antanas mockus

L’uomo che per diventare sindaco mostrò il sedere in pubblico

E’ online su Alcatraz Channel “Bogotà Change”, il video del 2009, che racconta la meravigliosa storia di Antanas Mockus, rivoluzionario sindaco di Bogotà, in Colombia. Mise clown ai semafori, proibì le armi e fece crollare violenza, criminalità e omicidi in città con iniziative molto creative. Professore universitario, mostrò il sedere in pubblico agli studenti. Il documentario è stato tradotto in italiano da un gruppo di volontari di Alcatraz.

Tutti gli articoli su Antanas Mockus


Si può fare politica senza queste facce arrabbiate?

Sogno qualche cosa di completamente diverso. Perché non voglio solo un mondo migliore, lo voglio meraviglioso!

Sogno qualche cosa di completamente diverso che per fortuna inizia a esistere.
Grazie a tre eroi clown, Davide Staunovo Polacco, Mattia Trivellane e Daniela Trenti puoi vedere il film su Mockus, il sindaco di Bogotà, sottotitolato in Italiano.

Mockus è un professore che riesce a diventare sindaco e ridurre del 70% il numero dei morti ammazzati mettendo i clown ai semafori, organizzando assemblee di vittime della violenza, che prima di raccontare quel che hanno subito disegnano il volto dell’aggressore sopra un palloncino e poi lo fanno scoppiare. Ma non si occupa solo delle vittime: crea anche il telefono azzurro per i mariti violenti: “Sei geloso? Tua moglie ti tradisce? Prima di ammazzarla, telefonaci!”  
Questo video è molto importante perché ci mostra come nella pratica, compiendo gesti comici e continuando a sorridere si può fare molto di più che gestire onestamente la cosa pubblica (che comunque in Italia sarebbe già un risultato strepitoso!).
La filosofia della spinta gentile, della comicoterapia, dell’inclusione, della pietà e dell’amore ha una potenza immensa.

CONTINUA SUL BLOG DEL FATTO QUOTIDIANO


La rivoluzione claun inizia ora!

Antanas Mockus Un sindaco fuori del comuneL’unica possibilità è sognare potentemente!
Alzati e IMMAGINA! Tu puoi farlo!

La pubblicità a volte dice cose giuste: IMMAGINA!
I pubblicitari sono animali che sentono l’odore delle emozioni.
Colgono il fremito. E ti gridano dal televisore IMMAGINA! PUOI!
Fottiti dei telefonini ma immagina.

Il silenzio delle grida che escono dall’ultrapiatto al plasma.
Persone che hanno perso il proprio spirito in un cesso e poi hanno tirato l’acqua, vagano ipnotizzate dalla campagna di terrore antiumano scatenata dai notiziari finanziari.
Lo SPREAD è la nuova droga.
Lo spread è la nuova apocalisse.
La crisi provoca la depressione?
La depressione provoca la crisi?
Abbiamo bisogno di una compagnia di buffoni che inizi un’azione di portata epocale: serve una distribuzione di massa di Pillole oniriche contro la depressione!

Tu credi che ci sia speranza?
Tu credi che abbiamo una possibilità?
Possiamo DARE una possibilità alla pace, al gioco, alla gioia?
E la gioia… È il fine o il mezzo?

Se vogliamo il cambiamento possiamo innanzi tutto affermare un diverso senso delle parole, la priorità dei sentimenti, delle relazioni, affermare che l’amore, l’amicizia, la cooperazione sono il nostro programma, il nostro Dio, la nostra ideologia e la nostra passione.

Abbiamo in mano un grande strumento: l’esperienza degli altri.
Uno strumento fenomenale perché mostra nei fatti che esiste un modo diverso di concepire l’azione politica e sociale, non più divisa dalla vita emotiva.
È la storia di Mockus e di come riuscì a ridurre drasticamente il numero di morti ammazzati a Bogotà usando i claun.
Guardati questo video (grazie a Maria de Laurentis che ce l’ha segnalato).
È un video che dovremmo riuscire a far vedere a migliaia di Italiani. Soprattutto oggi. Credo che  potremmo incominciare da qui a smuovere le acque delle paludi interiori nazionali. Disgraziatamente questo documentario è in spagnolo e inglese…
A questo punto servirebbero 4 Eroi Umanisti disposti a formare un collettivo di lavoro, tradurlo e sottotitolarlo. Se c’è qualcuno disposto a questo compito improbo si faccia avanti sulla pagina Facebook dedicata al Partito dei Claun: http://www.facebook.com/PartitoClaun.
Questo sarà il nostro centro organizzativo.
Insorgete!

Altre informazioni su Mockus clicca qui

 


Pillole oniriche contro la depressione

Antanas Mockus ritratto da Jacopo FoHai assolutamente bisogno di colorarti di rosso il naso e destabilizzare il regno del terrore con un assalto claun!

Per migliorare il mondo serve innanzi tutto capire quali sono le esigenze fondamentali del popolo. Cosa rende migliore la vita delle persone, cosa le rende migliori. Quello che ci serve sopra ogni altra cosa è mettere l’amore in cima alla scala dei valori. Sento già i conati di vomito di qualcuno: ma come si fa a parlare d’amore in un momento come questo?
Cosa c’entra l’amore in un momento di scontro con le forze del male, Berlusconi, gli Speculatori Internazionali, gli Inquinatori Immondi, i Ladri Carogne.
La gente non arriva a fine mese, cosa vuoi che conti oggi l’amore?
C’entra! Entra tantissimo. La crisi del sistema Italia è la crisi di un popolo che non è più capace di cooperare, di unirsi, di mettere al primo posto il Noi al posto dell’Io. Lo scontro epocale che stiamo vivendo, dietro le tende opache della politica, è tra un vecchio tipo di essere umano, figlio di millenni di guerre e individualismo, e un nuovo essere umano capace di ricostruire le basi empatiche della società.

CONTINUA A LEGGERE SUL BLOG DEL FATTO QUOTIDIANO


Un sindaco fuori del comune

 Un sindaco fuori del comune La meravigliosa storia del super sindaco di Bogotà Antanas Mockus, un vero sindaco fuori dal comune.La democrazia partecipativa esiste. Storia di Antanas Mockus, Supercittadino di Bogotà

Carissimi,
questa settimana siamo orgogliosi di presentarvi un libro edito dalla Emi che racconta la storia di Antanas Mockus, sindaco di Bogotà. Una storia incredibile quella di Monkus, che è riuscito a risollevare una città al collasso e come ha fatto? Sognando, non a caso il suo partito si chiamava Visionario… Qualcuno può regalare questo libro ai nostri politici?
Di Mockus parliamo da molti anni perché ci aveva colpito il suo modo “diverso” di fare politica e ci era piaciuto proprio tanto.
Come facciamo sempre vi proponiamo un estratto dal libro.
Buona lettura e siate visionari!

CONTINUA LEGGERE CLICCA QUI