Vacanze estive alla Libera Università di Alcatraz

Oh cazzo, si e' sospeso Marrazzo!

L’Italia e' piena di storie di cazzi pazzi che si rizzano e sprizzano a razzo.
Lassu' a palazzo si fanno il mazzo, ma poi vogliono il sollazzo.
Per fortuna le difficolta' della crisi sono alleviate da tante storie piccanti. Sembra di essere tornati ai tempi della peste del Boccaccio. E in effetti a leggere le cronache sembra il Decamerone.
Il panorama e' un mare di seni prosperosi e cosce frementi, labbra di fuoco e decolte'. E natiche. Tante natiche.
Ci sono le prostitute del Presidente (tu chiamale se vuoi escort). Ragazze sempre in abito nero, scollate e disponibili. Il Presidente le condivideva con uomini della giunta di Bari di centro sinistra ma loro ne pigliavano solo qualcuna per volta, LUI le frequentava a dozzine (i due PD da una escort per volta si mormora fossero Sandro Frisullo, ex vicepresidente della giunta regionale della Regione Puglia e Alessandro Colella, capo gestione del patrimonio della Regione pugliese).
E ti ricordi la storia di Mastella sullo yacht con fanciulle e trans? Mastella…. Che poi si seppe che in realta' non era Mastella ma un altro famoso centrista. Per ora non e' dato di sapere chi fosse, l’uccello misterioso, ma tanto in questa Italia chiacchierona alla lunga viene fuori tutto. Sapremo anche questo. Non ci risparmieranno neanche i particolari igienici.
E ci sono le orge di Tarantini a Montecarlo sopra un altro yacht, sempre a disposizione di persone potenti con la verga sull’orlo di una crisi di nervi.
Poi c’era il portavoce di Prodi, Sircana, si vide la foto di lui che era in auto e si era fermato a parlare con un trans sul marciapiede. Per non parlare dell’ormai dimenticato Lapo con cocaina, collasso e trans, che e' li' giusto per confermarci che non solo i politici han le caldane, anche quelli che poggiano il culo nel salotto buono dell’imprenditoria italica hanno la libido deflagrante.
Poi c’era quell’Alessandro Martello, protagonista della coca-story che, si disse, girava ai ministeri e c’era di mezzo, qualcuno affermo' dubbioso, perfino il viceministro dell'Economia Gianfranco Micciche'. E non dimentichiamoci vari servizi delle Iene che fecero il tampone ai parlamentari scoprendo un battaglione di cocainomani. Ma d’altra parte, si sa, la quota di cocaina che scorre nel Tevere e' spaventosa. La bianca polvere passa prima su per il naso dei capitolini e poi giu' per altre diramazioni dell’impianto di scarico umano, quindi nelle fogne, nei depuratori e infine arriva nel sacro fiume in quantita' tale che se non fosse per la leptospirosi dei ratti potresti sniffartela che ti sballa che e' un piacere. Almeno se ti piacciono le emozioni forti.

Poi c’era quell’altro, come si chiamava? Che stava alla Rai, Sottile, con la Gregoraci. Lui e lei.. Un’immagine raccapricciante che mi ha perseguitato per mesi. Ma forse lei si e' fatta solo toccare le tette e magari, al massimo, gli ha fatto qualche carezza. Ma poi si e' subito sposata con Briatore, che anche lui in gioventu' ebbe un processo per certe partite a poker truccate, con delle escort da paura che distraevano i giocatori, poveri industriali brianzoli con il pipo in fiamme… E poi c’e' Fede che minaccia Fini di tirar fuori notizie a luci rosse risalenti al 2002. E il direttore dell’avvenire Boffo costretto a dimettersi per una storia di molestie alla moglie di un amante gay (ma, si difende, le telefonate non le fece lui ma un tossicomane disintossicato, gay e attualmente morto). E per inciso lo scenario di questo scandalo e' la comunita' di Don Gelmini, vicino a Terni, e anche li' ci sono accuse, memoriali su giovani toccati da preti assatanati. Forse balle anche queste. Ma tant’e', siamo di fronte a una verticalizzazione dell’uso dell’erezione, vera o presunta, come strumento di lotta politica.
L’Italia e' preda di un’orda di signori della guerra con il pistolino sempre fuori, che si massacrano a colpi di passere, culi e scoop. Si usa il sesso per fare carriera, per inserirsi a corte, per fare affari, il sesso tuo o quello degli altri non importa. E lo puoi usare anche per distruggere gli avversari, intorpidire le acque o distrarre l’opinione pubblica dall’assalto alla diligenza dello stato da parte di una casta di pervertiti morali. Ma consoliamoci.
Questo gioco al massacro sta esplodendo. Non faranno sconti a nessuno. Scopriremo finalmente se Andreotti da bambino si masturbava sulle pubblicita' delle scarpe ortopediche e tutte le volte che un assessore ha toccato il culo a una vigilessa.
Ormai in Italia ci sono decine di migliaia di ragazze avvenenti con un video cellulare in borsetta, che sanno benissimo che la differenza tra una vita di marchette anonime e la notorieta' delle Grandi Puttane acclamate in tutto il mondo, e' schiacciare il tasto REGISTRA al momento giusto. Tutto il resto sono chiacchiere.
E pensare che credevano di essersi salvati dagli orecchi indiscreti tagliando i fondi per le intercettazioni telefoniche… (vedi: http://www.jacopofo.com/node/529)
E visto che i nostri vip di sicuro il cardellino non riescono a tenerlo nella gabbietta possiamo stare sicuri che il gioco al massacro continuera' fino alla loro estinzione. Amen. Bene. Godiamoci lo spettacolo!
Una Cazzopoli li seppellira'.
(se vuoi approfondire vedi qui http://www.jacopofo.com/nazione-salvata-dai-pompini-berlusconi-carfagna)

(Ripubblico qui una nota di ieri sull’argomento)

…Si passa dalle prime dichiarazioni di Marrazzo: "Quel filmato, se davvero esiste, e' un falso. E' stato sventato un tentativo di estorsione basato su una bufala." a quelle di oggi: "Quanto accaduto riguarda la mia sfera privata. Ai magistrati ho detto la verita'. Io sono la vittima."
Che Marrazzo sia la vittima di un ricatto organizzato da quattro mele marce dei carabinieri non c'e' dubbio. E dobbiamo applaudire i carabinieri che hanno beccato questi 4 delinquenti.
Ma tra la prima e la seconda dichiarazione ci passa la distanza che corre tra prima e dopo il crollo del Muro di Berlino!
Ma, santo Pistolino, e' mai possibile che questa gente non abbia capito come si fa? Ma chi sono i loro strateghi dell’immagine? Negano tutto per principio. Guardate invece Silvio com'e' spavaldo: "Si' e' vero, mi piacciono le donne e allora?" Lui la passera l’ammette serenamente, e' su altre storie che e' un po’ reticente…
A questo proposito vorrei ricordare la storia di Sant’Ambrogio che, per sbaglio, scopri' che le folle adorano i politici che ammettono le loro colpe.
http://www.jacopofo.com/storia-sant-ambrogio-religione-sesso-prostituzione


Commenti

Qui non si tratta di stabilire quale politico sia più scaltro nel dichiarare pubblicamente le proprie preferenze sessuali che neanche dovrebbero interessarci!
Non è obbligatorio neanche scandalizzarsi per eventuali incoerenze con l'etica della famiglia rispetto alla quale ciascuno ha doveri solo con la propria coscienza. Le preferenze sessuali dei politici non dovrebbero neanche interessarci ma dovremmo cercare di capire volta per volta solo una cosa: se si è trattato di sesso che è soltanto sesso e basta o se c'è stato il tentativo di farlo diventare un sostitutivo di una tangente per avere favori personali o aiuti nelle gare di appalti pubbliche.
Ognuno faccia sesso con chi vuole l'importante è che nel farlo non si violi la legge e soprattutto che quando sono i politici a farlo il sesso non diventi un surrogato delle tangenti.

Mi sento del tutto pertinente a segnalarvi un libro che ho da poco pubblicato e che sta forse più velocemente del previsto raggiungendo doti di preveggenza:

http://www.lulu.com/product/libro-a-copertina-morbida/nell'antro-della-caverna-dell'indovino-tiresia/5622527
C'è anche un gruppo omonimo su Facebook così come un'anteprima un poco più espansa su Goggle Books.

Se poi volete suggerimenti su cosa fare, mi trovo per pura coincidenza ad aver da poco scritto un libro anche su questo:

http://www.lulu.com/product/libro-a-copertina-morbida/uomo-nuovo-uomo-ge...
Per il quale libro si offrono le stesse condizioni di quello prima.

Saluti, Fabrizio