plastica

La rivoluzione della bio-plastica è italiana!

La plastica derivata dal petrolio è come i piccioni viaggiatori dopo l’invenzione del telefono. È morta.
Il sistema Italia è in crisi, ma alcuni italiani sono all’avanguardia nel mondo. Dovremmo iniziare a essere orgogliosi. Ieri a Rai News 24 (Mineo santo subito!) ho sentito un grande esperto inglese sul sistema dei rifiuti. Diceva che in Italia ci sono città che non riescono a gestirli ma ci sono anche esperienze avanzatissime che vengono studiate in tutto il mondo. E per quanto riguarda i derivati dal petrolio, grazie a un’azienda italiana, stiamo per assistere a una rivoluzione epocale che cancellerà la plastica vecchio tipo.
Ovviamente non è una rivoluzione che si concluderà in una settimana ma è iniziata e quando certe cose iniziano, poi sono inarrestabili.
La plastica di origine vegetale esiste già da tempo. Ma si tratta di un tipo di plastica utilizzabile solo in certe applicazioni, che costa molto, richiede processi produttivi inquinanti e con alti costi energetici. Questa mattina, sempre Rai News 24 (Mineo ri-santo subito), ha trasmesso un lungo servizio intervistando un tipo che all’inizio mi sembrava più fuori di un citofono.

CONTINUA SUL BLOG DEL FATTO QUOTIDIANO


La casa di plastica

Guardate questa foto, e' il futuro della casa riciclata! Per realizzarla ci sono volute 1.200 bottiglie in Pet e 1.300 cartoni di Tetrapack, che fungono anche da isolante.
Per le porte e le finestre sono stati invece utilizzate 140 custodie per cd.
Si trova a a Puerto Iguazu, vicino alla frontiera fra Argentina e Brasile ed e' stata progettata da Alfredo Santa Cruz.
Dotata di ogni comfort fa addirittura passare la sete.
(Fonte: Yeslife)


Noi amiamo Silvio

E' uscito nelle edicole “Noi amiamo Silvio”, il nuovo volume della Peruzzo Editore. Si tratta di un book fotografico che ritrae il presidente del Consiglio durante eventi pubblici e momenti privati.
Il percorso di immagini e' suddiviso in capitoli dai titoli emblematici: “Tutti insieme siamo una forza”, “Silvio Forever”.
E' plastificato anche il libro.
fonte immagine

 


Tecnologie 2: il BioTecnoMais

Brevetto dell’Universita' di Milano (Dipartimento Distam e Dipartimento di Chimica), questa plastica 100% naturale, atossica, biodegradabile puo' essere usata per qualsiasi cosa, dagli shopper, alle stoviglie usa a getta fino ai giochi per bambini.
Si scioglie a contatto con l'acqua e puo' essere inserita nel compost.
Per la produzione di un metro cubo di BTM occorrono circa 10 kg di amido di cereali, farina di grano, olii vegetali miscelati, sedano, carote e cipolle, far bollire per due ore e servire con maionese biologica.
(Fonte: Rinnovabili.it)