Università

Rinunciare al futuro?

Il sistema scolastico e universitario italiano e' in grave pericolo. Un pericolo serio, reale, non dovuto al dilagare della tv spazzatura, non provocato dal terrorismo islamico e stranamente neppure causato dai mutamenti climatici; la scuola e l’universita' italiana sono a rischio perche' si vogliono tagliare drasticamente le risorse che, pur tra mille difficolta', hanno permesso fino a oggi il loro funzionamento e garantito l’esistenza di insegnanti e ricercatori convinti di star svolgendo un compito importante.

Forse e' per questo senso profondo di autostima e di fiducia verso se stessi che insegnare non e' un lavoro come un altro, e' una vocazione. Fare ricerca non e' una comoda pratica per timbrare il cartellino e poi subire un lavoro piu' o meno tollerato o detestato: e' spendere sogni, anni, fatica e sudore per studiare, interpretare, valutare, elaborare ipotesi, fare confronti, trasmettere conoscenze e gli strumenti per elaborarle.

In tutti i Paesi dell’Unione europea l’insegnamento, dalle scuole materne alle universita', e' considerato attivita' degna del massimo rispetto, in quanto riserva strategica di competenze e sapere; nel nostro paese l’insegnante e' screditato agli occhi di un’opinione pubblica resa sempre meno responsabile verso il futuro, il docente universitario viene visto come un comodo elefante parcheggiato in una placida savana, mentre il ricercatore viene considerato un tipo strambo prossimo al disadattamento.

Non e' esagerazione dare queste definizioni, sono le stesse che possono spiegare il progetto di mutazione antropologica del Paese che vari governi hanno portato avanti nel tempo. Prima, con la campagna di tagli indiscriminati all’istruzione, all’Universita' e alla ricerca avviata nel giugno 2008; poi, con il DdL per l’universita' che, in questo momento, sta arrancando alla Camera, dove gli e' stato imposto un salutare “stop”:  una riforma strategica non si puo' fare senza risorse.

In totale, alla formazione scolastica e universitaria italiana vengono sottratti in cinque anni 10 miliardi di euro. Si tratta di una cifra paragonabile all’entita' degli aiuti inviati in Italia col Piano Marshall dal 1948 al 1952. Quattro anni che allora cambiarono in meglio un Paese devastato dalla guerra, cinque anni che oggi possono distruggere quello che rimane di un sistema scolastico e universitario che un tempo era additato come tra i migliori al mondo.

Un piano Marshall al contrario che rappresenta il piu' complesso e strutturato attacco al sistema dell’istruzione inferiore, media e superiore attuato in Italia dalla nascita dello Stato unitario. Una campagna che da un lato mira a dequalificare i docenti accorpando le classi di insegnamento – nel caso della scuola media inferiore e superiore – e dall’altro a colpire le universita' come centri di ricerca e studio.  Viene infatti accentrato il controllo degli Atenei nelle mani dei rettori e dei Consigli di amministrazione; si precarizzano ulteriormente i canali di accesso alla docenza; si elimina ogni rappresentativita' dagli organi di governo degli atenei; viene prevista la possibile trasformazione delle universita' in fondazioni dalla natura giuridica ambigua, libero campo di speculazione e di profitto per consorterie di furbetti e rapaci; infine, non vengono previste assunzioni per sostituire i pensionamenti e vengono lasciate inalterate retribuzioni che, soprattutto nel caso dei «giovani» ricercatori appena assunti, rasentano il ridicolo per un lavoro di alta specializzazione: 1.200 € al mese. Insomma, l’Universita' e la Scuola vengono relegati in un ruolo secondario, mentre in tutta Europa, si combatte la crisi investendo in istruzione e ricerca per garantire un futuro.

I firmatari di questa lettera denunciano questo scempio scellerato a tutti i cittadini coscienti del ruolo fondamentale che la scuola e la universita' ha giocato nella formazione di ciascuno di loro, richiedono al governo di recedere dall’azione di impoverimento dell’istruzione e ricerca pubblica; chiedono una riforma del sistema universitario condivisa e ragionata e non improvvisata su logiche aziendalistiche, dicono si' alla tutela della professionalita' e al riconoscimento dei meriti ma chiedono anche l’adeguamento delle retribuzioni ai livelli degli insegnanti e ricercatori dei Paesi dell’Unione europea.

Un paese nel quale chi insegna o ricerca e' costretto ad andarsene dal suo Paese o vergognarsi di cio' che fa, perche' sottovalutato, denigrato e offeso proprio da chi dovrebbe garantire la sua professionalita', non e' un paese ne' per giovani ne' per vecchi: e' un paese di anime morte.

Dario Fo
Franca Rame
Jacopo Fo
Stefano Benni
Luciano Gualandri, ricercatore
Piero Graglia, ricercatore
Alessandro Ferretti, ricercatore
Alessandro Pezzella, ricercatore
Guido Mula, ricercatore
Massimiliano Tabusi, ricercatore
Sergio Zilli, ricercatore
Loris Giorgini, ricercatore
Eleonora Gallucci, ricercatrice
Piero Morelli, ricercatore
Marco Prandini, ricercatore
 

Per non rinunciare al futuro: firma la petizione


Tutti all'Universita'... gratis!

Il senato accademico dell'Universita' di Bologna ha deciso che i nuovi iscritti usciti dalla maturita' con 100 e lode non pagheranno il primo anno di iscrizione.
Buone notizie anche per le detrazioni legate al reddito, diventate cumulabili.
(Fonte: Repubblica)

fonte immagine


Anche i pulcini sanno contare

Lo rivela uno studio congiunto delle Universita' di Padova, Trento e Saskatchewan in Canada, pubblicato sulla rivista specializzata Biology Letters.
Stando ai test eseguiti i pulcini di pollo di 5 giorni di eta' e le nocciolaie adulte sono in grado di riconoscere un oggetto in base alla sua posizione ordinale.
Pare sappiano “contare” fino a 6, seguendo un ordine che va da sinistra verso destra, proprio come gli esseri umani.
Il prossimo passo sara' scoprire se riescono a risolvere i Sudoku.
(Fonte: Corriere.it)
PS: Inizialmente, a causa delle onde elettromagnetiche, avevamo letto “I pulcini sanno cAntare”. Poteva essere il grande ritorno dei Cugini di Campagna.

fonte immagine