GUERRA: AVEVAMO RAGIONE NOI

Mi ricordo le polemiche prima dell’invasione dell’Afghanistan e all’inizio della seconda guerra in Iraq. Ci dicevano: “Voi pacifisti volete lasciare le donne afgane al loro infame destino! Voi non volete battere Al Qaida, voi volete che Saddam continui a torturare i democratici. Che soluzioni avete voi? Non fare niente?”
Noi rispondevamo che si doveva agire attraverso aiuti internazionali, attraverso lo sviluppo, il microcredito, investimenti nell’istruzione. Aiutiamo quei popoli a stare meglio, a fare autoimpresa e poi saranno loro a buttare dalla finestra dittatori e fondamentalisti.
A distanza di anni appare chiaro quanto fosse, come sempre, assurda l’opzione militare.
Le due guerre sono costate in quasi due anni mille miliardi di dollari. E il costo aumenta di mille dollari al secondo come si puo' vedere in tempo reale sul sito www.costofwar.com.
Piu' di 5.000 soldati Usa morti, almeno 600mila civili uccisi, intere aree distrutte dai bombardamenti e a volte pure contaminate dai proiettili all’uranio impoverito, 4 milioni di profughi dall’Afghanistan, 2 milioni dall’Iraq.
L’Afghanistan ha 22 milioni di abitanti, l’Iraq 31 milioni. 53 milioni di persone. Diciamo che il 50% e' povero. 26,5 milioni di persone.
Con 1.000.000.000.000 (mille miliardi di dollari) si sarebbero potuti dare 37.000 dollari a
26 milioni e mezzo di persone. Il che da quelle parti equivale a una casa, un campo e istruzione per 3 figli per qualche anno. Distribuendoli con un minimo di buon senso si sarebbe potuto rivoluzionare la situazione economica del paese.
Ma questi dissennati non sono disposti a spendere soldi per aiuti, li tirano fuori solo se c’e' da uccidere.

Il forum Kabulpress, sostenuto dalla Harvard Kennedy School, ci informa che in Afghanistan, gli Usa nel 2010 hanno speso cento miliardi di dollari per uccidere 2.000 talebani. 50 milioni di dollari a nemico morto. L'esercito Usa stima che in totale i talebani riescano a mettere in campo 35.000 uomini armati. Ucciderli tutti costerebbe 1.700 miliardi di dollari. Non ci vuole un premio Nobel dell’economia per capire che economicamente gli Usa non possono reggere.
 


Commenti

Gli Usa nel 2010 hanno speso cento miliardi di dollari per uccidere 2.000 talebani, 50 milioni di dollari a nemico morto.Non ci vuole un premio Nobel dell’economia per capire che economicamente un Talebano vale come 25 Federico Aldrovandi.

VP

La guerra in Afghanistan, come tutte le altre del resto, non solo si è dimostrata inutile ed atroce per la popolazione locale, ma assolutamente inopportuna e controproducente anche dal punto di vista militare.
>
Da un articolo di F. Engels del 1857.
Se qualche generale leggesse di più......
Grazie per il tuo lavoro e se ti va visita il mio blog: blog-aut.blogspot.com (mi piacerebbe scambiarci i link)