pornografia

La tv porno di Bill Clinton

Si chiamerà Oval TV e sarà diffusa via satellite

La pay tv di Bill Clinton trasmetterà film porno contenenti scene di umiliazione della donna, pratiche sessuali violente e dolorose, e contribuirà notevolmente alla diffusione della pornografia fallocrate tra i giovani e i pensionati.
Una notizia che si guadagnerà sicuramente le prime pagine dei giornali di tutto il mondo.
Un uomo che ha ricoperto grandi ruoli politici internazionali che si mette a diffondere film porno è scioccante! E ben più scioccante sarebbe se Bush, paladino della famiglia tradizionale e contrario al riconoscimento delle coppie di fatto, aprisse 3 canali porno… Ma la notizia è falsa.
È invece Mediaset, che nell’indifferenza dei commentatori progressisti ha varato 3 canali porno! (Hot Time 1, 2 e 3)
I pochi articoli usciti misurano le parole, sterilizzate da ogni giudizio sull’opportunità che l’azienda del Cavaliere (grande difensore della moralità, dell’integrità della famiglia, scudo di Dio contro la legalizzazione delle unioni gay) diffonda amplessi immorali, oltretutto realizzati da persone malate di sciovinismo e sessismo fallocrate che usano le donne come zerbini.
Insomma, la gran parte dell’informazione italiana ha dato per scontato che il passaggio al porno, come tante altre cose, sia stato compiuto a insaputa di Berlusconi e che tirarlo in ballo per sputtanarlo sarebbe stato un comportamento degno di giudici comunisti.

CONTINUA SUL BLOG DEL FATTO QUOTIDIANO


Il porno potrebbe giovare alla societa'

Lo dimostrerebbe una serie di ricerche: negli Stati Uniti, ad esempio, negli ultimi 20 anni il tasso di stupri sarebbe diminuito a fronte di un aumento del mercato della pornografia.
Analoghe ricerche condotte in Danimarca, Svezia, Germania, Giappone, Cina, Polonia e Finlandia dimostrano la stessa cosa: esiste una correlazione tra liberalizzazione della pornografia e riduzione dei crimini sessuali.
Fonte: (http://www.the-scientist.com/article/display/57169/;jsessionid=11052B2017D324DEE388B0845B2FFEDB)
Ma secondo voi i ricercatori hanno letto Wilhelm Reich? Ci sembra che i termini di confronto siano un po' strettini...