Gela Le Radici del Futuro

Facebook Instagram TikTok YouTube Twitter Jacopo fo english version blog

 

RESTIAMO IN CONTATTO!

PER CONOSCERE GLI ULTIMI AGGIORNAMENTI VISITA LA MIA PAGINA FACEBOOK

 

Abbonamento a feed Gela Le Radici del Futuro Gela Le Radici del Futuro
turismo | arte | cultura | storia | natura | mare |
Aggiornato: 1 ora 54 min fa

“CHANGED BY WOMEN”: la gelese Sophia Giacchi tra le 99 donne che stanno cambiando il mondo

Mar, 02/20/2024 - 18:37

Scommettere sul futuro, ma anche ispirare le prossime generazioni di ragazze che vogliono costruire il loro percorso di vita ed avere un impatto positivo sulla società. Tutto questo è “Changed by Women”, il progetto promosso dalla Università Bocconi di Milano, che raccoglie le storie straordinarie di 99 donne che hanno inseguito il loro sogno e cambiato il futuro.

Sophia Giacchi, cittadina gelese trapiantata a Milano, è stata selezionata tra le 99 donne che, grazie ad impegno, perseveranza e determinazione, sono divenute un esempio di empowerment femminile.

Dopo aver conseguito la laurea magistrale in Management presso l’Università Bocconi e in seguito a esperienze di formazione a Singapore e Barcellona, Sophia ha iniziato la sua ascesa nel mondo del lavoro, fino a diventare Product Manager di Skinceuticals, un brand di cosmetica e cura della pelle appartenente al gruppo L’Oréal.

Sophia ha commentato così questo importante traguardo:

“Sono entusiasta di condividere con voi una straordinaria opportunità! Sono stata selezionata come una delle 99 donne che stanno cambiando il futuro nel progetto “Changed by Women”! È un onore far parte di questa iniziativa dell’Università Bocconi che celebra il coraggio e la determinazione delle donne nel plasmare il nostro mondo.

Sarò intervistata dalla corrispondente italiana del Financial Times, Silvia Sciorilli Borrelli, insieme a donne incredibili come Sabina Nuti, rettrice della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, e Monica Possa, group chief HR & organization officer di Generali.

Changed by Women è un’opportunità per sfidare le regole già scritte della società e per ispirare le prossime generazioni di donne a perseguire i propri sogni con determinazione.

Non vedo l’ora di condividere questa esperienza e di continuare a sostenere l’empowerment femminile. Unitevi a noi per la presentazione l’08/03/2024 presso l’Aula Magna dell’Università Bocconi.”

Ci auguriamo che Sophia possa rappresentare un esempio positivo per tutte le ragazze che, partite da una cittadina siciliana con un sogno nella valigia, si sono avventurate verso nuovi lidi alla scoperta del mondo e verso il raggiungimento di nuove e soddisfacenti mete.

L'articolo “CHANGED BY WOMEN”: la gelese Sophia Giacchi tra le 99 donne che stanno cambiando il mondo proviene da Gela Le radici del Futuro.

Categorie: Altri blog

Il film “Lo Sbarco” vince a Parigi il Festival Bridge of Peace

Mar, 01/02/2024 - 18:41

Il docufilm “Lo Sbarco” diretto da Iacopo Patierno ha vinto a Parigi il Bridge Of Peace Film Festival.

Creato in Francia, il Bridge Of Peace Film Festival si pone l’obbiettivo di riflettere e cercare risposte e possibili soluzioni alle problematiche che pervadono il mondo, invaso dalle guerre e dalla violazione dei diritti umani. Tra i vari spunti presentati al festival dai vari autori e cineasti, il film Lo Sbarco ha fatto conoscere una parte della storia del territorio ed ha fatto  arrivare un appello per la pace da Gela.

Giunto alla sua quarta edizione, il Festival è diventato uno dei punti di riferimento della cinematografia indipendente che privilegia nelle sue produzioni le tematiche di attualità della società contemporanea.

Il docufilm “Lo Sbarco”, realizzato in occasione dell’ottantesimo anniversario dell’operazione Husky, il nome in codice dato allo sbarco degli alleati in Sicilia, ha coinvolto le testimonianze di esperti, cittadini, testimoni dell’epoca e l’attiva partecipazione di studentesse e studenti dell’Istituto Morselli di Gela.

“È sempre bello vincere un Festival – dichiara Patierno – Ricevere un premio in un Festival straniero  ha un valore anche maggiore.”

Il film propone anche una riflessione sui temi di pace e guerra, oggi. “È un periodo molto difficile per il nostro pianeta, insanguinato da conflitti anche vicini a noi. Sembra non ci sia limite alla disumanità. Penso che la pace sia anzitutto convivere serenamente con sé stessi e manifestare il rispetto verso l’altro. Purtroppo c’è chi continua a uccidere, penso che la pace sia ancora lontana e che tutti ci dobbiamo impegnare per essa” afferma il regista.

Il soggetto del film:“Lo Sbarco” segue un gruppo di studentesse e studenti in veste di esploratori della memoria e ricercatori di messaggi di pace. Si immergono nella città di Gela, in Sicilia, alla ricerca della memoria che conserva il tessuto cittadino riguardo all’operazione Husky, lo sbarco delle truppe alleate a Gela avvenuto il 10 luglio 1943, durante la Seconda Guerra Mondiale, un passaggio decisivo per la caduta del fascismo prima e del nazismo poi.

Attraverso le interviste effettuate a cittadine e cittadini, a testimoni dell’epoca, a esperti storici il film indaga il rapporto di quell’evento con i temi di pace e guerra; approfondisce l’impatto che la guerra ha avuto sulla città e sulle persone, sia a livello individuale che collettivo; riprende e registra ricordi e memorie preziosi.

Visitando i luoghi simbolo dei combattimenti nella piana di Gela e sul lungomare, gli esploratori della memoria provano ad immaginare come doveva essere vivere in quel contesto di guerra, impersonificano gli abitanti dell’epoca ed esprimono cosa potessero provare al momento dello sbarco.

Il film esamina anche come la memoria storica possa influenzare il futuro di una città e dei suoi abitanti, stimolare una riflessione sul tema della pace e della guerra al giorno d’oggi.

Quello che “Lo Sbarco” propone è un viaggio tra memoria storica e vita contemporanea; le strade e i molti luoghi nel perimetro adiacente alla città portano ancora i segni dei combattimenti del 1943. Le persone di Gela  lo vivono come un evento lontano e ormai superato, irripetibile? Quali insegnamenti è possibile trovare da quell’evento al giorno d’oggi? E’ possibile trasmettere l’emozione e il senso di urgenza riguardo alla necessità di preservare la memoria storica e di lavorare per la pace?

 

 

“Lo Sbarco” è un film realizzato nell’ambito del progetto Gela Le Radici del Futuro, coordinato da Jacopo Fo e Bruno Patierno, con il sostegno di Eni e il patrocinio della città di Gela.

L'articolo Il film “Lo Sbarco” vince a Parigi il Festival Bridge of Peace proviene da Gela Le radici del Futuro.

Categorie: Altri blog

“Lo Sbarco” proiettato online il 18 dicembre al Bridge Of Peace Festival

Gio, 12/14/2023 - 12:38

Dopo le già 5 selezioni ai festival nazionali ed internazionali, arriva un altro grande traguardo per il docu-film “Lo Sbarco” diretto da Iacopo Patierno!

Il team di Gela Le Radici del Futuro è lieto di annunciare che l’opera verrà proiettata online nel corso del Bridge Of Peace Film Festival.  L’atteso evento si terrà lunedì 18 dicembre ed è possibile registrarsi al link.   Un’occasione per divulgare la storia del nostro territorio al pubblico nazionale ed internazionale. 

Lo Sbarco, che è tra i finalisti del Bridge Of Peace Film Festival concorre  in una scaletta di 46 film totale che saranno proiettati online dal 15 al 21 di dicembre.

Il docu-film –  ricordiamo – vede coinvolti alcuni studenti provenienti dall‘Istituto Morselli. Come già raccontato nelle varie proiezioni già dedicate al film,  i ragazzi hanno impiegato il loro impegno e la loro creatività a esplorare le tappe salienti dell’Operazione Husky nella nostra città. Unendo le forze, hanno intervistato concittadini vari e testimoni diretti dello Sbarco.

“È sempre bello essere selezionati per un festival – dichiara Patierno – Le proiezioni a Gela sono già state un successo, ma ricevere consensi da parte di chi non ha partecipato e non è del posto ha già un valore più assoluto.”

Oltre a cercare di apprendere riguardo la storia della nostra città, lo scopo del progetto è stato quello di riflettere e raccogliere i pareri della comunità sui temi di pace e guerra. “È un periodo molto difficile da quando è scoppiato il conflitto di Gaza. Era già difficile convivere con la guerra in Ucraina, ma adesso va anche peggio. Non c’è limite alla disumanità anche quando pensiamo di avvicinarci a certi valori. Evidentemente per certa gente ancora non è così scontato. Penso che la pace sia anzitutto convivere serenamente con sé stessi e manifestarlo nel rispetto verso l’altro. Purtroppo c’è chi continua a uccidere e senza distinzioni, dunque penso che la pace sia ancora lontana.” afferma il regista. 

Il progetto dunque non poteva che concorrere per una manifestazione più azzeccata. Creato in Francia, il Bridge Of Peace Film Festival si pone l’obbiettivo di riflettere e cercare risposte e possibili soluzioni alle problematiche che pervadono il mondo, ormai invaso dalle guerre e dalla violazione dei diritti umani. Tra i vari spunti presentati a festival dai vari autori e cineasti, si darà l’occasione di far conoscere anche la storia del nostro territorio. Ciò sarà reso possibile attraverso la storia di chi li ha vissuti, ma anche di chi la rivive attraverso le odierne cronache di guerra. 

L'articolo “Lo Sbarco” proiettato online il 18 dicembre al Bridge Of Peace Festival proviene da Gela Le radici del Futuro.

Categorie: Altri blog

Democrazia partecipata 2023. Gelesi chiamare a votare i nuovi progetti per migliorare la città

Mar, 11/28/2023 - 00:41

Mercoledì 29 novembre,, i residenti a Gela avranno la possibilità di votare un progetto a scelta tra quelli concorrenti al bando di “Democrazia partecipata” 2023. Ogni anno, l’amministrazione invita cittadini, enti e associazioni a presentare le loro idee volte al miglioramento della città.

I progetti presentabili possono abbracciare vari ambiti: ambiente, sanità, lavori pubblici, sviluppo economico, turismo e promozione del territorio, politiche giovanili, attività sociali, scolastiche, culturali e sportive. Queste vengono poi raccolte e discusse in consiglio comunale. L’amministrazione discute le idee e approva quelle che reputa migliori e maggiormente realizzabili. Tuttavia, sta poi alla cittadinanza l’opportunità di votare un solo progetto tra i concorrenti.

Anche nel 2023, l’importo massimo dei finanziamenti è di 60.000 euro. Sono ben sei i progetti candidati di quest’anno, nonostante la notizia del bando sia passato un po’ in sordina.

Nella scorsa edizione, la proposta vincitrice riguardava la riqualificazione del quartiere San Giacomo. Sono ancora in corso gli iter per la realizzazione di altre proposte vincitrici, quali la Snoezelen Room per bambini neurodivergenti e l’organizzazione di un grande evento artistico-culturale.

Per visionare le proposte di Democrazia Partecipata 2023 e avere maggiori informazioni, basta collegarsi al sito del comune di Gela e andare nella sezione “notizie”. Come nelle volte precedenti, per votare basta essere residenti a Gela e collegarsi al link fornito dalla pagina del portale e inserire i dati del proprio documento di riconoscimento.

L'articolo Democrazia partecipata 2023. Gelesi chiamare a votare i nuovi progetti per migliorare la città proviene da Gela Le radici del Futuro.

Categorie: Altri blog

La Via dell’Oro Giallo, l’esperienza di Paestum

Lun, 11/13/2023 - 16:17

L’itinerario archeologico turistico  “La Via dell’Oro Giallo”  è stato ospite alla BMTA – XXV Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico (Paestum, 2-5 novembre) all’interno del padiglione Regione Sicilia promuovendo al pubblico il percorso studiato per  valorizzare del territorio di Gela, Enna, Aidone e Piazza Armerina.

 

Un’occasione preziosa per raccontare face to face i dettagli dell’itinerario, le potenzialità del territorio e le opportunità di sviluppo turistico archeologico ed esperienziale che gli addetti ai lavori e i viaggiatori indipendenti possono approfondire in autonomia con il supporto delle linee guide fornite da La Via dell’Oro Giallo. La partecipazione dell’itinerario La Via dell’Oro Giallo alla BMTA è stata possibile grazie alla collaborazione con il Parco Archeologico di Gela.

La BMTA, che ha contato in questa edizione circa 8.500 visitatori, è stata altresì occasione di raccolta dati utili ad ampliare i contatti ed avviare nuove collaborazioni all’obiettivo di aumentare le collaborazioni a promozione del territorio interessato.

La partecipazione alla Borsa si è confermata essere utile occasione di incontro e divulgazione dei temi inerenti alla valorizzazione del segmento archeologico del turismo culturale per il business professionale, gli operatori turistici e culturali del pubblico e del privato, i viaggiatori, il mondo scolastico e universitario e i media

La Via dell’Oro Giallo è una iniziativa nata nell’ambito del progetto GelaleRadicidelFuturo, sostenuto da Eni, grazie anche alla partecipazione dei Comuni di Aidone, Enna, Gela, Piazza Armerina. L’itinerario, realizzato con il contributo della curatrice scientifica Serena Raffiotta, si inserisce in una serie di azioni che hanno come obiettivo attrarre l’attenzione dei tour operator italiani e internazionali oltre che dei visitatori per favorire lo sviluppo di flussi turistici di qualità in tutte le stagioni dell’anno. Il dépliant che illustra il percorso è fruibile e scaricabile  gratuitamente online.

 

 

Per info:
info@gelaleradicidelfuturo.it

E’ possibile seguire il progetto anche su FacebookInstagramYouTube.

 

 

L'articolo La Via dell’Oro Giallo, l’esperienza di Paestum proviene da Gela Le radici del Futuro.

Categorie: Altri blog

Il film “LO SBARCO” entra nella selezione ufficiale di 5 Festival internazionali

Ven, 11/10/2023 - 10:20

Il film “Lo Sbarco” (2023; durata 30’), prodotto da Jacopo Fo srl (Gruppo Atlantide) regia di Iacopo Patierno, già autore tra l’altro della web serie “Italia Sicilia Gela”, dopo pochi mesi dal suo lancio ufficiale è già entrato come finalista nelle selezioni ufficiali di 5 festival internazionali che si terranno prossimamente in Francia, Regno Unito, Spagna e Italia:

  • Bridge Of Peace Festival – Parigi
  • First-time Filmmaker Sessions-by Lift-Off Global Network – Londra
  • Med Futurs Film Festival – Valencia
  • Heart International Italian Film Festival – Bologna
  • Valleditria Film Festival, Festival per la Pace – Bari

“Lo Sbarco” è stato realizzato in occasione dell’ottantesimo anniversario dell’Operazione Husky, con l’attiva collaborazione dell’Istituto Morselli di Gela e vede tra i protagonisti studentesse e studenti dell’Istituto.

I riconoscimenti internazionali che sta ricevendo sono una testimonianza della bontà del lavoro svolto dal regista e da tutta la crew e dell’attenzione che il film riesce a suscitare nei confronti dell’episodio storico che ha visto protagonista la città di Gela.

“Lo Sbarco” segue un gruppo di studentesse e studenti in veste di esploratori della memoria e ricercatori di messaggi di pace. Si immergono nella città di Gela, in Sicilia, alla ricerca della memoria che conserva il tessuto cittadino riguardo all’operazione Husky, lo sbarco delle truppe alleate a Gela avvenuto il 10 luglio 1943, durante la Seconda Guerra Mondiale, un passaggio decisivo per la caduta del fascismo prima e del nazismo poi.

Attraverso le interviste effettuate a cittadine e cittadini, a testimoni dell’epoca, a esperti storici il film indaga il rapporto di quell’evento con i temi di pace e guerra; approfondisce l’impatto che la guerra ha avuto sulla città e sulle persone, sia a livello individuale che collettivo; riprende e registra ricordi e memorie preziosi.
Visitando i luoghi simbolo dei combattimenti nella piana di Gela e sul lungomare, gli esploratori della memoria provano ad immaginare come doveva essere vivere in quel contesto di guerra, impersonificano gli abitanti dell’epoca ed esprimono cosa potessero provare al momento dello sbarco.
Il film esamina anche come la memoria storica possa influenzare il futuro di una città e dei suoi abitanti, stimolare una riflessione sul tema della pace e della guerra al giorno d’oggi.

Quello che “Lo Sbarco” propone è un viaggio tra memoria storica e vita contemporanea; le strade e i molti luoghi nel perimetro adiacente alla città portano ancora i segni dei combattimenti del 1943. Le persone di Gela lo vivono come un evento lontano e ormai superato, irripetibile? Quali insegnamenti è possibile trovare da quell’evento al giorno d’oggi? E’ possibile trasmettere l’emozione e il senso di urgenza riguardo alla necessità di preservare la memoria storica e di lavorare per la pace?

“Lo Sbarco” è un film realizzato nell’ambito del progetto Gela Le Radici del Futuro, coordinato da Jacopo Fo e Bruno Patierno, con il sostegno di Eni e il patrocinio della città di Gela.

E’ possibile seguire il progetto Gela le Radici del Futuro anche su
Facebook, Instagram, YouTube.

Per info:
info@gelaleradicidelfuturo.it

 

 

L'articolo Il film “LO SBARCO” entra nella selezione ufficiale di 5 Festival internazionali proviene da Gela Le radici del Futuro.

Categorie: Altri blog