immigrati

Migranti: uccidono più le lattine di pomodoro che le bombe!

Migranti: uccidono più le lattine di pomodoro che le bombe!

Lacrime di coccodrillo a pioggia dopo i 700 annegati.

Forse adesso l’aviazione italiana bombarderà tutti i barconi fatiscenti ancorati nei porti libici. Speriamo che lo facciano senza i migranti dentro.
Ma comunque sarà un’azione inconcludente.
Perché le ragioni di questo massacro sono altrove.
Ad esempio nei campi profughi spesso in mano alla criminalità, dove si accalcano secondo alcuni 3 milioni di persone.
Cosa deve fare questa gente se non cercare di fuggire?
Cosa si sta facendo? Tanto poco.
Soccorrere i profughi non è solo un’azione umanitaria, è lo strumento più potente per combattere il terrorismo.
Lo dice il Papa, lo dice il Presidente della Repubblica: solo vincendo la lotta contro la miseria e la disperazione si può vincere il terrorismo.
Si calcola che riducendo del 50% le spese militari delle nazioni ricche potremmo cancellare fame e analfabetismo.
Utopico. E non basterebbe in realtà. Dovremmo anche smettere di sostenere golpisti e governi corrotti.
Utopico.
E poi bisognerebbe anche smetterla di distruggere le economie dei paesi poveri con la concorrenza sleale.

CONTINUA A LEGGERE SUL BLOG DEL FATTO QUOTIDIANO


Silvio Berlusconi

Per ringraziare il governo di avergli concesso il permesso di soggiorno, un immigrato ghanese di Modena ha deciso di chiamare il figlio di 5 anni, appena arrivato in Italia, Silvio-Berlusconi.
Il piccolo tifa gia' Milan, ascolta con attenzione tutti gli interventi politici del premier e costruisce imperi mediatici coi Lego.
(Fonte: Corriere.it)
fonte immagine