Infuria la polemica sull'auto ad acqua

Su http://www.jacopofo.com/auto-acqua#comment-9100 infuria la polemica: l'auto ad acqua presentata in Giappone funziona?
E' solo una truffa?
Ci hanno fatto il culo a strisce perché in realtà abbiamo pubblicato la notizia ma non sappiamo dire come funziona questa auto.
Il problema è che non abbiamo una formazione scientifica per capire fino in fondo il discorso. E comunque la polemica per ora è sulle teorie perché nessuno dei due partiti sa come dovrebbe funzionare esattamente quest'auto.
Allora c'è qualcuno che ci può aiutare innanzi tutto spiegando (in italiano) come dovrebbe funzionare quest'auto secondo i suoi costruttori?
Una volta che scopriremo come essi sostengono che funzioni potremmo discutere con maggiori elementi sulla questione e arrivare a capirci qualche cosa anche noi.


Commenti

meglio del segway ;)

ma anche io mica sono un fisico!

Uno dei principi della termodinamica dice che l'energia non si crea e non si distrugge ma si trasforma. Qualsiasi macchina consuma una qualche forma di energia (benzina, energia elettrica, energia chimica come le batterie) e produce lavoro cioè compie delle azioni. Azione tipica di una automobile è quella di muovere 80 Kg di carne e 800 di ferraglia. Producendo lavoro c'è SEMPRE uno spreco di energia che è quel calorino che esce dal cofano e che è perso. In pratica se tu ci metti 100 euro di benzina sappi che 40 (o forse più?) se ne vanno in calore che a te da solo fastidio e non ti sposta di un centimetro!

Altra cosa imp è l'entropia: i fisici rideranno ma potrei descriverla come la tendenza alla confusione dell'energia. Tradotto l'energia tende sempre a passare da forme pregiate (elettrica, idrogeno per esempio) a forme meno pregiate (calore, freddo nel caso di evaporazione dell'idrogeno ecc). Praticamente si fa una gran fatica a trasformare l'energia potenziale dell'acqua delle dighe in energia elettrica proprio perchè è contro natura: nostro signore ha pensato bene di far tendere tutto al casino e quindi passare da livelli ad alta entropia (cioè diciamo energia diffusa come quella potenziale delle acque dei fiumi) a livelli a bassa entropia (quindi a energia pregiata, concentrata come quella elettrica o l'idrogeno) è sempre difficoltoso. Peggio ancora conservarla. Non a caso la corrente elettrica viene prodotto mentre la si consuma perchè non si può accumulare facilmente. Per accumularla si sono inventate le batterie che non "producono" energia ma trasformano l'energia chimica che gli è stata faticosamente messa dentro in energia elettrica.

In ogni caso ognuna di queste trasformazioni (energia potenziale dell'acqua in energia elettrica, petrolio che brucia in energia elettrica, acqua + energia da dovunque la prenda in idrogeno evvia evvia) porta sempre ad un risultato negativo: insomma ci rimetti sempre e per forza una parte del'energia. Per questo l'idrogeno non è una "fonte" di energia (tantomeno rinnovabile) ma al più un buon sistema per trasportarla. Usi acqua e tanta tanta eneriga e ricavi idrogeno e ossigeno: l'idrogeno ti restituirà (PER FORZA ... lo dicono i principi della termodinamica non Bush!) solo una parte dell'energia che hai consumato per separarlo dall'ossigeno.

Capisci quindi che non può esistere una macchina che funziona senza immettere una qualche forma di energia. Se ipoteticamente fosse possibile farla andare ad acqua con membrane miracolose NECESSARIAMENTE per fare quelle membrane ci è voluta più energia di quanta nel loro ciclo vitale possano restituirne!

Quindi il bilancio energetico non potrebbe che essere comunque e sempre negativo!

Se fosse vero che la macchina ad acqua funzionasse avrebbero di fatto scoperto il moto perpetuo cosa di cui siamo a caccia da centinaia di anni ma che è contro tutti i principi della termodinamica.

Rubbia ti chiedo umilmente perdono per tutte queste bestemmie termodinamiche!!!

da futuro matematico ovviamente condivido ;-)

 

Ok per le argomentazioni generali: in effetti l'entropia non è così facile da definire in termini positivi quanto lo è in termini opposti con la diminuzione di capacità di un sistema di generare lavoro. A tale proposito occorre tuttavia precisare che l'entropia si manifesta come avvicinamento alla media delle condizioni del sistema: se ad esempio scaldassi o freddassi un oggetto a condizioni diverse da quella ambienti, il sistema acquisirebbe la capacità di produrre lavoro e quindi l'entropia sarebbe ridotta - ovviamente nel singolo sistema in quanto 'altrove' ne devi aver necessariamente creata per freddare o scaldare l'oggetto stesso per, questa volta, il primo principio di termodinamica.

Poi giova citare il famose demone di Maxwell, che non mi sembra sia stato ancora evocato in questa conversazione, ed al quale potrebbe paragonarsi questa membrana miracolosa. Ebbene questo diavoletto ha la capacità di smistare le molecole tra due recipienti interconnessi in modo da mettere da una parte le molecole più veloci e dall'altra quelle più lente. Da notare che questo diavoletto per far ciò non dovrebbe fare lavoro, perchè anche le molecole più lente prima o dopo passano da tutte le parti e si tratterebbe solo di non farle tornare indietro, ed in seguito alla sua azione produrrebbe una gradiente termico in grado di produrre lavoro. Resta solo da dire che questo diavoletto, in forma meccanica o spirituale, non è stato mai fatto emergere e quindi il premio Nobel per il superamento del secondo principio di termodinamica aspetta ancora di essere assegnato.

Fabrizio Bartolomucci Roma

Bravo francuzz !

Dimentichi che anche le pile servono ad trasportare energia ... Serve energia per farle o riciclarle e questa energia (chimica) la scaricano in elettricità.

Dalle poche informazioni sembra che l'auto in questione funzioni con una PILA, il fatto di cambiare l'acqua è solo semplice manutenzione.

Volete una bella pila ? Prendete un foglio di zinco, arrotolatelo e mettetelo dentro un contenitore (attorno alla superfice interna)  collegatelo esternamente con un filo elettrico, riepite d'acqua il contenitore e poi calate al centro un filo grosso o un asta di rame e collegatelo esternamente con un filo elettrico, chiudete ermeticamente il contenitore(non si tocchino rame e zinco !), aspettate un pò ..... Ecco la pila ! Ma la pila non va ad acqua ma zinco ! L'acqua serve solo per ossidare lo zinco e sviluppare la chimica per dare elettricità. Ogni tanto bisogna mettere acqua meglo se base acida.

NON SIETE ESPERTI ? Guardate che anche "ACCELERATORE IONICO decalcificante" è una mezza bufala !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Sapere è Potere !