problemi

Qual è la soluzione migliore? – Parte seconda

Quando ero un ragazzino ero la metà di adesso, anche ora non sono un colosso ma da ragazzo facevo veramente paura. Ed ero anche brufoloso, cosa veramente disdicevole, quindi avevo un livello di insuccesso con le ragazze olimpionico.
Soprattutto d’estate, quando arrivavo a Cesenatico e mi mettevo in costume da bagno, e le mie possibilità precipitavano verticalmente.
L’unico sistema per combinare qualcosa era avere qualcosa da raccontare alle ragazze, avevo una decina di argomenti che tiravo fuori all’occorrenza, facevo una bella figura e così avevo qualche rara possibilità.

Con il passare del tempo mi sono accorto che il sistema di scegliere una via alternativa nella risoluzione dei problemi (vedi cacao domenica 22 ottobre) è proprio giusto.
La prima cosa che ci insegnano è che esiste un metodo già “determinato” e se si vogliono risolvere i nostri problemi bisogna applicare il metodo “ufficiale”.
Ecco, vorrei dirvi che di solito il metodo ufficiale non funziona, e non ci vuole Einstein per capirlo, basta guardare la situazione del mondo: un sistema che ammazza ogni anno 10 milioni di persone di fame e che ne ammazza 100 milioni perché hanno mangiato troppo.
Abbiamo bombe atomiche che potrebbero distruggere 5000 volte il pianeta, e negli anni 70 era peggio, potevamo distruggere il mondo 10mila volte. Capisco che è un discorso noioso ma provate a pensare per un momento all’enormità di questa cosa.
Ci sono stati anni di trattative per distruggere l’arsenale nucleare perché i generali da una parte e quelli dall’altra dicevano: se noi smantelliamo le nostre armi accadrà che noi potremmo far esplodere il pianeta 4999 volte e loro 5000 e così il nostro deterrente nucleare ne soffre.
E se decidiamo che il sistema del potere è sbagliato, non è che ce n’è un altro che invece è perfetto: non funziona così, ognuno di noi ha il suo sistema, quello che ognuno di noi può cercare è il proprio modo di risolvere i propri problemi.
Se pensate che ci sia un qualcuno che è più alto, più bello, più intelligente, più biondo di voi che ha in tasca la soluzione ai vostri problemi e che se seguite il suo sistema arriverete all’obiettivo, ebbene, vi accorgerete che non funziona.
E’ stato effettuato un esperimento che dovrebbe cancellare tutte le discussioni che continuo a sentire sul come stare bene: un medico francese ha fatto una ricerca nei vari ospedali europei per cercare quelle persone che dovevano essere morte e che invece erano ancora vive in modo clinicamente inspiegabile. Insomma, quei casi in cui le analisi, le condizioni del paziente farebbero pensare che questi dovrebbe essere trapassato da tempo ma che invece, oltre ogni previsione, continua a vivere.
Il medico francese e la sua equipe trovano 3000 casi “miracolosi” e quindi vanno a visitare queste persone.  Possiamo immaginare che queste 3000 persone abbiamo trovato IL sistema giusto, quello che guarisce da malattie altrimenti mortali e quello che scopre è che queste persone sono guarite con 1500 sistemi diversi, alcuni completamente idioti. Buttarsi nell’acqua gelata d’inverno a Trieste alle cinque del mattino non ha nessun rapporto con la leucemia ma c’è un uomo con la leucemia che quando fa questa cosa guarisce, e gli altri del reparto leucemici, visto che quel paziente è guarito vogliono imitarlo e si vanno a buttare al mare d’inverno pure loro: una strage.
Quindi quello era un sistema che andava bene per QUEL paziente.
Alcuni guariscono con la medicina ufficiale, il medico aveva dato una medicina pensando: boh, proviamo e si stupisce lui stesso della guarigione. Magari gli ha solo prescritto dell’aspirina pensando che male non poteva poi fare e il paziente è guarito!

Allora, quando qualcuno vi dice: fai questo perché funziona, scappate! Non vi serve perché questa è la SUA soluzione. Ecco perché nel corso di Yoga demenziale non vi faccio fare degli esercizi ma vi propongo una serie di esperimenti, di possibilità e vi do una serie di informazioni, poi se voi volete provare qualcosa o no, quelli sono fatti vostri.
Se volete arrivare in ritardo alle lezioni o non venirci affatto va benissimo, perché funziona solo se vi interessa e quando vi interessa.
Fare qualcosa controvoglia è peggio che non farla. Il principio fondamentale è che voi siete le uniche persone che sanno cosa è importante per voi, o se non lo sanno possono provare a fare degli esperimenti ma fare qualcosa controvoglia per definizione non serve.
Se vi hanno detto che lo studio è noia e sofferenza, vi hanno detto una cosa sbagliata, si riescono a capire le cose nel momento in cui si trova la passione. Il problema è quello e la passione è un’altra cosa che non vi posso insegnare. Però possiamo fare degli esprimenti insieme appassionanti e sperare che si crei un vortice di divertimento collettivo così magari ci si appassiona a qualcosa che prima non interessava.
Appassionarsi, secondo me, è l’unico vero affare. Per prima cosa alla propria vita.

Mi rendo conto che molti dei miei problemi li ho risolti per culo.
Ma di questo ve ne parlo la settimana prossima :)
(continua)


Qual e’ la soluzione migliore?

di Jacopo Fo

Ci sono molte persone che sostengono di aver trovato la soluzione dei problemi.
Io non ho trovato la soluzione dei problemi, uso un altro metodo: metto insieme informazioni che mancano.
L’idea è che se una persona ha un maggior numero di informazioni, e quelle sbagliate vengono corrette, potrà affrontare i suoi problemi in maniera più efficiente e più produttiva.
Questa mia propensione deriva da un’esperienza per me molto scioccante: quando avevo tre anni e mezzo la mia famiglia ha deciso per la terza e ultima volta di fare una gita fuori porta. Forse per le vostre famiglie funziona ma per la mia era assolutamente insostenibile e infatti ce ne sono state solo tre…
Decidono di andare a mangiare in un ristorante sulle Alpi, per arrivarci bisognava prendere la seggiovia. Era estate e partiamo per questa spedizione. Arriviamo alla seggiovia e andando contro a ogni trattato internazionale sul trattamento dei prigionieri politici e dei bambini, la mia famiglia mi mette su un seggiolino che va a un’altezza spropositata sopra una foresta e nessuno li denuncia al Telefono Azzurro o chiama i vigili del fuoco o gli agenti psichiatrici e io vengo colto logicamente da una crisi di panico.
Quando arrivo in fondo, c’è l’addetto che mi deve far scendere, il ragazzo si rende conto che grazie alla muscolatura scimmia ho un forza mostruosa e non riesce a staccarmi dal seggiolino.
Una persona normale avrebbe fatto fermare qualche secondo la seggiovia, mi avrebbe calmato e fatto scendere, questo tizio sceglie un altro metodo e mi dà un ceffone mostruoso e mi tira giù.
Arriva mio padre sul suo seggiolino e invece di uccidere sotto i miei occhi festanti questo essere immondo, non fa una piega e capisco che funziona così: seggiovia, ceffone, il mondo è una merda.
Arriva mia madre anche lei impassibile sul fatto che io sia stato percosso da uno sconosciuto e mi portano in questo c… di ristorante di m… in cima alla montagna.
Non mi sono gustato molto il cibo perché pensavo al ceffone che avrei preso al ritorno.
Finalmente mio padre si rende conto che sono sull’orlo di una crisi di nervi e mi chiede: “hai paura a ritornare sulla seggiovia?” e io penso: “E’ un genio! Dovrebbero dargli il Nobel!”
“Bene” continua lui “Se hai paura torniamo giù a piedi”.

Non gli credetti perché ormai sapevo che mio padre faceva delle cose assurde.
Una volta tornai a casa sconvolto dall’asilo perché avevo scoperto che tutti i bambini avevano l’onomastico e io non sapevo neanche cos’era.
Allora chiesi ai miei genitori: “Ma quando è il mio onomastico?” e mio padre invece di andare a cercare nel libretto degli onomastici dove c’era San Jacopo, povera creatura, mi dice: “Guarda Jacopo, non discutiamo come ti chiami, perché non è colpa mia. Quando eri nella pancia della mamma io mi sono avvicinato e ho chiesto: bambino come vuoi chiamarti? E tu hai risposto Jacopo e così ti abbiamo chiamato”.
Quindi, voi capite, che ero abituato a manipolazioni orrende.

Tornando alla nostra gita in montagna, mio padre mi dice: “Scendiamo a piedi”.
“Ma davvero? Certo!” rispondo.
E per me quella camminata è stata un’esperienza fantastica tanto che credo sia uno dei motivi per cui anni dopo sono venuto a vivere in mezzo ai boschi.
Per me era un luogo inconcepibile, abituato a strade e case questo spazio immenso che abbiamo percorso per ore mi sembrava impossibile.
Era una situazione mentale stupefacente perché è l’incapacità di leggere la realtà che non si conosce. Ho avuto la mia prima esperienza in quella lunga passeggiata perché a un certo punto arriviamo su un torrente, per me non esisteva il concetto del mondo “naturale” fuori dal mondo cittadino, quindi vedo quest’acqua e mi dico: “Ma chi ha rovesciato tutta quest’acqua?” e mi rivolgo a mio padre. “E questa chi l’asciuga adesso?”
E poi vedo le mucche e chiedo a mio padre: “Chi sono questi mostri?”
E lui mi risponde: “Non ti preoccupare, se non gli dai fastidio non ti attaccano, sono delle mucche”
E il fatto che lui sapesse cosa c’era in questo mondo sconosciuto era veramente incredibile.
Dopo ore meravigliose e un colossale imprinting naturalistico arriviamo a valle e troviamo mia madre che era andata in seggiovia perché aveva le scarpe col tacco e la troviamo tutta sgarrupata perché, presa dall’ansia per il marito e il figlio in mezzo al bosco, era scesa dal seggiolino prima di arrivare alla piattaforma e aveva fatto così un bel salto, per fortuna un pino aveva attutito la caduta ma si era strappata il vestito, le calze, ecc.
E lì ho capito che c’è sempre un’altra via ed è sempre meglio.
Quando ho dei problemi chiedo qual è la soluzione e se non mi piace vado a vedere se c’è un’altra soluzione e… funziona.