Il Buddha degli idraulici (seconda parte, prima versione anno 2013)

Il testo sapienziale ritrovato a Saragozza che siamo entusiasti di presentarvi in prima mondiale assoluta.
Traduzione dal gaelico di Jacopo Fo.
Continua dalla settimana scorsa clicca qui

33
Magia dell’universo: anche le ragazze con i capelli lisci hanno i peletti del pube riccioluti.
Questo è un grande segno divino dell’allegra voglia di vivere che si nasconde in ogni cosa.
La tua passera è rosa e riccioluta.
Ohh quanto è rosa!
Ohh quanto è riccioluta!
Vorrei che tutti potessero vedere la tua passera.
Le guerre finirebbero immediatamente.

34
Conosco persone senza braccia che sono più allegre e gioviali della maggioranza delle commesse di Benetton e di quelle super maggiorate fisiche che fanno le fotomodelle.

35
Non sei solo.
Dovunque vai, almeno dieci milioni di microrganismi, batteri e virus vengono con te. Tu sei una megalopoli.
Quando qualcuno ti fa arrabbiare, parlane con loro.
Vedrai che ti capiranno, ti daranno ragione e faranno il tifo per te.
Poi, quando ti serve di mollare un pugno ben dato chiedi ai tuoi microrganismi di scoreggiare tutti nella stessa direzione.
Vedrai che sventola.

36
Non sei tu a vivere la tua vita, è lei a vivere te.
Prega che si diverta!

37
Non avrai altro business plan al di fuori di te.

38
Tanto più la notte è nera, tanto più l’alba è vicina.
E' vero. Ma non è detto che tu sopravviva fino all’alba. Sicuramente un giorno o l’altro ti sei chiesto se per caso tutto questo universo è stato creato allo scopo precipuo di rompere i coglioni proprio a te.
Non è così.
Se Dio ti odiava, le zanzare le faceva alte due metri e dotate di lanciafiamme.

39
Avrai tutto il tempo per riposarti quando sarai morto.

40
Una volta scoperte le idee stupide ti vengono a noia e le lasci cadere.  
Cerca di non fartele cadere sui piedi.

41
Ma tu guarda che bel bagno caldo mi sono vissuto! E’ stata un’esperienza sublime, a un certo punto ho sentito il mio corpo espandersi, ho sentito che superavo i limiti del mio fisico e forse levitavo. Ed è stato in quel momento che dal mio orifizio inferiore sono esplose fuori bolle di gas infiammabile che producevano un suono come di terremoto subacqueo. E ho veramente sentito di appartenere all’Universo.

42
Diventa orticoltore della tua anima.

43
ATTENZIONE
La morte dell’anima
Ti contamina.

44
Nessuno sa esattamente come fecero gli uccelli a imparare a volare.
Erano delle lucertole e hanno iniziato a buttarsi giù dagli alberi. Dopo circa 100 milioni di anni sono spuntate loro le ali.
E anche il mal di testa.

45
Essere pacifisti è meglio.
Devi essere pronto a qualunque cosa pur di evitare la violenza.
Inginocchiarti, chiedere scusa, patteggiare, rinunciare.
Ma se proprio vedi che non è possibile evitare lo scontro allora ti consiglio di difenderti usando un televisore.
E se lo butti in testa al tuo nemico dal decimo piano è molto meglio.

46
Non credere a tutto quello che ti raccontano i giornali.
La stampa mente, la tv mente, la radio mente.
E anche la tua mamma non ti ha detto la verità su Babbo Natale.

47
Chi ha detto che chi dorme non piglia pesci?
Dormire è essenziale.
Dormire riformatta la mente, potenzia la creatività, esalta il sex appeal.
Le idee migliori vengono a chi dorme abbastanza.
Quando dormi non inquini.
Nessuno ha mai fatto gravi danni dormendo.

48
“La vita fa schifo” disse la donna delle pulizie alle quattro di notte guardando il cesso della birreria “Il vecchio pirata” di Edimburgo.
Non aveva tutti i torti.

Vuoi picchiare un lottatore di Sumo?
Va bene ma non precipitare le cose.
Il primo passo per realizzare il tuo sogno è trovare un lottatore di Sumo masochista.

49
Se fossimo nati per soffrire le donne invece delle tette avrebbero due rubinetti.

50
In Africa esistono aree poverissime, ancora influenzate dalla tradizione matriarcale, nelle quali si paga per avere il diritto di curare i malati.
Assurdo?
L’unico metodo per lenire la nostra paura della morte è vedere una persona di valore che sa di dover morire e ti dice che comunque ha avuto senso vivere. E poi muore.
Non serve a niente se questa cosa te la dice un filosofo, un guru o un prete. Te la deve dire uno che subito dopo muore veramente.
Sennò sono solo chiacchiere.

51
Per farmi accettare le tue scuse dovresti convincermi che non sei venuto all’appuntamento perché eri morto.
Non mi basta che tu fossi svenuto, ferito, contuso.
Dovevi essere morto, clinicamente morto.
Possibilmente con la testa staccata dal collo.
Allora potrei diventare comprensivo.
(Le scuse sono la leva del Diavolo).

52
La vita non ha senso.
Questo è il problema.
Il senso glielo devi dare tu.
Non è facile.
Devi far finta di essere Dio e chiederti se avresti preferito non creare niente e restare solo al mondo per altri 20mila miliardi di anni.
Dopo così tanto tempo, forse, anche il rischio di mettere al mondo Adolf Hitler ti potrebbe sembrare un’alternativa plausibile.

53
Il mondo non è perfetto. Anzi per dirla tutta ogni tanto fa un po’ schifo.
Ma Dio non ne ha colpa.
Avrebbe voluto creare un mondo migliore ma non aveva i mezzi.
Dio non è onnipotente.
E solo più abile della media dei commercialisti.
Esistono altri Dei che creano mondi perfetti dove la donna meno bella è Marilyn Monroe e il tuo sistema immunitario usa il tritolo contro i virus.
Quando fanno le feste tra Dei tutti prendono per il culo il nostro Dio perché da noi le ragazze rischiano la cellulite.
E lui ci resta male.
Dobbiamo assolutamente darci da fare per migliorare questo universo.
Conviene a tutti.

54
Mai uno che dica che vuol fare la guerra per trombasi la moglie di un generale.
Trovano sempre giustificazioni più decenti.

55
Si sono estinti perfino i dinosauri.
Figuriamoci Berlusconi.

56
Ci sono animali migliori di noi.
Ad esempio gli orsi bianchi sono bellissimi.
Però noi abbiamo i fucili.
Che è meglio.

57
C’è sempre una causa
Per centinaia di milioni di anni gli esseri umani sono stati una specie di giocattolo per il regno animale.
Non avevamo artigli, zanne, unghie retrattili, code a martello, pungiglioni, denti avvelenati.
Non volavamo, non eravamo capaci di andare sott’acqua, non correvamo veloci.
Quando gli altri animali non sapevano checcazzo fare dicevano: “Andiamo a fare male agli esseri umani che sono così deboli e brutti!”
E tigri, leoni, serpenti, orsi, lupi, rinoceronti, elefanti, zecche, cimici, pulci, zanzare, scorpioni, risolvevano così i pomeriggi noiosi.
Merda!
Ci siamo rintanati nelle grotte, abbiamo usato il fuoco per sbarrare l’entrata, abbiamo imparato a costruire asce di pietra, aghi, pentole, muri, trapani, mulini a vento, frullatori col turbo. E quando abbiamo avuto bazooka abbastanza potenti siamo usciti fuori e abbiamo sterminato tutti quegli animali stronzi.
E abbiamo trasformato questo pianeta di cacca in un bel drive-in con asfalto a perdita d’occhio.
Ora i nostri bambini possono giocare in pace.

58
C’è sempre una causa (2)
Quando le tribù africane diventavano troppo numerose qualcuno doveva andarsi a cercare nuove terre.
Quelli più forti e belli scacciavano quelli bruttini con le loro fidanzate rachitiche.
Così di valle in valle i neri più sfigati sono arrivati in Europa, un gelo pazzesco e neanche una pelliccia per scaldarsi il culo.
Una situazione talmente pessima che sono diventati bianchi dal freddo.
Poi i bianchi si sono incazzati e hanno inventato la stufetta elettrica, hanno bruciato tutto il petrolio del mondo, hanno costruito grosse navi e grossi cannoni e sono tornati in Africa a picchiare quelli che li avevano cacciati migliaia di anni prima.
E adesso le ragazze nere più belle fanno sesso con uomini bianchi, ingobbiti.
Il pisello è piccolo ma il televisore è grande.

59
La mente mente continuamente.
Per questo sembri un deficiente.

60
I soldi sono la cosa più veloce che ci sia.
Non fai tempo a depositare mille euro in banca che i tuoi mille euro sono diventati reggiseni, frullatori, auto da corsa, feste mondane, incontri clandestini con ragazze con seni che contraddicono qualunque legge gravitazionale, spari nella notte, lettere d’amore, costolette di maiale, banane, giornali. I tuoi mille euro sono stati moltiplicati, divisi, persi, ritrovati, rubati, sudati.
E quando torni in banca e chiedi di riaverli indietro, i tuoi mille euro te li ridanno tutti stropicciati che non valgono più come prima.

61
Ci sono due modi per svegliarsi
Ci sono persone che per riuscire ad alzarsi la mattina si minacciano: “Alzati che sennò ti licenziano! Sei pieno di mutui! Finirai sotto i ponti! Sei la pecora nera della famiglia!”
Così scendono dal letto e iniziano la loro giornata in salita.
Puoi risolvere questa questione alla svelta.
Basta che quando la tua voce interiore stronza ti minaccia tu le risponda: “Voce, sei una testa di cazzo! Lo sai che esistono altre voci, migliori di te che invece di minacciare incoraggiano?”
E la tua voce interiore cambia.
E magari riesci a vivere decentemente.

62
Ci sono due modi di ricordare
Ci sono persone che ricordano i bei ricordi rivedendoli in prima persona, dai propri occhi, come quando li hanno vissuti.
Altre persone ricordano i loro ricordi migliori in terza persona, come se vedessero la scena seduti a teatro.
In questo modo perdono parte del ricordo e delle sensazioni piacevoli.
E si convincono che la vita è una merda.
Invece è solo amnesia.

63
Tu sei onnipotente!
Guarda un sasso. Digli: “Non muoverti”.
Vedrai che ti ubbidisce.
Ordinare ai sassi di mettersi a volare è stupido.
Perché dovrebbe farlo?
I sassi adorano stare fermi e ascoltare il vento che gli solletica le molecole.

64
Nuvole, come donne distese nel cielo.
C’è tanta di quella poesia in ogni battito di farfalla che anche una merda di vacca a volte riesce a commuovermi.