A un passo dalla “Grid parity”

Si tratta del punto di pareggio del prezzo tra elettricita' prodotta da fonti rinnovabili e elettricita' da fonti convenzionali.
L'Italia, secondo i dati esposti durante la fiera SolarExpo di Verona, raggiungera' la grid parity nel solare fotovoltaico tra il 2010 e il 2012, prima di quando ci arriveranno California e Giappone.
La capacita' produttiva delle istallazioni fotovoltaiche in Italia e' raddoppiata in un solo anno (da 450 a 900 MW entro la fine del 2009) e, stando alle previsioni, raddoppiera' di nuovo entro il 2011, con relativo abbassamento dei costi e miglioramento delle tecnologie.
Per timore di queste brutte notizie alla Fiera non sono intervenuti ne' il ministro dello Sviluppo economico Claudio Scajola, ne' quello dell’Ambiente, Stefania Prestigiacomo.
(Fonte: Rinnovabili.it)


Commenti

[...]

E qui casca l’asino.
Se solo un’ora fa pensavo di terminare l’articolo, magari scrivendo a margine la mia nota di ottimismo, ora, invece, melius re perpensa, vado avanti, aggiungendo qualche cosa in più…
Il dubbio è nato da una considerazione che da subito, sotto traccia, ha cominciato a farsi strada: non so (quasi) nulla di tecnologia per produrre i pannelli fotovoltaici ma, come semplice lettrice, dopo il facil(ment)e (emotivo) entusiasmo iniziale mi è venuto in mente che un produttore di una certa tecnologia si annovera (quasi certamente…) fra i suoi primi sostenitori.

E che tende, fors’anche inconsapevolmente (?!), a nascondere qualcosa sotto il tappeto, come diceva quel tale…

 

http://naturagiuridica.blogspot.com/2009/08/grid-parity-ed-equilibrio-gi...