Come Lu Shung!

Erminio Casoretto era un uomo piccolo e sostanzialmente gracile, anche se sapeva essere agile.
Un giorno arrivo' nella Terra dei clan della gente che veniva da molto lontano. Urlarono: “Fuggite, dietro di noi cavalcano le orde dell’Orrore!”
Ma nessuno diede loro retta perche' era gente fin troppo ottimista. Qualcuno disse: “Ci sono popoli che sono molto ansiosi, perche' non mangiano abbastanza peperoncino rosso e carciofi e non fanno abbastanza sesso, vedono pericoli ovunque.”
E quando poi osservarono un’immensa armata che si avvicinava con le bandiere nere e i simboli della morte dipinti sulla faccia, aprirono loro le porte delle citta' e offrirono agli invasori cibo e vino.
Ma dopo poco capirono che quello era un immenso esercito di vampiri che oltre a essere sadici erano anche stronzi. Se non piaceva la forma del tuo naso ti uccidevano. Se non eseguivi gli ordini alla svelta ti uccidevano.
All’inizio Erminio Casoretto e la sua gente provarono a trattare col nemico. Il piu' vecchio del Clan del Coguaro disse: “Magari non sono veramente cattivi del tutto. Magari hanno solo sofferto da piccoli. Proviamo a mandargli delle belle ragazze che facciano loro compagnia, cosi' magari si ammorbidiscono”. Si riunirono i delegati di tutti i clan, compreso il Clan della Puzzola, della Lince Bianca e del Millepiedi. E tutti convennero di mandare delle donne a insegnar loro un po’ di buone maniere.
E cosi' fecero, ma quei satanassi saltavano addosso alle femmine senza alcuna grazia, facevano quel che volevano e poi non si preoccupavano neppure che la donna prendesse il suo piacere.
Allora Natascia Bellagamba disse all’assemblea del Clan del Toro: “Col cazzo che torniamo a far l’amore con quelle bestie senza sentimento!” E visto che nessuno osava discutere il parere delle donne e visto che non si poteva sopportare oltre il tallone rovente di quelle iene impazzite, si decise, a malincuore, la guerra.
Alcune sciamane del Clan della Cagna Nera e del Clan dell’Upupa Albina unirono le loro conoscenze e prepararono una quantita' incredibile di veleno adatto per essere inalato, mangiato, bevuto, toccato. E centinaia di ragazze e giovani intrepidi furono addestrati a maneggiare quelle sostanze pericolose. Poi, in una sola notte, fu sterminato l’esercito che aveva occupato la terra di Erminio Casoretto.
Dopo ci furono 22 giorni di festeggiamenti e non ci fu nessuno, in nessuno dei clan, che fece l’amore meno di 22 due volte.
Passarono gli anni e, stranamente, la gente dei clan lascio' che alcuni furbastri prendessero molto potere. Era gente mite, che tendeva a fidarsi. Cosi' si fecero convincere ad eleggere un capo di tutti i clan e quello nomino' ministri e sottosegretari, consulenti, uscieri, generali, giudici, impiegati del catasto, commissari e carcerieri. E in men che non si dica il popolo dei clan si trovo' schiavo di una burocrazia ladrona e stupida.
Allora Erminio Casoretto convoco' l’Antico Consiglio dei Clan. Ma non venne quasi nessuno perche' stavano tutti nel grande anfiteatro a vedere la Grande Coscia Lunga, Lulu' La Fajette, la donna piu' bella di tutti i continenti, che si infilava una spada in gola. E molti trovavano questo estremamente eccitante. Allora Erminio, che aveva una bella voce, disse: “Ma porca zozza perche' cazzo non e' venuto nessuno?”
E un vecchio molto saggio, che si chiamava Ukulele Jam, ed era il miglior fabbricatore di tagliabrodo a molla, spiego': “Ormai non c’e' piu' gente con le palle!” E quei pochi che erano la' fecero la faccia depressa.
Allora Erminio disse: “Sapevate che Lu Shun era mio cugino per via che mia nonna aveva avuto una relazione con un cinese di Hong Kong che vendeva cravatte a Porta Susa?”
“E chiccazzo e' questo Lu?” chiese Danila, che era stata una volta a letto con Erminio ma non le era piaciuto.
“Dovete sapere…” comincio' Erminio “ che Lu Shung era un contadino che viveva in una casa dentro una valle dove non si vedeva il sole al tramonto. Allora Lu Shung un giorno disse ai suoi 3 figli: “Figlioli, siamo scappati qui per fuggire agli eserciti del male. Ed e' un bel posto questo. Ma sarebbe piu' bello se potessimo vedere il sole che tramonta perche' e' una visione che apre il cuore e fa bene allo stomaco. Quindi non ci resta che armarci di Santa Pazienza e di picconi. Iniziamo subito a spianare quella montagna di fronte, che ci impedisce la vista del tramonto, cosi' finiremo prima.” Iniziarono a scavare quel giorno. E ogni giorno, appena potevano, andavano a scavare. Ed ebbero fortuna perche' ci furono due terremoti e 7 alluvioni e un tornado che alleggerirono un po’ il lavoro. E i figli diventarono grandi ed ebbero dei figli, e anche loro continuarono a scavare. Poi i figli dei figli ebbero dei figli e anche quelli scavarono.
E un giorno, che Lu Shung era molto vecchio, proprio verso sera, mentre stava seduto sul solito tronco, un raggio del sole al tramonto lo tocco' proprio sul viso. E lui disse: “Merda di vacca! Ci siamo riusciti!” Fece una grande scoreggia e mori' contento.
Si discusse poi se la scoreggia fosse stata accidentale o espressamente indirizzata a chi per tutti quei decenni aveva continuato a dire che lui era un pazzo perche' nessuno puo' spostare le montagne.”
Cosi' racconto' Erminio e uno di Lodi, Marco Bussonaghi, si alzo' e parlo': “Bravo! Hai detto proprio una bella storia. E ora che ti sei ripulito la gola con le parole vai a dormire contento che tanto non ti da' retta nessuno perche' non c’hai le cosce lunghe neanche la meta' della Vanessa Valiani (che era la seconda donna con le cosce piu' lunghe del mondo).”
Ma Erminio era veramente cugino di Lu Shung. E dopo 40 anni che ripeteva che al governo erano tutti ladri ci fu un gran casino e in effetti la polizia mise tutti i governanti in galera.
E il popolo dei clan torno' padrone del suo destino.
E fecero una gran festa che duro' 24 giorni e non ci fu nessuno che fece l’amore meno di 24 volte.
Passo' qualche anno e arrivo' un tizio che aveva fatto fortuna vendendo auto usate e poi si era messo a produrre grandi spettacoli con donne nude che venivano rappresentati nei migliori anfiteatri del paese. E quello un giorno disse: “Visto che sono cosi' bravo a farvi divertire perche' non mi date le redini della nazione che vi faccio vincere i mondiali del calcio alla palla che rimbalza?”
E tutti dissero: “ Dai! Dai! Che ci divertiamo!” E vinsero i mondiali. Poi quel tale, che si chiamava Giovanni Vasellina fece loro un culo cosi', ma quasi non se ne accorsero perche' aveva mostrato delle ragazze che avevano delle tette che non potevi capire come stessero su. E qualcuno mormoro' che Vasellina fosse un grande stregone che utilizzasse sortilegi di levitazione.
Allora Erminio disse: ”Dovremo spostare anche questa montagna. E lo faremo perche' siamo parenti di Lu Shung! Porca di una scagazzata d’asino! Iniziamo subito, cosi' finiamo prima.”
Quindi, caro te, piantala di lamentarti. Prendi la pala e scava. Fai tante storie ma poi sai che lo farai. Perche' pure tu, lo sai, sei parente a Lu Shung.
O vorresti dirmi che la tua prozia non ha fatto sesso con il cugino del Melegatti che poi sarebbe il padre di Ermenegildo?
Il sangue non e' acqua.
Cominciamo subito che finiamo prima.


Commenti

Dove sono le pale ne serve una anche a me