Blog di Jacopo Fo

Extraterrestri a Vado Ligure! Cerchi sul grano disegnati però sul carbone!

Chiude finalmente la centrale a carbone di Vado Ligure!!! Volevano costruire un terzo impianto e invece chiudono! Grande vittoria della salute dei cittadini!
Entusiasmo!!!
Qui sotto la storia aliena che pubblicammo tempo fa per portare all'attenzione della gente quello scempio ecologico.

Jacopo Fo per oggi 1 aprile 'vede' cerchi del grano nella centrale di Vado Ligure

Extraterrestri a Vado Ligure! Cerchi sul grano disegnati però sul carbone!

Extraterrestri a Vado Ligure! Cerchi sul grano disegnati però sul carbone!

 

 

Leggi qui l'articolo di SavonaNews.it che pubblicammo il primo aprile 2013

Per vedere tutti i fumetti di Jacopo Fo clicca qui


Cellulari: se cade la linea chi ha chiamato richiama!

Cellulari: se cade la linea chi ha chiamato richiama!

Evitiamo di continuare a richiamarci reciprocamente e a trovare occupato! Aiutami a tagliare 10 miliardi di euro di spreco. Subito!

Con questo articolo lancio una grande campagna per le riforme fatte in casa. Iniziamo dalle questioni apparentemente piccole: le telefonate.
Quante volte ti succede che mentre stai parlando con qualcuno cada la linea?…E cosa succede poi? Il caos italico tipico: entrambi i telefonatori si affannano a richiamare ed entrambi trovano occupato perché l’altra persona sta anch’essa richiamando. Poi entrambi aspettano qualche secondo, nel caso arrivi la telefonata dell’altra persona. Ma non arriva perché entrambi stanno aspettando. Poi non si resiste più e ci si richiama nuovamente in contemporanea ed è di nuovo occupato!

CONTINUA SUL BLOG DEL FATTO QUOTIDIANO


Salute: curarsi con la regalo-terapia

Il grande poeta Ferruccio Benzoni stava seduto sopra una sedia impagliata e mi raccontava di quel che era successo poco prima con una ragazza francese, mentre stavano baciandosi sulla spiaggia di Cesenatico favoriti dal buio della notte. Lei lo aveva guardato negli occhi e gli aveva mormorato, con quella voce rutilante che hanno solo le ragazze francesi: “Ferrucciò, tu est un solitaire…” E lui era andato già di testa per quella frase che secondo lui fotografava la sua anima e il mattino dopo mi lesse una poesia folgorante che sapeva di birra tedesca e di mare salato. Certo lui era un grande poeta… Ma chi a 18 anni non si è sentito un solitario? O una solitaria…
Gli zapatisti del Chapas sono convinti che noi occidentali siamo ammalati di solitudine a causa dell’individualismo.

CONTINUA SUL BLOG DEL FATTO QUOTIDIANO


Salute: suicidarsi cercando di sterminare i batteri

Alcune aziende grandemente malvagie stanno cercando di convincere le madri che è cosa buona irrorare la casa e i vestiti con sostanze capaci di eliminare i batteri. Perché i batteri minacciano i loro piccoli. Si tratta di una una bufala ciclopica.
Infatti, miliardi di miliardi di batteri amici ci proteggono massacrando i batteri pericolosi. Sono loro la nostra prima linea di difesa. Altri miliardi di batteri amici vivono sulla nostra pelle e costituiscono la nostra seconda linea di difesa. Un terzo sterminato esercito abita il nostro corpo e ci protegge. Solo se i microorganismi nostri nemici riescono a superare queste tre armate interviene il nostro sistema immunitario (che è una bestia feroce). Se sterminiamo le armate dei batteri buoni mettiamo in grave pericolo la nostra salute.
E le riviste scientifiche pullulano di studi che lo dimostrano.

CONTINUA SUL BLOG DEL FATTO QUOTIDIANO


Benessere, lo ammetto: io sono stupido!

La settimana scorsa ho raccontato che per curarmi l’ulcera per un mese ho passato ogni giorno 5 minuti appeso a testa in giù alla trave del soffitto, tramite un paio di ganci da caviglia, attaccati a una sbarra di legno. Tecnicamente tentavo di far raggiungere alla parte ulcerata del mio stomaco un bicchiere di acqua mista a particelle di argilla in sospensione. Solo che avevo un’idea confusa dell’anatomia e il sistema non ha dato nessun esito positivo, se non l’allungamento benefico che (alcuni sostengono senza portare prove scientifiche) si trae a stare appesi a testa in giù. (Forse). Ma comunque per un certo periodo della mia vita ho trovato questa pratica piacevole. Poi mi si sono svitate le rotule.
Alcuni cortesi lettori hanno commentato la mia sincera narrazione di un disastro psicofisico da me autoinflittomi, informandomi che sono uno stupido.
Ora, io mi chiedo, queste persone estremamente intelligenti sono convinte che se ti racconto che per un mese mi sono appeso al soffitto non ti sto forse dicendo anche che so di essere uno stupido?

CONTINUA SUL BLOG DEL FATTO QUOTIDIANO


Salute: come farsi venire l’ernia con la respirazione pranica

Salute: come farsi venire l’ernia con la respirazione pranicaUn giorno ad Alcatraz arrivò un grande maestro indiano dell’India; mentre andavamo al bar per un succo di frutta biotrascendente passammo di fronte alla porta spalancata della palestra (era estate) e lui buttò un’occhiata. Era in corso un seminario di  “asana” yoga, cioè quelle posizioni strane tutte intorcicate. Lui mi guarda sconvolto e mi chiede: “Ma cosa stanno facendo?”

Io perplesso gli rispondo: “Yoga.”
E lui sconfortato: “Ma no, voi occidentali non potete fare quelle cose lì! Vi fa malissimo! Bisogna iniziare quegli esercizi a 3 anni, quando il corpo è ancora elastico, sennò è pericoloso!”

Va beh… Forse quel grande maestro di Yoga era un po’ estremista. Ma l’aneddoto rende bene l’idea che con le discipline che provengono da altre culture e altre storie, tocca andarci con prudenza. Sennò si rischia. Io ad esempio mi sono fatto malissimo con la respirazione diaframmatica: 2 ernie, problemi di emorroidi e un inizio di vene varicose.
Il disastro è stato causato dal fatto che non avevo capito bene come funziona questa storia del diaframma.

CONTINUA SUL BLOG DEL FATTO QUOTIDIANO