13 ottobre 2017 - Torino: Omaggio a Dario Fo e Franca Rame

Please Obama, stop a new USA militar base in Italy! No army, food!

STIAMO PER BLOCCARE LA COSTRUZIONE DELLA BASE MILITARE DI VICENZA!!!

<a href="http://www.jacopofo.com/campagna-pressione-politica-obama-presidente-usa... target="_blank" ><img src="http://www.jacopofo.com/files/obama-no-dal-molin.gif" border="0" title="Please Obama, stop a new USA militar base in Italy! No army, food!" alt="Please Obama, stop a new USA militar base in Italy! No army, food!"/></a>

 

Lo so che la demotivazione ti ha catturato e non c’hai piu' voglia di fare un cazzo. Ma quello che ti sto per proporre e' una figata pazzesca: BLOCCHIAMO LA BASE USA DI VICENZA! Servono 100 persone, un thermos di caffe', i computer, un disco dei Pink Floyd e sudore dei polpastrelli.

Avrai ormai capito che se continuiamo a fare manifestazioni contro la Base USA, e a urlare NO Dal Molin! non tiriamo fuori un ragno dal buco. Col cavolo che Berlusconi si commuove e dice agli Usa che l’Italia ha cambiato idea. Siamo d’accordo su questo?
Io credo sia essenziale rendersi conto che l'allargamento della base Nato si blocca solo se riusciamo a fare pressioni INTERNAMENTE AGLI STATI UNITI.
La situazione e' favorevole visto che c’e' Obama.
Si tratta di organizzare un’operazione di pressione internazionale. Tutto si incentra su una lettera appello a Obama. Una lettera che se sara' sottoscritta e diffusa a sufficienza e' in grado di convincerlo a bloccare la costruzione della base del Dal Molin (lui puo' e se e' coerente con le sue idee DEVE!).
(Vedi alla fine di questo testo la lettera a Obama in inglese e in italiano).
La strategia e' semplice e collaudata:

FASE UNO
Apriamo una raccolta di firme alla lettera a Obama (http://www.petizionionline.it/petizione/ohh-mister-obama-io-ti-prego-solo-tu-puoi-aiutarci/48 (italiano), http://www.ipetitions.com/petition/obamahelp/ (english)).
Contemporaneamente raccogliamo pero' anche firme di personaggi del mondo della cultura italiani. 

FASE DUE
Usiamo le firme raccolte in Italia per scatenare una campagna di telefonate a gente dello spettacolo, dello sport, della scienza e della cultura USA.
Contemporaneamente chiediamo a blog in lingua inglese di linkare la pagina dell’appello, traduciamo questa lettera in piu' lingue e cerchiamo adesioni e link internazionali.
In questo modo ci costruiamo una leva capace di porre la questione a Obama.

FASE TRE
Se non risponde, iniziamo a presidiare l’ambasciata di Roma e il Consolato di Milano. No manifestazioni. Una staffetta con un solo manifestante per volta. Oppure un centinaio che fanno un flash mob.

FASE QUATTRO
Sciopero della fame di 10 persone e acquisto di una pagina sul New York Time dove pubblicare la nostra lettera a Obama. Quando muoiono i primi 10 attaccano altri 10. E cosi' via.

FASE CINQUE
La fase cinque non c’e'. O abbiamo vinto con la fase 4 o siamo morti di fame.

COSA SERVE:
Servirebbe un partito che facesse tutto questo. Visto che il partito non c’e', cerchiamo di farlo lo stesso usando i meravigliosi poteri di un’organizzazione a rete autogestita sul web. Non serve molto in realta'. Non e' un azzardo pensare di riuscire a fare in pochi quel che in molti non si riesce a mettere assieme… L’esperienza dei gruppi di acquisto ci ha insegnato che esiste un grande movimento che di fronte a proposte logiche e chiare e' disposto a muoversi. E’ necessario pero' formare una FORZA DI SFONDAMENTO INIZIALE che riesca a bucare il muro della disinformazione. VUOI TU FAR PARTE DI QUESTO MANIPOLO DI EROI E POTER DIRE UN GIORNO: “SE NON CI MUOVEVAMO NOI DEL FOTTUTISSMO GRUPPO DI PRESSIONE SU OBAMA COL CAZZO CHE SI IMPEDIVA LA COSTRUZIONE DI QUELLO SCEMPIO!”?
Ci sono momenti nella vita nei quali abbiamo il privilegio di scegliere se vogliamo o non vogliamo combattere e vincere. Questo e' uno di quelli!!!
(Questo pezzo va letto con sottofondo di rulli di tamburo del Tamburino Sardo del Libro Cuore. In culo a quelli che dicono che ormai non c’e' piu' un cazzo da fare).
E vorrei dire che trovare un gruppo di persone decise e capaci che inneschi un cambio di direzione nella campagna contro il Dal Molin e' essenziale anche perche' di fronte all’altrimenti imminente sconfitta non vedo altro destino che quello triste e perdente della radicalizzazione dello scontro, delle botte con la polizia, dei feriti, della gente massacrata in questura e magari del solito vecchio morto ammazzato, un altro bel ragazzo stroncato nel fiore degli anni solo perche', alla fin fine menare le mani e' scenografico e liberatorio.
E, attenzione, non abbiamo molto tempo. E’ evidente che gia' c’e' chi si sta organizzando per provocare un bel macello telegenico (il sangue e', ahime', sempre piu' telegenico di un lavoro al computer, silenzioso ed efficiente).
Ma per impedire questa deriva distruttiva serve che si costituisca un gruppo minimo di persone che vogliano far partire la campagna. E in particolare, scendendo nel dettaglio dei bisogni essenziali, ecco un elenco sommario e provvisorio dei lavori da fare e delle capacita' necessarie (spero vogliate aggiungere le vostre proposte):

Servono persone che pubblichino link a questa pagina e alle pagine della raccolta firme (http://www.petizionionline.it/petizione/ohh-mister-obama-io-ti-prego-solo-tu-puoi-aiutarci/48 (italiano), http://www.ipetitions.com/petition/obamahelp/ (english)) o che ripubblichino questo appello (o uno analogo) sul loro sito.

Servono traduttori in tutte le lingue del pianeta.
In particolare Cinese, Tedesco, Russo, Arabo, Spagnolo, Francese, Giapponese, Indiano, Indonesiano, Inuit e Bergamasco.
Se conosci bene una lingua realizza la traduzione e pubblicala nei commenti a questo blog (preghiamo Rutelli di astenersi).

Servono persone che contattino possibili firmatari di prestigio in Italia.
Pubblica nei commenti a questo blog la lista delle persone che contatterai, cosi' non facciamo doppioni. Quando ricevi l’adesione, pubblicala sempre nei commenti a questo articolo.
Idem per personaggi stranieri.

Qualcuno con una pronuncia inglese decente potrebbe realizzare un video su YouTube leggendo la lettera a Obama (Rutelli e' ri-pregato di astenersi). Se hai intenzione di farlo, dichiaralo prima in questo spazio cosi' non ne facciamo 25.
Idem per l’audio.

Fra una ventina di giorni dovremmo aver raccolto adesioni sufficienti per iniziare a rompere i coglioni ai giornalisti italiani e stranieri.

Per ora mi sembra sufficiente. Altri aggiornamenti via via che la cosa si muove.
E vedrai che riusciremo a farla muovere.
Venceremos!!!
E se no venceremos insisteremos!
(Tenemos las cabesas duras como las pietras)



LETTERA A OBAMA in italiano

Mister Obama, noi siamo qui in Italia, alla periferia dell’Impero e ti scrivo perche' solo tu puoi aiutarci.
Qui sta succedendo qualche cosa che non va.
Bush, quella strana persona, ha deciso di costruire vicino a Vicenza una immensa base militare. Ce n’era gia' una ma gli sembrava piccolina.
La gente di Vicenza e molti italiani sono scesi in piazza a manifestare. Non abbiamo proprio bisogno di una nuova base militare, un nuovo monumento allo spreco di denaro, alla paura e all’odio.
Non ci servono missili piu' grossi carichi di bombe nucleari.
La tua elezione alla carica di Presidente degli Stati Uniti d’America ha segnato un punto di svolta nella storia di questo pianeta. Ora possiamo immaginare un’epoca di pace, di comprensione, di comunicazione. Un’epoca nella quale non ci si uccida piu' per il petrolio e si prenda l’energia dal sole, dal vento e dagli oceani.
E allora, Presidente, che c’entra con questo sogno una nuova luccicante base militare? Veramente vuoi buttare tutti questi soldi in nuovi bunker sotterranei, rampe di lancio, bombe?
Se qualcuno impazzisse potrebbe gia' adesso lanciare missili a testata nucleare sufficienti a distruggere mille volte questo pianeta. Quale potenza aggiuntiva potrebbe portare questa nuova base militare? Quando l’avrete costruita potrete distruggere il mondo milleuno volte?
Ne vale la pena?
Ne avete proprio bisogno?
Con i soldi che si risparmierebbero rinunciando a questo progetto potreste dare da mangiare e una scuola a un milione di bambini.
Se tu domani mattina facessi questo annuncio al pianeta, la gente direbbe: “Vedi, questo presidente vuole veramente cambiare il mondo.” E questo proteggerebbe l’America molto piu' di cento basi militari.
E poi a cosa servono oggi nuove basi militari?
L’Unione Sovietica non esiste piu' e sta lentamente aprendosi al progresso. La guerra con la Cina per il petrolio non ci sara' perche' tu stai aumentando dieci volte la velocita' della transizione all’economia delle fonti rinnovabili con i grandi investimenti che stai realizzando.
Una base militare nuova non servira' contro i nemici della tua patria che sono terroristi difficili da colpire con una bomba atomica.
Anzi, costruendo questa follia darai forza ai nemici degli Stati Uniti d’America che diranno: “Vedi, gli americani, parlano di pace ma costruiscono la guerra.”
Non conviene a chi ama il sogno di un mondo nuovo, investire denaro e intelligenza nel costruire, ancora, cattedrali del terrore irte di cannoni e filo spinato.
Abbiamo bisogno di segnali d’amore.
Yes we can!
Fermiamo i cani della notte.
Ieri a Vicenza, ancora una volta, questo sogno oscuro di potenza ha causato altri feriti e altro dolore.
Gia' ora questa base militare sta armando le mani di chi conosce solo l’odio.
Tra i manifestanti pacifici si infila gente che vuole la guerra. E invita a nozze chi nelle forze dell’ordine rimpiange l’uso di massa dei manganelli e dei lacrimogeni.
Ti prego Obama, ti prego.
Compi l’impossibile, l’inaspettato.
Un gesto d’amore, un gesto di fiducia, una preghiera per l’anima degli uomini.
Ferma questa follia.
Noi stiamo lottando e gridando, da anni contro questa malvagita' insensata. Ma le nostre proteste vengono calpestate, ignorate.
Viviamo in un pezzo di mondo strano, dove il buon senso, momentaneamente e' svenuto.
Noi abbiamo lottato con tutte le nostre forze, sinceramente, ma stiamo perdendo.
Noi non possiamo fermare questo ingranaggio, siamo uno Stato vassallo, alla periferia dell’Impero.
Si sta eseguendo quel che Bush ha deciso per noi e nessuno qua potra' mai opporsi. Ci sono trattati, accordi, impegni presi dai nostri strani governanti.
Noi non possiamo vincere da soli questa battaglia della civilta' della pace contro quella della guerra.
Tu puoi farlo.
Solo tu puoi farlo.
Se tu agisci noi saremo con te, siamo sempre stati con te.
Insieme possiamo farlo.

Per sottoscrivere la raccolta firme in italiano http://www.petizionionline.it/petizione/ohh-mister-obama-io-ti-prego-solo-tu-puoi-aiutarci/48


LETTER TO OBAMA (English version)

Mr. Obama, we are here in Italy, in the Empire outskirts, and we write to you because only you can help us.

Something weird is happening here.

Bush, that strange person, decided to build near Vicenza an enormous military base. There was another one already, but he thought it was tiny.

People of Vicenza and many other Italians came down to manifest their disagreement. We don't need at all a new military base, a new monument to money waste, to fear and to hate. We don't need greater missiles full of nuclear bombs.

Your election to the chair of President of the United States has marked a turning point in the history of this planet. Now we can imagine an era of peace, undestanding, communication. An era in which not to kill one another for oil and in which to take energy from the sun, the wind and the oceans.

Then, Mr. President, what has to do with this dream a new shimmering military base?

Do you really want to drop all that money into new underground bunkers, launch pads, bombs?

If someone gets mad, he could already launch enough nuclear missiles to destroy this planet a thousand times. What additional power could you get with this new base? When you end to build it, could you destroy the world the 1001'st time?

Is it really worth the effort? Do you really need it?

With the money spared by renouncing to this project, you could give food and education to a million children. If you, tomorrow morning, could announce such a thing to the world, people would say: "You see, this President really wants to change the world!", and this would protect America more than a hundred military bases.

What are new military bases for, however?

Soviet Union does not exist anymore, and its heirs are slowly opening to progress. War with China for oil will not be, since you are speeding by ten the transition to renewable power sources, with the big investments you are making.

A new military base will not be useful against the enemies of your homeland, wich are terrorists, difficult to hit with atom bombs. At the contrary, by building this mad thing, you will enforce the enemies of USA, who will say: "You see, Americans speak about peace, but build war."

It's not fair, for one who loves the dream of a new world, to invest money and skill to build, once again, cathedrals of terror filled with cannons and barbed wire. We need signs of love. Yes we can! Let's stop the night dogs.

Yesterday, in Vicenza, this dark dream of power caused more wounded people, and more pain.

Right now, this military base is arming the hands of the ones who know only hate.

People who wage war is infiltrating peaceful manifestants. And this fact is enforcing those who, into the police forces, hope the return of blackjacks and tear gas bombs.

Please, Mr. Obama, please! Make the impossible, the unexpected. A love gesture, a faith gesture, a prayer for the mankind's soul. Stop this madness.

We are fighting and screaming, from many years, against this senseless evil. But our protests are crushed, or ignored. We live in a strange place of the world, where wit is momentarily vanished.

We are fighting with all our forces, sincerely, but we are losing.

We can not stop this spinning gear, we are a vassal state, in the outskirts of the Empire. It's being executed here and now what Bush decided for us, and no one here could ever resist. There are treaties, agreements, obligations took by our strange rulers.

We alone can not win this battle of the civilization of peace, against the one of war.

You can do it. Only you can do it. If you act, we will be on your side, like always have before, and even more.

Together we can do it.

Sign the petition http://www.ipetitions.com/petition/obamahelp/


Commenti

Troppo lunga e spacciabile per comunista!

Buongiorno Presidente Obama;

Le scrivo questa lettera per informarla di una truffa che si svolge in Italia per rubare soldi agli USA, questa truffa è stata concepita tra i segretari del ex presidente Bush (qui mettere i responsabili dell'accordo) e il nostro Governatore Silvio Berlusconi (qui sei vuoi metti gli italiani responsabili).

E' di costruire una estensione INUTILE alla base Militare (qui indirizzo completo) che non possiede nessun utilità Logistico Militare se non quella di fregare soldi alle casse Americane. Si sospetta inoltre che il giro di soldi poi vada indirettamente ad finire nelle tasche politiche.

Basta informarsi è si scopre che cittadini sia di Liberali che di ogni settore politico anche affine al suo, protesta per questa truffa anche perchè  farebbe scempio di una zona cittadina.

Le chiediamo pertanto di fermare questo spreco di soldi Americani che potrebbero costruire Strade o Ospedali o altro in USA e non arricchire solo pochi Americani e Italiani, mettendo in pericolo la configurazione Militare della NATO e quindi anche USA.

Inoltre se la cosa venisse ripresa da qualche Giornale Americano potrebbe metterla in serio imbarazzo davanti al suo elettorato per colpa dell'amministrazione uscente.

La ringrazio e spero che controlli attentamente la questione. L'avvero che per i forti interessi economici saranno tentati di rigirare la verità.

Cordialmente Vostro

(Lista firme)

Mandiamo anche una lettera a tutti i capi di stato del mondo per chiedergli di fermare in qualsiasi modo la deforestazione dell'Amazzonia?

Jacopo ti andrebbe di scriverla? Grazie

Natura

Caro Jacopo,
anche se meno altisonante della base di Vicenza, un grosso problema di ampliamento aeroporto lo abbiamo anche a Siena, dove una privatizzazione (decretata illegale dal ministero dei Trasporti!!! www.comitatoampugnano.it) ad una compagnia straniera vuole far si che il piccolo scalo di Ampugnano sia ampliato, appena fuori Siena, vicino alla zona di interesse naturalistico della Montagnola Senese, dove Siena prende acqua potabile dalla falda del Luco (!!!!).
Parte di questo scandalo insensato fu reso noto dalla Gabanelli a Report (http://www.report.rai.it/R2_popup_articolofoglia/0,7246,243%5E1078174,00...)
Alcune persone (tra cui Luca Mercalli) hanno danno voce al Comitato contro l'ampliamento ma gli interessi del Monte dei Paschi rischiano di avere il sopravvento anche sulla legalità. Se trovi del tempo...c'è anche questo grosso problema.
In bocca al lupo a tutti e in culo alla...a....a chi vuole gli aeroporti per speculare sul cemento.
(http://www.nicolaulivieri.com/)

Chiedo scusa, sarò dissonante ma non posso fare a meno di chiedere come mai non si voglia l'ampliamento delle struttre logistiche della 173° brigata aviotrasportata: in breve perchè no alla base?
La succitata brigata è una delle forze combattenti statunitensi meglio addestrate del mondo, non sarebbe un onore avere questi guerrieri di stanza in Italia?
Sono loro, non da soli ovviamente, che ci permettono di tenere le luci in casa, girare in auto, ricaricare telefonini e alimentare computer con i quali gestiamo siti come questo. Lo fanno in modo semplice: stabilito che quello che ha sotto il culo un qualsiasi paese ci serve si dichiara il paese nemico e si prende ciò che si vuole.....funziona da sempre così, non c'è un solo anno storico dell'umanità che non sia prova di ciò.
Avrei gradito un messaggio del governo che dicesse " Signori, siccome volete un sacco di belle cose e l'unico modo per darvele, subito e ad un prezzo accettabile, è avere quanto più gas e petrolio possibile dichiariamo guerra a tizio e caio. Non ci fate inventare storie sul terrorismo e la democrazia da esportare, siate coerenti" io un governo così lo voterei subito, ad occhi chiusi.
Inoltre non mi sembra saranno importate armi nucleari a Vicenza, cosa se ne fa la 173° brigata che ha compiti squisitamente tattici e non strategici???
Saluti