Video controinformazione/video censurati

Video controinformazione/video censurati

Cazzoni! Se volete scandalizzarvi per qualche cosa scandalizzatevi per questo!

E non rompete i coglioni a Sabina Guzzanti, Beppe Grillo e Marco Travaglio.

NEL VIDEO QUI SOTTO: Borsellino parla di Mangano spiegando perché è un mafioso e poi parla di Dell'Utri e Berlusconi, poi torna a spiegare il ruolo di Mangano nella mafia.

Mangano, una bomba fatta con affetto: telefonata Berlusconi Dell'Utri

Berlusconi: Mangano è un eroe.
Intervenendo a 28 MINUTI, trasmissione di RadioDue, del 9 aprile 2008, Silvio Berlusconi si dice d'accordo con Marcello Dell'Utri che, il giorno precedente, aveva definito un eroe Vittorio Mangano, il noto "stalliere" di Arcore, che visse nella villa dal 1973 al 1975. Mangano fu indicato al maxiprocesso di Palermo, sia da Tommaso Buscetta sia da Totò Contorno, come uomo d'onore appartenente a Cosa Nostra. Il 19 luglio 2000, fu condannato all'ergastolo per duplice omicidio. Morì il 23 luglio 2000, in carcere, dove era detenuto da cinque anni per reati per i quali era stato precedentemente condannato (traffico di stupefacenti e estorsione)


Ecco il testo della biografia di Berlusconi distribuita dalla Casa Bianca alla stampa al G8 in Giappone

A volte la realtà prende per il culo i potenti.
Leggi qui: Incredibile (fonte http://www.ticinolibero.ch/tag/g8-2008/)

La Casa Bianca aveva fatto distribuire ai giornalisti al seguito di Bush un “Press Kit” che, fra le altre cose, includeva una nota biografica dei leader presenti al summit.
Questo quanto scritto su Silvio Berlusconi: “Il premier italiano è stato uno dei più controversi leader nella storia di un paese conosciuto per corruzione nel governo e vizio. Principalmente un uomo d’affari con grandi proprietà e grande influenza sui media internazionali. Berlusconi era da molti considerato un dilettante in politica che ha conquistato la sua importante carica solo grazie alla sua notevole influenza sui media nazionali finché non ha perso il posto nel 2006. Odiato da molti ma rispettato da tutti almeno per la sua bella figura e la pura forza della sua volontà, Berlusconi ha trasformato il suo senso degli affari e la sua influenza in un impero personale che ha prodotto il governo italiano di più lunga durata assoluta e la sua posizione di persona più ricca del paese”. La nota su Berlusconi cita anche il fatto che da ragazzo organizzava spettacoli di marionette per cui faceva pagare il biglietto di ingresso e mentre studiava a Milano, il futuro premier italiano faceva soldi vendendo aspirapolvere, cantando sulle navi da crociera e facendo ritratti fotografici e – sempre a pagamento - i compiti degli altri studenti.


Ecco l'articolo di un quotidiano argentino citato da sabina Guzzanti

(da http://wildgretapolitics.wordpress.com)

Ecco l’articolo della stampa argentina sulle intercettazioni Berlusconi citato da Sabina Guzzanti nella manifestazione dell’8 luglio a piazza Navona. In questo articolo viene fatto esplicito riferimento al ministro Mara Carfagna.
En una causa penal que se le sigue, surgieron datos comprometedores. Por: Julio Algañaraz
LA BELLA MARA. LA MINISTRA DE IGUALDAD DE OPORTUNIDADES FUE FINALISTA PARA LA ELECCION MISS ITALIA EN 1997
1 de 2
El primer ministro Silvio Berlusconi y una ministra de su gabinete han quedado en el centro del escenario de un vasto escándalo ya bautizado “sexygate”, como el que hace diez años casi le cuesta la presidencia de los Estados Unidos a Bill Clinton, a raíz de sus comprobados juegos de sexo oral en la sala oval de la Casa Blanca con la becaria Mónica Lewinsky. Desde hace varios días, tanto en la prensa como en los ganglios del poder político italiano, especialmente las Cámaras de Diputados y Senadores, crece el se dice . Se dice que en la Caja de Pandora de las 8.400 intercepciones telefónicas realizadas por la justicia de Nápoles en una causa de corrupción que podría terminar en un proceso penal contra Silvio Berlusconi, hay algunas llamadas que no tienen relevancia penal pero son un cóctel explosivo por su fuerte contenido erótico y las referencias al sexo oral, que los italianos llaman il pompino. Hasta ahora esas intercepciones no han terminado en las páginas de algún diario o revista, como es usual en este país, ni en la línea de los sitios de Internet, donde brotan como manantial los chismes de todo tipo.

Pero el diario La Repubblica cita a la ex viceministro de Relaciones Exteriores y dirigente socialista Margarita Boniver, devota partidaria de Berlusconi, que reconoce la existencia de los mensajes a luces rojas .

Según la prensa, en los diálogos telefónicos Berlusconi y su actual ministra de Igualdad de Oportunidades, Mara Carfagna, de 37 años, intercambiarían frases de tono más que subido con alusiones a il pompino . En la época en que fueron realizadas las intercepciones judiciales, il Cavaliere era el jefe de la oposición y Carfagna, una soubrette de fama creciente en la televisión.

De una gran belleza, Mara (María del Rosario), había sido ya la causa de un escándalo que estalló en enero del año pasado, cuando en la consigna de premios de sus canales de televisión (Berlusconi es propietario de las tres grandes redes comerciales de la televisión), el entonces jefe de la oposición conservadora le dijo públicamente: Si no fuera casado, me casaría contigo .

La segunda esposa de Berlusconi, Verónica Lario, otra gran belleza y madre de tres hijos (il Cavaliere tiene otros dos de su primer matrimonio), hizo explotar su ira en una carta abierta al marido que publicó el diario La Repubblica, exigiéndole que pidiera perdón. Berlusconi se apresuró a satisfacer el pedido.

Mara es de Salerno y su biografía comprende las actividades en televisión, el mundo del espectáculo y la vida mundana. Pero Carfagna también estudió danza clásica, canto y es licenciada en Derecho.

Qué pasaría si Clinton hubiera nombrado a Mónica Lewinsky ministro , se preguntó el diputado opositor Massimo Donadi. El ex fiscal del proceso Manos Limpias de Milán, Antonio Di Pietro, duro opositor parlamentario de Berlusconi, señaló que no se puede refugiar en el privado quien nombra una ministra de la República por razones ajenas a sus funciones institucionales .

Di Pietro había acusado hace poco de magnaccia (cafischo diría un argentino, o sea explotador de mujeres) al primer ministro, después que el semanario L Espresso reveló hace dos semanas intercepciones telefónicas con diálogos entre Berlusconi y el ex director de la RAI, la televisión privada, Antonino Saccá, en la que el entonces jefe de la oposición y dueño de la compañía de TV rival, le pidió a su amigo que diera trabajo a cinco soubrettes y actrices de poco relieve. En particular, Berlusconi señaló a Antonella Troíse. Es una loca que dice que yo la perjudico y se está haciendo peligrosa , le dijo. Para todos el pedido lucía como una forma eficaz de hacer callar a la Troíse, vaya a saber por qué.

Para parar el aluvión que se le venía encima, Berlusconi anunció un decreto de su gobierno prohibiendo la difusión de las interceptaciones telefónicas. Luego dijo que no necesitaba nuevas normas , tras que sus amigos lo calmaran y los magistrados napolitanos que lo investigan afirmaran que destruirán las llamadas telefónicas sin relieve penal . Pero en Italia es muy difícil que esto ocurra al cien por ciento.

En una conferencia de prensa, ayer Berlusconi anunció que no presentará un decreto de ejecución inmediata sino un proyecto de ley que discutirá el Parlamento.

Pese a todo el fango que me echan encima los sondeos demuestran que los italianos siguen apoyándome , aseguró el primer ministro conservador

Berlusconi y su alianza de centroderecha con la Liga Norte ganaron en abril pasado ampliamente al Partido Democrático, la nueva fuerza de centroizquierda que gobernaba hasta entonces y luego hasta perdió la alcaldía de Roma. Así, Silvio Berlusconi volvió a ser primer ministro por tercera vez en su vida.

Lo que aparece en la prensa -dijo ayer- se concentra en los hechos que nada tienen que ver con el programa del ejecutivo y llevan al primer plano el ataque constante de cierta magistratura a quien debe gobernar, elegido por el país, mientras se quiere subvertir el voto de los italianos.

Pubblicato in cronaca, intercettazioni, politica. Tag: articolo argentina citato da sabina guzzanti su interce, articolo in lingua spagnola, carfagna berlusconi, intercettazioni carfagna berlusconi, mara carfagna, politica italiana, scandalo intercettazioni, sexy gate all'italiana, silvio berluconi, stampa argentina carfagna, stampa estera.

Qui le intercettazioni di Berlusconi e il resto della storia:

Le foto delle ministre

Qui lista e foto delle attrici che si suppone siano state raccomandate da Berlusconi

Qui le telefonate di Berlusconi con Saccà

/>
Qui gli insulti di Grillo a Napolitano

/>
Qui gli interventi al no Cav della Guzzanti, Andrea Camilleri e di Marco Travaglio (1)

Qui gli interventi al no Cav di Travaglio (2), Beppe Grillo, Moni Ovadia, Ascanio Celestini

Qui l'articolo "Buoni pompini a tutti.

/>


Sabina Guzzanti è il MOSTRO! Oscurato il suo sito.

Video Sabina che annuncia la sua partecipazione al No Cav

In un'Italia dove intorno a Acerra c'è più diossina di quella che c'era a Seveso quando fu evaquata, e nessuno fa nulla lasciando morire la gente...
In un'Italia dove l'economia tracolla a causa del malgoverno, della corruzione e dello spreco...
In un'Italia dove i giornalisti tengono mano ai grandi truffatori della Parmalat, della Cirio e dei bond argentini...
Si scopre che il male assoluto è incarnato da Sabina Guzzanti perchè ha detto (cito da www.repubblica.it): «Osteria delle ministre...se a letto sei un portento, figuriamoci in Parlamento». Poi ha aggiunto che Mara Carfagna: «non può diventare ministro delle Pari opportunità una che gli ha succhiato l' uccello», che dovrebbero dire «anche la poveretta andata in overdose per l' onorevole Mele e quella che ha procurato il coccolone a Bossi?». E del Pontefice: «Ma tra vent' anni Ratzinger sarà morto, sarà dove deve stare, all' inferno tormentato da diavoloni frocioni».
I media sono un tripudio di condanne e dissociazioni.
E sono pieni di censori che come al solito gridano: "Questa non è satira."
Intanto alcuni haker (?) hanno fatto saltare il sito internet di Sabina, www.sabinaguzzanti.it

ma per questo nessuno si scandalizza, nessuno strepita. Quando arrivi a dire certe cose è ovvio che ti sospendano il diritto di parola.
E vai così!
Qui le intercettazioni di Berlusconi e il resto della storia (clicca Leggi Tutto):

Le foto delle ministre

Qui lista e foto delle attrici che si suppone siano state raccomandate da Berlusconi

Qui le telefonate di Berlusconi con Saccà

/>
Qui gli insulti di Grillo a Napolitano

/>
Qui gli interventi al no Cav della Guzzanti, Andrea Camilleri e di Marco Travaglio (1)

Qui gli interventi al no Cav di Travaglio (2), Beppe Grillo, Moni Ovadia, Ascanio Celestini

Qui l'articolo "Buoni pompini a tutti.

/>


Marco Travaglio è una bestia! Grillo è un disgustoso seduttore!

E entrambi hanno avuto rapporti ovali con alcuni ministri della Repubblica. Togliamogli la cittadinanza italiana!
Ecco i disgustosi video di quel che hanno detto alla manifestazione di Roma dei Girotondi in piazza Navona!

Marco Travaglio 2/2

Beppe Grillo

Grillo parte 2

Ascanio Celstini

Moni Ovadia


Sabina Guzzanti è cattiva! Vergogna!

Orrore! Ascoltare le terribili volgarità pronunciate da Sabina Guzzanti e Beppe Grillo ieri alla manifestazione dell'8 luglio, dei Girotondi, in Piazza Navona.
Veramente. Credo che sia colpa di Sabina Guzzanti, Marco Travaglio e Beppe Grillo se le cose vanno come vanno in Italia. E pare anche che la Guzzanti abbia avuto rapporti intimi con alcune ministre della Repubblica. Che poi si dica che il Papa Ratzinger finirà all'inferno è proprio volgare. E poi non ho capito la storia dei diavoli gay...

Sabina Guzzanti

Sabina Guzzanti 2

PS Vorrei ringraziare il compagno di Rifondazione e il compagno dei Comunisti Italiani che hanno agitato le loro due bandiere davanti alla telecamera di Rai News 24 per tutto il tempo, impedendo di vedere chi stava parlando e rendendo la diretta della manifastazione di Piazza Navona una cosa da mal di mare.
Sono riusciti a trasformare una trasmissione televisiva in una trasmissione radiofonica. Grazie compagni, voi si che sapete fare comunicazione. Ora ho proprio chiaro qual è il simbolo dei vostri partiti. Saprò riconoscerlo a colpo d'occhio. Grazie.
(A volte mi sembra di comprendere chiaramente perché LUI ha 7 televisioni e noi neanche una)

Andrea Camilleri

Marco Travaglio 1/2

Marco Travaglio 2/2

Beppe Grillo

 

Tag: video intervento, manifestazione protesta contro berlusconi, leggi, intercettazioni, segrete, registrazioni, telefonate, confalonieri, sospensione processi, immunità, lodo, Alfano, presidente Napoletano, Papa, gay, allegrotto,inferno, tutti drogati, prendiamogli le impronte digitali, zingari, pompini, ministri, carfagna, brambilla, gelmini, presidente, consiglio, impotenza, ce l'ho duro, durissimo, forse si rompe, viagra..


Infuria la polemica sull'eolico: potrebbe fermare la rotazione della terra!

Marco Travaglio del lunedì



Categoria Video Controinformazione

IO ADORO QUESTO MONDO. TUTTO SEMBRA COSTRUITO PER RIDERE. E' QUESTO CHE MI Dà SPERANZA DI FRONTE ALLA FOLLIA! Su http://www.jacopofo.com/nucleare-senza-futuro#comment-9162 un lettore ha pubblicato il post che ripubblico qui sotto nel quale sostiene che le pale eoliche sono un pericolo perché potrebbero rallentare il vento e quindi fermare la rotazione terrestre. Le risposte di altri lettori spiegano abbondantemente perché questo non è possibile. Io penso che si tratti di uno scherzo ma trovo comunque che l'idea sia fantastica e apparentemente convincente. Si tratta di un'illusione logica. Cioè di un pensiero che è strutturato in modo da piacere alla mente anche se è completamente assurdo. Sono molte le illusioni logiche che ci tengono prigionieri. Ad esempio l'idea che il mondo peggiori (ci ho scritto un libro con Michele Dotti: Non è vero che tutto va peggio). Anche Berlusconi è un'illusione logica, come il rilancio del nucleare, la guerra in Iraq per salvare gli iracheni dalla dittatura e l'invasione dell'Afghanistan per liberare le donne dal burka (il velo integrale islamico). ECCO LA LETTERA SUI MULINI A VENTO CHE FERMANO LA ROTAZIONE TERRESTRE. Dunque: da cosa sono prodotti i venti? Qualcuno che ha studiato fisica si ricorderà forse della forza di Coriolis che influenza, oltre al movimento delle correnti e dei venti, anche il senso preferenziale dello scarico della nostra vasca nell'emisfero settentrionale, ed il motivo per il quale i treni marciano sulla sinistra essendo nati nello stesso emisfero. Gli altri possono cercare su Wikipedia. In assenza di rotazione terrestre i venti semplicemente non girerebbero sul piano orizzontale ma si muoverebbero tra zone più calde e zone più fredde in superficie e viceversa in quota: un pò quello che avviene per i mari negli stretti come ad esempio quello di Gibilterra. Visto che la terra fornisce energia al vento e le pale eoliche traggono energia dal vento, per una proprietà transitiva determinata dalla prima legge di termodinamica, consegue che le pale eoliche traggono energia dalla rotazione terrestre e quindi contribuscono a rallentarla: ricordo che questo tuttavia avviene normalmene anche se in misura molto ridotta. Certamente anche i grattacieli e soprattuto le montagne trasformano parte dell'energia cinetica in energia termica: tale probabilmente la ragione del rallentamento. Tuttavia gli impianti eolici sono, per costruzione, più efficienti di una montagna o persino di un grattacielo nel "catturare" l'energia del vento e da ciò i potenziali maggiori effetti sul sistema dovuti ad una diffusione capillare e massicia del fenomeno - non si parla naturalmente delle eliche sulla Sila ma di impianti capaci di fornire l'energia di una centrale nucleare. Quanto alla periolosità sostengo che se ne sa molto di più del nucleare e dell'idreoelettrico di quanto se ne sappia del solare e dell'eolico che sono teconologie più recenti e l'ignoranza non dovrebbe essere utilizzata come rassicurazione. Fabrizio Bartolomucci Roma RISPONDE Dr Destino Fammi capire... Secondo te un milione o cento milioni di pale ( fra qualche anno saranno in disuso e verranno sostituite da quello che per adesso chiamano eolico verticale, meno ingombrante e dalla resa superiore e oserei dire anche dall' aspetto più piacevole) possono riuscire a fermare il moto della terra. Cioè delle cose che al massimo sono alte 30mt. che hanno una superfice d' impatto pari a un albero e che per similitudine possono essere equiparate ad un bosco, possono cambiare il moto terrestre. E' come dire che le migliaia di aerei che ci sono in circolazione dovrebbero contribuire ad aumentarne il moto. Non ti sembra vagamente esagerato? Riguardo ai modelli sui vari disastri nucleari, non mi hai risposto, dove sono? Qualcuno li ha fatti? Secondo te se io sparo una bomba atomica nel fondo di un' oceano, cosa che hanno fatto in parecchi, quali conseguenze mi posso aspettare che succedano? E dopo quanto tempo? Per esempio, se io oggi ti dò un pugno in faccia, probabilmente non è che ne vedresti subito gli effetti. Magari domani, anzi probabilmente domani ti ritroveresti con un occhio nero da portarti addosso per qualche giorno. Pensi che una bomba atomica sia più pericolosa di un pugno in faccia? Fra quanto, secondo i famosi modelli matematici, questo pianeta ci presenterà il conto? Chi li pagherà i danni? Quelli come te che pensano che l' eolico è pericoloso avrebbero bisogno di farsi un giro nell' ospedale di Chernobil (grazie per avermelo ricordato). By drdestino


Abbiamo veramente bisogno del nucleare?

Ecco perchè Berlusconi ed i sui scagnozzi, sempre che siano in buona fede e non vogliano solamente arricchire se stessi, amici e parenti, hanno torto sul nucleare.

Categoria Video Contrinformazione
Temi: energia nucleare, scorie, uranio, centrali nucleari, pannelli solari, energie rinnovabili, risparmio energetico.


La Casta degli orrori

Intercettazioni: cosa succederebbe in un paese normale?

Ascolta!

La vecchia telefonata Berlusconi Sacca': notate il livello di leccata di deretano iniziale.

Impestiamo la rete con le registrazioni delle telefonate di Silvio e Company.
Facciamolo subito prima che la nuova leggi lo vieti!
Forse se più italiani ascoltassero queste registrazioni qualcuno cambierebbe qualche idea.

Ero stupito ascoltando il tono degli esseri amorali intercettati dalla magistratura. Ascoltare le voci e' diverso che leggere il testo del dialogo. Vi consiglio proprio di sentirle bene!
Quello che fa più impressione e' il tono di normalita', di buona educazione, che pervade queste conversazioni.
Fa senso sentire quanto sia a suo agio Berlusconi mentre infrange la legge e ogni decenza, e usa il suo potere per aggiustare gli affari delle sue televisioni, concorda furbate con Sacca', dirigente della Rai, concorrente di Mediaset, e poi da' al figlio Piersilvio le dritte per fottere il sistema.
E poi si mette d’accordo per piazzare le sue attricette… Prima i soldi e la politica, poi la passera.
E non e' il solo, telefona Confalonieri, telefona Costanzo (anche loro della concorrenza) telefonano Fassino e Rutelli, anche loro in cerca di raccomandazioni.
Queste registrazioni danno la misura del livello di follia che ha raggiunto il nostro sistema. Non da oggi, badate. Il fatto che ci manchino le registrazioni dei tempi di Craxi e di Fanfani non vuol dire che allora certe porcate non si facessero. Semplicemente 30 anni fa a nessun giudice e a nessun poliziotto poteva venire in mente di intercettare i telefoni dei potenti. Il fatto che oggi succeda e' il segno prepotente che nonostante il livello della merda qualche cosa si muove. 30 anni fa eravamo in una palude di merda immobile. Adesso siamo dentro un fiume impetuoso di liquame. E sono convinto che se la cacca si muove e' meglio anche se fa più puzza.
Comunque, almeno, un pugno di giudici e poliziotti ha fatto il suo dovere. Sono gli altri italiani a far pena perche' non fanno la loro parte. Anzi non percepiscono proprio il problema. Anche loro se fossero potenti userebbero quel che possono per trombare e per sistemare la famiglia.
In un paese normale tutti questi intercettati, compreso D’Alema, dopo le sue conversazioni con Consorte, sarebbero finiti politicamente e si troverebbero probabilmente fisicamente dietro le sbarre di un carcere.
In Italia il problema non si pone. I politici hanno fatto i compiti a casa e ci hanno regalato un codice penale scritto apposta per assolvere i potenti.
Ci mancano proprio dei reati: fare cartello (come accaduto nell’inciucio Rai-Mediaset), manipolare la borsa usando informazioni riservate (Unipol) negli Usa, ad esempio, sono reati puniti quanto uno stupro in Italia.
Qui invece ti danno una multa come per il divieto di sosta.

In questo panorama avvilente, per ora, tra i pochi che si salvano c’e' Veltroni.
Lui però ha trovato un altro modo per sputtanarsi.
Ha usato la storia del Buco di Roma.
Non so se avete ascoltato la sua conferenza stampa nella quale si difende per aver lasciato non 8 mila miliardi di debito ma SOLTANTO 6,874 miliardi di euro, tredici mila miliardi di lire di debito.
Tredici mila miliardi di lire di debito.
La genialita' di Veltroni sta nel dire: che volete da me? Il debito di Milano e' maggiore. Il che e' vero.
Ma e' una cosa da scuola elementare.
Signora maestra però lui ha rotto due matite, io una sola!
Non sfiora neppure l’idea che un Comune dovrebbe essere in pareggio. E non mi si dica che la sinistra con Rutelli e Veltroni, sindaci uno dopo l’altro, non ha avuto il tempo di pareggiare il bilancio.
Zanonato, il sindaco di Padova, ad esempio e' riuscito a tagliare 1 milione e mezzo di euro all’anno soltanto sostituendo le lampadine dell’illuminazione pubblica e le caldaie. Realizzando lo stesso intervento Veltroni avrebbe ottenuto un risparmio di almeno 15 milioni di euro. In dieci anni sarebbero stati 150 milioni di euro.
Il risparmio complessivo del comune sul fronte energetico avrebbe potuto facilmente raggiungere i 60 milioni di euro all’anno (adottando isolamento termico, pannelli solari per l’acqua calda, pompe di calore, impianti geotermici ecc… ecc… ecc…). Un miliardo e mezzo di euro risparmiato in dieci anni. Tremila miliardi di lire. Quasi un quarto del debito che Veltroni ha ammesso.
E non può neanche dire che la proposta non gli sia arrivata. Sicuramente gliene hanno parlato in molti.
Io personalmente ci ho provato dal 2000 al 2003, tentando molte strade, parlando con segretari di assessori, conoscenti, giornalisti, e appellandomi ai romani che venivano al teatro dei Satiri a vedere i miei spettacoli.
Poi ho rinunciato. Era chiaro che non interessava un cazzo a nessuno.
E vogliamo parlare dell’efficienza del Comune? Dei fannulloni? Delle procedure irrazionali e dispendiose?
Non mi sembra proprio che Veltroni abbia brillato in questo settore. E’ stato bravissimo a livello di immagine, efficiente sul terreno culturale e ha sicuramente realizzato alcune cose molto positive. Ma per fare il buon sindaco non basta. E questo vale non solo per Veltroni. Sono rarissimi i casi in cui gli amministratori di sinistra sono riusciti a compiere una rivoluzione della razionalizzazione del sistema gestionale del comune. Per anni mi sono dedicato a contattare sindaci e assessori e a fare proposte. C’ho provato anche con Prodi. Nel complesso ho contattato almeno cento amministrazioni pubbliche e una ventina di parlamentari e segretari di partito. Ho avuto risposte positive solo da Padova, Monsano, Bagnacavallo, dalla provincia di Ancona e dalla regione Emilia Romagna. Ovviamente ci sono molti altri casi positivi in Italia: Bolzano, Trento, Trezzano Rosa, Reggio Emilia, Calimera, Avezzano Ligure, Colorno e altri. Ma nell’insieme saranno a stento 200 i comuni italiani che hanno iniziato un percorso di vero rinnovamento (vedi ad esempio la rete dei comuni virtuosi http://www.comunivirtuosi.org/). I comuni italiani sono però più di ottomila. Una meta' in mano alla sinistra.
Se al Pd interessera' mai di creare una commissione d’inchiesta tecnico scientifica potrei proporre una decina di persone in grado di fornire un’analisi sui molti settori nei quali un amministratore oculato potrebbe compiere tagli di spesa migliorando al contempo la qualita' dei servizi.
A questo punto le domande sono due: quando gli amici del PD riusciranno a scalzare l’attuale classe dirigente con poltrona incorporata? Una delle cose che accadono nelle democrazie moderne e' che le squadre che perdono vanno a casa.
E credo che a livello di sconfitta la sinistra italiana abbia dato delle lezioni al mondo.
E comunque una cosa sia chiara: io alle prossime elezioni europee e alle prossime amministrative non voterò un partito diretto da persone come Veltroni, D’Alema, Rutelli e Fassino.
Adesso il ricatto “o voti me o ti becchi Berlusconi” non funziona più. Berlusconi ce lo siamo beccato tutto grazie a queste cime della strategia politica. Adesso o mi fai vedere almeno mezzo Zapatero o ritorno a non votare come ho fatto per tanto tempo.
Per par condicio ricordo che gente come Bertinotti non e' esente dall’inciucio. La sconfitta se la sono costruita anche loro pezzo per pezzo, con arguzia. Come abbiamo detto a proposito di Europa7 e di Francesco Di Stefano, l’uomo di Bertinotti nella commissione per l’assegnazione delle frequenze ha sempre votato per difendere Rete4 e fottere Europa7 (http://www.jacopofo.com/node/2362).
Dulcis in fundo sono stati due voti di Rifondazione Comunista che hanno impedito che in Italia si potessero liberamente modificare le auto a benzina in auto elettriche. Siamo l’unico paese d’Europa!
(La motivazione fu: che sennò finisce che i ricchi si fanno delle auto di iper lusso esagerato e tocca impedirglielo sennò gli operai si sentono umiliati). La lobby delle auto gli ha fatto dire 400 messe.

Jacopo Fo

 


Cannabis terapeutica per la sclerosi multipla

Un gruppo di persone con la sclerosi multipla denuncia l'impossibilità di curarsi con farmaci a base di Cannabis in Italia. La politica italiana dimostra ancora una volta di non stare al passo della scienza e della ricerca.

Categoria Video Controinformazione
Temi: sclerosi multipla, marijuana, erba, ashish, antiproibizionismo, canapa indiana, cannabis, mariuana, ascisc, hashish, ashish, legge Fini, cure alternative, glaucoma, artrite reumatoide, calmare i dolori.