La teoria della Vergine Bianca applicata a Berlusconi.

(Vi propongo un gioco letterario)

In tutti i testi di magia e in molti racconti mitologici troviamo un’idea curiosa che vorrei oggi discutere con voi, raffinati lettori, che da anni mi permettete di avventurarmi lungo i confini del buon senso, a volte superandoli, forse convinti che un’idea buona possa anche nascere discutendo di scemenze.
L’idea che vorrei sottoporre alla discussione è quella che vede come centro della soluzione di un problema un’azione perfetta compiuta da una persona che, spesso senza merito proprio, si trova ad essere prescelta.
Innanzi tutto va chiarito che non sempre IL PRESCELTO è in qualche modo “superiore”.
A volte IL PRESCELTO è un personaggio completamente anonimo che può persino  non rendersi conto di quel che accade e compie la propria azione perfetta (o non riesce a compierla) inavvertitamente.
Inoltre, l’esistenza di un unico predestinato è generalmente una forzatura letteraria. Tanto più l’evento è di grandi dimensioni tanto più è probabile che i predestinati siano molteplici e agiscano senza saperlo contemporaneamente.
Il mito della Vergine Bianca riassume questa struttura. Una fanciulla, che si dice sia vergine nel senso letterale, ma potrebbe anche essere solo una persona con sentimenti puri (per questo bianca seguendo la simbologia alchemica relativa ai colori) affronta il male armata solo del proprio candore.
Ad esempio, la fanciulla che giace con il vampiro distraendolo con la sua bellezza e i suoi racconti, tanto che il sole lo sorprende all’alba uccidendolo. Oppure la fanciulla che incanta il principe come in Le Mille e una notte.
In termini più laici potremmo dire che ci sono eventi che a volte non hanno una diretta azione sulla situazione generale ma che provocano una serie di fenomeni a catena arrivando a essere chiave determinante del cambiamento.
Potremmo fare l’esempio dell’esplosione del rock & roll che non ha nessun legame con la rivoluzione culturale in Cina ma che potremmo giudicare l’evento scatenante di un’ondata emotiva che supera le frontiere, contagiando le persone fino ad arrivare a individui che non hanno mai sentito questa musica “demoniaca” ma comunque ne vengono investiti.
Stabiliti questi contorni del discorso arriviamo alla domanda cruciale: nel recente tracollo e imminente sparizione di Mister B. certamente ravvisiamo grandi eventi che hanno determinato potentemente una mutazione, come lo scandalo del Bunga Bunga, la foto del baciamano a Gheddafi, il disastro nucleare giapponese, la crisi economica e l’immobilismo del governo.
Ma quali potrebbero invece essere le azioni “sottili” che hanno determinato questo crollo… Quale parola? Quale gesto?
Raccolgo la sfida che ho appena lanciato e mi cimento in questo gioco di ipotesi surreali. Mi viene in mente il viso di un ragazzino di 12 anni con i capelli biondissimi. E' quel bambino che è andato a X Factor inglese e ha cantato in modo sconvolgentemente bello… Forse è quel suo cantare che ha inciso sul senso comune del bello e del possibile, rendendo Mister B. un modello umano superato.
In cerca di altre ispirazioni fantastico-alchemiche provo a usare Google come macchina per produrre indicazioni e suggestioni.  Cerco Berlusconi su Google immagini e viene fuori un’icona che mi colpisce. Berlusconi senza lifting e turccoE mi chiedo: il colpo invisibile e mortale al Cavaliere l’ha inferto l’autore di questa foto ritoccata che mostra come sarebbe B. senza lifting e capelli tinti e trapiantati?
Ma cercando su Google, se digiti la data del giorno precedente le elezioni, il 14 maggio, trovi incredibilmente ai primi posti questo link: “Andrea e Silvia Sposi Il matrimonio si terrà il giorno 14 Maggio 2011 alle ore 17 e 30 presso la chiesa SS. Nome di Maria al Foro Traiano e verrà celebrato da Padre Antonio…” Potrebbe essere un indizio anche questo… (http://www.14maggio2011.it/). Ora mi chiedo: come fa una pagina di pubblicazioni matrimoniali arrivare in prima pagina su Google? E’ evidente che ce n’è abbastanza per imbastire un’inchiesta… Varrebbe la pena di informarsi sugli sposi. Se sono loro i PREDESTINATI ci dovrebbe essere qualche particolare della loro storia incentrato su coincidenze strane. Vado a dare un’occhiata al sito e trovo le foto dei nonni e dei bisnonni. E scopro che una coppia di progenitori si chiamavano Lieto e Lieta. Ora ammetterete che c’è del magico in questo. Lieto e Lieta mi risultano nomi rarissimi. Che probabilità c’era che Lieto incontrasse Lieta? Si tratta di un evento che come l’incidente nucleare giapponese può succedere una volta ogni milione di anni (e invece le centrali scoppiano una ogni 25 anni). E la chiesa come si chiama? Da che deriva? Che storia ha questo Santissimo Nome di Maria?
E anche qui c’è una scoperta: la celebrazione del “Santissimo Nome di Maria” fu introdotta da papa Innocenzo XI in occasione della vittoria sull’Impero ottomano nella battaglia di Vienna, nel 1683, che segnò la fine della spinta musulmana per la conquista dell’Europa.
Insomma, si fa riferimento alla vittoria su un nemico potentissimo…
Ma concausa alchemica della disfatta di B.  avrebbe anche potuto essere la morte, proprio il 14 maggio, di Anna Longhi, la Buzzicona del film con Sordi. La sua scomparsa, in quanto archetipo dell’italiana non troppo sveglia, ha determinato forse, per opposizione, un repentino risvegliarsi delle coscienze.
Oppure la vera SUB CAUSA  del tracollo silviesco potrebbe essere…..
Larga è la foglia, stretta la via
Voi dite la vostra io ho detto la mia...

 


Commenti

Ciao Jacopo,
SB ha creato un partito dal niente, lo ha usato come meglio ha creduto, mettendoci dentro una coorte di quelli che, adesso, si rivelano per ciò che sono sempre stati: dei coniglietti mannari :) e adesso che la truppa dovrebbe stringersi attorno al condottiero e fare muro ... inizia il si salvi-chi-può.

La Vergine Bianca che intravedo in tutto ciò si chiama Ipocrisia. Un abuso, un disuso, una manipolazione della nostra lingua che lo ha portato a non sapere più in quale realtà si sta muovendo ;)

Ha chiamato "Responsabili" dei viados della politica, ha promesso riforme epocali a 360 gradi per il nostro paese: di fatto siamo (quasi) tutti un po più poveri, i giovani senza lavoro e senza un futuro (e una vecchiaia) dignitosi. La stessa Confindustria è rimasta orfana d'interlocutori in questo governo !

Adesso, come ogni buon contadino sa, dopo aver preparato il terreno, concimato e seminato c'è il tempo della raccolta.Di chi si può ancora fidare ? Come uscirà dal cul-de-sac nel quale si è infilato da solo ?

La fiducia e la fedeltà non la si comperano nè col denaro, nè con la propaganda verbale :)

E pensare che adesso potrebbe essere un tranquillo pensionato, godersi la famiglia e i nipotini, andare in giro per la sua città con la bicicletta a guardare i lavori nei cantieri .. e invece ... solo, triste, incazzato senza il senso della bellezza (quella che non si compra) e della pace interiore.

La sua Vergine Bianca si chiama Ipocrisia.

ciao

renato

“Carnalità e religiosità trovano nel sangue un elemento coagulante che rende possibile uno scambio continuo di pertinenze simboliche. Vettore di purezza e d’impurità, di ‘spurcitia’ come di ‘sanctitas’,principio di putredine e al contempo di rigenerazione, di sacrificio come di marciume e di viltà, il sangue entra inesorabilmente nell’immaginario sacro e profano portatovi dall’idea del sacrificio divino, della rigenerazione attraverso le ferite,le sevizie,lo svenamento. Il sangue dell’Agnello divino diventa esempio e strumento di purezza e, nello stesso tempo, di rivincita sulle acque stagnanti,luride,putrescenti della morte, di trionfo sull’acqua sentita come profondità, caduta, abisso(essa può essere liquore vitale, principio di vita, fonte di miracolosa giovinezza, elisir rigeneratore).”(Piero Camporesi, Il sugo della vita, Oscar Mondadori, Milano 1988:pag.84).

Caro Jacopo,
il tuo gioco letterario sulla teoria della vergine bianca mi ha eccitato, intrippato, non tanto per la vergine, che ammetto di non aver mai incontrato carnalmente, ma perché è un tema su cui indago da molti anni, direi da decenni, e visto l'esiguo numero di neuroni che ho potuto dedicare a questa ricerca mi ritengo moderatamente soddisfatto.

Tanto per cominciare dico subito che non ho raggiunto alcun significativo risultato, così chi vuol proseguire nella lettura lo fa senza illudersi di trovarci qualcosa di interessante e non si innervosisce alla fine come se io gli avessi fatto intendere che ci fosse chissà quale intuizione.

Questo tema di grande fascino, ha tre aspetti nodali: primo la contemporaneità con cui certi fenomeni si manifestano in luoghi magari distanti e senza che vi sia un legame apparente; secondo, ma non per importanza, come sia possibile che un evento statisticamente improbabile si manifesti con una frequenza inspiegabile; terzo, perché si manifesta proprio nel posto giusto per fare casino o ordine oppure entrambi (dipende dal punto di vista e dalle circostanze).

La comparsa dell'uomo, e ancor più della donna, sulla terra, appartiene a questo triplice mistero.
Escludendo le 2 ipotesi più gettonate, ovvero "creazionismo" ed "evoluzionismo", le escludo perché le opinioni molto diffuse sono quasi sempre ciucche, la risposta al mistero compare quasi autonomamente, ed è più semplice che mai: l'universo è interamente fatto di calamite, ogni volta che 2 oggetti/soggetti microscopici o giganteschi si avvicinano quel tanto che basta, (vale anche se si avvicinano per caso senza averne il minimo sentore), avviene qualcosa che genera un effetto. Quale tipo di effetto si generi dipende da un'infinità di cose ma l'importante è che avviene quel che deve avvenire. Non succede nulla quando vado a letto con mia moglie ma questo è un'altro tipo di problema, molto più facile da spiegare e non mette in contraddizione il costrutto precedente.

Insomma, l'universo è governato da una forza misteriosa (per i fisici "l'energia oscura" e la "materia oscura" entrambe invisibili che insieme costituiscono il 90% dell'esistente, forse di più, non si può stabilire con precisione quanto è grande una cosa che non si vede). Questa forza misteriosa fa accadere ogni cosa, e non è condizione necessaria che la forza sappia cosa combina. Per esempio la forza di gravità agisce su ogni cosa e per funzionare non deve conoscere nulla e non si preoccupa degli effetti che genera anche se letali.
La "Forza" (con la F maiuscola tipo quella di guerre stellari) governa i fenomeni senza conoscerli e produce tutti gli effetti visibili e invisibili che permeano le nostre esistenze.

Forse, tutte le forme di vita senzienti evolute, che si manifestano in ogni angolo del cosmo, sono il tentativo della "Forza" di avere consapevolezza di sé. Non so se si può parlare di "forma senziente" per l'uomo, magari per la donna un po' di più, poco poco, ma da qualche parte nell'universo ci saranno di sicuro forme di vita evolute.

Mister B guarda caso ha usato proprio questa parola "Forza" nel suo progetto politico…

Vorrei continuare con questo testo delirante ma, ca…o devo proprio riprendere a lavorare altrimenti mi licenziano. Ci provo stanotte.
Ciao Jacopo,
Frank

E mi complimento per l'efficacia della descrizione e la leggerezza del testo. Spero che passerai da Alcatraz prima o poi...

caro jacopo, cari tutti,
innanzitutto un abbraccio alla benigni a tutti! l'incipit del mio libro è "cogitates ergo sum et cogito ergo estis" (pensate quindi sono e penso quindi siete). questa frase è la sintesi nobile della mia visione della vita, per la quale ho trovato conferme in tutti i miei studi, ma soprattutto per esperienza. diciamo che prima ho VISSUTO, poi ho TROVATO, tramite evidenti sincronicità, le conferme. il mio umile punto di vista in termini più tecnici è che la vita altro non è che un confronto di informazioni tra l'io e l'esterno, scientificamente ammissibile è che ci sia un soggetto attorno al quale ruoti un intero universo composto, a sua volta, da un infinità di altri soggetti che vivono la stessa esperienza del primo. sostanzialmente in maniera poetica si potrebbe dire che ad ogni uomo o donna è donato un intero universo, e a sua volta esso o essa sono donati al loro universo. universo comunque che non è qualcosa di privato che appartiene al sé di questo soggetto (fatto che lo farebbe considerare un oggetto, e cioè la solità visione del senso comune odierno, quella meccanicista, patriarcale, del dio del fulmine, visione che comunque è stata completamente smentita, inizialmente dalla fisica del novecento, poi di seguito da pressocché tutte le altre scienze, che prospettano una visione della realtà decisamente più matriarcale, di un'energia vivente e anche cosciente, pluridimensionale e guarda caso che funziona al meglio quando c'è amore), è un universo vivente (ammettendo pure che la materia non vivente non sia realmente vivente, tale universo è comunque vivente perché è composto anche da vita), un universo fatto da tanti altri universi paralleli tante quante sono le soggettività esistenti, quindi quanto meno anche gli animali. ognuno è dunque essenziale quanto lo può essere un dono, se si gradisce lo si amerà per sempre e se questo è vivo, e gradirà anch'esso, amerà anche lui per sempre. ECCO PERCHé L'AMORE è la chiave di volta del sistema universo, solo se ci piaceremo tutti avremo risolto tutto. come fare? far sì che ognuno abbia una vergine bianca, che sia immaginaria o reale (io per fortuna ce l'ho ed è la mia splendida sposa) non importa, ciò che conta è che sia la luce del cambiamento universale, proprio perché parte dall'individuale, di più...da tutte le individualità!

nino

per me una gran botta gliel'ha data il film di albanese, qualunquemente.

Caro Jacopo ti segnalo un tipo molto interessante che sono sicuro che ti piacerà un casino, fra l'altro completamente pazzo come piace a noi.

Dan Winter

http://www.youtube.com/watch?v=G9QrZqhZWs8&feature=channel_video_title

namastè ed un abbraccione!

Alex