Merda a babordo!

(Berlusconi e’ alle porte, tutto e’ perduto)
Abbandona l’Italia e vieni a vivere nella Blogosfera! Botteghe d’arte virtuali contro la guerra.

Mi chiedo se veramente dovremo patire un’altra stagione di Berlusconi. Niente Santoro, neanche quel poco che avevamo, la Rai ridotta a un sistema per trovar ragazze piacenti disposte a far pompini ai capi, altri condoni, altre leggi per salvare i capi, il ponte sullo stretto di Messina, i buchi della Tav nelle montagne d’amianto, i nostri soldati che tornano a combattere in Iraq, l’Italia in cima agli obiettivi dei terroristi, le botte nei cortei, il debito pubblico che esplode, gli evasori fiscali che fanno festa, i poveri ancora piu’ poveri e cornuti.
Non credo proprio che l’Italia possa reggere a una nuova cura Berlusconi.
D’altra parte il centrosinistra si e’ sparato nei coglioni da solo, trascinato dalla peggiore gentaglia che aveva accettato per vincere.
Dini con la moglie condannata per furbate finanziarie, Mastella incriminato con tutta la sua famiglia, Bassolino e Jervolino che fanno sprofondare la Campania nella monnezza.
Una sinistra stupida, che non e’ stata capace di comunicare niente di quel poco di buono che ha fatto.
Sicuramente il governo Prodi ha eseguito la respirazione bocca a bocca all’Italia e il cuore del Paese ha ripreso miracolosamente a battere.
Ma ha fatto troppo poco.
Difficile dare giudizi. E non e’ tutta colpa neanche dei politici. L’Italia e’ proprio spaccata tra onesti e furbi, lavoratori e raccomandati. I partiti rispecchiano questa situazione di stallo.
Nessuno puo’ governare senza scendere a patti con un po’ di furfanti.
E’ indiscutibile che se Mastella e Dini avessero scelto di stare alle elezioni con la destra non avremmo avuto il governo Prodi e quel che di buono ne e’ venuto.
Il problema dell’Italia e’ che Mastella non vede proprio cosa ci sia di male a trafficare per la nomina di un ginecologo. E quasi la meta’ della sinistra e’ d’accordo con lui, la destra quasi tutta.
Il centro della questione e’ che da noi e’ normale iscriversi a un partito per diventare primario in ospedale. Ed e’ normale telefonare a un politico per avere una Tac in fretta.
E sia chiaro che con Berlusconi al governo non ci sara’ spazio politico per niente.
Il peso del V-Day con Prodi e’ molto piu’ grande che con Berlusconi che e’ un lanzichenecco e se ne frega di qualunque cosa.
Il suo referente sono gli italiani che non vogliono pagare le tasse, cosa vuoi che gliene freghi se raccogliamo firme contro gli inquisiti in Parlamento? Lui fa una legge che ti cancella anche le firme con la scolorina.

L’unica via per cambiare l’Italia passa dai comportamenti culturali, dal diffondersi di Internet, dei gruppi di acquisto, dell’informazione sessuale, della cultura del ridere, del piacere, della condivisione.
Il Movimento italiano invece e’ ancora prigioniero dell’idea che la storia si scrive nelle piazze.
In questi due anni eravamo veramente pochi a impegnarci per costruire alternative concrete che facessero crescere le coscienze nella pratica.
Abbiamo avuto grandi successi nell’organizzare il Gruppo d'Acquisto sul fotovoltaico, nel diffondere la cultura delle ecotecnologie e l’ottimismo delle buone notizie e la politica dei piccoli passi (le dieci piccole leggi per cambiare l’Italia). Ma abbiamo continuato a essere troppo soli nel proporre questa logica. La gran parte del Movimento ha scelto la via dei grandi gesti, delle grandi parole, delle battaglie con le bandiere.
Centinaia di migliaia che scendono in piazza sono certo una bella cosa. Ma quando di questa marea di gente positiva solo pochi cambiano il loro modo di consumare, formano gruppi di acquisto e smettono di comprare i prodotti delle guerra, allora siamo messi male.
Ma questo concetto stenta proprio a essere compreso. Comprare insieme ci fa risparmiare, ma soprattutto ci insegna la cultura della collaborazione e ci da’ un enorme potere economico. Centomila persone che scendono in piazza valgono 1, diecimila persone che consociano i loro acquisti valgono 100.
Perche’ se tu proponi una teoria, un bel discorso, gli italiani non ti ascoltano piu’, sono secoli che sentono un sacco di chiacchiere. Se invece dimostri che TU risparmi, ottieni prodotti migliori e il tuo acquisto ha anche un valore etico allora NON fai chiacchiere e le persone iniziano a imitare quel che fai perche’ capiscono che conviene anche a loro.

Dire adesso cosa succedera’ e che spazi avremo di iniziativa politica non ha senso. Non ci capisco piu’ un cazzo.
Certo mi viene male quando sento dire che adesso dobbiamo presentarci anche noi alle elezioni con liste civiche. Difficile costruire in questo momento un’alternativa al centro sinistra, difficile allearsi con loro. La mia sensazione e’ che ancora una volta si voglia dividersi e perdere a tutti i costi; e lasciare il campo alla destra per poi potersi lamentare meglio.
Qualunque cosa succedera’ vedremo se potremo fare qualche cosa di buono e vi proporremo di collaborare ai nostri tentativi di ottenere una piccola cosa subito. Tre delle 10 leggi per salvare l’Italia sono state approvate, una quarta, sulle cause collettive, e’ stata approvata a meta’. Meglio di niente. Un grande risultato, in effetti, visto che e’ stata una battaglia condotta da 4 gatti.
Un altro grande risultato e’ stato essere riusciti a far passare le leggi per il finanziamento al 100% di impianti di pannelli fotovoltaici, eolici, a biomasse. Li’ in effetti i Verdi hanno avuto un ruolo determinante. Ma le potenzialita’ di questi finanziamenti non sono state capite e ci siamo trovati di nuovo quasi da soli a cercare di costruire la possibilita’ per migliaia di persone di riuscire a sfruttare questa opportunita’ offerta dall’inizio della rivoluzione energetica.
Il risultato di consociare 2.500 persone e’ stato enorme e dobbiamo ringraziare i piu’ di 100 blog che ci hanno sostenuto facendo girare l’informazione e dandoci credibilita’ e fiducia.
Ma mi sono stupito che il Movimento non abbia fatta sua questa proposta e che molti autorevoli siti alternativi non abbiano dedicato una riga a quello che si stava costruendo.
Non e’ giusto, compagni.
Non si puo’ scrivere e parlare di ecologia per anni e poi quando un gruppo cerca di costruire un’opportunita’ per permettere alla gente di farsi la sua energia ecologica la maggioranza del Movimento fa finta che la cosa non la riguardi.
A me sembra che questo sia un obiettivo strategico per tutti. Cosi’ com’e’ la situazione, solo hobbisti molto abili possono riuscire a orientarsi nella giungla delle proposte commerciali e riuscire a installare un impianto che funzioni con le dovute garanzie contrattuali.
Solo se noi costruiremo, come Movimento, un sistema di acquisto e di finanziamento garantito avremo migliaia di famiglie che riescono a installare impianti e a guadagnarci veramente.
Io mi aspettavo che nascessero altri Gruppi di Acquisto e che potessimo consociarci, collaborare, mi sarei aspettato un appoggio di comunicazione piu’ deciso (avremmo avuto molto piu’ potere contrattuale e avremmo risparmiato mesi di faticose contrattazione con banche che non ci prendevano sul serio).

Ma con le recriminazioni non si fanno gli spaghetti.
E a questo punto vorrei fare una proposta.
Partiamo proprio dal fatto che comunque stiamo iniziando a costruire i primi 20 impianti, abbiamo il sostegno di un centinaio dei siti piu’ appassionati e lungimiranti del Web e 200mila romantici etici che vengono a leggere quel che pubblichiamo sui siti e su Cacao.
E poi c’e’ un migliaio di persone squisitissime che si sono associate a Cacao Alcatraz pagando 27 euro e permettendoci di stare in piedi sotto Berlusconi e sotto Prodi e 10mila persone deliziose e illuminate che hanno scelto di comprare i nostri prodotti etici e di aderire ai nostri Gruppi di Acquisto.
La mia idea e’ di fare qualche cosa per noi, che ci faccia sopportare meglio la vita ai tempi di Berlusconi (se ci tocchera’ un altro giro di giostra infernale) e che ci dia piu’ forza nella nostra vita privata. Utilizziamo Internet per collaborare, scambiamoci informazioni, idee, contatti.
Credo che creare, tra gli amanti delle buone notizie e delle ecotecnologie, una sorta di comunita’, di social forum, sarebbe utile per tutti e offrirebbe parecchi vantaggi oltre a dare la possibilita’ di conoscere persone nuove e molto particolari. E questo lo sappiamo fare bene, Alcatraz come La Citta’ Segreta e il Web Corteo sono stati occasioni di conoscenza formidabile e hanno fatto nascere amicizie d’acciaio, amori dolcissimi, figli felici e collaborazioni di lavoro.

E questo e’ importante. E’ politica anche questa.
E’ cultura dell’incontro e della collaborazione, l’unico antidoto efficace contro la cultura mafiosa.
Abbiamo gia’ fatto un passo in questa direzione inaugurando il sito http://www.stradaalternativa.com che in questo momento sta gestendo lo scambio di banner tra una cinquantina di siti internet etici.
E’ un primo passo per collegare meglio le proposte alternative che vivono in rete, spesso con pochissima visibilita’.
Ma la mia idea e’ che questa comunita’ virtuale viva anche intorno a dei laboratori nei quali occuparsi di comunicazione, controinformazione, arte, ricerca.
Attenzione pero’, non voglio fare quelle cose in cui ci si fanno delle gran seghe intellettuali e non si conclude un cavolo.
La mia idea e’ di creare insieme delle botteghe artigianali virtuali (su Internet) nelle quali si lavora, si produce e si sviluppa la creativita’ concretizzandola.
Partire da progetti realisticamente realizzabili in un mese. Azione, risultato.
La prima idea che vorrei proporre e’ di iniziare a produrre brevissime clip video e arrivare nel giro di alcuni mesi a realizzare un film documentario che faccia ridere e dimostri che gli italiani sono fuori di testa. Cerco operatori, montatori, giornalisti, anchorman, grafici, realizzatori di cartoni animati in 2D e 3D, fotografi, fotomontatori, doppiatori, attori, cantanti, musicisti, scenografi, web master, programmatori, organizzatori, ricercatori. E cerco qualcuno che sia capace di coordinare un bel po’ di gente mantenendo il sorriso sulle labbra e riuscendo contemporaneamente a portare a casa il lavoro.
Si fa il film e se va bene si dividono i proventi, un tanto per ogni ora di lavoro. Per essere chiaro dico subito che io sul lavoro sono un rompicoglioni. Ed e’ chiaro che per entrare in questa bottega una persona dovra’ gradualmente dimostrare di aver voglia di lavorare in modo costruttivo.
Sono anni che faccio esperimenti. L’ultimo ha portato a Alcatraz, gratuitamente, 25 persone per 45 giorni. E’ stata un’esperienza molto interessante e proprio da questa vorrei partire per creare un sistema di lavoro collettivo a distanza.
Attenzione: non pretendo di lavorare solo con persone con decenni di esperienza. Anche i principianti sono ben venuti e sicuramente faranno un’esperienza professionale interessante.
Inoltre, chi e’ agli inizi spesso ha idee fresche e geniali.
Quello che non e’ possibile tollerare in una bottega sono quelli che parlano per ascoltare la propria voce e quelli che non sanno onorare gli impegni che si sono presi.
Comunque, questa e’ l’idea e come al solito vi chiedo di esprimere un parere. Se ci saranno abbastanza risposte positive nei commenti a questo post allora ne discuteremo meglio aprendo un pre-laboratorio che avra’ lo scopo di fissare le linee del progetto.
Se invece pochi rispondono l’Italia cadra’ nel caos perche’ tu non mi hai dato retta.

Jacopo Fo

Per maggiori informazioni sul Gruppo di acquisto sul fotovoltaico http://www.jacopofo.com/pannelli-solari
Prendi al volo le possibilita’ di lavoro offerte dai finanziamenti al 100% delle fonti rinnovabili http://www.jacopofo.com/node/4114
Per associarti a Cacao e sostenere la controinformazione claun http://www.alcatraz.it/soci.html

 


Commenti

caro jacopo,

tanta gente non si fa problemi a non ossere  onesta  per la ricerca del  lusso,
ma ci sono tanti per i quali  - come me - è l'essere onesti che è un lusso, un lusso che non ci si può permettere ...

non accetto, nè cerco alibi e giustificazioni, ma molti non giovanissimi, già passati per storie di precariato, lavoro nero, raccomandazioni per uno straccio di lavoro momentaneo (nè cococo ne altro) possano capirmi...

vi seguo con affetto e partecipazione.

m.

 

 

 

l'unica cosa che non mi trova d'accordo nell'articolo di Jacopo è l'avversione allaTAV.

Non ci saranno problemi con l'amianto rispetto a quelli di certe cave all'aria aperta e diminuiranno gli spostamenti inquinanti in aereo e auto in favore di quelli con il treno.

E' inutile dire che non bisogna spostarsi, la gente continuerà a farlo e l'unico sistema è farla andare in treno, in città (trame metropolitane), nell'hinterland (treni locali) e a lunga distanza (Alta velocità).

Ma avete idea del crollo dei collegamenti aerei che segue all'apertura di una AV?

Condivido tanti temi che ha toccato a livello politico, ma purtroppo non riesco a trovare una logica convincente nei gruppi di acquisto. Quale sarebbe questa logica: far pagare meno gli oggetti alla gente che aderisce? E chi non ha internet o non riesce ad aderire non diventa discriminato? Il gruppo di acquisto non è paragonabile ad una grande azienda che paga meno il materiale perchè ne compra tanto (volete fare gruppi d'acquisto = azienda o associazione?)? Ci sono altri modi per far costare meno gli oggetti: alcuni li stava proponendo il governo, altri possono essere il non comprarli (se vogliono vendere vedrete che li calano i prezzi), ecc.

Le logiche di gruppo sono dannose perchè si portano implicitamente appresso un grosso potere che spesso viene esercitato e pilotato da un singolo (il capogruppo) o da pochi (per fare i propri comodi)!

Insomma, mi piacerebbe capire meglio la logica promotrice di questi gruppi di acquisto!

Cavoli Alessandro

Alla logica dei gruppi d'acquisto ho partecipato fin da piccolo: mio padre organizzava dei gruppo d'acquisto, tra colleghi, per computer Commodore. C'era gran fermento ogni volta che si effettuava l'ordine. Ogni tanto andavo pure io al negozio di computer ed il proprietario mi regalava qualche video-gioco o dell'hardware per ricompensare il lavoro di mio padre ed io ero felice.

Se serve una mano, sono a vostra disposizione ... eventualmente anche per coordianare il gruppo di lavoro del laboratorio o altro ancora. Attualmente vivo in Olanda, ma torno pure domani se ce ne bisogno ...

Davide Calabria

Forse non sono una grande risorsa, il tempo è spesso tiranno, ma se serve qualche portatore d'acqua nei gruppi per la creatività, o la tecnologia, o altro ancora mi presto volentieri...

Insomma difficile proporsi nel merito, intanto incoraggio!!!

ciao, alberto

Scoramento, sconforto, tristezza.

Mi alzo la mattina e penso a questo povero paese. Non so cosa dire.Ho solo voglia di piangere!

Temo che ci voglia qualcosa in più rispetto a quello che tu proponi, è troppo poco per far girare diversamente le cose.

Il film va benissimo, ma forse dovremmo contattare altri gruppi (Grillo?) e studiare qualcosa insieme, in vista delle imminenti lezioni.

Non so se il paese è in grado di sopportare altri 5 anni del nano da arcore.

Io no di certo!

Comunque sono dei tuoi, Jacopo.

Un bacio

Giulia

Caro Jacopo,

ti scrivo per esprimere la gioia che provo nel leggere le tue parole e per manifestare il mio completo appoggio alla tua proposta con  il desiderio di collaborare in qualche modo.

Nonostante mi alzi tutte le mattine ridendo, nonostante cerchi di vivere godendo del mio essere viva, le vicende politiche degli ultimi giorni hanno scatenato un'incredibile voglia di scappare da questo paese alla ricerca di un minimo di civiltà.

Ma c'è una voce in fondo al cuore che continua a ripetere che deve esistere una strada per salvare l'Italia...deve esistere un modo per far tornare a sorridere questo paese.

Ho 29 anni e voglio continuare ad alzarmi la mattina sorridendo a me stessa e al mondo!  

Un saluto pieno di speranza.

Fiammetta Friani

Ciao Jacopo,

sulla partecipazione al progetto... io ci sono!

non mi piace questa disperazione continua... un bel sorriso e poi al lavoro, per piccoli passi naturalmente, a cambiare questo mondo! :-)

Per quanto riguarda la mia collaborazione sono "utilizzabile" su tutto quello che è programmazione, ma non su quello che riguarda creatività, disegno, etc. lì sono un po' una frana... ;-)

Comunque poi eventualmente scenderemo nel dettaglio.

Ciao e grazie della "spinta continua"

Lorenzo

 

 

Porca di quella Miseriaccia Zozza Lorenzo! Come stai?

Non buttarti giù sulla mancanza di creatività, mi ricordo un frullatore-abatjour che meritava il MOMA !

  Hai ancora l'account su Gmail? Ti scrivo subito per scoprirlo.

Un abbraccio

 

Ciao Jacopo sono un videomaker di PN e ho girato un documentario quest'estate in Svezia sulla banca etica JAK bank, un sistema interest-free di credito veramente eccezionale. Sarei interessato a far girare questa idea, quindi ti ricontatterò appena ho finito il montaggio almeno di una demo. Ciao!

PS: Inseriscimi eventualmente nella mailing list del gruppo di lavoro video, mi interessa il tuo progetto ma ancora non so dirti che disponibilità di tempo potrò avere.

Ciao Jacopo,

mi ritengo un dilettante entusiasta come montatore, videomaker, webmaster, attore e sceneggiatore.

sarò felice di dare un contributo al tuo laboratorio del sorriso!

 

 

 

Ho giusto giusto scritto ieri questo post sul mio blog:

Federico, Salvatore, Gennaro… i comici spaventati guerrieri stanno per tornare!

http://it.youtube.com/watch?v=xJ-U2Bzz7cs&feature=related

http://it.youtube.com/watch?v=o_duU0tmF2A&feature=related

Il giullare diverte e si rivolta perché è conscio di quel che vede, del potere insito nella svolta. Ma lo sponsor, detentore del potere di dargli voce, decide di non farlo parlare. O di fargli dire quel che è meglio dica, gli lega l’indice e tutte le dita. Accidenti è sempre il solito mare, quant’è difficile non annegare… Merda fino al collo, gli stronzi si sa galleggiano, ma questi amano veleggiare!

Perché non si riesce a cambiare? Perché il giullare non sa cooperare? Una massoneria di giullari? Una cooperativa di comici? Cosa ci dobbiamo auspicare? Di certo che il cane non si morda più la coda, e che il circolo dei viziosi cominci ad evere meno associati. Sleghiamoci!

Perché il comico è comico, il politico è politico e l’imprenditore è imprenditore? Perché un ruolo? Perché un copione? Basta canovaccio, andiamo un pò a braccio!

Dove sono gli Uomini?

Il Capo comico continua a dare scossoni, perché non ci si mette insieme? In fondo non è stato lui ad unirci contro la mondezza?

Ve la immaginate una tv con Dario Fo, Franca Rame, Stefano Benni, Beppe Grillo, Lella Costa, Jacopo Fo, Sabina Guzzanti, Corrado Guzzanti, Daniele Luttazzi, Paolo Rossi, e un sacco di giovani cazzuti a imparare, crescere e collaborare?

Ve la immaginate una risata vera, grassa, incontenibile, che non è figlia della matematica della battuta ma dell’estemporaneità, cioé dell’arte!

Ve la immaginate una tv senza pubblicità o con la pubblicità solo di quelli che fanno qualcosa che meriti d’essere reclamizzato? Ve l’immaginate con l’informazione e la cultura libera di Silvano Agosti, Massimo Fini, Gabbanelli, Santoro, Travaglio, Gomez, Corrias, Ricca, Boschini e un sacco di giovani cazzuti a imparare crescere e collaborare?

Sogno. Cazzo, sognare è gratis! E sogno con impegno!

Ve lo immaginate che chi ci lavora ci crede veramente e non lo fa per comprarsi l’ultimo capo alla moda o per andare al bilionaire?

Sogno di sfasciare tutto e ricominciare.

Voglio fare il comico, che c’è di male? Un tentativo goffo capita a tutti…

Voglio fare il comico web, il comico satellitare, il comico di europa sette.

C’è di male chi ti paga e come ti paga per fartelo fare.

C’è di male dove trova i soldi ed il fegato per avere tv abusive, giornali e case editrici rubate.

C’è di male che a lui importa solo che tu continui a comprare.

Questa televisione già esiste ed è nel web, è il lavoro quotidiano di tanti giovani appassionati che oltre al lavoro che gli serve per campare, studiano, si applicano e trovano il modo di fare, collaborare, inventare. Questa televisione già esiste, è pronta, forte, combattiva, creativa, perché nasce dal bisogno di fare. Questa televisione ha bisogno di stare accesa e staccare la spina a quell’altra che non si riesce più a guardare.

Buttate via il telecomando e mettetevi a navigare!

Arcano Pennazzi

Buondì Jacopo, buongiorno ragazzi!
 complimenti per l’idea e l’iniziativa! Quando si comincia?
Ti stimo e t'appoggio! Se me lo permetti m'appoggio anche: scrivo post sul mio blog http://arcanopennazzi.wordpress.com/ e già mi sparo saghe montando video http://www.youtube.com/ArcanoPennazzi 

Un video che ho montato, un paio di settimane fa è stato usato da Beppe Grillo per scrivere un post:

http://www.beppegrillo.it/2008/01/la_casta_dei_giornali.html il video s'intitola "Non capire una Mazza", è questo: http://it.youtube.com/watch?v=mZ3CJML-Ffc
Poi ho montato due film:
Film v-day 1 di 6: http://www.youtube.com/watch?v=ztZazQYPTEE
Le parti successive le trovate con facilità nel tubo.
Il sogno sbagliato 1 di 4:
http://www.youtube.com/watch?v=Di84_6msAA8
Le parti successive le trovate con facilità nel tubo.
Questo per la categoria "Gli italiani sono fuori di melone": http://www.youtube.com/watch?v=jCD2wuQhyZA E quest'altro montato subito dopo la mia prima vacanza ad Alcatraz: http://www.youtube.com/watch?v=ypGZqC5IWms

Sto ascoltando solo la mia voce? No! Finalmente qualcuno mi da voce... E' diverso! Se no non resta che tentare di intrufolarsi nella conigliera rai o in mediaset...

Tessuti cavernosi, al secolo "cazzo", sono molto lieto di offrire la mia collaborazione!
Grazie per l’attenzione e buona visione, salute e buone cose!

Il Gladiatore è pronto!
Arcano Pennazzi

"Se invece pochi rispondono l’Italia cadra’ nel caos perche’ tu non mi hai dato retta."

Non mi sento proprio di essere tra quelli che determinano il caos in itlia e per cui ti rispondo.

Come al solito ci sono... anche se sono stato un po' latente ultimamente. Non ho un mare di tempo ma le iniziative che fin'ora abbiamo fatto mi sembra che abbiano dato un risultato. Poi provo a coinvolgere Daria che è la parte operativa della coppia.

M.

PS rispondo al commento sui GAS. A Bologna c'è il GAS-BO di cui siamo soci e acquirenti convinti. I prodotti vengono scelti dai partecipanti e chi ha un po' più di tempo segue un fornitore a cui invia gli ordini di acquisto. Nessuno è al "vertice che comanda" perché non c'è convenienza (lavoro gratuito)... I prodotti sono tutti buonissimi perché quello di Bologna punta su biologico e alta qualità. Nel contempo (a partià di prodotto) il GAS è più conveniente che la Grande distribuzione e il produttore non viene strangolato dai prezzi della grande distribuzione. Non è facile, noi hai un carrello e butti dentro tutto quello che luccica sullo scaffale. Davanti ad un PC decidi quale è il tuo paniere di consumo. Cerchi fornitori "etici" fai la distribuzione. Per quanto riguarda il tempo ne risparmi parecchio (andiamo al supermercato solo per il fresco ma molto meno: una volta ogni 2 settimane e per massimo una mezz'ora in tutto). Siamo contenti anche del risparmio (circa un 10/15%). Certo non si è mai dei consumisti spensierati... ma altrimenti della testa cosa ce ne facciamo?

Di certo i GAS non avrebbero ragione di esistere in un sistema economico efficiente (nel cosiddetto capitalismo perfetto). Purtroppo quello in cui viviamo non lo è. E conviene autorganizzarsi piuttosto che rivolgersi al sistema di mercato... 

Ciavax
...presente Jacopo, sono un grafico 2 e 3D, da sei anni sono socio di onlus di clown terapia, il nostro motto è "uniti per crescere insieme", mi sento di poter scrivere "uniti per vivere insieme", spero di poter partecipare al tuo laboratorio...mi metto a disposizione. Grazie fin da ora.

Hai proprio ragione, vorrei anche io dare una mano, sono una illustratrice e grafica realizzo anche teatrini in legno, gioielli (storti ma belli...), quadri, vorrei, solo che da un po' di tempo mi sento senza forze, senza energie, tanto che quando qualcosa che ho fatto io mi chiedo come ho fatto, le potenzialità ce l'ho, il curriculum pure e anche le idee. Ti ho anche scritto (2 volte) per avere notizie sulle proprietà in vendita ma non mi avete risposto. Io sono qui, se pensate che possa dare una mano fatemi un fischio.

L.C.

Sicuramente interessato al progetto di un documentario sugli italiani fuori di testa.

Ciao,  ti scrivo da Bruxelles, dove lavoro.  Mi interesso di fotografia, arte stile new-dada, potrei fare anche piccoli filmati..

Puo' servire un aiuto da quassù?

Saluti

Clean

Ciao, sono Isabel, ho già scritto a Cacao, perchè non capivo come fare a entrare qui. Ma ora ce l'ho fatta!

Sono una senografa, ho lavorato come assistente di Emanuele Luuzzati per 12 anni al Teatro della tosse di Genova e un po' in giro per l'Italia. Poi ho insegnato pittura e scultura a ragazzi stranieri e italiani con problemi famigliari e di inserimento. Adesso mi sto occupando di sculture mie, quindi ho molto tempo a disposizione.

Come dicevo, sono abituata a realizzare il massimo, con la minima disponibilità finanziaria, vista la povertà dei vari enti dove ho lavorato.

Vi posso servire per il progetto?

 

Bene!
Sono proprio contento che l'idea abbia trovato sostegno. Grazie per la fiducia che mi date.
speriamo bene...
Quindi, travolto dal'entusiasmo comincerei.
E inizierei proponendo qui un pezzo di sceneggiatura. Assolutamente una bozza. Ve la propongo come primo assaggio dell'idea.
Vorrei proprio aprire un laboratorio partendo dagli appunti per sviluppare via via il progetto.
Quindi perdonatemi se vi sottopongo un testo selvaggiamente abbozzato.
L'idea è che una o più persone possano collaborare con idee e critiche e poi sviluppando un passaggio della sceneggiatura, oppure realizzandone un pezzo o fornendo un'immagine, uno spezzone, un grafico.
Avrei in mente un lavoro che metta insieme tutto il possibile, quindi sono benvenuti grafici, scultori, animatori in 3D, 2D, 1D (il cartone più fermo del mondo). E sarebbero benvenute anche persone che trovassero i dati mancanti nella sceneggiatura, facessero ricerche per trovare spezzoni di tg o altro da usare come citazione, ma anche micro segmenti da film da giocarsi nel montaggio. Se poi qualcuno fosse capace di correggere gli errori di grammatica saremo a posto. E' su quela che alla fine inciampiamo. Finché saremo così strapenati faremo un sacco di fatica a salvare il mondo.

ITALIA BLUES

Appunti per una sceneggiatura

Il documentario è condotto da due speaker
Speaker 1 è una donna, possibilmente un volto noto della tv di intrattenimento. Un personaggio che non abbia una forte connotazione politica.

Suo compito è di punto di unione tra i vari pezzi. Inoltre condurrà alcune interviste frivole cercando di ottenere dal politico di turno dichiarazioni infuocate contro i guasti della vita politica italiana che poi saranno montati in contrappunto ai pezzi salienti delle inchieste.
Il secondo Speaker agisce soprattutto in voce e dovrebbe avere un timbro eroico tipo prossimamente film western.

INIZIO DOCUMENTARIO

Titoli di testa su disegno animato.

Un uomo in un letto di ospedale sta urlando. La telecamera si avvicina facendosi largo tra una piccola folla che si assiepa sull’ingresso della camera del malato. L’uomo urla con la voce roca: “Mi avete tolto il rene destro! Era il sinistro che dovevate togliermi! Mi avete tolto il rene sbagliato! Criminali!”
Le urla si abbassano di volume, la telecamera si allontana, resta l’immagine del malato che si agita con i presenti che cercano di calmarlo.
Voce speaker 2: “Quando succedono cose di questo genere viene da chiedersi se sia conveniente che i politici scelgano i primari degli ospedali.”

Video finto Mastella legge intercettazioni telefoniche vere: “Possibile che non abbiamo un ginecologo dell’UDEUR?!?”

Speaker 2: “Ma come è possibile tutto questo?
Come è possibile che l’UDEUR non abbia un ginecologo?
Come è possibile che un partito si occupi di ginecologi?
Ma andiamo con ordine: perché le cose in Italia NON funzionano?
Probabilmente l’Italia è alla frutta soprattutto perché la giustizia da noi non funziona.
E la giustizia è una cosa importante in un paese democratico.”
Mentre Speaker 2 parla passano immagini di disastri ferroviari, primi piani di Bruno Vespa, crolli di ponti, incendi. Un elicottero che sta scaricando acqua sopra una foresta in fiamme esplode.

Primo Blocco.

GIUSTIZIA E DELIRIO

Primo piano Speaker 1 sorridente, parla in modo allegro e un po’ infantile: “Siamo il paese al mondo che ha più magistrati 34 ((???) ogni 10.000 abitanti. In Francia ce ne sono .., in Inghilterra .., negli Usa …”

(Partono cartelli con grafici esplicativi)

Speaker 1: “Nella classifica dei paesi che hanno più giudici siamo al … posto.
La spesa pro capite per la giustizia in Italia è …
In Francia…, in Germania…, in Usa..
Nella classifica dei paesi che hanno la spesa pro capite per la giustizia più alta siamo al … posto.
In Italia la giustizia è in arretrato di 3 milioni di processi penali e … milioni di processi civili.
Un processo in Italia dura mediamente 10 anni, in Austria 34 mesi.
Nella classifica sui tempi della giustizia in 178 paesi del mondo siamo al 155° posto.”

Speaker 2: In Italia tutti sono d’accordo che i tempi della giustizia sono troppo lunghi, sullo sfondo titoloni sui giornali tipo: “Giustizia lenta!”

Segue carrellata leader politici di destra e di sinistra, giudici e titoli di giornali, che dicono: “E’ indispensabile rendere più celeri i tempi della giustizia.” Negli spezzoni sono sempre presenti le date. (2 minuti)
Seguono interviste per strada: “Secondo lei la giustizia italiana è troppo veloce?”
(2 minuti)
Primo intervistato: “Tutti sono d’accordo che si debba realizzare una riforma della giustizia ma nessuno lo fa.”

Intervista rapinatore francese, parla di spalle e la voce è contraffatta. (si tratta di una ricostruzione)
Domanda voce Speaker 1: “Lei è cittadino francese, perché viene ad assaltare le banche italiane?”

Rapinatore: “Beh, senta, se mi prendono in Francia per una rapina a mano armata mi danno 10 anni e almeno 8 me li faccio tutti. In Italia per la stessa rapina esco dopo 4 anni, 2 se ho un buon avvocato. E poi io sono un patriota le rapine preferisco farle all’estero.”

Speaker 2: “La dove il sole incontra il mare e si perde nel profumo degli aranci, si estende un territorio senza legge dove nessuno si sente più al sicuro. E gli investitori scappano terrorizzati. Come puoi investire i tuoi soldi in un luogo senza legge?”
Mentre parla scorrono fotomontaggi di panorami idilliaci e monumenti storici con cumuli di spazzatura.

Intervista truffatore italiano. Lui e Speaker 2 sono seduti in un bar elegante della Costa Azzurra.
Speaker 1: “Quanto ha truffato? ”
Truffatore: “2 miliardi di lire.”
Speaker 1: “Quando?”
Truffatore: “Nel 1998, ero cassiere di una clinica privata.”
Speaker 1: “E’ stato arrestato?”
Truffatore: “Sì ma dopo due giorni mi hanno rilasciato con una denuncia a piede libero. Al processo ho patteggiato e prima della condanna sono scappato in Francia.”
Speaker 1: “Ma lei non è ricercato dalle autorità italiane? Lei non si nasconde?… Non c’è l’estradizione?”
Truffatore: “Sì, l’estradizione ci sarebbe, visto che sono stato condannato, ma vede l’accordo tra Italia e Francia prevede che ci sia estradizione per reati con condanne superiori a 3 anni e io col patteggiamento e le attenuanti generiche ho preso 2 anni e 8 mesi. Cioè la pena come truffa sarebbe 8 anni ma con lo sconto arrivi a meno di 3, così puoi scappare senza estradizione.”

Durante il racconto si susseguono scenette di pochi secondi con musichetta da circo in cui un distintissimo signore con cilindro continua a derubare tutti e viene arrestato da un poliziotto: ma ogni volta che il poliziotto gli mette le manette lui riesce a divincolarsi e sfuggire con un trucco. Una volta finisce in manette il poliziotto. Una volta il poliziotto ammanetta due polsi che si rivelano finti. Una volta viene ammanettata una terza persona che stava dietro il ladro e aveva le braccia infilate nella sua giacca (trucco del nano).

Carrellata foto e spezzoni video mossi a scatti o ripetendo lo stesso gesto. Scorrono uomini politici e finanzieri italiani. La voce del secondo Speaker elenca le condanne che hanno subito e quanto hanno scontato di prigione.
Alternati a politici e finanzieri stranieri condannati con un cenno sul reato commesso e gli anni di carcere scontati.
Speaker 1: “Dal 1992 a oggi in Italia sono stati inquisiti ….. politici e imprenditori.
…….. sono stati assolti perché il reato è caduto in prescrizione a causa dei tempi lunghissimi dei processi. Tra questi Andreotti, Berlusconi, ……… (Grafici e foto)
……. sono stati assolti grazie alla cancellazione dei reati per i quali erano stati perseguiti. Sono stati cioè salvati dalle leggi scritte per salvare Berlusconi.
Tra questi Berlusconi, Previti, ………..
Hanno evitato il carcere o altre pene grazie all’Indulto ……… Tra questi …………….
………. hanno passato effettivamente in carcere dopo la condanna …… anni di carcere.
La persona che ha effettivamente scontato la pena più lunga, è stata ………….., recluso per
... anni e …. mesi.

Intervento Mastella alla Camera con applausi.

Cartone animato con suoni onomatopeici. Un ladro sorpreso dal poliziotto. Arrestato e processato; alla fine del processo la giuria legge la sentenza e Giudice e poliziotto vengono ammanettati e portati via dai poliziotti. Flaches dei fotografi per il ladro trionfante. (1 minuto)

Successivi blocchi.
Ragazze facili

Vallettopoli.

Mafia:
Lettera generale Della Chiesa sul sentirsi abbandonato.
Notizia uccisione Della Chiesa.
Lettura testo condanna Andreotti
Telegiornali che dicono che Andreotti è stato assolto.
Intervista sul perché è stato assassinato Falcone, a esponente di destra (Casini).
Intervento Cuffaro Costanzo Show contro Falcone.
Dichiarazione giudici colpevolezza Cuffaro.
Casini nomina capolista Cuffaro alle elezioni.

Acerra
Spezzone Ruoto su presenza diossina a Acerra maggiore di Seveso. Video sgombero Seveso con uomini in tuta pressurizzata.

Cip6

Telecom

Sprechi, opere incompiute.

Europa 7

Poltrone treni

L’italiano è stupido
Austria: 200 metri quadrati di pannelli solari termici ogni 1000 abitanti.
Grecia: 240 metri quadrati di pannelli solari termici ogni 1000 abitanti.
Italia: 12 metri quadrati di pannelli solari termici ogni 1000 abitanti.
Germania consumo massimo ammesso dalla legge per le abitazioni 80 kilocalorie a metro quadrato per anno.
Italia: 150/220 kilocalorie a metro quadrato per anno.
Secondo una ricerca del Politecnico di Milano la famiglia del centro nord Italia ha buttato in energia e calore sprecato, negli ultimi 30 anni, una cifra di denaro corrispondente al valore della casa che ha abitato.

A questo punto:

<<Rapinatore: “Beh, senta, se mi prendono in Francia per una rapina a mano armata mi danno 10 anni e almeno 8 me li faccio tutti. In Italia per la stessa rapina esco dopo 4 anni, 2 se ho un buon avvocato. E poi io sono un patriota le rapine preferisco farle all’estero.”>>

Aggiungerei qualcosa che rimanda a quel Corona o quell'altro, mi pare un certo Alessio Sundas che ha realizzato una linea di orologi, con il marchio linearom mi pare, facendo posare come testimonial quel rumeno (Ahmetovic) che ha investito 4 ragazzi mentre era alla guida di un auto uccidendoli.

Potrebbe essere ad esempio (solo per far capire il senso):

<<...Poi andrei da Corona per un servizio fotografico e con il ricavato delle foto pubblicate su "Chi" potrei comprarmi una villa in sardegna vicino al mio mito (il Berluska).>>

Inoltre sarebbero carine delle scenette (tipo comiche del cinema muto) che continuino sulla falsariga dei confronti tra l'italia e gli altri paesi basate sulle differenze anche  nelle azioni quotidiane più stupide (ad es. spedire una lettera raccomandata alla posta,  parlare con un call center per risolvere un problema senza riuscire a parlare con nessuno, andare all'ufficio del giudice di pace per perdersi, etc.)

Sarebbe anche bello alla fine un lento zoom al contrario che ci faccia vedere da una certa distanza come tante piccole formiche che al contrario delle formiche tedesche, inglesi, francesi, etc.  che percorrono dei percorsi lineari, seguono percorsi contorti, spirali, salti con l'asta, una cosa alla Bozzetto insomma.

 

Caro Jacopo

mi meraviglio che una persona così illuminata come te si riduca a fare una analisi così di parte, così schiava di un sistema fatto di mungitori incrostati dei cittadini e dei frutti del loro lavoro.

la sinistra al governo non ha fatto nulla salvo gli incentivi per il fotovoltaico (destinato a morire presto per la sua inefficienza e vecchiezza della tecnologia) e l'aumento di qualche taxi in giro.

Per il resto ha aumentato le tasse, messo in libera circolazione 30.000 criminali e stroncato la crescita del pil nazionale facendo pure aumentare l'inflazione con relativa perdita di potere di acquisto dei salari

la macchina pubblica si è fermata: il primo anno di governo è stato speso a cambiare le poltrone di tutti i posti importanti per piazzare uomini di fiducia, mentre il resto del tempo è stato speso a gestire una situazione di crisi di governo continua.

Lavoro con i ministeri da qualche anno: ai tempi del governo berlusconi si lavorava il triplo, adesso tutti si grattano le palle per la noia.

Tu parli di usare la rete contro la destra, ma dimentichi che la destra ha stanziato oltre 1 miliardo di euro per investimenti per far crescere la Rete mentre il governo prodi ha stanziato appena 30 milioni.

E la rete è cresciuta un po' anche grazie a quei soldi.

Detto questo, a me quelle cariatidi che stanno al governo e in parlamento fanno tutte schifo, sono tutte affiliate a quel sistema/clan criminale che è la politica da cui l'etica è stata espulsa decine di anni fa.

viviamo sotto una oligarchia che vede poche decine di uomini al potere che possono decidere tutto.

Tu afffermi che non si può trovare una alternativa alla sinistra attuale, ma cosa c'è di etico nell'avere un leader (Veltroni) che con la sua carica di sindaco, il suo stipendio, i suoi uffici pagati dai cittadini, il suo autista e macchina blu, i collaboratori stipendiati dal comune di roma, si fa la sua bella campagna elettorale e poi si mette a fare i giochetti politici invece di occuparsi della sua carica ufficiale a tempo pieno.

Se nella mia azienda occupassi il mio tempo di lavoro a fare i cazzi miei, ben presto mi caccerebbero a calci nel sedere: perchè per un politico deve valere una regola diversa?

E tu perchè incoraggi a votare un personaggio che approfitta del suo "pubblico ufficio" per farsi i cazzi suoi? A me fa veramente schifo: se fosse stato coerente avrebbe dovuto dimettersi da sindaco di Roma perchè non è concepibile avere due ruoli cosi importanti contemporaneamente.

Perchè io e altri milioni di cittadini di Roma e altri milioni di Italiani abbiamo duvuto finanziare la campagna elettorale e la carriera politica di Veltroni?????

Perchè viene nominato un nuovo Governo tradendo il mandato elettorale degli elettori se non per far arrivare i parlamentari a maturare la pensione di anzianità tra 280 giorni?

Jacopo, leggo i tuoi libri da quando ero adolescente. La merda sta a destra come a sinistra, incoraggia le persone a prendere in mano il loro destino e non a metterlo nelle mani di 4 farabutti

Nicola Salvi

ListaEtica.org

 

Mi interessa la proposta riguardante un progetto costruttivo serio, ma divertente.Nel coordinare e ad organizzare penso di aver raggiunto una certa autonomia, data l'esperienza più che ventennale in piccole realtà in cui mi sono ritrovata ad occuparmi un pò di tutto. Ho bisogno di tempo per entrare in confidenza, ma mi piace molto sentirmi parte di un gruppo di lavoro. Alla sera ho del tempo libero da dedicare al lavoro, quindi sono disponibile per un lavoro collettivo a distanza, vivendo con i miei due bimbi che non posso lasciare a casa da soli. Sono anch'io una gran rompicoglioni sul lavoro (e forse non solo sul lavoro!!), però mi piace un casino ridere, soprattutto in gruppo!!!
tattarani

Quando si comincia? Io (acrobata, artigiano, grafomane, fannullone, fotografo, organizzatore) e Naomi (attrice, ballerina, pittrice, dormigliona, trapezista, barista) siamo pronti!

Matteo

Metteteci anche la storia di gabriele sandri e di federico aldrovandi....Uno che ha inseguito la pallottola con il collo e l'altro che si è buttato sui manganelli fino a spezzarli e fino ad ammazzarsi.

 

 

http://www.ilterzostato.splinder.com/

Ciao,

Sono un'operatrice e  montatrice video, mi piacerebbe sapere come sta andando il progetto e se posso esservi utile. Non riesco a trovare notizie aggiornate!