Buone Notizie Video

Progressi, buone notizie, in formato video

Storie d'amore

San Francisco, 1959: Diane Harris e Rodney Day, studenti, hanno un incidente in macchina e vengono ricoverati in ospedali diversi. La madre di lei, con un inganno, dice al ragazzo che la storia e' finita e che sua figlia non vuole piu' rivederlo.
I due si separano, Diane si sposa e divorzia due volte, Rodney rimane vedovo.
Qualche settimana fa, grazie a Internet e ad una e-mail, i due sessantenni si sono ritrovati, ribaciati e convolati a nozze.
Il primo incidente stradale non si scorda mai!
(Fonte: New York Post)


Corri Forrest, corri!

Straordinaria storia d'amore dal Colorado, dove Martha Michel, una signora novantenne, per amore del marito scomparso, percorre ogni giorno una lunga passeggiata nei boschi attorno alla casa di cura dove Lester fu ricoverato negli ultimi giorni della sua vita.
Fa sempre lo stesso tragitto, che prima compiva col marito, ormai da una decina di anni, per un totale di 16mila km percorsi, 3 volte il coast to coast degli USA!
Forse ne faranno un film.
(Fonte: Tgcom)


Eva (Eco Villaggio Autocostruito) a Pescomaggiore, L'Aquila.

Stupenda iniziativa di alcuni abitanti di Pescomaggiore, zona colpita dal terremoto in Abruzzo.
Invece di aspettare la 'fortuna' di un alloggio del Piano Case, a 8 km dal paese e 300 metri piu' a valle, si sono rimboccati le maniche e stanno realizzando un eco-villaggio autocostruito: 7 unita' abitative a basso impatto ambientale per 22 abitanti.
Alcuni proprietari hanno messo a disposizione gratuitamente i loro terreni e grazie a questo gesto di solidarieta' il progetto e' gia' partito.
Per maggiori informazioni http://eva.pescomaggiore.org


In Texas ce l'hanno piu' grosso

L'impianto eolico, s'intende. Sono infatti terminati i lavori di costruzione del parco eolico di Roscoe, in Texas. 100.000 ettari di terra in 4 contee, con installati 781,5 MW di aerogeneratori, in grado di soddisfare il fabbisogno energetico di 230mila abitazioni.
E' l'impianto eolico piu' grande del mondo ed e' costato un miliardo di dollari.
(Fonte: Yeslife)


Non è vero che tutto va peggio! Il mondo lentamente migliora

Ecco il video della presentazione del libro scritto con Michele Dotti e edito dalla EMI (edizioni missionarie).
La percezione del peggioramento della società è un espediente demagogico e un effetto del catastrofismo che fa vendere i giornali.
I dati reali ci dicono che stiamo riuscendo a migliorare il mondo, costantemente da millenni.

Per acquistare il libro online clicca qui


L'eolico che non rompe le pale (terza puntata)

Dopo il Tornado Like (http://www.jacopofo.com/impianto-eolico-tornado-like-cono-vortice-energia-rinnovabile-vento) e il Kite Gen (http://www.jacopofo.com/kitegen-aquilone-enegia-rinnovabile-eolico), presentiamo oggi una terza tecnologia eolica a basso impatto. Si tratta del Magenn Power Air Rotor System, una micro-mongolfiera, gonfiata con elio, che una volta fatta salite in quota (120-300 metri) gira orizzontalmente alimentando un rotore il quale produce energia rinnovabile.
Al costo di un palloncino.

Nel video una demo animata del funzionamento

 


Mobilita' sostenibile

Presentato a  Kashiwazaki, in Giappone, “i-MiEV”, un taxi elettrico. E' il primo in circolazione nel Paese.
Messo a punto dalla Mitsubishi e' dotato di 4 posti, un'autonomia di 160 km e puo' raggiungere i 130 km/h. Si ricarica in 30 minuti con una speciale presa ad alta velocita' o 7 ore con una normale spina casalinga.
Verra' sperimentato nel remake di Taxi Driver.

Fonte imm

 


Un aquilone risolvera' tutti i problemi energetici del mondo!

E l'invenzione sara' tutta italiana. La tecnologia si chiama KiteGen e si tratta di un aquilone (tecnicamente si chiamano profili alari) in grado di captare i venti di alta quota (800-1000 metri, potenzialmente anche di piu') e produrre energia eolica, molta energia (i venti di quota sono piu' intensi e regolari).
Il Kite Gen si comporta come una specie di enorme yo-yo srotolando una bobina di cavo e producendo in questo modo grandi quantita' di energia rinnovabile, con un rendimento molto superiore agli impianti eolici “torre e pale”.
Quando la bobina e' completamente srotolata l'aquilone viene messo a riposo e in pochi secondi viene riavvolto il cavo, poi il processo produttivo rincomincia. Nel complesso l'ala passa oltre il 90% del tempo in regime "produttivo" ed il 10% del tempo in fase di recupero.
La tecnologia e' stata messa a punto dalla societa' Kite Gen Research di Torino, http://www.kitegen.com/index_it.html , nata nel 2007.
Il progetto sarebbe a una fase di svolta: sono terminate le sperimentazioni e da settembre inizieranno le prove di produzione di energia.
(Fonte: http://ioelatransizione.wordpress.com/2009/07/07/un-aquilone-ci-salvera/)

Fonte immagine


L'uomo a impatto zero

Il primo maggio 2008 Steven Vromman, cittadino belga di 48 anni, ha deciso che sarebbe vissuto con la piu' bassa impronta ecologica possibile.
Da allora produce energia elettrica tramite una cyclette collegata a un generatore e a delle batterie (20 minuti di pedalate per utilizzare il computer 1 ora), ha un lettore mp3 che funziona a manovella con una dinamo. si lava con acqua piovana che raccoglie in una cisterna in giardino, usa solo abiti usati, mangia solo cibo locale andando nelle fattorie e non tocca un imballaggio da mesi.
Usa lampadine a basso consumo, ha coibentato i vetri e presto, grazie a un accordo con un'azienda del settore, isolera' anche il tetto.
Con tutti questi accorgimenti le sue bollette sono scese del 60% e consuma poco piu' di 15 litri di acqua al giorno, contro i 120 di media giornaliera in Belgio.
“La mia vita - spiega Steven - costa il 20% in meno rispetto a prima”.
Peccato che abbia dovuto compostare anche il suo matrimonio.
(Fonte: Corriere, segnalata da Davide Calabria)

Fonte imm

Nel video alcune immagini di Steven Vromman