energia solare

Astronavi spaziali rinnovabili

IkarosVerra' varata il 18 maggio da un centro spaziale nipponico Ikaros, la prima navicella a energia solare.
Nonostante la Nasa abbia abbandonato un progetto simile perche' inefficiente, i giapponesi ci credono e hanno investito 13 milioni di euro.
Ikaros dovrebbe arrivare fino a Venere, incamerando energia solare grazie a un sistema di vele telecomandate dalla Terra.
Mancano solo gli ultimi controlli e l'allaccio al GSE.
(Fonte: Corriere.it)

fonte immagine

Energia solare anche di notte

Da circa un anno il professor Daniel Nocera, del Massachusetts Institute of Technology, sta lavorando a Sun Catalytix, un sistema “vecchio come le colline” per produrre energia elettrica, di giorno e di notte, sfruttando una fonte rinnovabile e inesauribile come il sole.
Solitamente i pannelli solari fotovoltaici sono collegati a un inverter che ricarica le batterie o che immette energia elettrica direttamente nella rete. Il sistema del professor Nocera invece riproduce artificialmente la fotosintesi: i pannelli solari, tramite un elettrocatalizzatore, producono idrogeno, il quale viene poi immagazzinato (per la notte) o usato per alimentare una caldaia a celle di combustibile.
La caratteristica piu' importante di questo impianto e' la sua versatilita': puo' essere realizzato anche a livello domestico, con materiali abbastanza economici ed e' in grado di lavorare con qualsiasi tipo di acqua.
Durante le sue conferenze Daniel Nocera mostra sempre una bottiglia d’acqua: “Tutte le esigenze di una famiglia in fatto di energia elettrica di notte potrebbero essere immagazzinate in cinque bottiglie d’acqua”.
(Fonte: Genitronsviluppo.com)

fonte immagine

L'aereo a energia solare che vola anche di notte

Giovedi' 3 dicembre, dopo 6 anni di lavoro, il Solar Impulse, aereo a energia solare, ha compiuto il suo primo volo sperimentale, coprendo una distanza di 350 metri.
Il velivolo e' grande quanto un Boeing 747 ma pesa solo 1,7 tonnellate. E' dotato di 12.000 celle solari fotovoltaiche in grado di ricaricare le batterie e alimentare i motori elettrici.
Potra' cosi' volare, senza consumare neanche una goccia di carburante, sia di giorno che di notte. Di notte meglio solo intorno al Circolo Polare.
Un altro viaggio inaugurale si e' svolto nei canali di Amsterdam, dove e' stato varato il primo battello ecologico a pile a combustibile.
Alimentato a idrogeno Nemo H2 puo' trasportare fino a 80 persone, emettendo nell'atmosfera solo vapore acqueo.
Una parte dei soldi ricavati dalla vendita dei biglietti verra' destinata alla ricerca sulle ecotecnologie.

fonte immagine