Alcatraz

Aggiornamento ecovillaggio solare

Ciao a tutti,
stiamo lavorando alacremente e i risultati iniziano a vedersi.
Innanzi tutto sono state completate le strade interne dell’ecovillaggio, spianate, imbrecciate, ripuliti i bordi dalla vegetazione lussureggiante che restringeva la carreggiata, ricavati i fossetti laterali e i taglia acqua.
Un lavoro che e' costato 60 mila euro circa ma che era indispensabile. Ora si puo' girare per l’ecovillaggio con qualunque auto. Non sara' invece immediato il ripristino completo della strada di collegamento con Alcatraz, abbiamo solo dato una spianata e messo qualche camion di ghiaia nei punti peggiori.
Quindi la via maestra per raggiungere l’ecovillaggio e' da Solfagnana Parlesca, 12 km da Alcatraz.
Abbiamo anche messo cartelli indicatori per l’ecovillaggio e all’interno ogni quartiere ha un cartello con planimetrie e disegni di come diventera'.
In questo modo tagliamo per il futuro il costo di dover accompagnare le persone.
Stiamo concludendo anche la fase di progettazione globale della funzionalita' delle nuove costruzioni.
Dopo lunghe riflessioni si e' valutato di cambiare la locazione dell’Albergo, non piu' dentro il rudere Capuzzola, quello con una torre centrale ma direttamente al centro del quartiere oliveto, con ingresso che dia sulla piazzetta, in modo da riunire in un unico punto i servizi di bar, albergo, ristorante e bazar.
Inoltre questa scelta riduce i costi condominiali in quanto costruire ex novo costa meno di ristrutturare un rudere, potremo quindi dirottare su altre esigenze il sovracosto di un albergo in una casa di pietra di valore storico. Questo anche per la gioia di chi preferisce comprare un appartamento in una millenaria casa di pietra.
A questo proposito va anche detto che ulteriori studi sulla struttura dei muri di Capuzzola hanno convinto gli architetti Loss e Pulitzer che la struttura originaria era un po’ diversa da quella che immaginavamo, a breve pubblicheremo i nuovi disegni.

Si e' anche pensato di semplificare e rendere piu' chiaro il meccanismo di vendita calcolando i prezzi al netto dei muri (metro quadrato calpestabile), l’offerta non cambia ma va riformulata. Questo perche' ci siamo accorti che la metratura lorda fa confusione, d’altra parte usare la metratura commerciale, cioe' calcolare percentuali di scale, terrazzi e giardini come parte dell’appartamento ci sembra non etico e un po’ furbastro.

A giorni scadranno i 30 giorni di attesa per il silenzio assenso per le DIA dei primi appartamenti e siamo quindi in grado di iniziare i lavori di ristrutturazione. Stiamo ultimando preventivi, statuti, contratti. Abbiamo terminato tutte le verifiche preliminari con l’amministrazione pubblica, quindi adesso si parte. Appena possibile metteremo sul sito tutta la proposta commerciale e contrattuale e potrete valutarla con calma.
Da oggi e' comunque possibile segnalare senza impegno quale appartamento si desidera. Una sorta di pre-prenotazione. Ci sembra giusto perche' alcuni da tempo ci chiedono di segnare che loro vogliono proprio quell’appartamento li'. Quindi da oggi ad Alcatraz c’e' una mappa dell’ecovillaggio con i cerchi blu per gli appartamenti bloccati da una mail e i cerchi verdi per quelli acquistati.
Entro 30 giorni saremo in grado di fornire una proposta chiusa, con prezzi e dettagli costruttivi, disegni eccetera e chi vorra' potra' passare dalla prenotazione all’acquisto.
Ricordiamo comunque che prima di un acquisto e' indispensabile la partecipazione a uno dei workshop che si tengono a Alcatraz ogni due mesi circa, e che hanno l’obiettivo di rendere realmente consapevole una persona della proposta dell’Ecovillaggio.
Questi incontri hanno anche lo scopo di far conoscere realmente le persone che si incontreranno poi all’Ecovillaggio. Il prossimo e' dal 21 al 23 maggio. Per informazioni potete telefonare ad Alcatraz allo 075/9229938-39-14

Stiamo anche definendo i dettagli tecnici secondo me molto importanti sui quali vi chiedo di esprimere pareri e consigli.

Esempio

Scheda funzionalita' impianto elettrico, infissi, riscaldamento.
Indicazioni generali, salvo diversa richiesta da parte dell’acquirente, dettagliata nel contratto d’acquisto.
Ogni stanza avra' tasti di accensione-spegnimento delle luci ma anche un tasto, che sara' il primo a sinistra in ogni placca di tasti, che spegnera' tutte le luci.
Non saranno utilizzati tasti che richiedono diversi tempi di pressione per regolare l’intensita' della luce. A richiesta verranno montati tasti con comando dell’intensita' della luce a rondella. (si gira un pomellino per aumentare o diminuire la luce).
Le luci esterne saranno dotate di sistemi automatici di accensione attivati dal movimento di una persona e da sistemi di inibizione del funzionamento durante il giorno.

Le porte NON saranno dotate da meccanismi che richiedono di alzare la maniglia, facendola ruotare verso l’alto, per chiudere a chiave in quanto giudicati macchinosi e superflui.
Gli infissi NON saranno dotati di apertura verticale, con basculamento verso l’esterno della finestra per lo stesso motivo.

Gli appartamenti con metratura di 80 mq o superiore saranno dotati di regolatori del riscaldamento con divisione della casa in 2 aree climatiche. Questo tramite una centralina di controllo elettronica posta in ogni abitazione, che sara' comunque presente negli appartamenti di metratura inferiore.

Ciao a tutti
A presto
Jacopo Fo

 


Primo maggio ad Alcatraz, una cosa pazzescamente goduriosa!

Slow Food

In collaborazione con Slow Food Umbria
MANGIAUMBRIA AD ALCATRAZ
Un percorso tra boschi, uliveti e antiche vestigia con quattro tappe gastronomiche durante la quali sarà possibile degustare e godere di sapori antiche ed eccelsi.
Iscrizioni entro il 29 aprile, 20 euro a persona.
Per maggiori informazioni contattare Alcatraz allo 075 9229939-38-11 oppure info@alcatraz.it


Dalla Libera Repubblica di Alcatraz: L'angolo panoramico.

Romantici cittadini!

Pubblico così su due piedi il meraviglioso desiderio dell'ambasciatrice in Spagna Daniela:

Carissima Presitonta,
le porgo i miei piú cari ossequi.
Le scrivo per proporle un'idea che m'e' balenata tipo mela di newton, ma visto che newton non sono a me s'e' spiaccicato un caco (vista la stagione) dritto sulla testa.
Da un po' di tempo mi diletto a fare foto ai tramonti e al cielo cangiante dalla finestra di casa mia e giusto ieri ho arccolto alcune di queste foto in un album, pensando ogni volta che posso di immortalare il cielo sempre stupendo e sempre diverso, come cambia di giorno in giorno.
E giusto ora m'ha scritto claudia che ha avuto la stessa idea....
per cui sarebbe carino aprire l'angolo panoramico della repubblica, la stanza dalle 100 finestre in cui i cittadini si possano affaccaire e godere dei piú bei tramonti di ogni angolo della repubblica.
che ne pensa presitonta?
un abbraccio dalla psicoscemaga nonché ambasciatrice
dany

Quante volte ci capita di fotografare un tramonto perchè lo vorremmo condividere con qualcuno che non c'è perchè troppo lontano o disumanamente costretto in ufficio a quell'ora tanto importante?

Ecco che da ora potremmo condividere con i nostri concittadini le nostre più belle foto. Teneteci aggiornati sull'aspetto di Alcatraz da Santa Cristina, Roma, Dakar, Poggibonsi, Alfa Centauri e chi più ne ha più ne metta!

 

Dalla Costituzione della Libera Repubblica di Alcatraz:

10 - La Libera Repubblica di Alcatraz ha un suo centro geografico ma e' anche dovunque ci sia un cittadino. Quindi e' provvista di enclavi entro i confini di altre nazioni. Isole territoriali autonome, sub localita' poetiche. All’atto della presa di cittadinanza il nuovo membro della Repubblica decide se intende asservire un luogo geografico di sua esclusiva proprieta' all’interno dei confini sacri della nazione. In questo caso dovra' issare la BANDIERA NAZIONALE in modo che possa garrire spavalda ai venti.

 

Inviate le vostre foto panoramiche con eventuali commenti a infochiocciolarepubblicadialcatraz.com.

Con visibile commozione,

Il Presidente della Libera Repubblica di Alcatraz.

Vania

www.repubblicadialcatraz.com

 


Alcatraz: corso di bioarchitettura ed ecotecnologie per la casa

Come ben sapete, il corso nasce sulla scia del

progetto ecovillaggio

e ha già avuto un notevole riscontro di pubblico.

Pratiche progettuali bioclimatiche
L’architettura bioclimatica si distingue dall’architettura corrente per una diversa pratica di progetto e costruzione, cos’è e quando emerge l’architettura bioclimatica, sua caratterizzazione rispetto alla bioarchitettura e all’edilizia ecologica.

Il progetto bioclimatico non combina estetica e ingegneria ma compone edifici usando un sistema simbolico architettura, ruolo degli strumenti di calcolo per valutare e certificare.

Progetta mediante disegni e modelli che costituiscono un modo di pensare per figure, elaborando coppie di figure e prestazioni climatiche culturali,

E' regionale non internazionale, basata sull’apprendimento del clima mediante la lettura di edifici pre-impianto che ne incorporano la conoscenza.

Domande dell’utente abitante in termini di istituzione (abitazione, scuola, biblioteca, fabbrica, ecc.) e di contesto (pianura, campagna, montagna, città, caldo, freddo, umido, ecc.).

Risposte del progettista prima in termini di contenuti organizzativi, ambientali, dopo in termini di contenuti costruttivi e formali.

Conoscenza e concettualizzazione del senso di benessere in rapporto alle istituzioni (organizzazione degli spazi), conoscenza e concettualizzazione del senso dei luoghi a vari livelli contestuali (interazioni tra luogo, strada, città, territorio), localizzazione e orientamento dei complessi edilizi.

Regionalismo dell’architettura

Spiegazioni di progetti suddivisi per regioni culturali climatiche che esemplificano le esperienze svolte adottando le pratiche spiegate,

Ragioni delle scelte, articolate in caratteri organizzativi (piante e sezioni) e ambientali (localizzazione, orientamento, trasparenza dell’involucro, tetti, rispetto ai luoghi climatici) e caratteri costruttivi (tecniche costruttive e materiali biocompatibili impiegati) e formali (comunicazione dell’identità o estetica),

Presentazione del manuale di progettazione bioclimatica trentino, che potrebbe diventare un manuale umbro e di altre regioni, per comprendere le tradizionali interazioni tra edifici e luoghi.

L’architettura relazionale e la città

Complessità delle relazioni tra edifici e produzione di microclima.

Sintetica evoluzione della climatizzazione delle città.

Climatizzazione di spazi aperti in città compatte e in città disperse.

Come progettare architettura civica sociale, sicura e sostenibile.

Esemplificazioni progettuali in diverse regioni.

Le lezioni potranno svolgersi al mattino oppure al pomeriggio in un arco di quattro ore comprendenti presentazioni e conversazioni.

Costi
La partecipazione al workshop ha un costo di 150 euro a cui aggiungere 130 euro per l'alloggio ad Alcatraz con pensione completa.

Prenotazione
info@alcatraz.it - 075 92299 11/14/38

 

Il corso è rivolto a architetti, ingegneri, geometri, agronomi paesaggisti, amministratori pubblici, imprenditori, curiosi, persone che vogliono cambiare il loro modo di vivere e abitare.

ARGOMENTI
Costruzione di un'abitazione in classe ecologica A.
Vivere in mezzo alla natura.
Scelta del luogo. Esposizione al sole e orientamento delle abitazioni, conformazione ideale del terreno.
Scelte architettoniche e tecnologie costruttive.
Selezione dei materiali dal punto di vista ecologico.
L’utilizzo di strutture prefabbricate a più strati.
Le costruzioni di paglia, rete metallica, calce e cemento.
Isolamento termico, tetti ventilati.
Trasformazione di una casa tradizionale e restauro dal punto di vista dell’efficienza termica e della qualità ecologica dei materiali (ad Alcatraz sono presenti svariati esempi realizzati).
Produzione di calore, elettricità, impianti geotermici, impianti idrici duali, forniture idriche, fitodepurazione (ad Alcatraz sono funzionanti caldaie a biomasse, a gas ad alto rendimento, solare termico, solare fotovoltaico, recupero dell’acqua piovana, impianti duali e di fitodepurazione per caduta).
Progettare gli spazi condivisi per una piccola comunità.

RELATORI

Jacopo Fo
Si occupa da 30 anni di ristrutturare case in modo ecologico. L'ultimo grande esempio, tra queste è la Casa Arcobaleno appena realizzata nel parco di Alcatraz.

Il corso prevede la partecipazione dei professionisti di Service Legno

ORARI
Venerdì dalle ore 21,30  alle 22.30
Sabato dalle ore 10 alle ore 13, dalle ore 15,30 alle ore 20
Domenica dalle ore 10 alle ore 13, dalle ore 14,30 alle ore 16.


Le 12 fatiche della Libera Repubblica di Alcatraz

 

Sorprendenti cittadini!

E' giunto il momento di mettere alla prova la vostra fermezza ed ercolezza nell'essere alcatrazziani!

Con l'aiuto di Euristeo, Zeus, Topolino e Gargamella ho ideato le 12 fatiche di alcatraz.

Avrete finalmente l'occasione di dimostrare di che pasta siete fatti! Adempiendo infatti ai dodici punti che seguono verrà riconosciuta la vostra valenza che sarà ripagata con un buono per un week-end ad Alcatraz.

L'unico requisito necessario è quello di essere cittadini. Io intanto vi attenderò con ansia al traguardo, non ci sono nemmeno termini temporali: chi prima arriva meglio alloggia! E se il materiale risulterà adeguato alle richieste, saremo contenti di accoglierti ad alcatraz.

Inviate le risposte a info at repubblicadialcatraz.com ed usate lo stesso indirizzo per domande e delucidazioni!

 

  1. Dedica una poesia alla prima colazione
  2. Esci in strada travestito e portamene le prove
  3. Scrivi un articolo bugiardo da pubblicare sul blog
  4. Smetti di sentirti in colpa per qualcosa
  5. Trova un utilizzo divertente per le mollette
  6. Lancia una nuova moda
  7. Fai una foto artistica
  8. Inventa una divinità da inserire nel pantheon alcatraziano
  9. Crea uno slogan pubblicitario per il tramonto
  10. Riposati un po'
  11. Indovina a cosa sto pensando
  12. Assegna un premio Alcatrazianobel a te stesso o ad un altro cittadino e spiega il perchè

Allora vi piace? Siete pronti? VIA!!

Con serena animazione,

la Presitonta della Libera Repubblica di Alcatraz

www.repubblicadialcatraz.it