti realizzati in tutta Italia) e dell'altro gruppo per l'energia rinnovabile, si stanno approntando nuovi prodotti per la casa ecologica fino ad arrivare (ma questa è solo un' anticipazione) al “pacchetto casa” riproducibile in tutta Italia a costi contenuti. 
Vogliamo anche rilanciare la nostra rete di scambio di link a costo zero:
stradaalternativa.it
 che ha ormai raggiunto i 400 siti web affiliati. Un modo sensato per far arrivare il banner pubblicitario del tuo sito su 400 altri siti etici, ecologici, artistici… Siti frequentati da persone che hanno probabilmente molti punti in comune con te e interessi simili. Bastano 10 minuti per entrare nella rete. 
E per gli appassionati del comico ridere.it con vignette, barzellette, assurdità e simili. E puoi anche partecipare inviando i tuoi materiali. Ridere.it è il sito ufficiale della Sub-Redazione del Male di Vauro e Vincino domiciliata ad Alcatraz e finora responsabile di una serie di happening devastanti.

 


SOSTIENI ALCATRAZ, Alcatraz ti sostiene!

Veramente un’estate formidabile quella appena trascorsa, un mare di iniziative, musica, corsi, spettacoli, laboratori.
Devo proprio dire che dopo 30 anni di preparazione, Alcatraz è esplosa  in modo sublime acquisendo oltretutto una notevole visibilità, quindi con un notevole incremento di tutto.
Mi sento autorizzato a fare il giro del ristorante urlando: “O-O-O- Eoooeeooo!” come in effetti ho fatto.
Ma visto che al meglio non c’è mai fine vorremmo raccontare meglio quel che è successo. Perché è stata un’estate che veramente vale la pena di raccontare…
In rete ci sono già decine di ore di video di concerti (clicca qui), con tutte le lezioni dello Yoga Demenziale (clicca qui)
Ma vorremmo creare una pagina di link a tutti i materiali prodotti da altri partecipanti ai corsi.
Quindi ti preghiamo di mettere in rete tutto quello che hai nel tuo telefonino (video, foto, testi) e mettere il link a dove l’hai pubblicato nei commenti a questo post.
Ovviamente saremo enormemente riconoscenti a chi ci aiuterà in quest’opera di comunicazione, potresti ricevere un invito per un fine settimana gratis a Alcatraz e altre forme di emolumento quali l’erezione di una statua votiva a tua immagine e somiglianza, la dedica di una strada della Repubblica di Alcatraz…
Insomma fallo! Ti prego. Grazie.
Baci.