Sesso e piacere

Vuoi veramente far incazzare tua moglie? Tagliati via il pene!

Basta con questo buonismo.
Diciamo la verita': litigare fa bene alla salute. Sfogare i bassi istinti della rissa evita le malattie vascolari.
Picchiarsi depura il fegato.
Io non solo sostengo che l’amore e' bello se e' litigarello. Vado oltre: le mazzate sono l’unico segno vero di un amore sincero.
Ma bisogna essere dei duri.
Bisogna punire con continuita' la persona che ami.
Non fargliene passare neanche una!

Fumetti di Jacopo Fo

CONTINUA CLICCA SU LEGGI TUTTO

Qualcuno dira' che bisogna porre dei limiti allo scontro ma io non sono di questo avviso: tagliarsi il pene, ad esempio, e' un ottimo modo per punire tua moglie e la privazione che ne scaturisce per te e' ben poca cosa rispetto alla soddisfazione di vedere la sua faccia mentre cerca il tuo ammennicolo e non lo trova. E domanda: “Ma dov’e'?” E tu le rispondi sprezzante: “Non c’e' piu', cosi' impari a rompermi i coglioni con l’orgasmo simultaneo!”
Questo la sinistra l’ha capito da sempre e lo pratica con costanza.
Ad esempio, a Roma i fascisti di Alemanno hanno deciso di non dare la carne al venerdi' nelle mense scolastiche in osservanza del dettato quaresimale: ”Che facciano tutti penitenza insieme ai cattolici, anche i musulmani ignoranti!”
E la sinistra e' insorta gridando: “Vergogna! Tolgono la carne ai nostri bambini.” E osservano allarmati che Alemanno e' piu' papista del Papa e che in effetti il Vaticano ha esentato dall’obbligo dell’astinenza dalla carne il venerdi' le creature al di sotto dei 14 anni.
Ma Dio Santissimo degli Operai Incazzati!
Ma e' vero o non e' vero che ripetiamo da un secolo che mangiare carne tutti i giorni fa male alla salute?
Ed e' vero o non e' vero che oltretutto ridurre il consumo di carne e' essenziale per ridurre la fame nel mondo perche' lo stesso terreno, utilizzato per produrre verdure e cereali produce 4 volte piu' calorie di quante ce ne forniscono gli animali nutriti con i prodotti dello stesso terreno?
Ed e' vero o no che ridurre il consumo di carne contribuisce al risparmio energetico perche' serve molta meno energia (petrolio) per produrre proteine vegetali rispetto a quanta ne occorra per produrre proteine animali?
Allora togliere la carne il venerdi' nelle mense di Roma e' una cosa buona?
Checcenefrega se Alemanno non l’ha fatto per motivi vegetariani, solidali ed ecologici?
L’ha fatto!
E in fondo che questa riduzione avvenga il venerdi' piuttosto che un altro giorno a noi non cattolici che ce ne frega?
I cattolici sono comunque la maggioranza in Italia, per noi il giorno e' indifferente, loro sono piu' contenti se non si mangia carne il venerdi'… mi pare una buona mediazione.
Ma c’e' chi non vuole che il mondo semplicemente migliori.
C’e' chi vuole che il mondo migliori come vuole lui, esattamente. Conosco vegetariani che pur di non dare una soddisfazione ai cattolici il venerdi' mangiano una bistecca di maiale spessa 4 dita!

Non so se hai notato che da un  po’ di giorni conduco una battaglia morale su questa questione sul blog.
Ho iniziato con un articolo dal titolo ALEMANNO E’ BUONO, (http://www.jacopofo.com/node/6649) che inneggiava al fatto che ha disposto la sostituzione delle lampadine dei semafori, di vecchio tipo (che durano 2000 ore) con quelle a led (che durano 80mila ore, quindi fanno risparmiare le spese necessarie per sostituirle e anche l’80% della corrente elettrica).
Avevamo cercato per anni di convincere Veltroni a farlo (a Padova ci siamo riusciti) ma non c’e' stato verso.
Allora mi son detto: Alemanno merita un ringraziamento pubblico.
Tacere sul buon operato di Alemanno solo perche' e' post fascista mi sembrava disonesto.
E poi anche Alemanno e' un essere umano che ha sofferto da piccolo. Se lo gratifichi quando fa una cosa buona poi magari ne fa un’altra, tipo togliere la carne ai bambini il venerdi'.
Ma qualche compagno mi ha detto: son cose che non si dicono neanche per scherzo.
Allora ho detto: visto che per sostenere il Manifesto abbiamo deciso di comprare una seconda pagina di pubblicita', la voglio intitolare “VIVA ALEMANNNO”, spiegando la storia delle lampadine dei semafori. Poi pero' nel titolo ci scrivo un’aggiunta: VIVA ALEMANNO! MA ALCATRAZ TAGLIA DEL 90% LA BOLLETTA ENERGETICA. Questo per far capire che Alemanno ha si' realizzato quel che chiedevamo anni fa a Veltroni ma che tra quel che ha fatto e quel che si potrebbe fare c’e' ancora il baratro.
E poi di seguito tutta la descrizione dettagliata delle migliorie operate e dei risultati ottenuti ad Alcatraz. Mi sembrava una gran bella pensata.
La mandiamo al Manifesto e ci dicono che loro piuttosto che pubblicare l’allocuzione VIVA ALEMANNO preferiscono tagliarsi le palle e appenderle fuori dalla finestra. Provo a trattare ma non ci sono cazzi.
Mi rassegno e cambio il titolo. Volevamo sostenere il Manifesto… continuiamo a volerlo fare anche se ci hanno censurati.
Contemporaneamente, pubblico un secondo pezzo della biografia di Angese, nel quale narro come lui adorasse allenare la sua intelligenza producendo ragionamenti vietati.
Ad esempio, lui trovava che Amici, il reality, contenesse anche un messaggio molto interessante. Ad Amici va avanti chi riesce a impegnarsi, impara, diventa professionista. E questo e' un aspetto positivo (http://www.jacopofo.com/marco_carta-sanremo_amici_de_filippi_costanzo_reality).
Mi si risponde da piu' parti che Amici diffonde l’ideologia della competizione spietata, del fine che giustifica qualunque mezzo e dell’assenza di solidarieta'.
Vero. Ma io non ho scritto che Amici fomenta la cooperazione equo-solidale. Ho scritto che c’e' anche del buono.
Capisco che dopo l’uso che ne ha fatto Veltroni scrivere la parola ANCHE e' politicamente ingestibile. MA E’ ANCHE vero che la penso cosi'.

Jacopo Fo


La corretta manutenzione del maschio

Libri Jacopo Fo La corretta manutenzione del maschioCarissimi,
questa settimana vi presentiamo un nuovo libro del nostro Jacopo Fo.
Si tratta di “La corretta manutenzione del maschio”, edito da Guanda.
Si parla d’amore, di cervello e di cuore, di sentimenti e di malintesi… come ci racconta qui di seguito lo stesso autore.
Buona lettura.

Presentazione
Abbiamo avuto in regalo un paradiso. Siamo riusciti a trasformarlo in un abisso di violenza.
Credo che tra le cause di questo sciagurato comportamento ci sia il fatto che la mente umana e' relativamente nuova. La usiamo intensamente da una decina di migliaia di anni.
Lo stomaco ha avuto a disposizione centinaia di milioni di anni per perfezionarsi.
E' da pochissimo che siamo arrivati a servirci, in parte, delle possibilita' del cervello. Mille anni fa la maggioranza dei nostri progenitori pronunciavano in un giorno soltanto una manciata di parole.
Tra i disastri che discendono dal recente e lacunoso impiego del cervello c’e' l’enorme difficolta' nel costruire storie d’amore soddisfacenti.
Se il nostro cervello e' nuovo e lo usiamo ancora malamente, ancor piu' recente e' l’affermarsi dell’amore romantico come fulcro della vita. Nei secoli passati ben pochi avevano il tempo di perfezionare la loro conoscenza dell’arte dell’amore. C’erano priorita' drammaticamente piu' urgenti: mangiare, trovare un riparo per la notte, sfuggire ai briganti e ai soldati del re.
Quindi, come razza umana, non abbiamo accumulato molta esperienza in questo settore.
In questo libro fornisco una serie di informazioni sull’amore che, credo, pochi conoscono.
Racconto di alcuni meccanismi che scattano quando ci innamoriamo e scegliamo di vivere con la persona che desideriamo. Meccanismi che hanno a che fare con la forma delle menti dell’uomo e della donna, che sono completamente diverse.
Le informazioni che ho raccolto penso possano aiutare a disinnescare questi meccanismi che vaporizzano l’amore, offrendo idee su come sostituirli con altri piu' sensati e capaci di verticalizzare la soddisfazione del vivere insieme.
Tutto quel che scrivo qui l’ho sperimentato, e mi e' servito. Non esporro' quindi astruse teorie ma semplici esperienze personali, raffrontate con le piu' recenti scoperte scientifiche sull’amore e sugli amanti.

Prologo
Far l’amore conviene.
E` bello.
Far l’amore nel suo senso piu' pieno. Globale.
Far l’amore galvanizza il sistema immunitario.
Lo dimostrano centinaia di ricerche scientifiche.
Un bacio di cinque minuti e' piu' potente contro l’influenza di due aspirine.
Un bacio d’amore, s’intende.
Amarsi cambia la percezione della vita.
Amarsi sollecita il fantasticare, induce intuizioni e invenzioni, arte, scoperta del sacro nel mondo.
Amarsi e' sublime, trascendente, stupefacente, giocoso.
Dietro le cose migliori che l’umanita' ha prodotto nei millenni c’e' sempre una storia d’amore.
Il martello fu inventato per rompere le noci di cocco per una ragazza dai polsi sottili.
Le canzoni furono inventate per corteggiare.
Le canoe per andare a cercare l’amore altrove, lontano.
E non credete che si siano fatte guerre per amore. Le guerre si sono sempre condotte per denaro.
Il vero amore esclude naturalmente il possesso.
Se ami una persona ami anche la sua liberta' e sai che il suo cuore non lo puoi sedurre trafiggendolo.

Per prenotare il libro direttamente online http://www.commercioetico.it/libri/jacopo-fo.html


Fare l'amore fa bene alla salute!

I dvd di Jacopo FoL'Adnkronos Salute raccoglie i risultati di alcuni recenti studi sul tema, svelando le incredibili proprieta' terapeutiche del sesso.
Gli studiosi dell'Universita' di Nottingham hanno dimostrato che fare sesso regolarmente, anche dopo i 50 anni, riduce il rischio di ammalarsi di cancro alla prostata.
Una ricerca della Queens University di Belfast evidenzia che fare l'amore dimezza il rischio di ictus o infarto, mentre uno studio inglese lo paragona a una sana ginnastica: un rapporto sessuale equivale a una lunga passeggiata o a due o piu' rampe di scale.
Buone notizie anche per le donne. Uno studio statunitense mostra che coloro che non rinunciano al sesso dopo la menopausa hanno livelli di estrogeni piu' alti, il che significa ossa piu' robuste e minori rischi di fratture.
“Usalo per non perderlo!” e' invece il curioso titolo di uno studio finlandese condotto su mille uomini tra i 55 e i 75 anni di eta'. Il sesso contrasta la disfunzione erettile, riducendo il rischio di ammalarsi di ben quattro volte per chi fa l'amore tre o piu' volte alla settimana.
(Fonte: http://www.lasaluteinpillole.it/salute.asp?id=6016)

Nel video l'esposizione "Zizi sexuel", in mostra in Francia per un'educazione sessuale giocosa.

Categoria Video Sesso
Temi: sesso, amore, famiglia, bambini, educazione, divertimento


30 anni vergine. Cosa gli consiglieresti?

Sul Gioco dei regali e delle consulenze gratuite sono arrivate due richieste di aiuto da parte di uomini che non hanno mai coronato una storia d'amore con un rapporto sessuale.
Le donne che ci leggono potrebbero dar loro qualche consiglio?
Ripubblico le loro lettere e i commenti già raccolti.

LETTERA 1
(http://www.jacopofo.com/node/6204)
Ho 21 anni e non ho mai avuto una ragazza in vita mia...
Sono un ignorante emozionale in particolare con le donne...Non so più come fare, la mia solitudine è una macigno che mi pesa ogni giorno sulla schiena. Mi sento solo, vorrei qualcuno da amare e da cui farmi amare. Davvero non so come fare, non so cosa fare, non so dove andare. Odio le discoteche e approcciarmi a delle persone che non conosco mi è davvero difficile. Nel senso che se condivido un'esperienza con qualcuno, mi risulta più facile, ma se mi trovo in un bar e vedo una ragazza che mi piace insieme a delle amiche ho un crollo emotivo pazzesco, e il solo pensare di avvicinarmi a lei, per dirle ciao (e non sapere cosa dire dopo) mi provoca un attacco di panico...Una volta ho fatto una cosa del genere, all'università, ho raccolto il coraggio a quattro mani, e con tutta la forza di volontà mi sono avvicinato all'interessata. Gli ho detto che la trovavo carina (stavo facendo un esperimento di pnl) e me ne sono andato. Quel minuto (anche meno) che ho passato mi è sembrata una tortura, stavo fisicamente male...
L'ho fatto, ma, oddio, è stata davvero una faticaccia.
Chiedo il vostro aiuto. Saluti e buon inizio d'anno. :)
2,027 blog reactions
Da patch87 il 05/01/2009 -

Confermo e sottoscrivo
si si confermo e sottoscrivo quello che dice jacopo, anche io, che sono timido, non sono mai riuscito ad "abbordare" in discoteca o altri locali come invece fanno alcuni miei amici con una scioltezza che è impressionante... a volte questi amici mi hanno coinvolto, dandomi una mano e facevamo il gancio a coppie di ragazze ma mai mi sono sentito a mio agio e mai sono riuscito a rivederle dopo la serata in discoteca.
Il mio consiglio è lascia perdere questa tecnica, paga molto di piu' il darsi da fare per conoscere gente nuova in altri contesti, come consiglia jacopo!
conosco un ragazzo che ha fatto proprio così, si è iscritto ad un corso di salsa con il dichiarato obbiettivo di conoscere ragazze e tra le svariate che ha conosciuto, ha trovato l'amore... e si è pure sposato!
ho inoltre un sacco di amici conoscenti e colleghi di tutte le età che si sono iscritto come volontari alla croce rossa, chi alla croce verde, chi alla protezione civile e anche li mi dicono che ci sono dei giri da paura, si conoscono centinaia di persone e molte molte ragazze. Bisogna Quindi darsi da fare, se non sei il primo a muoverti di sicuro non ti verrà a bussare alla porta di casa la tua donna ideale. Rimboccati le maniche e via... buona fortuna!
infine ti racconto la mia di storie: una sera estiva, in cui non c'era nulla da fare, esco con un amico per andare a far chiacchiere in birreria. li incontro una mia amica che non vedevo da anni in compagnia di una altra ragazza che non conoscevo. Anche loro annoiate e senza nulla da fare sono state con noi tutta la sera e a fine serata ci siamo scambiati i numeri con lo scopo di rivederci e fare una festa tra i miei amici e le sue amiche, cosi per stare un po insieme visto che era agosto e la città era deserta e non c'era niente da fare.... beh alla fine, dopo qualche settimana mi sono messo con la ragazza che era con lei quella sera!
Da Stamm il 07/01/2009 - 12:43 elimina modifica rispondi
Difficile abbordare le ragazze nei bar...
Come conoscere una ragazza che ti piace?
Sicuramente parlare con una ragazza che non conosci, fermandola per strada o altrove è difficile.
In discoteca per me è sempre stato addirittura impossibile. Per entrare in confidenza con una donna ho bisogno assoluto di parlare con lei, ascoltare cosa dice.
Devi essere un tipo particolare di paraculo e avere chilotoni di faccia tosta per riuscire a entrare in contatto con una donna così al volo. Non fa per me.
La strategia che io ho sperimentato con maggior successo per trovare una ragazza che mi amasse è quella di andarmi a mettere in situazioni dove fosse automatico conoscere tante ragazze. Ad esempio hai provato a iscriverti a 5 corsi di salsa? Conosceresti un 100 ragazze in una settimana.
Le ragazze che ballano la salsa sono generalmente più simpatiche della media e se la tirano di meno.
Anche mettersi a lavorare per un'associazione che fa volontariato è un modo per conoscere donne di valore. E anche per fare qualche cosa di utile nella vita.
Se te ne stai tappato in casa o frequenti sempre le stesse persone è veramente difficile conoscere la ragazza giusta per te. E' una questione matematica. Le persone che ci danno più gioia sono quelle che hanno affinità con noi, empatia. Il che non accade con tutte le donne ma solo con alcune in particolare.
La domanda è: quante donne hai conosciuto nell'ultimo anno?
Se hai conosciuto meno di 200 donne non sei uno sfigato perché non trovi una fidanzata... sei uno che non si mette nelle condizioni concrete in cui sia possibile trovare la persona che combacia con te.
Quindi datti da fare: il tuo consulente di fiducia ti prescrive di conoscere 100 donne al mese per i prossimi 6 mesi. E' un lavoro duro che va pianificato ma ce la puoi fare. La ricompensa è colossale.
Iscriviti a 5 corsi di salsa e organizza 5 cene in pizzeria con i nuovi compagni di corso. Se hai la casa sufficientemente grande o riesci a farti prestare uno spazio potresti anche organizzare 5 feste. Magari puoi chiedere a una Casa del Popolo o a un circolo Arci. In primavera potrai anche organizzare pik nik all'aperto. Ognuno porta qualche cosa e si fa una bella mangiata.
Non aspettarti di trovare subito la persona che cerchi.
E' come nell'agricoltura: prima si semina e poi si raccoglie. E la fretta fà i gattini cechi.
Conosci persone, maschi e femmine, parla, ascolta, allenati alla vita sociale. Stringi amicizie, cresci nel rapporto con gli altri, SOCIALIZZARE FA BENE. E NUOVI AMICI TI PRESENTERANNO ALTRI AMICI...
Più persone frequenti più ne conoscerai... Non sforzarti di essere troppo simpatico. E ovviamente non fare la neanche la mummia.
Secondo punto: il terrore che ti prende a dire a una ragazza incontrata in un bar che ti piace.
E vorresti non provare terrore?
Magari dopo che lo hai fatto 20 volte la paura un po' ti passa. Ma comunque si tratta di un'emozione vivificante. Io l'ho fatto come esercizio con lo scopo di farmi passare la timidezza verso le donne. Come sistema per sedurre una ragazza non funziona ma è un'esperienza terrorizzante e esaltante. Mette in circolo le endorfine, la dopamina, e tante sostanze benefiche che il cervello produce nei momenti di esaltazione.
La dichiarazione di fascinosità va fatta a puro scopo ludico, senza illudersi che poi lei ti bacia. Se si dice a una ragazza che è bella, con eleganza e buona educazione, sicuramente le farà piacere e dare piacere a una persona è sempre una cosa buona e ti fa guadagnare i Punti Paradiso.
E ti aiuta a giocare con la timidezza e il panico. Così poi quando conosci delle donne in un contesto favorevole al dialogo (corso di salsa) sarai meno timoroso.
Sei un ragazzo intelligente, sicuramente sarai capace di dire qualche cosa di interessante. Ma sappi che quel che cercano le donne è sopratutto essere ascoltate con interesse.
Ascolta le tue sensazioni mentre chiacchieri con una ragazza, cerca di dire quel che pensi, di raccontare quel che hai voglia, quel che senti senti, quel che ti piacerebbe fare. Non usare nessuna strategia PNL, vai liscio e fidati della magnificenza del cosmo. Sicuramente da qualche parte c'è una donna che cerca proprio un uomo come te. Prima o poi la incontrerai e tutto diventerà estremamente semplice. almeno all'inizio. Poi si tratta di far crescere la storia, rispettarsi, celebrare l'amore, esserci.
Da Jacopo Fo il 06/01/2009 -

LETTERA 2
Uomini vergini
View Edit Track
Caro Jacopo,
scrivo qui in rappresentanza, mi permetto di farlo, di tutti gli uomini arrivati ormai in età adulta senza avere mai avuto rapporti sessuali con una donna.

Siamo in tanti, basta andare a vedere alcuni forum che ci sono in rete, secondo me arriviamo ad alcuni punti percentuali della popolazione, il che è certo una piccola minoranza ma vuol dire centinaia di migliaia di persone in Italia.

Siamo pesone che magari per timidezza, o perché bruttini, o per altre "sfighe" durante l'adolescenza non sono riusciti ad avere normali rapporti con ragazze, e poi una volta cresciuti si portano dietro questa inesperienza per cui le cose diventano sempre più difficili.

Togliamoci dal caso generale (che mi serve anche come consolazione, perché penso di non essere il solo) e veniamo a me.

Da giovane ero troppo timido per poter solo intrattenere una normale conversazione con una ragazza.
Ora ho oltrepassato la trentina e non reputo più un problema la timidezza in sé.
Ho conosciuto varie ragazze, ed a volte risulto loro anche simpatico ma... prima o poi il mio fardello viene fuori, e inevitabilmente rovina tutto.

E'chiaro che ad un certo punto io dimostro tutta la mia insicurezza, ben prima di arrivare al sesso, mi mancano dei passaggi, mi manca l'esperienza.

E poi penso che la regola sia questa: le donne dopo una certa età sono come quei datori di lavoro che cercano solo persone con esperienza. Se tu non hai esperienza, non troverai mai il primo lavoro, e non potrai farne.
Ok qui viene spontaneo dire: vai a prostitute. Ebbene l'ho fatto, ma naturalmente un atto meccanico di questo tipo non è stato sufficiente a risolvere il problema.
E' chiaro che il sesso, e tutto ciò che ci sta intorno, con una ragazza è cosa ben diversa dall'andare a prostitute, e la mia esperienza in questo è ancora zero.

Mentire ad una ragazza facendo finta di nulla non è una buona idea, intanto perché io non sono capace, poi non sarei a mio agio a mentire ad una persona con cui comunque cerco un rapporto, ed infine sarebbe solo un rimandare la questione ad un momento successivo, inevitabile.
Certo, non mi presento dicendo "piacere, non ho mai schiacciato!", ma sto parlando di discorsi con una certa confidenza.
Guarda, ho trovato ragazze d'oro e comprensive, però alla fine siamo sempre solo rimasti "amici".
Così come ho trovato ragazze che saputa la verità si defilano, vuoi perché cala la considerazione di me, o solo perché si sentono troppo sotto pressione e responsabilizzate, forse immaginando di dover fare tutto loro.
Altre volte ho pur cercato di farmi bello e omettere la mia "sfiga", ma le ragazze è inutile, hanno fiuto, e la sentono.

Il risultato dei miei trent'anni è che ho collezionato una grande fila di delusioni, ed ogni volta è sempre più difficile riacquistare la speranza per la volta successiva.
Ebbene questo è sicuramente un problema tosto per i grandi saggi.
Vado su internet, scrivo con persone, partecipo a discussioni, ma questo alla fine sembra un problema insolubile a cui ci sono solo risposte consolatorie.

Jacopo, io vedo le tue risposte alle altre persone e vedo che non sono mai risposte banali e vaghe, e vorrei proprio vedere se riesci a scrivere qualcosa che non avevo ancora pensato in tutti questi anni. Solo tu e i 72 saggi potete farlo.

Da Harlock il 19/01/2009

Caro Harlock, non sono un
Caro Harlock, non sono un saggio, sono un neo-iscritto (anche io per chiedere consigli in campo sentimentale e sessuale), ma mi sento titolato abbastanza per risponderti.
Infatti ho perso la verginità nella primavera scorsa, alla bella età di 31 anni...e riguardando indietro a quel 2008 di passione e agli ultimi mesi trascorsi con lei che poi (non subito) è diventata la mia attuale (e prima) ragazza, posso dire che non me ne frega più niente dell'età, e che ho superato ogni difficoltà a parlare dell'argomento.
E in base alla mia esperienza ti darò un consiglio banalissimo: sii te stesso. E la prossima che ti capiterà, e cl suo "fiuto" capirà la tua situazione, non scapperà, anzi sarà contentissima di poter essere lei a godere di tutto l'amore arretrato che hai da dare...Sei un vulcano che bolle sotto un tappo di lava, se mi passate la metafora ^_^
E non "pompare" il problema, che si autoalimenta: rilassati, prova anche con lei a scherzarci su...
Mi accodo ai consigli degli altri : niente prostitute (nessuna considerazione etica da parte mia, solo credo ti peggiori l'autostima), e leggi il sito di Jacopo ;-)
Enjoy!

Da MalteseCorto il 08/02/2009 -

Saggia? Come no...
Prima di tutto diciamo che la mia è la risposta di una donna fuori come un balcone...
Ma, seriamente, io credo che se una donna è intelligente e aperta non dovrebbe cercare in un uomo l'esperienza... NO
In fondo chi sono io per dire agli altri cosa pensare? Parliamo di me. Io personalmente (donna più o meno etero, 36enne, intelligente e aperta) non cerco in un uomo principalmente l'esperienza, quanto piuttosto la disponibilità ad ascoltare e ad imparare (preferibilmente in fretta e con entusiasmo ^_^), la capacità di ridere di se stesso e delle proprie debolezze e una visione del sesso non troppo seria. In fondo è solo sesso, una versione un tantino più elaborata delle coccole. E soprattutto dovrebbe essere amore.
Questo è il mio parere piccolo piccolo, per quel che vale. Ma sono d'accordo che dovresti coltivare anche e soprattutto il resto di te, l'approccio con le persone (uomini e donne in genere) e il rapporto con il tuo corpo.
E sì, leggi i libri sul sesso di Jacopo Fo, aiutano un sacco (come tutti i libri di Jacopo). A parte i suggerimenti pratici e la sapienza (lo è davvero), sono divertenti e aiutano a mettere i problemi in prospettiva.
In bocca al lupo e coraggio!
Giovanna
Da gi0 il 05/02/2009 -

Caro Harlock, ti capisco
Caro Harlock, ti capisco bene, io ho avuto una decina di storie ma ancora mi resta quel fondo di insicurezza, un po' lo voglio anche perchè non mi piace l'idea dell'uomo corteggiatore. Pensa che mia moglie era convinta che non mi piacesse, tanto ero poco attivo nel propormi.
Come fare? Prima di tutto bisogna che ti piaci come sei perchè sei una persona così straordinaria che non ne esiste un'altra uguale al mondo e di questo devi essere convinto.
Poi prova ad applicare una soluzione Laterale, cioè non affrontare il problema in modo diretto ma indiretto. Diventa bravo in qualcosa, fai un viaggio solidale in un un campo di volontariato, non cercare donne, NON andare a prostitute perchè è molto umiliante e invece hai bisogno di sentirti utile e apprezzato. E' importante non prendere vizi sessuali (V. sito Noallapornodipendenza) perchè poi è difficile tornare a una sessualità normale.
Poi quando ti sentirai apprezzato automaticamente ti sentirai anche amato perché qualcuno ti cercherà e vorrà fare sesso con te e lì forse sarai un po' insicuro ma puoi dirlo prima alla tua lei e così lei ti aiuterà. Quando troverai una persona con cui c'è stima, non passare subito al sesso ma prima ci sono le parole, le carezze, i bacetti. Così vedi anche se ti vuole e ti abitui all'affettività che è necessaria per una buona sessualità. Poi secondo me fa bene leggere i siti di J. Fo e frequentare Alcatraz.
Cari saluti e ti auguro una vita piena di affetti e anche di buon sesso.

Da MassimoBologna il 01/02/2009


Questa la poesia dedicata a Laura che ho regalato a Capodanno

NEL GIOCO DEI REGALI HO REGALATO UNA TELEFONATA alle 23,30 del 31.
Il regalo è stato preso da crocco1980 che mi ha chiesto di dedicare la poesia a Rosa.
Ecco la poesia che le ho letto al telefono la sera di Capodanno (appena riesco pubblico anche il video della telefonata e gli altri video che ho promesso in regalo (una danza sciamanica e due discorsi a sostegno di due giocatori).

Rosa
c'è un uomo
che mi ha chiesto
di dirti
che tu sei il tremore del colore
lo sguardo del languore
il rossore dei fiori
il vento nel guardare
il sonno sul mare
il gusto di salire sulla collina di corallo
inventarsi un ballo
stando fermi
danzando.

Rosa
c'è un uomo che ti ama
per il tuo sapore
perché lo fai volare
e il tuo sorriso
gli fa inventare tecniche digitali
teletrasportate
per farti sentire che si emoziona misticamente
quando ti guarda socchiudere gli occhi lentamente
e sente il tuo respiro
scandire l'ordine delle maree.

Rosa,
vorrei che il prossimo anno
sia per te una tazza di dolcezza
un bacio al nirvana
vicino all'uomo che ti ama.

COME FUNZIONA IL GIOCO DEI REGALI
Ognuno mette un regalo e prende un regalo. Potenzialmente ogni regalo può generare un numero infinito di regali. E' come un virus.
Fa bene regalare, fa bene ricevere regali.

TI REGALIAMO OGGETTI, IDEE, VACANZE, CONSULENZE, PREVISIONI, E SE TRA QUEL CHE TI OFFRIAMO NON C'è NULLA CHE DESIDERI PUOI CHIEDERLO NELLO SPAZIO DESIDERI.
QUI TROVI I REGALI E GLI SPAZI DOVE CHIEDERE UNA CONSULENZA

QUI PER ESPRIMERE UN DESIDERIO

QUI PER SAPERE TUTTO SU COME FUNZIONA IL GIOCO DEI REGALI.


Inventarsi un lavoro appassionante

Pubblico anche qui una consulenza pubblicata all'interno:
del gioco dei regali

Fateci coraggio!
Ma sul serio avete intenzione di sorbirvi i drammi di centinaia di persone? beh ecco il mio (nostro)
Siamo una coppia di neolaureati in filosofia che dovrebbero inserirsi nel "mercato del lavoro" (in uno dei periodi peggiori della storia economica dell'occidente) ma che non hanno molta voglia di farlo; così anziché emigrare al Nord (siamo di Ragusa)e vendersi alla prima azienda che capita rinunciando a vivere per una manciata di euro al mese, abbiamo deciso (almeno per il momento)di rimanere qui campicchiando con quello che crediamo sia l'unico lavoro che siamo disposti a svolgere: le lezioni private (l'insegnamento pubblico l'abbiamo collocato nel cassetto dei sogni irrealizzabili). Speriamo che col tempo questa attività possa diventare una occupazione a tutti gli effetti, ma tutti attorno ci assillano dicendo che dobbiamo trovarci un vero lavoro - ovvero un lavoro stabile e a tempo pieno (un suicidio in pratica) altrimenti moriremo di fame. Così chiediamo a voi un po' di incoraggiamento. Ce la faremo vero? Si può campare anche con un lavoro che ti lascia qualche ora libera al dì per coltivare la propria testa vero? In fondo seguendo i dettami della decrescita non servono molti soldi per vivere no?
Grazie per l'attenzione e buone feste.
Da Ossidia il 26/12/2008 -
(QUI per aggiungere la tua consulenza per questi due giovani)

2 giovani neolaureati in filosofia?!? Ma perchè non diventate
MILIARDARI?
Carissimi,
avete l'aria simpatica e intelligente. La lettera è scritta in ottimo italiano, è sensata, chiara e sintetica.
Quindi il parere dei 72 saggi di alcatraz che ho rapidamente consultato in proposito, è molto semplice: ci sarà sempre bisogno di lezioni private fatte da persone capaci.
Potete benissimo viverci agiatamente.
Se volete innalzare il vostro tenore di vita potete effettuare un paio di operazioni.
1) Organizzare in modo dinamico la fornitura delle lezioni.
Ad esempio via skype, in videotelefonata. E' una proposta che non esiste in rete e sarebbe molto interessante per studenti che altrimenti dovrebbero sobbarcarsi lunghi viaggi per andare a lezione. Ma potrebbe anche essere interessante per manager che hanno bisogno di preparare esami universitari e poco tempo.
2) Allargare il campo d'azione.
Se osservate l'insieme delle vostre competenze (quello che sapete) sicuramente vi accorgerete che potete dare informazioni anche su campi diversi dalla filosofia.
Da tempo sogno l'esistenza in Italia di un servizio simile a quelli anglosassoni che fornisca INFORMAZIONI.
Tu telefoni o mandi una mail e dici cosa vuoi sapere. se è una cosa semplice te la danno subito e paghi un fisso, se è complicata ti dicono entro 24 ore quanto costerebbe avere l'informazione che cerchi. A volte ci sono aziende che appaltano a questi centri informativi ricerche da decine di migliaia di euro. La capacità di risposta del CENTRO INFORMATIVO dipende dalla rete di specialisti che ha connesso. Noi abbiamo questa rete. Quel che manca è la persona che si sobbarca la gestione di un simile progetto, tecnicamente notevole, nel quotidiano.
Un mio amico è uno specialista del fotovoltaico a livello internazionale. E' stato contattato da un CENTRO INFORMATIVO che gli da 150 dollari per offrire un report telefonico a manager che vogliono sapere che succede nel settore fotovoltaico. Anche questa è un'ipotesi interessante.
Non vendere solo informazioni e ricerche ma anche CONVERSAZIONI.
3) Settore parallelo un servizio editoriale. ricerche per libri (io ne sarei immediato cliente), correzioni bozze, ecc.
4) Diversificare:
Se analizzate l'insieme delle vostre capacità sicuramente troverete che qualche passione che coltivate può diventare redditizia. Sai fare le torte? Sai ballare il cha cha cha? Sai fare massaggi? Se all'attività centrale di lezioni di filosofia affiancate altri servizi, e usate la rete delle vostre relazioni per farli conoscere, potete trovare fonti extra di reddito, senza cadere nella monotonia di fare sempre la stessa cosa.
E' una cosa che succede spesso tra chi vive in campagna. Alcune persone che lavorano a Alcatraz hanno ad esempio più attività tipo insegnante-massaggiatore-giardiniere, oppure insegnante-manager-venditore ambulante-conferenziere. Unire attività intellettuali e manuali aiuta poi a mantenere l'equilibrio psicofisico ed è una sicurezza reale e anche psicologica.
Spero di esservi stato utile e vi faccio i miei migliori auguri
buon Natale!
Da Jacopo Fo il 26/12/2008 -

:-o
Uau avete già risposto! E non con astratte consolazioni ma con consigli concreti (troppe c)! Vorremmo abbracciarvi.
Non vogliamo stancarvi, sappiamo che avete tanto lavoro, ma ci interessava approfondire la 3 operazione che ci avete consigliato, dove possiamo trovare ulteriori informazioni?
Vi vogliamo già bene.
Ossidia
Da Ossidia il 26/12/2008 -

Hai vinto un invito a pranzo per 2 persone!
venite a Alcatraz e ne parliamo.
Mandate una mail a info@alcatraz.it per specificare il giorno.
Siamo chiusi dall'11 gennaio al 30 marzo.
auguri
jacopo
Da Jacopo Fo il 26/12/2008 - 23:21

Grazie per l'invito ne
Grazie per l'invito ne riparliamo in primavera-estate quando avremo raccimolato qualche soldo per il viaggio :-)
Ossidia
Da Ossidia il 27/12/2008