Pene d'amore, divorzio, depressione, tradimenti, tutto nasce dai piccoli incubi quotidiani.

Calzini sul como'
(Il segreto dell'amore)
di Jacopo Fo

Appunti per il mio nuovo spettacolo.

L'amore e' la cosa piu' bella della vita.
Ma visto che l'amore non funziona molto bene, la gente preferisce dedicarsi alla guerra e ai soldi.
Quindi stasera non vi parlero' di politica, di ingiustizie, di inquinamento e poverta'.
Vi parlero' invece di maschi e femmine e del perche' non ci capiamo.
Siamo diversi.
Questa e' una banalita'.
Quel che raramente si capisce e' che non siamo solo diversi. Siamo completamente diversi. Parliamo addirittura due lingue differenti.
Tutto comincia quando si e' neonati.
I piccoli ci mettono un po' ad articolare le prime parole.
Per imparare fanno ma-ma-ma-ma.
Le donne ne hanno subito approfittato: ha detto MAMMA! Ha detto MAMMA!!
No, non ha detto mamma, sta solo facendo delle prove tecniche di trasmissione ma-ma-ma-ma!
Lei ti guarda con aria di sufficienza e ti chiede: "Sei geloso?"
No, non sono geloso, e' solo una questione di essere precisi. Di dire come stanno le cose.
I bambini si esercitano a parlare prima facendo mma-ma. Non a caso dicono mamma anche i bambini cinesi. Solo successivamente i piccoli provano la P sputacchiando dappertutto.
Voi donne vi siete prese la prima parola, a noi ci avete messo in serie B, anzi in serie P: papa'-pipi'-pupu'.
E questo fatto sta all'origine di tutti i disastri del mondo. Le bambine, ancora neonate associano il maschio alla pupu' e alla pipi'. Per forza poi si convincono cosi' facilmente che siamo tutti stronzi.
D'altro canto noi maschi subiamo un colpo micidiale alla nostra autostima quando scopriamo che giocheremo nella stessa categoria del papa' e della pipi'!
Tutto comincia con il piede sbagliato.
E va avanti cosi'. A dodici anni le tue amichette esplodono: nel giro di sei mesi gli spuntano tette e culi dappertutto. Uno shock! Tu sei ancora un bambino e loro ti guardano con aria di commiserazione e ti dicono: "Giochi ancora con i soldatini?"
E cosa devo fare? Misurarmi con una donna, una mutante come te?
Poi, finalmente inizia anche per noi lo sviluppo. Per un anno abbiamo la voce piu' merdona che si possa immaginare.

Non c'e' da stupirsi che i maschi abbiano preso il potere sulle donne.
E' stata una reazione al panico totale che la donna ci provoca.

Ma il problema e' aggravato dal fatto che la femmina non capisce il maschio e viceversa.
Usiamo le stesse parole per dire cose diverse.
E' fondamentale capire come succeda.
Il maschio e la femmina hanno una missione genetica diversa e percio' la loro mente funziona in modo differente. E anche il loro corpo.
Ad esempio, una recente indagine ha dimostrato che uomini e donne bruciano una quantita' diversa di calorie eseguendo le stesse azioni: nel tempo che una femmina impiega a consumare 6 calorie masticando un chewing-gum una maschio ne brucia 11.
Perche'?
Dipende dalla struttura del pensiero femminile. Le donne masticano con un'intenzione diversa!
La donna concepisce solo azioni infinite: una mamma non smette mai di essere mamma. La cura dei figli e' nella sua mente sempre! Non c'e' un attimo di sosta.
Il compito biologico del maschio invece e' fatto da azioni che richiedono uno sforzo totale per un tempo breve, finito: difendere il branco dalle belve, fecondare, trovare cibo. Truck truck ed e' tutto finito.
L'uomo vive a puntate, per flash.
La vita della donna e' un unico grande fiume.
E cosi' quando la donna mastica la gomma americana, la mastica come se dovesse masticarla in eterno, se la prende con calma. La donna mastica muovendo solo le mandibole.
Invece il maschio quando mastica il chewing-gum lo mastica con tutte le sue forze, con tutto il suo corpo. L'uomo combatte con il chewing-gum, non vuole solo masticarlo, vuole maciullarlo, distruggerlo, annientarlo. E vuole farlo il piu' presto possibile. E' una questione di vita o di morte. Quando mastica ce la mette tutta, impegna nel movimento perfino il mignolino del piede.
E' chiaro che fa piu' fatica.

Questa situazione e' per noi maschi fonte di continue umiliazioni.
Ad esempio c'e' il dramma dei calzini. Sapete di cosa parlo...
Tu sei li' che ti stai vestendo e non trovi i calzini. E chiedi gentilmente: Amore, sapresti dove sono i miei calzini? E lei con la voce dalla quale gia' traspira il compatimento ti risponde: "Tesoro, sono sul como'".
Tu guardi sul como' e non c'e' proprio un cazzo. Guardi bene, centimetro per centimetro perche' ormai sai come vanno le cose. Quando sei proprio sicuro che non vi sia neanche l'ombra di un calzino glielo dici gentilmente: "Amore, non vedo nessun calzino su questo como'."
Allora lei sbuffa, viene in camera dicendo: "Non trovi mai niente..."
(Vero che dice proprio cosi'?) E poi esclama:"Guarda tesoro, i tuoi calzini, sono proprio qui, sulla spalliera della sedia a 18 centimetri dal como'!!!"
"Eccheccazzo!!! 18 centimetri! Mi hai dato un'indicazione sbagliata di 18 centimetri! Come facevo a vederli!"
E a questo punto lei da' giu' di testa e ti copre di insulti.
Ma queste delle donne sono pretese assurde! Sembra che facciano apposta a darti indicazioni imprecise per poi umiliarti.
Far cosi' vuol dire non comprendere le basi genetiche del maschio, i fondamenti della sopravvivenza della specie umana.
Si', perche', care signore, voi dovreste ringraziare il maschio che non trova i calzini sul como'! Solo grazie a questo straordinario meccanismo voi siete qui e siete vive.
L'Umanita' non si e' estinta proprio perche' la mente del maschio e' assolutamente selettiva e non siamo capaci di fare due cose contemporaneamente. Se fossimo stati multi-tasking come voi saremmo morti tutti. Quando eravamo nella giungla e le belve ci attaccavano, i  maschi si buttavano addosso alle tigri coi denti a sciabola incuranti  del pericolo. Nella loro mente c'era un unico imperativo assoluto: difendere le donne e i bambini! Se avessero potuto prendere in considerazione anche il rischio che correvano di essere sbranati in modo orribile e dolorosissimo sarebbero scappati lasciando le vostre antenate in pasto alle belve.
Invece noi sappiamo fare solo una cosa per volta e la sappiamo fare molto bene.
E percio' se tu mi dici che i calzini sono sul como' io ti credo ciecamente perche' ti amo e la mia missione assoluta diventa trovare i calzini sul como'. Ce la metto tutta. E tu DEVI capire che se invece i calzini NON sono sul como' vuol dire che tu mi hai detto una stronzata.
Il fatto che i calzini fossero a 18 centimetri dal como', sulla spalliera della sedia, non c'entra niente. Io sono dotato di una fantastica mente selettiva che mi permette di combattere le belve o di trombare, sempre con il 100% della mia efficienza.
La mia mente conosce solo risposte binarie: vivo/morto, fecondata/non fecondata. E, possiamo discutere quanto vuoi ma i calzini NON erano sul como'.
Questa e' una cosa sicura.
Il resto sono chiacchiere.
A questo punto lo so gia' che qualcuna di voi ha la risposta pronta: "Tesoro, le belve non ci sono piu', non viviamo piu' nella giungla, siamo qui a Carugate, in un condominio. La bestia piu' pericolosa dei dintorni e' un bassettown con la gastrite."
"Eccheccazzo e' colpa mia? Io sono pronto per la giungla. Non ho scelto io di nascere nella pianura padana all'alba del terzo millennio."
"Tesoro, potresti evolvere e comprendere la possibilita' di sviluppare una percezione del campo visivo piu' allargata."
Insomma, non se ne esce. L'ultima parola ce l'hanno loro.
Cioe', loro hanno proprio un pezzo del cervello che a noi manca.
Riescono a concepire parole che noi non potremmo neanche immaginare.
Ad esempio quando ti fanno quelle domande... Quelle che sono un capolavoro di logica sadica. Trappole logiche mortali. Non ti danno via di scampo.
Lei e' li', con le pantofole a quadrettoni (che sono la tomba dell'erotismo ma tu non hai mai avuto il coraggio di dirglielo) e ti chiede a bruciapelo: "Sono ingrassata?"
Avete riflettuto su questa domanda? Non c'e' risposta possibile.
Se rispondi: "No, amore, non sei ingrassata" lei ti salta agli occhi con un: "Ma allora tu non mi guardi piu'? Non mi vedi! Sono diventata trasparente!"
Se le rispondi: "Un pochino, ma mi piaci di piu' cosi'" Lei parte con un: "Balle! Come fai a pensare che ti creda. Preferiresti la Turina a Brooke Shields. Ma che stronzate dici?"
Se rispondi la verita': "Tesoro si sei un po' ingrassata, dovresti mangiare meno salsicce e fare un po' di ginnastica prima che la pelle a buccia d'arancia arrivi al livello cellulite con crateri lunari", lei si mette a piangere e urla che lo sa che c'hai l'amante.
Donne, dovete rendervi conto che chiedere a un uomo se siete ingrassate non e' una domanda, e' un atto di guerra.
Colpirlo alle spalle con una padellata in testa sarebbe piu' corretto.


Commenti

Stupendo jacopo! :ò))

non c'è argomento più trito e rifrustro di questo
ove si finisce col dire le sempiterne medisime cose che non sono novità per nessuno

eppure l'hai scritto beneeeeeeeeeeee! è proprio bello!

e intanto che leggevo la mia mente femmina pensava a te e diceva con sopracciglio inarcato: ma guarda che quando vuole le cose le capisceeeee! allora lo fà appostaaaaaaaaaaaaaa quando sembra che on capisce un cavoloooooooo di quel che dici!!!!

missione compiuta, la quadratura del cerchio

non cambieremo mai ... heheheehhe

Sto male x la fine di un'amore. la causa è l'incomprensione. cerco qualcosa su internet che allevi il mio dolore. Trovo blog con consigli noiosi e deprimenti. Sul google scrivo "depressione d'amore" mi appare una pagina con i soliti consigli, poi apro un link e mi trovo su questo blog dell'11 nov. 2006 "calzini sul comò". Leggo è così buffo e intelligente, finalmente mi allegerisco, non riesco a frenare una risata (perchè mai dovrei?) , sembra la storia della fine del mio amore: uomini e donne che non comunicano. Tu Jacopo lo hai spiegato benissimo con ironia e leggerezza. Hai detto più tu in questo tuo appunto che chiuque altro abbia letto...mi sento quasi bene, grazie Jacopo!

Grazie Aria!!!!
Un grande abbraccio!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
Vedrai che ne trovi un altro mille volte meglio... Che quando vi baciate vi sciogliete insieme!