Le scoregge diventano fonte rinnovabile di energia

Abbiamo sempre sognato di poterlo dire!
L'idea arriva dalla Nigeria, dove una societa' specializzata in prodotti igienico-sanitari ha messo a punto un wc in grado di trasformare i rifiuti organici in gas metano per fornelli e generatori di elettricita', grazie al principio della fermentazione anaerobica.
Secondo Isaac Durojaiye, ideatore della tecnologia, una cisterna di 10 metri cubi puo' produrre annualmente fino a 385 metri cubi di biogas, l’80% del combustibile necessario a una famiglia di cinque persone per un anno.
Grazie al wc compostatore ci sarebbe anche un miglioramento delle condizioni igieniche, un risparmio economico di 100 euro all'anno per famiglia e un minor inquinamento.
Il nostro appello ai nigeriani e': fate gli stronzi!
(Fonte: misna.org)

Fonte imm

Il video, da leggere e ascoltare attentamente, illustra i vari tipi di scoregge.

Categoria Video comici/funny video
Temi: peti, flatulenze, venti, energia rinnovabile, ecologia


Commenti

Ciao Jacopo, lo so, non è questo probabilmente lo spazio giusto, lo so, dovevo sottoscrivere l'offerta di MerciDolci e basta (perdono, perdono, perdooooonoooo), però mi sono lasciato prendere (credo, ormai, che mi più che altro mi abbiano preso per il... che nella fattispecie non essendo un avvenimento in cui ho partecipato in modo consenziente non è affatto gradevole) dall'offerta del La220... ma questi tizi sono completamente scomparsi!!! (e Legambiente che ci ha messo il logo e la faccia non mi risponde...).

Ad oggi non so nemmeno quale sia il mio "gestore elettrico"...

Tu hai notizie? il tuo terzo occhio ha visto qualcosa?

Excelsior e Ciauz.

Info dalla trasmissione Codici a barre di Radiopopolare di dicembre

la 220 è stata acquistata da un grande rivenditore di corrente, aveva dei debiti verso Enel che se non avrebbe saldato avrebbe fatto decadere tutti i contratti in essere, i consumatori avrebbero avuto il contratto di maggior tutela Enel. Non so se entro il 31 dicembre hanno pagato o meno.

www.kuda.tk

Grazie Kuda, almeno è una qualche notizia...
Potrei desumere che, non avendo avuto nessuna notizia dall'enel, il mio contratto con La220 non è mai andato in essere... Ma che casino, e che delusione!!!

Qualcuno mi sa dare una dritta su come capire chi ca22o mi farà pagare la bolletta della corrente che l'ACEA mi porta a casa?

Excelsior e Ciauz.

per la 220... Ti faremo sapere

...Jacopo!

Federico.

Excelsior e Ciauz.

Caro Federico, è esattamente come dice Kuda, la 220 non ha pagato Enel ed Enel ha messo i propri utenti sotto maggior tutela riprendendo di fatto tutti gli iscritti alla 220. Proprio l'altro giorno abbiamo fatto un cambio veloce per una questione uguale.
Praticamente funziona così: quando si cambia gestore dell'energia si continua a consumare la stessa energia di sempre, Enel fattura al nuovo gestore il quale paga Enel, immette in rete tanta energia rinnovabile quanta consumata dall'utente e fattura all'utente stesso.
Ma se il nuovo gestore non paga Enel questa apre un contenzioso con il gestore e riprende gli utenti sotto la sua "tutela".
Chissà se mi sono spiegata.
Cosa è successo alla 220? Non lo sappiamo con certezza, probabilmente c'è stato un ritardo nei tempi per incastrare bene incassi e pagamenti e da lì il caos. Forse come dice Kuda c'erano debiti pregressi, se fosse così la vedo grave.
La grande differenza con la nostra proposta è che Agsm è già di suo un'azienda che eroga energia elettrica (nella zona di Verona) e quindi ha già una struttura in tal senso. E malgrado questo, le difficoltà iniziali a far partire il mercato libero sono state incredibili. Immaginate chi è partito da zero, con una gran campagna pubblicitaria che senz'altro è costata un occhio della testa...

 

In effetti è proprio il "lato pubblicitario" che mi ha infastidito in tutta la questione... però alla fine mi ha anche affascinato. Diciamo che la combinazione energia pulita, piccolo risparmio (comunque una scommessa, visti i loro prezzi fissi e non tarati su uno sconto sul prezzo di legge... e col senno di poi, leggasi barile a 30$, è una scommessa persa) sponsorizzazione e approvazione di Legambiente (la quale non risponde alle mie richieste di informazioni, comportandosi né più né meno come tante altre realtà, deludenti!) mi ha indotto a chiedere la loro fornitura.

Il mio problema contingente è però capire se La220 ha chiesto all'ACEA (io non ho ENEL) il passaggio... insomma, aspetterò la bolletta pazientemente... ma non vorrei che uscissero fuori casini mio malgrado... non mi ci vedo a MiMandaRai3!

Ancora grazie a tutti, sapevo che potevo contare su di voi.

PS grazie anche per avermi dato la possiblità di installare e utilizzare i vostri riduttori di flusso e ionizzatori... adesso apro il rubinetto con molta più soddisfazione!

Excelsior e Ciauz.

Ciao jacopo,

anch'io sono uno dei tanto gabbati da La 220!  Per fortuna che c'è il tuo blog (che è l'unico posto in rete dove si trovino informazioni a riguardo). Ora, in attesa di sapere se siete riusciti a capire qualcosa su cosa  riseverà  il futuro a noi meschini clienti della 220, mi chiedo se e come si possa passare alla vostra proposta senza avere ancora in mano uno straccio di bolletta della 220: secondo voi è  possibile? rischiamo di metterci in un casino ancora maggiore? Inoltre mi sa che tutta questa storia rischierà di finire male: ci presti la tua esperienza e il tuo blogo per organizzare una causa comune qualora ce ne fosse bisogno?

Grazie di tutto,

a presto

Giacomo

 

carissimi, 
sì, la 220 sta facendo un po' di caos. Allora, ci sono alcuni aderenti che hanno continuato a ricevere le bollette del vecchio gestore (Enel o chi per esso) e quindi nessun problema, di fatto non hanno mai iniziato il rapporto con la 220 e possono passare a un altro gestore quando vogliono. Se vogliomo passare ad Agsm basta scaricare il contratto all'indirizzo http://www.commercioetico.it/energia-rinnovabile/index.html allegando una fotocopia della fattura del vecchio gestore e la fotocopia di un documento d'identità. Inviare poi il tutto a telefonia@mercidolci.it, oppure via fax allo 0759229776 oppure via posta a Merci Dolci srl, Loc, Santa Cristina 14, 06020 Gubbio (Pg).
Per chi invece ha smesso il vecchio gestore e attende notizie dalla 220 consiglio di scaricare e compilare il contratto e di inviare insieme alla fotocopia del documento e della fattura del vecchio gestore anche una fotocopia del contratto 220 (basta la prima pagina) o un'autodichiarazione in cui si dichiara di essere passati a 220, così ci possiamo regolare per il cambio.
Abbiamo già fatto il cambio per alcune persone, resta sospeso il pagamento dei mesi in cui l'erogazione è stata della 220 e lì c'è solo da aspettare, francamente non ho notizie in merito. Si tratta di cercare di avere alcune notizie dalla 220.. ci muoviamo anche noi e vediamo cosa si può fare.
Salutissimi
Gabriella

 

 

In realtà io ho ricevuto una strana bollaetta a2a (la terribile azienda milanese) in gennaio. Sembra un conguaglio di tutto il periodo in cui sono stato loro cliente. Nel frattempo la 220 non risponde più nemmeno con mail generiche. La prossima settimana ho un po' più di tempo e cerco di fare sintesi e copie di tutto quanto può occorrere per il passaggio con Agsm e lo invio, così anche voi potete valutare se è possibile effettuare finalmente il salto di qualità o che altro.

Comunque sia, grazie veramente per la disponibilità e l'intelligenza!

A presto, Giacomo