Altri blog

×

Messaggio di errore

  • Warning: date_timezone_set() expects parameter 1 to be DateTime, boolean given in format_date() (linea 2089 di /home/jacopofo/public_html/includes/common.inc).
  • Warning: date_format() expects parameter 1 to be DateTimeInterface, boolean given in format_date() (linea 2099 di /home/jacopofo/public_html/includes/common.inc).
Facebook Instagram TikTok YouTube Twitter Jacopo fo english version blog

RESTIAMO IN CONTATTO!

Comunicato Stampa: “Memorie del Cuore della Basilicata” selezionato al Potenza Film Festival

CuoreBasilicata - Mer, 11/23/2022 - 16:13

Il video “Memorie del Cuore della Basilicata”, prodotto nell’ambito del progetto CuoreBasilicata degli studenti dell’’Istituto di Istruzione Superiore “Petruccelli – Parisi” di Moliterno, è tra le opere selezionate per partecipare al Potenza Film Festival che si terrà dall’1 al 3 dicembre.

Il video prodotto da studentesse e studenti della Quarta A – CAT nell’anno scolastico 2021-2022, guidati dal tutor, prof. Biagio Russo, dell’Istituto “Petruccelli-Parisi” è già disponibile in visione sul sito di Cuore Basilicata.

“Memorie del Cuore della Basilicata” ha avuto come docente il regista Iacopo Patierno e la tutorship di Pasquale Dicillo. Ha come focus i racconti orali e le testimonianze di adulti e anziani, raccolti da studentesse e studenti con interviste e riprese video che, una volta montate, vogliono restituire al territorio la sua memoria in un intreccio di storie, episodi, aneddoti che aiutano a conoscere il passato e confrontarlo col presente, in una realtà in cui il richiamo delle origini, della terra, delle tradizioni è fortemente sentito e si mescola con l’aspirazione all’innovazione e alla scoperta.

L’iniziativa ha permesso ai giovani autori, affiancati dal team di CuoreBasilicata, di apprendere le tecniche di intervista, ripresa, montaggio attraverso l’utilizzo dei propri device (computer, tablet, smartphone).

Un progetto dove la trasmissione dei ricordi diventa un ponte di integrazione fra le diverse generazioni; un viaggio nel tempo volto a promuovere la conservazione delle memorie e la loro valorizzazione.

Studentesse e studenti in questo video si sono concentrati su due temi:
– i cambiamenti nelle abitudini alimentari;
– i cambiamenti nei rapporti tra i generi.

CuoreBasilicata è un progetto realizzato da Jacopo Fo srl (Gruppo Atlantide) con il coordinamento di Jacopo Fo e Bruno Patierno e il patrocinio di Comuni dell’area.

Categorie: Altri blog

Sabato 3 dicembre doppio appuntamento al Teatro Eschilo con Gela Le Radici del Futuro

Gela Le Radici del Futuro - Lun, 11/21/2022 - 10:52

Sabato 3 dicembre doppio appuntamento al Teatro Eschilo di Gela dalle ore 16.00! Partecipazione libera ai due eventi organizzati da Gela Le Radici del Futuro e dedicati alla città di Gela:

  • Ore 16.30: annuncio dei vincitori del concorso a premi Miglioriamo la città;
  • Ore 19.15: proiezione in anteprima assoluta del documentario animato “Storie di fate e di giganti. Gela crocevia di archetipi e leggende di tutto il mondo” realizzato da Jacopo Fo e Dario Scaramuzza.

 

L’iniziativa “Miglioriamo la città”, programmata d’intesa con l’Amministrazione della città di Gela e presentata al pubblico nel mese di marzo 2022 ha ricevuto ottimo riscontro da parte della cittadinanza che ha inviato idee, proposte ed elaborati originali rispondendo ai quesiti posti dal concorso a premi Miglioriamo la città: Come ti piacerebbe rendere Gela più bella e accogliente? Come vorresti contribuire allo sviluppo della tua città?

Sabato 3 dicembre, alle ore 16.30, saranno annunciati i primi tre classificati vincitori dei premi, inoltre è prevista una menzione speciale per altre idee e proposte meritevoli. Menzione speciale anche per le scuole di Gela che maggiormente hanno partecipato.

 

 

Subito a seguire, alle ore 19.15, ci sarà la proiezione in anteprima assoluta del documentario animato “Storie di fate e di giganti. Gela crocevia di archetipi e leggende di tutto il mondo” realizzato da Jacopo Fo e Dario Scaramuzza che fa seguito all’altro già proiettato nel mese di marzo “Gela Antica. La New York del Mediterraneo” che è già in visione libera online al link: https://www.youtube.com/watch?v=oG26edN3Oag.

Il secondo e inedito documentario animato, “Storie di fate e di giganti. Gela crocevia di archetipi e leggende di tutto il mondo”, racconta invece le leggende di Gela sul gigante di Manfria, sua sorella la bella Castellana e una donna misteriosa e bellissima, capace di paralizzare gli uomini con un semplice gesto. Indagando su queste narrazioni medioevali abbiamo scoperto che sono imparentate con altre, inglesi, sulla Fata Morgana e Mago Merlino. E esiste anche una leggenda a proposito di un castello nelle profondità dello stretto di Messina dove la Fata Morgana ha abitato, circondata da giovani e giovinette di rara bellezza.

 “Storie di fate e di giganti. Gela crocevia di archetipi e leggende di tutto il mondo” porta sul grande schermo storie internazionali che vogliono indagare le origini dei miti più noti, origini che spesso si perdono nella notte dei tempi, ma che hanno connessioni molto più vicine a noi di quanto non ci immaginiamo. In poco più di venti minuti, la voce di Jacopo Fo ci accompagna in un viaggio antico adatto ad adulti e piccini.

 

Sarà presente in sala il regista Jacopo Fo, a seguito della proiezione dibattito e confronto con il pubblico.

Ingresso libero fino a esaurimento posti, gradita prenotazione al link: https://www.eventbrite.com/e/storie-di-fate-e-di-giganti-tickets-464999645457

L'articolo Sabato 3 dicembre doppio appuntamento al Teatro Eschilo con Gela Le Radici del Futuro proviene da Gela Le radici del Futuro.

Categorie: Altri blog

In farmacia per i bambini. Gela aderisce all’iniziativa a sostegno delle famiglie.

Gela Le Radici del Futuro - Sab, 11/19/2022 - 15:41

Compie dieci anni l’iniziativa “In farmacia per i bambini”, promossa in tutta Italia dalle Fondazione Francesco Rava. Ogni anno, è possibile recarsi presso le farmacia convenzionate e acquistare dei prodotti da donare alle famiglie in difficoltà. In occasione della Giornata Internazionale dei Diritti dell’Infanzia (20 novembre), anche l’associazione Gela Famiglia ODV aderisce all’iniziativa, per dare un contributo sostanziale ai bambini bisognosi nella nostra città.

Fino al 25 novembre, basterà recarsi presso le farmacie Pintaudi, Campisi, Marchitello o presso la parafarmacia Igea e acquistare dei prodotti sanitari da banco o prodotti ad uso pediatrico da donare ai bambini. I volontari dell’associazione allestiranno un banchetto dove sarà possibile lasciare i prodotti una volta effettuato l’acquisto.

L’iniziativa viene riproposta annualmente con un tema diverso. Il tema scelto per quest’anno è “One Planet, One Health”, poiché mira a sensibilizzare circa la sostenibilità sociale e ambientale per salvaguardare la salute delle nuove generazioni. Per insegnare ai più piccoli il valore del rispetto dell’ecosistema, sui volantini dell’iniziativa è stato una versione esclusiva del gioco dell’oca dove per giocarvi basta procurarsi un oggetto segnaposto e una monetina. In ogni tappa del gioco vi sono illustrate delle piccole istruzione su come poter contribuire, attraverso piccoli gesti, a modificare il proprio impatto ambientale.

Questa è solo una delle tante iniziative che la Fondazione Francesco Rava porta avanti per i bambini italiani e nel mondo. Per avere maggiori informazioni e partecipare alla prossima edizione di “In farmacia per i bambini”, basta collegarsi al sito https://infarmaciaperibambini.nph-italia.org/.

L'articolo In farmacia per i bambini. Gela aderisce all’iniziativa a sostegno delle famiglie. proviene da Gela Le radici del Futuro.

Categorie: Altri blog

Fuori le Mura, l’arteterapia per il riscatto sociale dei detenuti e dei messi alla prova

Gela Le Radici del Futuro - Ven, 11/11/2022 - 18:40

Un’opera come simbolo di reinserimento e di riscatto sociale per i detenuti e per chi ha delle piccole pene da scontare pur in libertà. Si tratta del progetto “Fuori le Mura” finanziato da Fondazione con il Sud con capofila la cooperativa Prospettiva Futuro in collaborazione con l’Ufficio di Esecuzione Penale Estarna (UEPE). I soggetti coinvolti hanno partecipato a dei lavori di arte sotto la guida dell’artista Luigi Giocolano e dello psicologo e arteterapeuta Giovanni Quadrio. Insieme hanno creato un grande mosaico raffigurante la testa di una gorgone utilizzando esclusivamente materiali di riciclo. L’opera è stata esposta al circolo ARCI – Le Nuvole nel corso di una conferenza intitolata “Al centro del riscatto.”

Questa prima realizzazione ha coinvolto direttamente i detenuti della Casa Circondariale della città. I soggetti della messa alla prova stanno, invece, lavorando all’interno dei locali dell’ARCI alla creazione di un’opera analoga raffigurante la testa di Sileno. Le due opere verranno poi installate all’interno di due punti della città da concordare con l’amministrazione comunale. Giustizia, impegno sociale, sostenibilità e decoro urbano sono i punti chiave del progetto. “Volendo fare un parallelismo con i detenuti in generale, l’opera è stata realizzata con materiale riciclabile, da soggetti che a loro volta devono ‘riciclarsi’ e dopo essere esposti alla visibilità di tutti. – ha detto Cesira Rinaldi, Direttrice della Casa Circondariale – L’opera dà quindi significato alla restituzione alla società di chi l’ha realizzata. Non vediamo l’ora di rivedere quest’opera all’esterno.”

“Il pannello è stato realizzato in 50 ore nel corso dell’estate. – afferma Luigi Giocolano – I ragazzi erano molto presi e c’era molta sintonia tra loro. Erano talmente entusiasti di quello che stavano facendo al punto che mi hanno chiesto se l’attività sarebbe ripresa una volta terminata l’opera.”

Tutto ciò rientra in un progetto molto più ampio, che mira al reinserimento socio-lavorativo dei detenuti. Grazie all’impegno preso con l’azienda Dusty, 60 di questi soggetti possono partecipare a dei tirocini retribuiti mentre per 50 di questi sono previste delle assunzioni. Oltre al carcere di Gerla, il progetto ingloba quelli di Catania “Piazza Lanza”, Barcellona Pozzo di Gotto, San Cataldo, e l’istituto penale per i minorenni etneo e anche gli UEPE di Messina, Catania, Caltanissetta-Enna e Palermo con l’apporto dell’Ufficio del Garante dei Diritti dei Detenuti della Regione Sicilia.

L'articolo Fuori le Mura, l’arteterapia per il riscatto sociale dei detenuti e dei messi alla prova proviene da Gela Le radici del Futuro.

Categorie: Altri blog

A Casa di Paul Harris. Il Rotary Club di Gela lancia un nuovo ambulatorio solidale.

Gela Le Radici del Futuro - Dom, 10/30/2022 - 18:01

Le iniziative del Rotary Club di Gela non si fermano mai. Solo qualche giorno fa aveva collaborato con alcuni bar della città in occasione del World Polio Day, ma vi sono altri eventi in pianta stabile. Oggi, 30 ottobre 2022, Il Rotary Club Gela con grande orgoglio, inaugura la Casa di Paul Harris in tema sanità con l’Ambulatorio Solidale presso i locali dell’ Ambulatorio  diocesano “Franco Bennici” in piazza Sant’Agostino a Gela.

Un luogo che nasce dalla necessità di dare un immediato aiuto alle persone in difficoltà socio‐economica e che è stato intitolato al fondatore del Rotary. I soci professionisti rotariani e non, potranno avere un luogo che possa identificare il concetto di “servire al di sopra di ogni interesse personale”. Il Rotary Club di Gela  metterà nella disponibilità dell’utenza dieci figure professionali orbitanti in diverse specializzazioni sanitarie: Ematologia , Medicina Interna, Neurologia, Chirurgia, Colonproctolgia, Psicologia, Odontoiatria, Patologia clinica.

Un progetto sviluppato in collaborazione con la Piccola Casa della Misericordia di Don Lino Di Dio, e con il direttore Sanitario della struttura Dott. Santo Figura e Adriana La Barbera, referente dell’ambulatorio “Franco Bennici” .

L'articolo A Casa di Paul Harris. Il Rotary Club di Gela lancia un nuovo ambulatorio solidale. proviene da Gela Le radici del Futuro.

Categorie: Altri blog

Nasce lo sportello “SOS Disabilità”, un’iniziativa di ADOCES Sicilia

Gela Le Radici del Futuro - Gio, 10/27/2022 - 18:40

È stato inaugurato uno sportello per accogliere le richieste di anziani e persone diversamente abili nei momenti di difficoltà. Si tratta della nuova iniziativa dell’associazione ADOCES Sicilia ODV, intitolata “SOS Disabilità” che trova luogo all’interno dei locali della Casa del Volontariato, in via Ossidania 27. A curare il progetto saranno il presidente di ADOCES Giacomo Giurato e il dott. Antonio Ventura in sinergia con i volontari della sua associazione.

Un aiuto concreto per i diversamente abili e per le loro famiglie, affinché possano conoscere a pieno i loro diretti e sentirsi maggiormente integrati nel territorio. Le consulenze saranno gratuite e di varia natura e riguarderanno: il diritto all’assistenza e alla previdenza, il diritto alla salute, la Carta Europea della disabilità, il diritto allo studio e il diritto di uguaglianza.

L’idea nasce dall’esigenza di dare una risposta a chi necessita, in seguito ai cambiamenti sociali che vanno a incidere sull’efficienza dei servizi. Molte di queste esigenze derivano anche dalle trasformazioni avvenute nel periodo di pandemia, che non si può ancora definire finito, pertanto è sempre richiesto rispettare le nome igienico-sanitarie. Lo sportello sarà operativo nei giorni di martedì e giovedì dalle ore 16.00 alle ore 18.00.

Per fissare un appuntamento, gli organizzatori suggeriscono di mandare una mail all’indirizzo di posta elettronica adoces.sicilia@gmail.com o di chiamare ai seguenti numeri: 391 101 1770 – 349 884 4733.

L'articolo Nasce lo sportello “SOS Disabilità”, un’iniziativa di ADOCES Sicilia proviene da Gela Le radici del Futuro.

Categorie: Altri blog

Un caffè sospeso per la polio. La nuova iniziativa del Rotary.

Gela Le Radici del Futuro - Dom, 10/23/2022 - 12:41

C’è tempo fino a lunedì 24 ottobre per aiutare il Rotary Club di Gela nella sua nuova mossa benefica, e per farlo, basta solo concedersi un caffè. “Un caffè sospeso per la polio – per proteggere tutti i bambini del mondo” è il titolo della nuova iniziativa promossa Rotary International  “End Polio Now” dedicato, appunto, alla eradicazione della poliomielite. Un’idea lanciata in occasione della Giornata Mondiale della Poliomielite, istituita per dare un’attenzione maggiore a quei paesi in cui questa malattia non è ancora stata debellata.

Per contribuire alla raccolta fondi basta compiere un gesto quotidiano, ovvero andare in uno dei bar dove vi è affissa la locandina dell’iniziativa e ordinare due caffè. L’importo del secondo caffè andrà in un salvadanaio apposito che verrà poi restituito all’associazione.

“Dal 1988, allorché il Rotary International lanciò la campagna per immunizzare tutti i bambini del mondo contro la Polio, abbiamo continuato infaticabilmente a sostenere la causa con un enorme investimento di tempo e di risorse – spiega il Presidente del Rotary Club Valentino Granvillano – obiettivo dell’iniziativa è quello di sensibilizzare, contribuire e coinvolgere nel progetto del Rotary International “End Polio Now a Countdown to Zero” grazie al quale il traguardo dell’eradicazione della poliomielite è ormai vicinissimo.

Questa malattia colpisce di fatto soprattutto i bambini in tenera età e non vi sono cure per sconfiggerla se non i vaccini. I trattamenti farmacologici (antibiotici, analgesici e di altra natura), servono solo a limitarne i sintomi. Nonostante in molti paesi la poliomielite sia stata presumibilmente debellata, è dello scorso luglio la notizia che delle tracce siano state rilevate nelle acque reflue della contea di Rockland a New York.

Il Rotary International risulta essere, da anni, primo nella speciale classifica mondiale dell’efficienza economica degli enti senza scopo di lucro, con un impiego diretto dei finanziamenti ottenuti a favore dei bisognosi, pari al 92%; solo l’8% è destinato a finanziare la struttura organizzativa, formata in maggioranza proprio dai volontari rotariani.

L'articolo Un caffè sospeso per la polio. La nuova iniziativa del Rotary. proviene da Gela Le radici del Futuro.

Categorie: Altri blog

Tutti pazzi per la nave! Sempre di più le richieste di proroga della mostra su Ulisse.

Gela Le Radici del Futuro - Mer, 10/19/2022 - 17:43

Ulisse ne vedrà ancora delle belle prima di tornare in patria.  Dal sindaco di Gela, ai vari partiti politici, a cui si aggiungono ovviamente la cittadinanza e i turisti: sono sempre di più le richieste per un’ulteriore proroga, almeno fino alla fine dell’anno, della mostra che vede al centro dell’attenzione la nave greca di Gela.

L’esposizione del relitto era già stata prorogata al 31 di ottobre, ma il grande successo e impatto culturale che la mostra ha avuto hanno posto Gela al centro dell’attenzione, nonché tra le mete più ambite dai turisti di tutto il mondo. Da tanti anni non si vedeva un tale incremento di richiesto presso le strutture di alloggio. Un dato pubblicato su Facebook dalla Soprintendenza dei Beni Culturali di Caltanissetta vuole che in un mese e mezzo dall’inaugurazione vi sia stato un afflusso complessivo di 17.000 visitatori.

In contemporanea, si sono svolti vari incontri e convegni sulla nave e i reperti di Gela, ma anche sul mare, la storia e i miti del territorio. L’ultimo è stato organizzato nell’ex chiesa di San Giovanni, dall”Ordine degli Architetti P.P.C. di Caltanissetta.

Che l’antica Ghela sia tuttora un territorio pieno di risorse e sorprese archeologiche è risaputo ovunque. Sembra però che la valorizzazione dei propri beni culturali dipenda anche dalla programmazione di grandi eventi come quello della mostra, che servono a suscitare la curiosità degli esterni. Parallelamente, grazie ai lavori di cura e manutenzione dei luoghi e dei servizi, gli spettatori potranno conservare un bel ricordo.  Fino ad oggi, queste piccole (per non dire scontate) mosse sembrano aver recato solo beneficio alla città. Allora, forse è il caso di valutare tali richieste di proroga, insieme all’organizzazione di altri eventi che possano rilanciare l’immagine di Gela e del suo patrimonio storico, artistico e culturale.

L'articolo Tutti pazzi per la nave! Sempre di più le richieste di proroga della mostra su Ulisse. proviene da Gela Le radici del Futuro.

Categorie: Altri blog

“Sconvolgimenti”: il docufilm del liceo scientifico Vittorini racconta come è cambiata Gela

Gela Le Radici del Futuro - Lun, 10/17/2022 - 18:03

E’ stato proiettato lo scorso sabato 15 ottobre al Teatro Eschilo il  docufilm realizzato dagli studenti del liceo scientifico Elio Vittorini di Gela, dal titolo “SCONVOLGIMENTI”: Gela prima e dopo l’industrializzazione nel racconto dei suoi abitanti.

Il docufilm ripercorre le tappe della nostra storia più recente raccogliendo le testimonianze di nonni, zii … che hanno raccontato la trasformazione che ha conosciuto il territorio gelese a partire dagli anni 60 con l’industrializzazione.

40 studenti e 11 insegnanti impegnati in un progetto che vede la città di Gela e i suoi “sconvolgimenti” protagonisti del progetto, da un idea del professor Alessandro Lutri dell’Università di Catania, della professoressa Chiara Ottaviano e del videomaker  Andrea Giannone.

Una vera sfida per gli alunni e i docenti coinvolti dall’entusiasmo della Dirigente Angela Tuccio, coordinati dalla professoressa Casano.

Per la prima volta coloro che hanno partecipato a questa  trasformazione, a questo sconvolgimento si rivedono attraverso le interviste ai protagonisti raccolte dai ragazzi.Tra il pubblico numeroso e attento  anche il senatore Pietro Lorefice, il sindaco Lucio Greco e il presidente della raffineria Eni Walter Rizzi.

La presentazione all’Eschilo era stata preceduta da una anteprima il 24 settembre all’università di Catania nell’ambito di un convegno nazionale di storia dell’ambiente di fronte ad una delegazione del Liceo Vittorini.

Il docufilm è stato realizzato nell’ambito del laboratorio didattico <<Memory Lab: un incontro di generazioni>>

Un laboratorio che va ad interpretare nell’ambito delle conoscenze umanistiche e sociali come sia fondamentale lavorare con i territori dove le nuove proposte di associazioni, gruppi, comunità sono impegnate a migliorare e migliorarsi”, spiega il professor Lutri.

Fondamentale per il successo dell’iniziativa anche l’apporto dell’archivio storico Eni.

 

L'articolo “Sconvolgimenti”: il docufilm del liceo scientifico Vittorini racconta come è cambiata Gela proviene da Gela Le radici del Futuro.

Categorie: Altri blog

La Via dell’Oro Giallo, il nuovo straordinario itinerario archeologico, sarà presentato alla Fiera TTG di Rimini

Gela Le Radici del Futuro - Lun, 10/10/2022 - 09:20

E’ con molto piacere che comunichiamo: La Via dell’Oro Giallo, il nuovo e originale percorso turistico archeologico realizzato da Gela le Radici del Futuro con la partecipazione dei Comuni di Gela, Piazza Armerina, Aidone, Enna che sarà presentato per la prima volta al TTG Travel Experience di Rimini dal 12 al 14 ottobre, la più importante Fiera professionale italiana, rivolta ai produttori e distributori del comparto turistico.

 

 

La Via dell’Oro Giallo avrà un proprio spazio nel padiglione della Regione Sicilia che ha selezionato il progetto tra quelli più interessanti da proporre ai tour operator italiani e internazionali.

Il percorso prende il nome dall’Oro Giallo: il grano, le cui coltivazioni sin dall’epoca greca hanno ricoperto questo territorio e valorizza per la prima volta un itinerario che parte dal mare per arrivare alle colline dell’interno della Sicilia, attraverso tesori archeologici e panorami di straordinaria bellezza.

La fattiva collaborazione dei Comuni partecipanti, assieme ai Parchi Archeologici di Gela, al Parco Archeologico di Morgantina e della Villa romana del Casale è stata fondamentale per la definizione del percorso e delle sue tappe.

 

“L’obiettivo è attrarre l’attenzione dei tour operator italiani e internazionali su un’area dalle immense risorse artistiche, culturali e naturali e favorire lo sviluppo di flussi turistici di qualità in tutte le stagioni dell’anno, come è tipico del turismo archeologico, con presenze di più giorni. Dopo la Fiera l’auspicio è che si possano definire, con la collaborazione di Amministrazioni Comunali e Operatori Economici, accordi con i Tour Operator che traducano l’itinerario in pacchetti di visita e soggiorno per i turisti di tutti i Paesi”.

La Via dell’Oro Giallo, progetto realizzato con la collaborazione di Serena Raffiotta come curatrice scientifica, si inquadra nel programma di valorizzazione del territorio gelaleradicidelfuturo.it prodotto da Jacopo Fo srl (Gruppo Atlantide) con il coordinamento di Jacopo Fo e Bruno Patierno, il sostegno di Eni e il patrocinio del comune di Gela.

 

L'articolo La Via dell’Oro Giallo, il nuovo straordinario itinerario archeologico, sarà presentato alla Fiera TTG di Rimini proviene da Gela Le radici del Futuro.

Categorie: Altri blog

Un gemellaggio tra Gela e la Francia sul tema dello sbarco

Gela Le Radici del Futuro - Dom, 10/09/2022 - 22:01

Un gemellaggio tra Gela e la Francia sul tema dello sbarco. È la nuova iniziativa del Gruppo Archeologico Geloi, dell’Istituto del Nastro Azzurro – Federazione di Caltanissetta e dall’Associazione Storico Culturale Lamba Doria. Sia Gela che la Francia sono state interessati dagli sbarchi delle forze angloamericane durante la seconda guerra mondiale che cambiarono le sorti del conflitto e segnarono l’inizio della fine del nazifascismo.

Il progetto coinvolge i comuni francesi di Colleville Sur Mer, Saint Lorent Sur Mer e Villerville Sur Mer, luoghi dello sbarco in Normandia che si svolse il 6 giugno del 1944, sulla spiaggia di Omaha. Allo stesso modo, gli alleati sbarcarono sulla spiaggia di Gela il 10 luglio dell’anno precedente per liberare l’Italia dall’oppressione dei regimi in vigore. La giunta municipale ha già deliberato un atto di indirizzo per questo progetto, per scaturire un protocollo d’intesa con i comuni francesi, che verrà ultimato a dicembre per avviare tali iniziative a luglio dell’anno prossimo.

“Questo gemellaggio – commenta il Sindaco Lucio Greco – rientra le iniziative di rilevanza storico – culturale che vogliamo inserire tra gli eventi in fase di programmazione per celebrare l’80esimo anniversario dello sbarco sulle coste gelesi del 9-10 luglio 1943, per onorare la memoria dei Caduti, divulgare la conoscenza e tramandare alle nuove generazioni il ricordo di queste pagine cruciali della nostra storia. Inoltre, sono evidenti i vantaggi culturali, turistici ed economici di iniziative simili per Gela e la Sicilia, come già avviene in Normandia. Partendo dalla condivisione di tali esperienze storiche, vogliamo organizzare e promuovere momenti finalizzati alla valorizzazione del nostro territorio e della sua storia e al coinvolgimento di tutta la popolazione, che deve sentirsi protagonista e deve partecipare attivamente, anche perché obiettivo di un gemellaggio è, in primis, l’interscambio culturale tra le comunità cittadine interessate”.

 

L'articolo Un gemellaggio tra Gela e la Francia sul tema dello sbarco proviene da Gela Le radici del Futuro.

Categorie: Altri blog

L’artista Leonardo Cumbo conquista il cuore dell’Australia

Gela Le Radici del Futuro - Dom, 10/09/2022 - 20:07

Dal cuore della Sicilia, a quello del Giappone, arrivando in Australia: Leonardo Cumbo, artista nisseno, svolta a Sydney per la rassegna di sculture monumentali Scultures by the sea, dove il prossimo 21 ottobre presenterà alcune sue considerevoli opere.

Artista poliedrico e docente presso l’Accademia di Belle Arti di Catania. A Gela, Leonardo Cumbo è noto per l’opera Attrazione repulsiva, esposta sul lungomare e raffigurante due uomini nella gara di tiro alla fune. Oltre a questa, diventata ormai un monumento contemporaneo per i gelesi. vi sono diverse installazioni dell’artista esposte in varie zone della Sicilia. Tuttavia, quello di Leonardo Cumbo è un nome che si è fatto strada anche all’estero: nel 2019, la scultura Star Fisherman è stata esposta in Giappone per la trentottesima edizione della UBE Biennale, dove Cumbo è stato l’unico artista italiano a parteciparvi.

Jacopo fo (sinistra) in visita a Leonardo Cumbo (destra) durante la fase di lavoro di “Attrazione repulsiva”

Arriva ora la svolta nell’emisfero australe: Sculpture by the Sea, fondata nel 1997, può essere considerata una delle più grandi esposizioni al mondo che attira l’attenzione di critici internazionali, con elevatissimo afflusso di visitatori. Per l’evento, che si tiene ogni anno lungo la passeggiata costiera fra Bondi e Tamarama, Leonardo Cumbo ha creato ben tre sculture: una scultura di notevoli dimensioni per l’esposizione esterna intitolata Trap for dreams e due piccole per l’esposizione Sculpture inside intitolate Dreaming to fly no. 1 Dreaming to fly no. 2. L’autore, oltre a partecipare alla cerimonia di inaugurazione e ai vari eventi della rassegna, terrà dei workshop per gli studenti delle scuole della capitale australiana. Nella stessa nazione, più precisamente nella città di Cotteslow, a partire da marzo 2023, lo scultore esporrà altri capolavori d’arte contemporanea.

L'articolo L’artista Leonardo Cumbo conquista il cuore dell’Australia proviene da Gela Le radici del Futuro.

Categorie: Altri blog

Prorogata la mostra di Ulisse in Sicilia! Picco di visitatori e turisti durante l’estate.

Gela Le Radici del Futuro - Mar, 10/04/2022 - 18:45

Arriva dalla Soprintendenza dei Beni Culturali di Caltanissetta la notizia ufficiale della proroga della mostra di Ulisse in Sicilia, dove tra i vari reperti spicca la nave greca rinvenuta nei fondali di Gela. Una notizia che farà entusiasmare tutti coloro che non hanno potuto approfittarne durante i mesi estivi, che siano turisti, cittadini fuori sede o semplicemente coloro che non hanno saputo conciliare i propri impegni per assistere all’evento dell’anno.

C’è ancora tempo fino al 30 ottobre per assistere alla varietà di reperti messi concessi da musei nazionali e internazionali e messi a disposizione per la mostra. Grazie a questa iniziativa, nell’estate 2022 per la prima volta si è registrato un picco di prenotazioni negli hotel e negli alloggi che non si vedeva da anni. Secondo un dato pubblicato nella pagina Facebook della Soprintendenza, si sarebbero registrati 17.000 visitatori a un mese e mezzo dall’apertura della mostra.

Un evento di portata globale di cui hanno parlato anche grandi testate giornalistiche e telegiornali nazionali. Oltre a recare una buona dose di orgoglio per gli abitanti di Gela e per l’amministrazione territoriale, l’afflusso turistico ha apportato un beneficio per i commercianti e per chi gestisce i beni storici e culturali, dal momento che con la mostra sono stati aperti ai turisti luoghi di interesse quali le Mura Timoleontee, i bagni greci e non solo. Complice anche il programma di eventi estivi che come ogni anno non ha mancato di intrattenere il pubblico.

Gli orari di apertura per accedere alla mostra rimangono i seguenti: da martedì a venerdì 10,00/13,00 – 16,.00/ 21.00; sabato e domenica ore 10.00/13.00 – 16.00/24.00. Biglietto intero 2,00 euro/ ridotto 1,00 euro,

L'articolo Prorogata la mostra di Ulisse in Sicilia! Picco di visitatori e turisti durante l’estate. proviene da Gela Le radici del Futuro.

Categorie: Altri blog

Strisce pedonali con decorazioni ludiche. L’ultima iniziativa del Kiwanis

Gela Le Radici del Futuro - Lun, 09/19/2022 - 21:04

Siamo a settembre, l’autunno è alle porte, ma ancora dobbiamo riprendere i ritmi quotidiani dopo la pausa estiva. In una città come Gela, ciò significa che le file do traffico piano piano si spostano dalle zone di mare verso vari punti delle città: le scuole. Proprio perché quest’ultime sono frequentate principalmente da bambini, è importante che i genitori che vanno a prendere i figlo a scuola facciano particolare attenzione ai gesti imprevedibili dei più piccoli. Il Kiwanis Club di Gela, in accordo con l’ammimistrazione comunale e l’assessore Giuseppe Licata ha lanciato un’iniziativa proprio per loro.

In occasione del primo giorno di scuola, nei plessi Verga e Quasimodo di via Salonicco, sono stati realizzati degli attraversamenti pedonali giocosi e colorati.

“Il presidente del club service, Enzo Patti, ha voluto coinvolgere l’amministrazione comunale con l’importante finalità di veicolare messaggi improntati alla sicurezza stradale e per invitare alla prudenza, ma usando il linguaggio ludico e divertente dei bambini. Per questo, accanto alle strisce pedonali sono stati disegnati pesci e giochini fantasiosi. Nel ringraziare il Kiwanis per questa bella iniziativa, che ci ricorda l’importanza del rispettare il codice della strada e i pedoni in particolare, soprattutto in prossimità degli istituti scolastici, ho assunto l’impegno, visti il gradimento e l’entusiasmo con i quali gli attraversamenti sono stati accolti da grandi e piccini, di realizzarli anche nei pressi di altre scuole”, ha dichiarato l’assessore Licata.

L'articolo Strisce pedonali con decorazioni ludiche. L’ultima iniziativa del Kiwanis proviene da Gela Le radici del Futuro.

Categorie: Altri blog

Greening the present, saving the future. L’esperienza dei volontari da tutto il mondo al lago Biviere.

Gela Le Radici del Futuro - Mar, 08/30/2022 - 22:13
Durante il corso dell’estate, InformaGiovani, associazione no-profit di Palermo, ha realizzato vari progetti in Sicilia, nell’ambito del programma comunitario “Corpo Europeo di Solidarietà”. Due di questi si sono svolti a Gela, nella riserva naturale del lago Biviere in collaborazione con la LIPU, ente gestore dell’area. L’obiettivo generale dell’iniziativa, intitolata Greening the present, saving the future era quello di realizzare attività legate alla tutela dell’ambiente, sia con interventi e lavori in alcune aree verdi, sia con campagne e iniziative di sensibilizzazione rivolte alla popolazione locale. Prima della loro partenza, i giovani partecipanti al programma hanno anche realizzato un flash mob a tema ambientale in Piazza Umberto I, dove hanno utilizzato come costumi di scena le plastiche che hanno raccolto nelle spiagge del nostro litorale. Abbiamo parlato con il direttivo dell’associazione per farci raccontare l’esperienza nel nostro territorio. Da dove provengono i volontari giunti a Gela? Di cosa si sono occupati? Sono in totale 27 i volontari giunti nella nostra città nei mesi di luglio e agosto, che si aggiungono ad altri 50 impegnati in altre attività nella nostra isola. Questi sono di diverse nazionalità europee ed extra europee, ma tutti sono residenti in paese dell’Unione. In particolare abbiamo avuto volontari provenienti, oltre che dall’Italia, da Francia, Spagna, Belgio, Germania, Georgia, Polonia, Portogallo, Romania, Colombia, Mali, Senegal, Argentina, Venezuela e Somalia. Anche qui a Gela si sono uniti questi due aspetti, realizzando dei lavori di manutenzione delle strutture per la visita alla riserva naturale ed una campagna di informazione e sensibilizzazione rivolta ai cittadini gelesi e del comprensorio. In cosa si distinguono i due progetti svoltisi a Gela? I progetti sono simili, perché sotto la guida degli operatori della Riserva i volontari hanno effettuato la manutenzione dei capanni utilizzati per l’osservazione della fauna, hanno rimosso una parte della vegetazione per prevenire il rischio di incendi, hanno aiutato nel migliorare le strutture per l’accoglienza dei visitatori. In che modo l’area della Riserva Naturale di Gela gioverà dell’operato di questi volontari? Questi progetti hanno un immediato beneficio pratico, dovuto proprio ai lavori di manutenzione e miglioramento delle strutture, che a volte le Riserve non possono fare per esiguità delle proprie risorse economiche. Ma vi è anche un beneficio indiretto, grazie proprio alla visibilità e alla conoscenza del progetto stesso, che inevitabilmente cattura l’attenzione della popolazione locale, che in questo modo può conoscere un ulteriore aspetto positivo della presenza di una riserva naturale nel proprio territorio. ll fatto che tutto avvenga grazie ad un programma comunitario è un ulteriore stimolo a conoscere ed utilizzare strumenti come questo, per realizzare miglioramenti tangibili per il territorio e la comunità locale.

Qual è stato il feedback ricevuto dai volontari coinvolti nel progetto precedente? I volontari che arrivano al Biviere restano ovviamente molto colpiti dalla particolarità di una riserva naturale che convive a pochi chilometri di distanza con un polo petrolchimico fra i più grandi ed inquinanti d’Europa e con forme di sfruttamento intensivo del territorio come l’agricoltura industriale che caratterizza queste zone. Per loro è quindi importante comprendere bene l’importanza della Riserva, della sua storia e delle sue prospettive per lo sviluppo di quest’area. In generale i feedback sono positivi per quel che riguarda il lavoro svolto e il progetto portato avanti dalla LIPU, mentre avvertono come elemento negativo quella che appare come una scarsa attenzione dei cittadini locali verso la tutela dell’ambiente. E’ uno dei motivi per cui sono ancora più motivati a realizzare attività di sensibilizzazione come il flashmob realizzato durante il progetto. Pensate già di svolgere iniziative analoghe presso il Biviere o altre zone di Gela? La collaborazione con la LIPU di Gela è una delle nostre “storiche” collaborazioni sia per progetti di volontariato europeo sia per i campi di volontariato internazionale. Certamente è una collaborazione che proseguirà nel tempo. Gela è ovviamente molto altro e molto di più rispetto alla Riserva naturale ed il suo territorio offre tanti spunti e possibilità per realizzare attività di volontariato di questo tipo. Anche per questo motivo ed anche grazie alla visibilità avuta da questo progetto, vorremmo provare a coinvolgere altri soggetti presenti a Gela e nel suo territorio, per estendere le attività anche ad altri interventi e progetti, sperando in questo di poter avviare un dialogo con l’Amministrazione comunale o con il libero consorzio che ha sostituito la ex Provincia regionale.

L'articolo Greening the present, saving the future. L’esperienza dei volontari da tutto il mondo al lago Biviere. proviene da Gela Le radici del Futuro.

Categorie: Altri blog