riciclo rifiuti

Dormire tra i copertoni

Aperto a Roma il Corona Save The Beach Hotel. E' interamente costituito di spazzatura raccolta in spiaggia. Per ora e' un'installazione artistica del tedesco HA Schult, ma anche un vero hotel, alto due piani e in grado di ospitare fino a 10 persone per notte.
HA Schult ha utilizzato la spazzatura raccolta dai volontari del progetto Save The Beach sulle spiagge europee e l'ha utilizzata come "materiale edilizio" per realizzare a Roma l'albergo, che sara' aperto dal 3 al 6 giugno.

fonte immagine


Ecologia estrema 1: il Bikamper

E' stato inventato da Kevin Cyr, artista e ciclista canadese. Con pezzi di riciclo ha costruito una bicicletta-camper perfettamente attrezzata e funzionante.
Ottima per le vacanze in montagna...
Se invece siete amanti delle corse ai saldi nei supermercati, Kevin ha messo a punto anche un carrellodellaspesa-camper, con posto letto e mobilio essenziale.
(Fonte: Ecoblog)

fonte immagini


Ecologia estrema: i Recy-Blocks

In attesa che vengano cancellati dalla faccia della Terra, i sacchetti di plastica possono essere riciclati in mattoni per l'edilizia.
Si chiamano Recy-Blocks e sono un'idea del designer Gert de Mulder. I sacchetti di plastica vengono lavorati ad alte temperature, ottenendo un mattone molto resistente e solido, in diversi colori (a seconda dei sacchetti utilizzati) e personalizzabile con decorazioni.
Grazie a tutte queste straordinarie tecnologie oggi e' possibile costruirsi una casa in sacchetti e bottiglie di plastica, coibentarla spalmandola di olio fritto e arredarla con mobili in buccia di banana. Invece dell'architetto serve un salumiere.
(Fonte: Ecoblog)
Fonte immagine


Vivere felici con 12 dollari all'anno

E' quanto hanno speso Anneli Rufus e Kristan Lawson, una coppia di scrittori californiani di Berkeley, per rinnovare il loro guardaroba nel 2009.
Non pensate che si vestano come straccioni, lui indossa spesso una splendida giacca di Versace e lei e' sempre alla moda.
Il loro segreto? La sera vanno sempre a fare una passeggiata durante la quale rovistano nei cassonetti e con un metal detector raccolgono gli spiccioli persi dai passanti.
Il 95% dei loro averi e' stato rimediato con questo sistema o con il baratto. Le tende, i mobili, i tappeti, le stoviglie, perfino la pittura con cui hanno imbiancato le pareti e' di seconda mano. (capita la battuta???)
Dalla loro “avventura” e' nato un blog http://scavenging.wordpress.com/ e un libro
“The Scavengers' Manifesto” (Il manifesto dello spazzino) che insegna come raccattare e riciclare. La prima regola e' “non rubare nulla a nessuno”, la seconda “non mangiare cose andate a male solo per dimostrare di aderire alla causa”.
(Fonte: Corriere.it)
Fonte immagine
 


L'avvocato architetto Ingrid Vaca Diez

Quando il marito, guardando un cumulo di bottiglie di plastica in giardino, le disse: “Ce ne sono abbastanza per costruirci una casa”, Ingrid lo prese sul serio.
Da quel giorno realizza case per i poveri utilizzando bottiglie di plastica riempite con sabbia. Come intonaco e isolante utilizza un composto di sua invenzione a base di sterco di cavallo, olio di lino, melassa di canna da zucchero e latte in polvere scaduto.
I pavimenti sono fatti invece con pneumatici usati.
Per edificare 170 mq di strutture servono circa 36mila bottiglie e solo 15 giorni di lavoro.
Finora Ingrid ha realizzato 6 abitazioni a Warnes, una citta' di Santa Cruz de la Sierra, in Bolivia e proprio in questi giorni e' stata chiamata ad Haiti.
(Fonte: Ecoblog)

fonte immagine


Medaglia d'oro alle Ricicliadi

Dal primo aprile al 31 maggio 24 Comuni pugliesi si sfideranno a chi riuscira' a migliorare e incrementare il riciclo dei rifiuti.
4 le discipline: carta, cartone, vetro, plastica.
Al Comune vincitore andranno 15mila euro da investire per potenziare la raccolta differenziata.
Per una volta l'importante non sarebbe solo partecipare ma anche vincere...

fonte immagine


Se l’orgasmo e' eco-sostenibile dura di piu'.

Una catena di sexy shop inglesi ha lanciato una campagna per favorire il riciclo dei giocattoli erotici. A coloro che invieranno i loro sex-toys usati verra' recapitato a casa un buono per l’acquisto di un nuovo vibratore piu' moderno ed evoluto. Inoltre, per ogni giocattolo erotico restituito verra' donata una sterlina al World Land Trust, organizzazione attiva nel mantenimento delle foreste pluviali.

fonte immagine


L'Italia riciclona

L'Italia ha raggiunto (e superato di un buon 8%) gli obiettivi di legge sul recupero e il riciclo degli imballaggi. Lo rivelano gli ultimi dati resi noti dal Consorzio per il recupero degli imballaggi (Conai).
Di tutta la carta e il cartone, l'alluminio, l'acciaio, il vetro e la plastica immessi al consumo si e' recuperato e riciclato mediamente il 68,9%.
Punta di diamante e' la filiera della carta: la raccolta differenziata e il riciclo hanno raggiunto quota 75,3% e migliaia di alberi ringraziano!
In oltre 10 anni di attivita' il Consorzio e' riuscito a invertire i rapporti tra quantita' di imballaggi recuperati, passati dal 30% al 69%, e quantita' smaltite in discarica, ridotte dal 70% al 31%.

Fonte imm
 


L'ecologica famiglia Strauss

Rachelle Strauss, 37 anni, il marito Richard, 53 e la figlia Verona sono sicuramente la famiglia piu' riciclona del Gloucestershire, Gran Bretagna.
Nel 2009 hanno prodotto un solo bidone di immondizia, riempito perlopiu' di penne esaurite, alcuni giocattoli vecchi e confezioni di cibo non riciclabili.
Tutto cio' che e' recuperabile in casa Strauss viene diligentemente riutilizzato, dai resti di cibo fino ai capelli rimasti sulle spazzole, anch'essi compostabili.
Nel 2010 vogliono migliorarsi evitando di scrivere.
(Fonte: Ecoblog)

fonte immagine
 


Facciamo anche noi come Pier

Se a San Francisco buttate una cartaccia in un cestino dei rifiuti questa, molto probabilmente, finira' nell'impianto californiano Pier 96, lo stabilimento di separazione dei rifiuti piu' efficiente del mondo.
Al Pier 96 arrivano ogni giorno 650 tonnellate di spazzatura indifferenziata e, piu' del 70%, dopo diverse fasi di cernita e separazione, viene avviato al riciclo e torna a nuova vita.
Basterebbero 6 di questi impianti per risolvere il problema rifiuti in Campania, con un notevole risparmio economico: una di queste centrali costa 26 milioni di euro, contro i 400 milioni spesi per l'inceneritore di Acerra.
(Fonte: Repubblica)