UN (vero) MUSEO PER DARIO FO E FRANCA RAME

 

Contenuto disponibile solo dopo accettazione dei cookie

Contenuto disponibile solo dopo accettazione dei cookie

Oggi, nel giorno dell'anniversario dei 95 anni dalla nascita di Dario Fo, abbiamo deciso di lanciare questa campagna di sensibilizzazione.

Numerosi sono i progetti che la Fondazione Fo Rame ha in cantiere per i prossimi anni, in collaborazione con la Compagnia Teatrale Dario Fo e Franca Rame (C.T.F.R. Srl).

Numerosi sono i progetti che si potrebbero finalmente portare a termine dopo le tante promesse delle istituzioni.

Con il progetto MusALab avevamo sognato di creare un polo archivistico museale che potesse essere d’esempio all’Europa, un luogo dove i visitatori potessero sperimentare in prima persona la bellezza delle arti e l’importanza della cultura. Un museo laboratorio dove diventare protagonisti della valorizzazione del Patrimonio.

Abbiamo centinaia di opere d’arte di un Premio Nobel ancora chiuse nei cassetti, nelle casse e - quelle di maggiori dimensioni - imballate e stipate in depositi non idonei alla loro conservazione. A Dario Fo era stato promesso dal Ministro in persona che si sarebbe trovato un posto più grande e più adatto ad ospitare i suoi capolavori.

La convenzione stipulata con Dario Fo e Jacopo Fo per la valorizzazione del Patrimonio Fo Rame firmata a marzo 2016 si rinnova nel 2021. Sono già passati cinque anni, e ancora oggi le opere di Dario Fo giacciono imballate, come pronte all’ennesimo trasloco.

Verona ci ha regalato molto, il rapporto istituito con la cittadinanza e i progetti che ne sono scaturiti sono stati esperienze bellissime, il progetto di (ri)catalogazione dei materiali promosso dalla Direzione Generale Archivi è un progetto fondamentale che era necessario fare. Ma ad oggi non possiamo più permetterci di aspettare che le istituzioni abbiano il tempo di affrontare l'argomento più spinoso: trovare una sede idonea per spazi e superfici espositive.

Ci occorre un sostegno, sia logistico che economico, che ci permetta di tutelare effettivamente i materiali d'archivio e anche di gestire tutte quelle attività che possono nascere intorno a questo Patrimonio.

L'obbiettivo della campagna "UN MUSEO PER DARIO E FRANCA" è quello di trovare un luogo dove accogliere l'Archivio Rame Fo, dare forma al Museo, e realizzare tutto ciò che era stato promesso a Dario il 23 marzo 2016 con la firma della convenzione con il Ministero della Cultura.

A cominciare dagli eventi organizzati per festeggiare i primi 50 anni dell'opera teatrale Mistero Buffo stiamo raccogliendo video-testimonianze di amici artisti che credono, come noi, nell'importanza della valorizzazione, tutela e divulgazione del patrimonio culturale lasciato da Dario Fo e Franca Rame.

> L'appello di Paola Cortellesi:

Contenuto disponibile solo dopo accettazione dei cookie

Contenuto disponibile solo dopo accettazione dei cookie

> L'appello di Marco Baliani:

Contenuto disponibile solo dopo accettazione dei cookie

Contenuto disponibile solo dopo accettazione dei cookie

> L'appello di Marco Paolini:

Contenuto disponibile solo dopo accettazione dei cookie

Contenuto disponibile solo dopo accettazione dei cookie

> L'appello di Simone Cristicchi

Contenuto disponibile solo dopo accettazione dei cookie

Contenuto disponibile solo dopo accettazione dei cookie

> L'appello di Ascanio Celestini:

Contenuto disponibile solo dopo accettazione dei cookie

Contenuto disponibile solo dopo accettazione dei cookie

> L'appello di Luca Bassanese:

Contenuto disponibile solo dopo accettazione dei cookie

Contenuto disponibile solo dopo accettazione dei cookie

> L'appello di Moni Ovadia:

Contenuto disponibile solo dopo accettazione dei cookie

Contenuto disponibile solo dopo accettazione dei cookie

> L'appello di Marco Travaglio:

Contenuto disponibile solo dopo accettazione dei cookie

Contenuto disponibile solo dopo accettazione dei cookie

Fino ad oggi si sono uniti a questo nostro appello (in ordine alfabetico):

Natalino Balasso
Marco Baliani
Ascanio Celestini
Paola Cortellesi
Simone Cristicchi
Valentina Lodovini
Moni Ovadia
Marco Paolini
Mario Pirovano
Antonio Ricci
Marco Travaglio
Lucia Vasini
Roberto Vecchioni

Se vuoi partecipare anche tu con un videoappello o per sottoscrivere inviaci una mail a info@fondazioneforame.org

Per maggiori informazioni sull'Archivio Rame Fo e sul MusAlab, visita il nostro sito alla pagina dedicata.

#unMuseoperDarioeFranca

 


Ristoranti e alberghi sono fermi e senza aiuti, ma pagano l’affitto: è questa la solidarietà statale?

In questo momento ristoratori e albergatori sono in una situazione drammatica e gli aiuti di Stato, per quanto cospicui e con poca burocrazia, non hanno aiutato abbastanza questi imprenditori e tutti i loro dipendenti che rischiano di perdere definitivamente il lavoro a causa di fallimenti. Oltre ai mancati incassi determinati dalle chiusure imposte dal Covid, molti imprenditori si sono trovati a dover pagare appieno gli affitti per i loro locali.

La Costituzione italiana sancisce un principio di solidarietà che in questi casi non è stato rispettato, anche grazie al fatto che il governo Conte non ha emanato provvedimenti che permettessero la riduzione dei costi di locazione per le attività bloccate dall’epidemia. E già questo fatto, che riguarda decine di migliaia di imprenditori in diversi settori, è una brutale iniquità e una grave dimenticanza del governo.

Ma in alcune situazioni l’ingiustizia è stata ancora maggiore.
Continua a leggere...

 

Categorie: 

1000 modi di avere una relazione amorosa

 

Come è cambiato il modo di amarsi negli ultimi anni?
Da dove nasce il bisogno di cercare altre formule d'amore che non siano la classica coppia?
È possibile amare realmente più persone?

Ne parliamo con la Dott. Ilaria Fontana e Jacopo Fo in compagnia della Dott.ssa Ameya Gabriella Canovi.

Contenuto disponibile solo dopo accettazione dei cookie

Contenuto disponibile solo dopo accettazione dei cookie

A questo link trovi la raccolta completa dei precedenti video del Salotto Psicologico.

> I Misteri dell’Amore

Un corso per scoprire come ci innamoriamo e in che modo si trasforma in amore duraturo, per capire le nostre emozioni e quelle della persona amata.
- 6 docenti
- 13 video lezioni
- 4 video in diretta
- 10 ore di durata complessiva
- Un gruppo Facebook di supporto

Clicca qui per iniziare il tuo viaggio alla scoperta delle emozioni e della fisiologia dei sentimenti.

 

 


"La Bibbia censurata" autografata

Non sei riuscit* ad acquistare il mio libro autografato? Nessun problema! Giulio Perrone Editore compie 16 anni e, per festeggiare insieme, ti dà la possibilità di acquistare dei libri autografati dai rispettivi scrittori e scrittrici e di riceverli a casa con spedizione gratuita. ⠀

Come funziona l’iniziativa? Dal 19 al 29 marzo 2021 invia una mail a antonio.sunseri@giulioperroneditore.com specificando di voler acquistare "La Bibbia Censurata"; riceverai la tua copia autografata da me. 

 


La banalità del bene

 

Idee fisse, preconcetti, banalità nella testa, leoni da tastiera, urlatori da teleschermo. Se vogliamo migliorare il mondo dobbiamo ridiscutere l’approccio agli amici e ai nemici.
Ne parlo con Enrico Deaglio sulla pagina facebook di Jacopo Fo.

Contenuto disponibile solo dopo accettazione dei cookie

Contenuto disponibile solo dopo accettazione dei cookie

C’è stato un tempo in cui noi comunisti eravamo convinti che fosse stato il compagno Ivan a salvare il maggior numero di ebrei dalle camere a gas.

Poi arriva Deaglio con il suo libro La banalità del bene, e ci racconta la storia di un fascista che riesce a evitare che migliaia di ebrei vengano deportati. E lo fa dimostrando un’incredibile capacità di inventiva: nel 1944 si trova a Budapest e spacciandosi per un funzionario spagnolo e imbrogliando i nazisti tedeschi e ungheresi riesce a strappare loro persone che già si trovano sui treni della morte. Raccoglie ebrei in fuga, li nasconde in case sicure e nonostante non abbia denaro riesce a procurare loro cibo organizzando una rete clandestina di aiuti. Poi inizia a falsificare documenti e lasciapassare dell’ambasciata spagnola organizzando la fuga di queste persone. Riesce così a farli scappare.

E questo lo fa un fascista della prima ora, uno che è andato volontario a combattere in Spagna contro i repubblicani.

Non so se rendo l’idea dello shock che ebbe il libro di Deaglio su gente come me: ma come, i fascisti non sono tutti cattivi? Non sono tutti marci? Scoprire che le qualità migliori dell’essere umano possono trovarsi anche in un fascista era per noi inconcepibile! Ma come potevamo non credere a quello che aveva scritto il compagno Deaglio?
Continua a leggere...

 


"La Bibbia censurata" di Jacopo Fo

 

In questo video vi presento il mio libro "La Bibbia Censurata" (Giulio Perrone Editore). Non è un libro che parla di religione ma parla delle storie scritte nella Bibbia!
Spero che questo libro vi interesserà, vi affascinerà e vi divertirà perché ci sono delle storie veramente incredibili!

Clicca qui per leggere il primo capitolo.

 

Contenuto disponibile solo dopo accettazione dei cookie

Contenuto disponibile solo dopo accettazione dei cookie


Jacopo Fo presenta il suo nuovo libro 'La Bibbia censurata'

 

Jacopo Fo, insieme al teologo Vito Mancuso e con la partecipazione della libreria La confraternita dell'uva di Bologna, presenta il suo libro 'La Bibbia censurata' (Giulio Perrone editore).
Modera lo scrittore Paolo Di Paolo.

Contenuto disponibile solo dopo accettazione dei cookie

Contenuto disponibile solo dopo accettazione dei cookie


BookTalks con Jacopo Fo

Con chi si sposarono i figli di Adamo ed Eva se non c’erano altre donne sulla Terra?
E il serpente che tenta Eva era il demonio o solo un serpente con le zampe?
E con chi si sposarono i figli di Noè se erano morti tutti?

Questa sera alle 19:00 cercherò di rispondere a queste e altre curiose domande sul mio nuovo libro “La Bibbia Censurata” edita da Giulio Perrone Editore. E se acquisti il libro durante la diretta su Bookdealer riceverai una copia autografata e disegnata da me!!

Jacopo Fo scava nell’Antico Testamento per recuperare personaggi tumulati, e come un archeologo studia i fossili rimasti intrappolati negli strati della Bibbia. Legge indizi sconcertanti, fa lo sgambetto alla storia ufficiale, interroga chi è stato messo a tacere e non è più possibile interrogare. E interroga anche noi!

Insomma, una scioccante indagine sui più antichi racconti dell’umanità di cui parlerà giovedì 18 marzo insieme al teologo Vito Mancuso e allo scrittore Paolo di Paolo, che modererà l’incontro.

#giulioperroneditore #LaBibbiaCensurata #JacopoFo