Saper fare lo sguardo cattivo non e' indispensabile pero' aiuta.

Il diario di Boemio Lanzacurte

la società dei desideriHo conosciuto il Direttore di un grande quotidiano nazionale che finisce con la A.
Eravamo tutti e due nudi in un locale di Amsterdam dove entri, ti fai una doccia e poi ti metti al bar a bere birra. Ci sono delle ragazze che fingono di essere li' per caso nude e ti palpano. Se non ti opponi ti fanno altre cose. Se ti da' fastidio raggiungere l'orgasmo davanti al barista che mesce la birra c'e' una sala con un letto a 8 piazze dove puoi rotolarti con le ragazze. Se vai nelle ore di punta ci sono anche dei guardoni ma applaudono raramente. Al Direttore del quotidiano non gli reagiva la bestia, allora gli ho detto che fa un giornale di merda, servo della pubblicita' delle case farmaceutiche e per 30 anni non ha ascoltato quando gli dicevamo che il mondo era sull'orlo del collasso della ionosfera. Le case farmaceutiche l'avevano capito ma preferivano arrivare maggiormente sull'orlo del collasso perche' quando non c'e' piu' l'inverno si vendono piu' antidepressivi. Lui si e' sentito in colpa e gli e' venuto duro. Una ragazza con seni enormi ne ha approfittato subito.
Da quella sera quando e' in compagnia di qualche giornalista alle prime armi disposta a tutto per fare carriera, mi telefona e mi chiede se ho visto il suo quotidiano in edicola. Io gli dico che l'ho visto e che e' un bastardo perche' non ha messo in prima pagina che ad Acerra e a Taranto c'e' la diossina. Cosi' la bestia gli reagisce. Poi inizia a montare la giovane giornalista senza interrompere la comunicazione cosi' io posso ascoltare.
E' un esibizionista come tutti quelli che falsificano le informazioni perche' vivono grazie ai proventi di chi specula sulla salute umana.
E, sinceramente, io non sto li' a sentire fino a che ha finito e metto giu' perche' ad ascoltare un servo dei padroni che ansima mi annoio.

Ho raccontato tutto al mio psicanalista.
Lui mi ha chiesto se poteva telefonarmi quando era con la sua amante.

Io non so cosa ci trovino le donne in un noto politico che finisce con la I.
O meglio lo so, era solo una domanda retorica.
Ma io sono convinto che non lo facciano solo per i soldi o una parte da amante del grande pittore in uno sceneggiato televisivo. Un giorno che mi sono trovato col grande politico che finisce con la I in una villa sul Lago di Garda gli ho detto: vorrei misurare il livello della libido di un'aspirante attrice mentre tu le tocchi il seno con le tue dita senza impronte digitali (se le e' fatte bruciare con la criogenesi).
Lui ha detto: "Forte, ma cosa ci guadagni?"
Gli ho risposto: "Pura indagine scientifica. Mi eccita avere la certezza che le donne godono mentalmente in un accoppiamento con un alto servitore dello stato pieno di soldi." Siccome io sono della CGIL e lui lo sa, che se ci incazziamo son dolori, ha accettato. Cosi' la volta successiva che provava le ragazze per un nuovo programma su Rai 3 ha fatto indossare a tutte un casco giapponese pieno di sensori.
Io ricevevo i dati via sms. In effetti ho verificato che quando un uomo di potere mette entrambe le mani sotto la gonna di un'aspirante show girl lei non reagisce a livello sessuale ma ha un'eccitazione dell'ippotalamo carismatico.
Pero' a lui, per non dargli soddisfazione, ho detto che avevano l'encefalogramma piatto. Ognuno fa la lotta di classe come puo'.
Il giorno dopo sono venute fuori le foto di Sircana.
Come vendetta trasversale fa pena perche' io Sircana neanche lo conosco.

Forse ti starai chiedendo cosa ci facessi io nella villa sul Garda col grande politico che finisce con la I.
E' per via di Tatiana. La responsabile russa dell'ufficio per la realizzazione del piano quinquennale 1936-41. Anche da loro ci sono problemi di rendicontazione.
Tatiana l'avevo conosciuta a un party di Dolce e Gabbana nel quale tutti inneggiavano al nazismo con le paillettes. Dicevano che il comunismo e' pre't a porter e ridevano.
Ero indeciso se tirarlo fuori e fargli paura o spezzare le dita a qualche PR per riportare l'ordine.
Poi ho stritolato la mano a Zecchi che voleva cantare una melodia in greco antico e mi sono preso il microfono.
Ho raccontato la storia di un giovane gay di nome Asdrubale che era stato abbandonato sulla superstrada da un camionista senza cuore di Cosenza. Poi un tir della protezione civile lo ha travolto perche' vagava nel centro della carreggiata con gli occhi pieni di lacrime. Durante l'autopsia si sono accorti che aveva l'Aids ma era troppo tardi per fare qualche cosa.
Con questa storia ho rovinato la loro serata.

Tatiana che era presente per via che sua cugina e' la badante di Gabbana, si e' eccitata moltissimo  e mi ha detto che rinunciava a essere lesbica pur di stare con me.
Io l'ho rifiutata e lei si e' innamorata.
Cosi' mi invita alle feste importanti.

Jacopo Fo

Per leggere le puntate precedenti clicca qui