Cittadino... il sindaco è lì per te, fatti sentire!


A tutti i cittadini Napoletani: Aiuta il sindaco a fare il suo dovere, chiamala per raccontarle il tuo disagio e lei ti dovrà aiutare. Ma se non la chiami personalmente, penserà che tutto va bene! Chiamala direttamente oppure scrivile una e-mail e non rifugiarti più soltanto nei blog. Presentati al comune e fatti conoscere. Il sindaco è al comune non per scaldare una sedia ma per risolvere i problemi ai cittadini, approfittane! E se puoi diffondi questo messaggio per farlo sapere a tutti i tuoi concittadini.
Eleonora Albanese

Commenti

Ho visto ieri TV Senza Filtro del 15-6-2005 andata in onda su Planet.
Oltre ad aver goduto della presenza della Guzzanti e di Travaglio (a quando uno spettacolo in teatro anche per lui? un grande), ho per quasi tutta la trasmissione osservato incuriosita quella bella ragazza, dallo sguardo triste seduta di fianco a Giuliana Sgrena: jeans, camicia bianca, splendidi capelli scuri e ricci da perfetta meridionale, come il suo incarnato dorato.
In fine trasmissione svelato l'arcano: Eleonora Albanese.
Devo confessare di essere stata un pò critica nei confronti delle manifestazioni di Jacopo nei confronti di Napoli e della sua Sindaca: mi sembrava un affossare ancora di più la città, senza che la città avesse diritto di replica. Mi sembrava ingiusto nei confronti di chi, con immani difficoltà, cerca di alzare la testa e recuperare il proprio orgoglio cercando di fare, anche con mostre, dipinti, momenti culturali, un movimento contrario a quello che impera in città!
Ieri ammetto di avere provato quasi vergogna nell'ascoltare Eleonora, con il suo composto dolore incazzato, con la sua energia, ed il suo amore... è stato bellissimo sentirla parlare del padre. Ed ho rivisto me, e le parole che ho sempre detto della mia famiglia. Ed ho percepito una sorta di "napoletanità" (questa volta in positivo), nel suo(mio) modo di percepir amore e profondo rispetto per quello che è stato il padre.
E mi sono vergognata di avere iniziato a prendere parte ad un progetto (quello del libro su napoli) ed averlo poi abbandonato travolta da impegni e difficoltà continui che mi hanno impedito ricerche, stesura, passione!
E mi sono vergognata per avere dubitato degli intenti di Jacopo, delle cose che scriveva in città segreta...

E' stato indubbiamente un momento doloroso, ma ho bisogno di far sapere a Eleonora, che è bellissima... così come è! Addolorata, incazzata e passionale!
Grazie!

ho mandato una email e la sto diffondendo.
conosci i miei blogs?
www.smclarkkent.blogspot.com
www.inciucinapoli.blogspot.com

grazie!

Marynella

Grazie per le parole bellissime che mammamaria ha lasciato sulla nostra citta' e su cosa significa esserne parte.
Io sono stanca di chi parla male di Napoli come se non esistesse altro che il marcio.
Non sono andata via, non sono diventata una delinquente, non rubo, combatto tutti i giorni per crescere un figlio e insegnargli ad essere fiero di cio' che e'.
Napoli e' anche i napoletani che la amano e che in silenzio, a denti stretti, tengono duro e non mollano.
A volte soli.
A volte meno.
Io non mi vergogno piu'.
Voglio camminare a testa alta e affrontare le cose che non vanno giorno dopo giorno, nel mio piccolo, a dispetto del disfattismo delle critiche retoriche di chi parla parla ma non saprebbe far nulla al posto nostro, se non andare via, e dell'illegalita'!

Grazie, a chi sa amarci, a chi non si arrende, a chi sa chi siamo veramente, a chi capisce "chi" porta il nostro nome ma non ci rappresenta.

Io ci provo. Ma siamo sicuri che la trovo in municipio?
Un sindaco che viene eletta in una città allo sfascio totale come Napoli con percentuali bulgare, o ha molti impegni per sistemare le cose, o ha molti elettori da blandire e tenere a bada. In ognuno di entrambi i casi, dubito che possa stare alla sua scrivania.
Magari starà presenziando a qualche finta-inaugurazione e a qualche mondano eventu para culturale.
Quello che posso fare, e lo farò non appena torno a csa, è postare sul mio blog il tuo appello.
www.fraba.splinder.com

E' un po poco, me ne rendo conto. Ma è tutto quello che io, povero napoletano inerme, posso fare.
Saluti.
Francesco

primo: avete pubblicato non il numero dell'ufficio del sindaco ma quello del centralino del comune... che già non risponde normalmente, figuriamoci così... secondo: con chiunque parlassi prima del voto, non ce n'era uno che appoggiasse la iervolino o che credesse che la sinistra a napoli potesse fare qualcosa di diverso dal mangiucchiare quel poco che aveva lasciato dai pasti precedenti... eppure rieccola lì per la gioia di tutti.

Oggi sono stato a Napoli. Avevo intenzione di andarci all'università, avevo già pagato per fare i test di ammissione a psicologia. Ho cambiato idea. Oggi sono stato a Napoli e avevo voglia di fuggire. Purtroppo non ho conosciuto questa città durante il suo splendore, ma solo nella sua decadenza. E' un groviglio di strade e automobili, un puzzo continuo di smog. Nemmeno un albero. Terribile, è una tragedia, una città tragedia. Mi dispiace se offendo qualcuno, mi dispiace se a qualcuno non piace quello che dico. Ma oggi sono stato a Napoli e andata e ritorno hanno portato un tempo di 6 ore. Napoli non mi piace, abito in Campania, ma Napoli non mi piace, mi fa paura. Orrenda, senza pietà, lì la vita va avanti direbbe qualcuno. No, la vita scappa avanti. Ripeto mi dispiace ma è quello che ho provato. Spero di non superare i test di ammissione all'università, vorrei evitare anche di farli. Vorrei evitare di tornare a Napoli.

POF POF POF !!!
Decidere di ridere, grande libertà. Libertà reale