CuoreBasilicata

Facebook Instagram TikTok YouTube Twitter Jacopo fo english version blog

RESTIAMO IN CONTATTO!

Abbonamento a feed CuoreBasilicata CuoreBasilicata
Cultura | Natura | Gusto
Aggiornato: 26 min 22 sec fa

Replica di “Due Ma Non Due” a Calvello con due appuntamenti

Mer, 12/22/2021 - 15:12

A grande richiesta, dopo il successo riscontrato alla prima proiezione di Due Ma Non Due, torniamo in sala a Calvello con due spettacoli concentrati nello stesso giorno di martedì 4 gennaio 2022 all’oratorio “San Giovanni A. Farina” presso il Convento di Santa Maria de Plano.

Due appuntamenti realizzati con la collaborazione dell’Amministrazione Comunale per garantire a tutti i cittadini l’occasione di tornare in sala in totale sicurezza secondo le normative vigenti per aver il piacere di vedere la pellicola cinematografica che parla dell’Alta Val d’Agri e della Val Camastra.

Guarda il TRAILER di “Due Ma Non Due”.

Gli appuntamenti:

  • CALVELLO – martedì 4 gennaio 2022 ore 17.00. (Presentarsi alle 16.30 per controllo accessi).

QUI il LINK per prenotare il tuo biglietto gratuito dello spettacolo delle ore 17.00.

 

  • CALVELLO – martedì 4 gennaio 2022, ore 20.00. (Presentarsi alle 19.30 per controllo accessi). 

QUI il LINK per prenotare il tuo biglietto gratuito dello spettacolo delle ore 20.00.

Posti limitati, prenotazione gratuita, accesso in base alle disposizioni sanitarie vigenti.

Trama: 

Due Ma Non Due, regia di Iacopo Patierno, scritto da Federica Sozzi, è la storia di persone accomunate dall’impegno a dare valore alla propria vita. Due Ma Non Due si svolge tra le montagne dell’Alta Val d’Agri e della Val Camastra, in Basilicata. La famiglia Volpe alleva mucche podoliche che pascolano nei boschi e danno il latte solo se hanno accanto il loro vitello. Rodrigo è un artista che cerca un muro per realizzare un dipinto che serva a rafforzare l’identità di quel luogo attraverso la tradizione e i simboli condivisi. Giovanni e Benedetta hanno un ranch dove i cavalli vengono addestrati attraverso una relazione basata su un tale rispetto che gli animali sono ormai in grado di trasformare in meglio gli stati vitali di qualsiasi cliente.

Sono le storie di persone accomunate dalla consapevolezza di una non dualità tra sé e l’ambiente, tra la nostra decisione e il luogo in cui viviamo.

Premi e riconoscimenti:

“Due Ma Non Due” è stato premiato a Venezia “Log To Green Movie Award” che, nella sua 8° edizione, viene assegnato al film dell’anno che meglio rappresenta storie di sostenibilità e solidarietà sociale e presentato in prima assoluta a Milano al Festival Internazionale del Documentario Visioni dal Mondo.

Due Ma Non Due è stato prodotto da Jacopo Fo Film (Gruppo Atlantide) con il sostegno di Eni e il patrocinio della Lucana Film Commission e di Comuni del territorio.
Due Ma Non Due è una delle iniziative del progetto CuoreBasilicata.it realizzato con il coordinamento di Jacopo Fo e Bruno Patierno.

Due Ma Non Due è stato gentilmente ospitato anche nei comuni di Moliterno, Marsicovetere e Montemurro.

Categorie: Altri blog

Replica di “Due Ma Non Due” a Calvello con due appuntamenti

Mar, 12/21/2021 - 11:59

A grande richiesta, dopo il successo riscontrato alla prima proiezione di Due Ma Non Due, torniamo in sala a Calvello con due spettacoli concentrati nello stesso giorno di martedì 4 gennaio 2022 all’oratorio “San Giovanni A. Farina” presso il Convento di Santa Maria de Plano.

Due appuntamenti realizzati con la collaborazione dell’Amministrazione Comunale per garantire a tutti i cittadini l’occasione di tornare in sala in totale sicurezza secondo le normative vigenti per aver il piacere di vedere la pellicola cinematografica che parla dell’Alta Val d’Agri e della Val Camastra.

Guarda il TRAILER di “Due Ma Non Due”.

Gli appuntamenti:

  • CALVELLO – martedì 4 gennaio 2022 ore 17.00. (Presentarsi alle 16.30 per controllo accessi).

QUI il LINK per prenotare il tuo biglietto gratuito dello spettacolo delle ore 17.00.

 

  • CALVELLO – martedì 4 gennaio 2022, ore 20.00. (Presentarsi alle 19.30 per controllo accessi). 

QUI il LINK per prenotare il tuo biglietto gratuito dello spettacolo delle ore 20.00.

Posti limitati, prenotazione gratuita, accesso in base alle disposizioni sanitarie vigenti.

Trama: 

Due Ma Non Due, regia di Iacopo Patierno, scritto da Federica Sozzi, è la storia di persone accomunate dall’impegno a dare valore alla propria vita. Due Ma Non Due si svolge tra le montagne dell’Alta Val d’Agri e della Val Camastra, in Basilicata. La famiglia Volpe alleva mucche podoliche che pascolano nei boschi e danno il latte solo se hanno accanto il loro vitello. Rodrigo è un artista che cerca un muro per realizzare un dipinto che serva a rafforzare l’identità di quel luogo attraverso la tradizione e i simboli condivisi. Giovanni e Benedetta hanno un ranch dove i cavalli vengono addestrati attraverso una relazione basata su un tale rispetto che gli animali sono ormai in grado di trasformare in meglio gli stati vitali di qualsiasi cliente.

Sono le storie di persone accomunate dalla consapevolezza di una non dualità tra sé e l’ambiente, tra la nostra decisione e il luogo in cui viviamo.

Premi e riconoscimenti:

“Due Ma Non Due” è stato premiato a Venezia “Log To Green Movie Award” che, nella sua 8° edizione, viene assegnato al film dell’anno che meglio rappresenta storie di sostenibilità e solidarietà sociale e presentato in prima assoluta a Milano al Festival Internazionale del Documentario Visioni dal Mondo.

Due Ma Non Due è stato prodotto da Jacopo Fo Film (Gruppo Atlantide) con il sostegno di Eni e il patrocinio della Lucana Film Commission e di Comuni del territorio.
Due Ma Non Due è una delle iniziative del progetto CuoreBasilicata.it realizzato con il coordinamento di Jacopo Fo e Bruno Patierno.

Due Ma Non Due è stato gentilmente ospitato anche nei comuni di Moliterno, Marsicovetere e Montemurro.

Categorie: Altri blog

Marsicovetere: il portale turistico “marsicovetereoutdoor.it”, un viaggio tra natura, storia e cultura   

Lun, 11/29/2021 - 12:47

“Offrire un servizio alla comunità e promuovere il nostro territorio sia verso gli stessi residenti che verso potenziali visitatori”. E’ l’obiettivo del portale turistico “marsicovetereoutdoor.it” promosso dal comune di Marsicovetere e ideato e realizzato dal giovane escursionista Giovanni De Nicola, 34 anni, originario di Marsicovetere che abbina la passione per la montagna all’utilizzo delle nuove tecnologie, mediante le quali riesce a trasformare mappe in itinerari, rendendoli in tal modo noti ad un pubblico più ampio.

Laureato all’Università di Pisa, prima in Economia del Territorio e dell’Ambiente e poi la  specialistica in Sviluppo e Gestione Sostenibile del Territorio, dal 2010 Giovanni lavora in Intesa Sanpaolo e negli ultimi 4 anni si è dedicato all’ambito risorse umane con esperienze a Torino, in Romania e a Dublino, città in cui vive e lavora tuttora. Tra le sue passioni, oltre alla musica e allo sport, ci son sicuramente la montagna e la natura in generale, da vivere a piedi, in bici o anche in tuta da speleologo. La sua passione per il trekking lo ha portato a camminare in alcuni tra i più bei posti del mondo come la Patagonia, l’Islanda, i Carpazi, il Corno Grande del Gran Sasso, le Alpi. Anche se ha passato molti dei suoi 34 anni lontano dalla sua terra, come l’aquilone di Michele Parrella non ha mai tagliato il filo con le sue radici lucane, ma anzi il legame con la Basilicata negli anni si è affermato con sempre maggior vigore.

Come è nata l’idea di un portale turistico outdoor?

L’idea di creare un portale di questo genere è nata nel 2017 in occasione di un viaggio in Islanda. Per la sua organizzazione io e i miei amici avevamo utilizzato un’app che ci consentiva di ripianificare facilmente e rapidamente le nostre giornate a seconda delle condizioni meteo e delle nostre preferenze del momento: attraverso la geolocalizzazione potevamo individuare i luoghi da visitare più vicini a noi divisi per categorie. In quei giorni è maturata nella mia testa la convinzione che la Basilicata fosse molto simile all’Islanda (fortunatamente non per il cibo!) nel senso che è una terra che non propone al visitatore attrazioni quali il Colosseo, la Torre di Pisa, il Monte Bianco o luoghi similmente immancabili nell’itinerario di viaggio, ma offre una moltitudine di posti di una bellezza semplice, discreta e autentica tanto in ambito culturale che naturalistico. Quindi si presta bene ad un viaggio in auto, da vivere alla giornata e che preveda soste spontanee e improvvisate.

Quali sono i punti di forza e qual è l’obiettivo del sito?

Il principale punto di forza credo sia quello di raccogliere in una sola mappa di facile utilizzo tanti possibili sentieri e punti di interesse del nostro territorio comunale; questo porta a poter organizzare con estrema facilità e rapidità una vacanza di più giorni, un’escursione occasionale o anche una passeggiata poco impegnativa magari per persone già residenti sul territorio ma che vogliono cominciare a riscoprirlo in un modo per certi aspetti “guidato”. Oggigiorno è fondamentale riuscire a fornire informazioni in modo semplice e rapido e penso che “marsicovetereoutdoor” riesca perfettamente a soddisfare questa esigenza anche per utenti poco esperti sia dal punto di vista digitale che escursionistico. In futuro cercherò sicuramente di migliorarlo ed arricchirlo e credo sia fondamentale ampliare l’area di riferimento almeno ai comuni limitrofi.

Tre parole chiave che rendono il territorio di Marsicovetere appetibile per un visitatore..

Natura, cultura ed enogastronomia che insieme equivalgono ad autenticità ed identità. Penso onestamente non si possa chiedere di meglio di questi tempi in cui il turismo outdoor è in forte crescita e le persone sono sempre più alla ricerca di esperienze in luoghi genuini e lontani dalla folla. E Marsicovetere fortunatamente non è un’isola ma rispecchia esattamente le caratteristiche dell’intera Lucania, a mio parere una regione straordinaria e caratterizzata da enormi potenzialità ancora inespresse. 

Cosa manca alla Val d’Agri per diventare una destinazione turistica?

Credo manchi il “crederci”. Mi spiego meglio. Credo ci sia scarsa consapevolezza della sua straordinaria bellezza da parte dei suoi stessi abitanti. Purtroppo tanti nostri concittadini conoscono poco il territorio in cui vivono e di conseguenza difficilmente sono disposti o capaci di promuoverlo. Ragion per cui pochi investono nel settore turistico e il livello dei servizi offerti resta ancora poco competitivo rispetto ad altre mete ormai consolidate nel panorama del turismo naturalistico nazionale. Ma qualcosa fortunatamente sta cambiando grazie a persone che appunto ci hanno creduto e con determinazione hanno portato avanti progetti come il Volo dell’Angelo, il Ponte alla Luna, il Ponte tra i due parchi di Castelsaraceno, il Volo dell’Aquila, la via ferrata al Cristo Redentore, e tante altre iniziative che hanno portato la Basilicata a farsi scoprire da molti nuovi visitatori; ora tocca alla Val d’Agri riuscire ad inserirsi con determinazione e progettualità in questo circuito virtuoso.

Categorie: Altri blog

Il docufilm Due Ma Non Due arriva anche a Cavello

Ven, 11/26/2021 - 13:45

Torna in sala ““Due Ma Non Due”, il docufilm interamente girato qui con persone che  abitano qui!

QUANDO: giovedì 2 dicembre 2021 alle ore 20.00, vi aspettiamo all’oratorio “San Giovanni A. Farina”, al Convento di Santa Maria de Plano – CALVELLO.

Durante la proiezione, realizzata con il supporto e collaborazione dell’Amministrazione cittadina, sarà garantita totale sicurezza secondo le normative vigenti.

Due Ma Non Due è stato proiettato alla fine del mese di ottobre 2021 nei comuni di Moliterno, Montemurro e Marsicovetere, registrando il tutto esaurito e grande approvazione degli spettatori.

Guarda il TRAILER di “Due Ma Non Due”.

Posti limitati, prenotazione gratuita, obbligo di green pass. Vi chiediamo, per motivi organizzativi, di presentarsi alle ore 19.30.

Prenota subito il tuo biglietto:

Saranno presenti in sala alcuni degli attori che hanno contribuito alla realizzazione di Due Ma Non Due.

“Due Ma Non Due” è stato premiato nella cornice della Mostra del Cinema di Venezia con il “Log To Green Movie Award”, assegnato al film dell’anno che meglio rappresenta storie di sostenibilità e solidarietà sociale e presentato in prima assoluta a Milano al Festival Internazionale del Documentario Visioni dal Mondo.

Due Ma Non Due”, regia di Iacopo Patierno, scritto da Federica Sozzi, è la storia di persone accomunate dall’impegno a dare valore alla propria vita. Due Ma Non Due si svolge tra le montagne dell’Alta Val d’Agri e della Val Camastra, in Basilicata. La famiglia Volpe alleva mucche podoliche che pascolano nei boschi e danno il latte solo se hanno accanto il loro vitello. Rodrigo è un artista che cerca un muro per realizzare un dipinto che serva a rafforzare l’identità di quel luogo attraverso la tradizione e i simboli condivisi. Giovanni e Benedetta hanno un ranch dove i cavalli vengono addestrati attraverso una relazione basata su un tale rispetto che gli animali sono ormai in grado di trasformare in meglio gli stati vitali di qualsiasi cliente.
Sono le storie di persone accomunate dalla consapevolezza di una non dualità tra sé e l’ambiente, tra la nostra decisione e il luogo in cui viviamo.

Due Ma Non Due è stato prodotto da Jacopo Fo Film (Gruppo Atlantide) con il sostegno di Eni e il patrocinio della Lucana Film Commission e di Comuni del territorio.
Due Ma Non Due è una delle iniziative del progetto CuoreBasilicata.it realizzato con il coordinamento di Jacopo Fo e Bruno Patierno.

Categorie: Altri blog

Parte “Memorie del cuore della Basilicata”, per salvare i ricordi e tradurli in video

Mar, 10/26/2021 - 13:13

Al via il progetto “Memorie del cuore della Basilicata”, iniziativa promossa da CuoreBasilicata in collaborazione con l’Istituto di istruzione superiore “G. Peano”, Marsico Nuovo (dal 27 ottobre 2021) e l’Istituto di Istruzione Superiore “Petruccelli – Parisi”, Moliterno (dal 3 novembre 2021). Porteranno il loro saluto, il giorno di avvio delle attività, la Sindaco di Marsico Nuovo Gelsomina Sassano e il Sindaco di Moliterno Antonio Rubino.

L’iniziativa, che avrà come docente il regista Iacopo Patierno e la tutorship di Pasquale Dicillo, ha come focus la ricostruzione della memoria del territorio attraverso i racconti orali e le testimonianze degli anziani raccolte da giovani studenti attraverso interviste e riprese video che, una volta montante, saranno in grado di restituire al territorio la sua memoria in un intreccio di storie, episodi, aneddoti che aiutino giovani e non a conoscere il passato e confrontarlo col presente, in una realtà in cui il richiamo delle origini, della terra, delle tradizioni è fortemente sentito e si mescola con l’aspirazione all’innovazione e alla scoperta.

Il periodo di riferimento individuato è quello degli anni 50-60 del secolo scorso. L’attività, inoltre, permetterà ai giovani coinvolti, addestrati dal team di Cuore Basilicata e seguiti da docenti dell’Istituto di riferimento, di apprendere le tecniche di intervista, ripresa, montaggio attraverso l’utilizzo dei device (computer, tablet, smartphone) di cui ciascuno già dispone, evitando così l’uso di apparecchiature professionali che precluderebbero l’esperienza a molti. I materiali finali saranno resi visibili a partire dalla primavera 2022 sia online sia attraverso la realizzazione di mostre e performance itineranti.

“Memorie del cuore della Basilicata” contribuisce a diffondere una migliore conoscenza dell’area al di fuori dei suoi confini consolidando, al contempo, il senso di appartenenza di chi vive il territorio. Un progetto intergenerazionale dove la trasmissione dei ricordi diventa un ponte di integrazione fra le diverse generazioni; un viaggio nel tempo volto a promuovere la conservazione delle memorie e la loro valorizzazione.

Sarà possibile seguire gli sviluppi dell’iniziativa sul sito di CuoreBasilicata www.cuorebasilicata.it e su canali social ufficiali del progetto. Cuore Basilicata è un progetto realizzato da Jacopo Fo srl (Gruppo Atlantide) con il coordinamento di Jacopo Fo e Bruno Patierno, il sostegno di Eni e il patrocinio di Comuni dell’area.

Categorie: Altri blog

Il docufilm Due Ma Non Due arriva a Moliterno, Montemurro e Marsicovetere

Ven, 10/15/2021 - 16:34

Arriva in Val D’agri “Due Ma Non Due”, il docufilm interamente girato qui con persone che  abitano qui.

Tre appuntamenti gratuiti a Moliterno, Montemurro e Marsicovetere, realizzati con la collaborazione della Amministrazioni cittadine, per garantire a tutti l’occasione di tornare in sala, in totale sicurezza secondo le normative vigenti e vedere una pellicola dedicata alla propria terra.

Guarda il TRAILER di “Due Ma Non Due”.

Gli appuntamenti:

 

 

Saranno presenti in sala il regista e gli attori.
Posti limitati, prenotazione gratuita, obbligo di green pass.

“Due Ma Non Due” è stato premiato nella cornice della Mostra del Cinema di Venezia con il “Log To Green Movie Award”, assegnato al film dell’anno che meglio rappresenta storie di sostenibilità e solidarietà sociale e presentato in prima assoluta a Milano al Festival Internazionale del Documentario Visioni dal Mondo.

Due Ma Non Due”, regia di Iacopo Patierno, scritto da Federica Sozzi, è la storia di persone accomunate dall’impegno a dare valore alla propria vita. Due Ma Non Due si svolge tra le montagne dell’Alta Val d’Agri e della Val Camastra, in Basilicata. La famiglia Volpe alleva mucche podoliche che pascolano nei boschi e danno il latte solo se hanno accanto il loro vitello. Rodrigo è un artista che cerca un muro per realizzare un dipinto che serva a rafforzare l’identità di quel luogo attraverso la tradizione e i simboli condivisi. Giovanni e Benedetta hanno un ranch dove i cavalli vengono addestrati attraverso una relazione basata su un tale rispetto che gli animali sono ormai in grado di trasformare in meglio gli stati vitali di qualsiasi cliente.
Sono le storie di persone accomunate dalla consapevolezza di una non dualità tra sé e l’ambiente, tra la nostra decisione e il luogo in cui viviamo.

Due Ma Non Due è stato prodotto da Jacopo Fo Film (Gruppo Atlantide) con il sostegno di Eni e il patrocinio della Lucana Film Commission e di Comuni del territorio.
Due Ma Non Due è una delle iniziative del progetto CuoreBasilicata.it realizzato con il coordinamento di Jacopo Fo e Bruno Patierno.

Categorie: Altri blog

Per le Giornate FAI d’Autunno riapre il Monastero di Santa Maria dell’Aspro di Marsicovetere

Ven, 10/15/2021 - 11:04

Tornano le Giornate FAI d’Autunno nel week end del 16 e 17 ottobre, quest’anno ambientate anche nel comune di Marsicovetere. Per l’occasione verrà riaperto al pubblico il Monastero francescano di Santa Maria dell’Aspro, monumento simbolico della storia della comunità marsicoveterese – sottoposto a tutela della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio della Basilicata – entrato nel circuito delle bellezze promosse dal FAI, per l’edizione 2021. Luogo suggestivo dalla forte spiritualità, nelle Giornate d’Autunno del prossimo week end, i visitatori appassionati di beni storici e culturali – disseminati in tutte le regioni d’Italia a testimonianza dell’interessante storia del nostro Paese, laica e religiosa – potranno immergersi nell’area verde che lo ospita.

Il Monastero di Santa Maria dell’Aspro o Convento di Santa Maria di Loreto è uno dei luoghi di culto del francescanesimo più interessanti della Basilicata, edificio sacro che ospitò l’esponente di spicco del movimento degli Spirituali, poi fondatore dell’Ordine dei Fraticelli, Angelo Clareno. Alla morte di Francesco, il Santo di Assisi, un gruppo di frati minori vollero seguire la sua Regola in maniera austera ed intransigente, aspirando ad una vita ascetica e in totale povertà. La Chiesa del tempo li considerò, però, eretici e contrari ai precetti religiosi tradizionali. Furono, infatti, sottoposti a dure persecuzioni da parte del Tribunale dell’Inquisizione. Lo stesso Angelo Clareno, ormai anziano, rifugiatosi presso l’abate di Subiaco, fu ricercato dagli inquisitori, per essere sottoposto a giudizio. Fu protetto dall’abate ed aiutato a fuggire. Per salvarsi dalle persecuzioni, trovò ai piedi del Volturino un luogo solitario e nascosto, un eremo, dove trascorse gli ultimi anni della sua vita in preghiera ed ascesi. Fonti documentarie raccontano che al tempo di Clareno, nella Valle dell’Agri la popolazione era affetta da diverse malattie alle braccia, agli occhi, alla bocca, e che in molti casi drammatici (fistole, piaghe, ingrossamento dei linfonodi) l’intervento del frate fu miracoloso. Uno dei casi più eclatanti fu quello del muratore di Viggiano, il quale chiese a Clareno l’imposizione delle mani per essere guarito. E il suo tocco fu guaritore. Uno dei capostipiti degli Spirituali, Angelo Clareno, uomo di grande cultura scomunicato da Papa Giovanni XXII nel 1317 e spentosi nel 1337, rimane ancora oggi molto studiata per la sua figura controversa ed i prodigi che compì durante la sua vita.

È nell’ultimo luogo di approdo del frate francescano, tra paesaggi di una natura selvaggia, che venne edificato il Monastero di Santa Maria dell’Aspro, dedicato dal frate a Santa Maria di Loreto. Il monastero fu nel tempo fortemente danneggiato dall’incuria e dai terremoti verificatisi nell’area, in particolare quello del 1857, che causò la fine dell’attività del monastero.

Gli interventi di recupero e di restauro implementati dal Comune di Marsicovetere, negli ultimi decenni, hanno reso possibile il recupero della Chiesa e delle mura dell’impianto originario.

Stiamo lavorando per recuperare il patrimonio culturale e storico del nostro comune, perché non rimanga nell’oblio e abbandonato all’incuria del tempo“, ha dichiarato il sindaco di Marsicovetere Marco Zipparri.Avviare un percorso di valorizzazione e promozione delle risorse di un luogo non significa calare un progetto dall’alto, ma coinvolgere la comunità locale, affinché si riappropri delle sue radici e del forte attaccamento al proprio luogo di appartenenza. Queste giornate diventano così un’ottima occasione anche per i marsicoveteresi, di conoscere meglio il proprio patrimonio culturale”, ha concluso il sindaco.

Categorie: Altri blog

Corso gratuito “PARLARE CON VIAGGIATORI E TURISTI” a Marsico Nuovo

Ven, 10/08/2021 - 10:19

Finalmente in presenza torna il corso “PARLARE CON VIAGGIATORI E TURISTI” tenuto da Jacopo Fo e rivolto a tutti quelli che hanno, o vogliono, avere a che fare con questo tipo di pubblico (albergatori, ristoratori, baristi, commercianti, personale di uffici informazione…) con residenza o attività su uno dei comuni del progetto CuoreBasilicata: Calvello, Grumento Nova, Marsico Nuovo, Marsicovetere, Moliterno, Montemurro, Paterno, Sarconi, Spinoso, Tramutola e Viggiano.,

Il corso è gratuito e si terrà nei giorni 10 e 11 novembre 2021 (10.00-13.00 / 15.00-17.00) presso la sala conferenze del Comune di Marsico Nuovo in Piazza dell’Unità d’Italia, 1.

Due giorni in presenza durante i quali conoscere le tecniche più adeguate a una comunicazione efficace e adatta a parlare con turisti nazionali ed internazionali, con l’obiettivo di saper raccontare le cose interessanti che si possono vedere, acquistare e fare nella zona.

Perché partecipare? Perché una buona comunicazione e accoglienza aiuta i visitatori a fermarsi sul territorio e a frequentare di più sia la zona che i locali, incrementando così non solo la visibilità del territorio ma anche l’economia.

Il corso proposto online durante il periodo di pandemia da Covid-19 con oltre 17.000 visualizzazioni è ancora disponibile al pubblico sul sito ufficiale e i canali social di CuoreBasilicata.

Posti limitati. Invia la tua domanda di iscrizione all’indirizzo info@cuorebasilicata.it entro e non oltre il 31/10/2021 scrivendo nell’oggetto “Domanda di iscrizione a Corso Comunicazione con i visitatori” indicando nel testo della mail: nome e cognome; data di nascita; telefono; residenza; azienda o ente o associazione di appartenenza; professione.

Oppure puoi anche scaricare QUI il FORM precompilato per inviare la tua candidatura. 

I candidati ammessi al corso saranno avvertiti via mail entro il 3/11/2021.  A conclusione del corso verrà rilasciato un attestato di partecipazione.

Iniziativa promossa dal progetto CuoreBasilicata – www.cuorebasilicata.it 

 

 

Categorie: Altri blog