Altre notizie dai nostri siti

Perché non pensare a un’internet della luce? (VIDEO)

People For Planet - Lun, 10/05/2020 - 19:00

Dal canale YouTube Gedi Visual “L’economista Gunter Pauli, ospite del Festival di Green&Blue, porta sul palco della Nuvola di Roma una dimostrazione di quella che definisce “l’internet della luce“, la tecnologia LiFi. Nel corso del dibattito moderato da Francesca Sforza con Enrico Giovannini e Carlo Petrini, Pauli riflette sulla enorme quantità di emissioni di CO2 che deriva dai server alla base del funzionamento dell’attuale rete.

Fonte: Gedi Visual

“La tecnologia che vi sto mostrando – dice – è la “next generation of internet”. Abbatte i consumi dell’80%, non usa onde radio, ma luce. Non serve essere laureati in Fisica per sapere che la luce è il modo più veloce per trasmettere qualcosa. E inoltre la luce è la più grande infrastruttura che abbiamo a disposizione nel mondo: dunque perché non pensare a un’internet della luce? In questo modo taglieremmo drasticamente le emissioni di CO2 dovute ai server che sono alla base dell’internet delle cose. Qui come vedete la trasmissione dal computer allo schermo avviene attraverso la luce”.

Categorie: Altri blog

Mascherine a scuola, Pediatri con ZeroWaste: “Le chirurgiche non siano obbligatorie”

People For Planet - Lun, 10/05/2020 - 16:00

Via l’obbligo per le mascherine chirurgiche a scuola. Questa la richiesta dei medici pediatri di Acp che si uniscono all’appello di ZeroWaste. “Le mascherine lavabili sono adeguate alla protezione in setting non sanitari, come sottolineato da OMS e verificato da numerosi studi, e possono essere pulite a casa lavandole opportunamente, e dunque il loro utilizzo è gestibile istruendo adeguatamente le famiglie (1,2)”, così Elena Uga, Laura Reali e Giacomo Toffol dell’Associazione Culturale Pediatri (Acp). L’Associazione aderisce oggi all’iniziativa di Zero Waste Italia ed Europa, che ha lanciato per il 30 e 31 ottobre un week-end di mobilitazione per la scelta delle mascherine in tessuto a scuola, in collaborazione con Beta Cooperativa Sociale, Extinction Rebelllion, Parents for Future Italia e Movimento per la Decrescita Felice.

L’appello ai dirigenti scolastici

Acp si rivolge quindi agli organi competenti affinché sia rivista l’indicazione in merito all’uso delle mascherine chirurgiche a scuola, nata da un fraintendimento rispetto alle indicazioni internazionali, invitando le istituzioni a porre maggiore enfasi su il loro corretto utilizzo, piuttosto che sulla tipologia di mascherina. “Questo perché non ci sono prove a sostegno dell’uso delle chirurgiche in un setting scolastico, mentre sono disponibili chiare prove sulla maggiore efficacia di qualsiasi tipo di mascherina in condizioni di corretto utilizzo”, spiegano gli autori.

Come infatti spiega l’OMS alla voce Quali mascherine dovrebbero indossare i bambini?: “I bambini in generale buona salute possono indossare una maschera non medica o in tessuto”.

Un enorme risparmio economico e ambientale

La scelta di mascherine chirurgiche a scuola per uso giornaliero comporta rilevanti ricadute economiche, sociali e ambientali. Secondo i calcoli di Tuttoscuola, per quest’anno scolastico saranno necessarie 2,2 miliardi di mascherine, da smaltire tra i rifiuti indifferenziati. Se a questo si aggiunge il peso degli imballaggi in cui vengono consegnate alle scuole, si rende evidente il rischio di una allarmante contaminazione ambientale. Senza considerare lo smaltimento inappropriato di cui vediamo ogni giorno di più i segni per le strade, nelle nostre campagne e nei nostri fiumi e mari.

L’origine di un fraintendimento

Nel verbale della riunione del CTS nazionale del 31 agosto 2020 “Misure di prevenzione e raccomandazioni per gli studenti delle scuole di ogni ordine e grado per la ripresa dell’anno scolastico 2020/21” (3), si consiglia l’utilizzo di “mascherine chirurgiche o di comunità” in ambito scolastico, dando apparentemente un’indicazione preferenziale alle chirurgiche. Il riferimento è a un documento del 21 agosto 2020 dell’OMS (4), nel quale però si legge: “I bambini in buona salute possono indossare una maschera non medica o in tessuto (…). L’adulto che fornisce la mascherina deve assicurarsi che la maschera in tessuto sia della misura corretta e copra a sufficienza il naso, la bocca e il mento del bambino”. L’uso della mascherina chirurgica è indicato solo per i soggetti fragili o a maggior rischio di ammalarsi gravemente di covid-19 (bimbi affetti da fibrosi cistica, cancro, immunosoppressione).

OMS e CDC lo ribadiscono

Nemmeno il documento dell’ISS del 21 agosto 2020 “Indicazioni operative per la gestione di casi e focolai di SARS-CoV-2 nelle scuole e nei servizi educativi dell’infanzia” (5) indica la tipologia di mascherina da utilizzarsi, mentre il possibile uso di “mascherine di comunità” è anche supportato da un documento del prestigioso Center for Disease Control and Prevention (CDC) di Atlanta dell’8 aprile 2020 “Utilizzo di maschere facciali nella comunità – Riduzione della trasmissione di COVID-19 da persone potenzialmente asintomatiche o pre-sintomatiche attraverso l’uso di maschere facciali” (6). Altri studi dello stesso centro ribadiscono successivamente gli stessi risultati. Non risulta quindi che le agenzie regolatorie e scientifiche consiglino l‘utilizzo esclusivo di mascherine chirurgiche per tutti i bambini a scuola.

“Ci si chiede come queste indicazioni possano aver portato alla decisione di ordinare svariati milioni di mascherine chirurgiche a scuola, quando si poteva indicare l’acquisto di lavabili e spiegare accuratamente le regole del loro corretto utilizzo”, continuano Uga, Reali e Toffol.

Molte scuole hanno posto l’obbligo delle chirurgiche

Come conseguenza delle varie indicazioni, e in ottemperanza alle direttive ministeriali, moltissimi dirigenti scolastici hanno preferito imporre l’obbligo delle mascherine chirurgiche in quanto le lavabili non sarebbero “a norma”.

Vorremmo però portare l’attenzione sugli svantaggi di questa scelta: le prove di efficacia dell’utilizzo delle mascherine chirurgiche sono relative all’uso nei setting sanitari, come gli ospedali, dove sono chiare le corrette modalità di utilizzo. La mascherina chirurgica va cambiata ogni 4 ore, ad esempio, non va mai toccata con le mani se non dagli elastici, non va mai appoggiata su superfici potenzialmente contaminate e va correttamente smaltita come rifiuto sanitario (7). Sono condizioni complesse da rispettare, tantopiù in un ambiente scolastico in cui ai bambini e ai ragazzi viene chiesto di metterla e toglierla più volte nel corso della giornata (devono indossarla all’ingresso e ogni volta che si alzano, ma toglierla al banco: superficie sicuramente non sterile). Le mascherine chirurgiche in realtà non sono più sicure tout court, la maggiore sicurezza è strettamente legata al loro corretto utilizzo.

Categorie: Altri blog

Gli spot delle banche mancano di sincerità

People For Planet - Lun, 10/05/2020 - 15:00

Recitano più o meno così gli spot pubblicitari delle banche nostrane negli ultimi tempi. Andatelo a chiedere direttamente ai circa 4 milioni di imprenditori che non hanno ricevuto un euro previsto dal decreto liquidità per effetto del tipico e irritante ostruzionismo bancario.

A tal proposito mi chiedo: ma chi scrive il copy (il testo) delle sceneggiature degli spot che spesso utilizzano, come testimonial, personaggi del mondo dello sport e dello spettacolo che ci rimettono la faccia? Questi guru del marketing bancario sono davvero convinti di recuperare la fiducia dei potenziali clienti con messaggi del genere?

Quei messaggi sono l’anticristo rispetto ad una delle leggi fondamentali del marketing: la legge della sincerità che si basa sul postulato che “se ammettete un limite, una inefficienza, una verità, il cliente potenziale poi vi riconoscerà una eventuale qualità  positiva”

E’ vero, ammettere un problema va contro la natura umana. Per anni ci hanno inculcato il potere del pensiero positivo. Innumerevoli libri e articoli hanno trattato proprio questo argomento.

Il pensiero positivo è stato molto sopravvalutato. Ma la crescita esplosiva delle comunicazioni nella società ha portato le persone a essere più caute e sulla difensiva con le aziende che cercano di vendergli di tutto.

Quindi, care banche, forse vi sorprenderà sapere che uno dei modi più efficaci per entrare nella testa del cliente potenziale è prima ammettere un fatto negativo e poi trasformarlo in qualcosa di positivo.

Pensate ad uno spot di una banca che si basi su una sceneggiatura con un copy (testo) del genere: “le abbiamo combinate di tutti i colori ma ora abbiamo capito che l’unica strada percorribile per recuperare la vostra fiducia e’ dirvi la verità”.

Cosa succede in questo caso? Perché un’iniezione di onestà dovrebbe funzionare così bene nel processo di marketing?

Prima di tutto la sincerità è disarmante. Qualsiasi dichiarazione negativa facciate su voi stessi viene accettata all’istante come verità. Non occorrono prove. Le dichiarazioni positive, invece, sono considerate dubbie nel migliore dei casi. Dovete faticare per dimostrarne la verità. Soprattutto in un annuncio pubblicitario.

La maggior parte delle banche non dichiarerebbe mai i propri insuccessi e le proprie malefatte. Eppure se avete un brutta reputazione, le possibilità sono due: o dovete abbassare le saracinesche delle filiali o dovete stare in silenzio in attesa di tempi migliori. L’unica cosa che non potete fare è fingere di non avere scheletri nell’armadio. Vi mette in ridicolo

Sembra una scelta ovvia? Certo, il marketing è spesso una ricerca dell’ovvio.

Poiché non è possibile cambiare la testa di una persona una volta che si è fatta un’idea, cari guru del marketing bancario, i vostri sforzi dovrebbero essere indirizzati all’utilizzo di idee e concetti già installati nel cervello dei consumatori.

Dovete usare i vostri messaggi per “mettere il dito sulla piaga”.

Ammettere l’esistenza di un problema è qualcosa che pochissime aziende fanno. E men che meno le banche.

Quando un azienda comincia il suo messaggio ammettendo un problema, tendenzialmente, e quasi per istinto, la gente apre la mente. Pensate alle volte che qualcuno si è rivolto a voi per un problema ed alla rapidità con cui vi siete lasciati coinvolgere desiderosi di aiutare. Ora pensate a chi inizia una conversazione parlando delle cose meravigliose che sta facendo. Probabilmente in un caso simile il vostro interesse è stato molto minore.

Solo una volta aperta la mente, siete poi in condizione di inserirvi l’elemento positivo, cioè la vostra idea di vendita.

Un ultima osservazione: l’obiettivo della sincerità è chiedere scusa.

Iniziare a scusarsi potrebbe essere il primo segnale verso quel cambiamento che incontra forti resistenze e che dovrebbe mettere una certa distanza fra il “vecchio sé” e un “nuovo sé” che non si comporterà più alla stessa maniera.

Leggi anche:
Vuoi soldi in prestito dalle banche? Chiediti prima a che fine
La crisi delle banche ucciderà più del Coronavirus

Categorie: Altri blog

2 idee per decorare casa per l’autunno

People For Planet - Lun, 10/05/2020 - 10:00

Due idee semplici, veloci e a costo praticamente zero per dare un tocco assolutamente personale alla nostra casa!

In questo video, Francesca Martinelli, ci spiega come fare partendo dalal cucina.

Francesca Martinelli

Leggi anche:
Covid-19, Nantes è la prima città-orto
Le Ricette di Angela Labellarte: Vellutata di Zucca e Zenzero
Zucca e Halloween: il perché di una strana amicizia

Categorie: Altri blog

Mobilità: perché le formiche non si incolonnano nel traffico?

People For Planet - Lun, 10/05/2020 - 08:00

Un gruppo di ricercatori ha osservato come le formiche siano in grado di mantenere un flusso regolare anche quando il loro numero aumenta vertiginosamente su uno stesso percorso. Che vuol dire? Che alle colonie di formiche non capita mai di esasperarsi mentre sono bloccate nel traffico, nonostante il loro pendolarismo senza fine, perché si muovono senza intoppi, molto meglio di noi, indipendentemente dalla lunghezza del tratto di strada da fare e indipendentemente dal fatto che, notoriamente, viaggiano sempre in colonna, ma non si fermano mai. Com’è possibile? E cosa possono imparare da loro le nostre strade e autostrade, i nostri automobilisti?

Un trasporto efficiente è fondamentale per la mobilità, ma anche per la funzione cellulare e la sopravvivenza di gruppi di animali“, scrivono gli scienziati del Research Center on Animal Cognition (CNRS) e dell’Università dell’Arizona, che hanno pubblicato il loro studio, pubblicato su eLife. Guardando al “traffico animale”, il team ha puntato gli occhi sulle formiche, perché, “nonostante la loro semplicità comportamentale, sanno gestirsi perfettamente per evitare la formazione di ingorghi ad alta densità“, hanno aggiunto.

Il team ha condotto 170 esperimenti per osservare come si spostano le formiche tra il loro nido e una fonte di cibo, scoprendo che quando la densità del traffico aumenta, i flussi di formiche prima si gonfiano e poi si stabilizzano, a differenza del traffico umano che, al di sopra di una certa densità, rallenta fino a fermarsi.

Questo succede quando il livello di densità (di veicoli o corpi) supera il 40% per gli esseri umani, mentre nelle colonie di formiche il flusso di traffico non ha mostrato segni di declino, mai, neppure quando la densità ha raggiunto l’80%.  Scrivono i ricercatori che “gli esperimenti hanno rivelato che le formiche adattano il loro comportamento alle circostanze, accelerano a densità intermedie, evitano collisioni a densità elevate ed evitando di entrare in piste sovraffollate”. In poche parole, le formiche, a differenza nostra, rispetto sempre quel che noi chiamiamo distanza di sicurezza.

Inoltre, a differenza degli umani, le formiche evitano la “trappola del traffico” grazie a un insieme di regole molto fluide, che adattano il loro comportamento al flusso. In definitiva, mentre le persone pensano al traffico come a un ostacolo per la propria personale traiettoria, e reagiscono pensando solo al proprio obiettivo, la formica pensa a se stessa come parte del traffico, come una parte del tutto, e si applica perché i suoi movimenti restino fluidi con il resto del gruppo.

Categorie: Altri blog

Vanno in monopattino, multati a 4 e 6 anni | TikTok entrate più dell’800% | Lo stilista Kenzo morto di Covid

People For Planet - Lun, 10/05/2020 - 06:25

Corriere della Sera: Lo scooter rubato e la pistola finta: morto ladro 17enne Arrestato il complice Ciro, figlio di «Genny la Carogna»;

Il Giornale: Vanno in monopattino, multati a soli 4 e 6 anni “Intralciano il traffico”;

Il Manifesto: «Fratelli tutti», l’Internazionale di papa Bergoglio;

Il Mattino: Lo stilista Kenzo morto di Covid;

Il Messaggero: Egitto, scoperta record: 59 sarcofagi di 2.600 anni fa, emozionante l’apertura in diretta Video Foto;

Ilsole24ore: La seconda ondata del Covid può costare oltre 3 punti di Pil e la ripresa slitta al 2022 – Doppia spinta da 40 miliardi divisa tra manovra e fondi Ue;

Il Fatto Quotidiano: Calcio caos, la Lega di A: “Juve-Napoli non si rinvia. Casi così sono previsti, vale protocollo governo-Figc”. Speranza: “Priorità non sono le partite, ma la salute”;

La Repubblica: TikTok è una miniera d’oro. “Le entrate sono in crescita dell’800 per cento”;

Leggo: Il nuovo Dpcm: esercito in strada, chiusura locali entro le 23 e mascherine. Il Cts: contingentare feste e cerimonie,

Tgcom24: Maltempo in Liguria, recuperati 5 cadaveri | Frane in Piemonte: foto;

Categorie: Altri blog

Casetta Rossa: spazio pubblico per l’autogoverno

People For Planet - Dom, 10/04/2020 - 17:00

Roma, quartiere Garbatella, viaggio alla scoperta de “La Casetta Rossa”, un centro culturale, di integrazione sociale, di condivisione, di formazione. C’è il forno pop (popolare), il pasto sospeso, i corsi di italiano per extracomunitari e la giornata in cui tutti si parla una lingua straniera.
Probabilmente un posto unico al mondo!
Intervista a Luciano Ummarino.

flowplayer.conf.analytics = "UA-11693000-17"; flowplayer.conf.container = "#player_249"; p = flowplayer(flowplayer.conf.container, { splash: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/249/output/thumb.jpg', aspectRatio: "16:9", key: '$995340359991288', clip: { sources: [ { type: 'application/x-mpegurl', src: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/249/output/Casetta-Rossa.mp4_master.m3u8' }, { type: 'video/mp4', src: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/249/Casetta-Rossa.mp4' } ] } })

 

Per maggiori informazioni http://casettarossa.org/

Categorie: Altri blog

7 ortaggi facili da coltivare in autunno

People For Planet - Dom, 10/04/2020 - 10:00

Dal canale YouTube Gioele Pofferi: Cosa coltivare in autunno? Cosa posso coltivare a settembre? Cosa possiamo coltivare ad ottobre? Questo video l’ho realizzato per chi è alle prime armi e vuole cominciare a sperimentare nel proprio orticello. Ecco quindi 7 ortaggi semplici da coltivare in autunno. Ogni mio consiglio che emerge da questo video infatti, deriva da esperimenti provati sulla mia pelle, o forse dovrei dire sulla pelle del mio orto.

Gioele Pofferi

Leggi anche:
Covid-19, Nantes è la prima città-orto
Le Ricette di Angela Labellarte: Vellutata di Zucca e Zenzero
Zucca e Halloween: il perché di una strana amicizia

Categorie: Altri blog

Microplastiche: contaminato anche l’intestino umano

People For Planet - Dom, 10/04/2020 - 08:00

Non solo negli oceani, nei pesci che mangiamo, nell’acqua in bottiglia e nel sale da cucina. Frammenti di diversi tipi di microplastiche sono stati trovati anche nell’uomo. Più precisamente, nelle feci umane. Con conseguenze per la salute tutte da valutare.

La notizia arriva da uno studio condotto da un gruppo di ricercatori della Medical University di Vienna e dell’Agenzia dell’Ambiente austriaca che è stato presentato a Vienna in occasione della 26° United European Gastroenterology (Ueg) Week Live, evento medico che raccoglie i gastroenterologi europei.

Otto Paesi coinvolti

La ricerca è la prima di questo genere a essere realizzata e il campione di persone esaminato è piuttosto esiguo, in quanto composto da sole otto persone: i risultati ottenuti, però, non possono passare inosservati perché gli otto soggetti esaminati provengono da altrettanti Paesi (Finlandia, Italia, Giappone, Paesi Bassi, Polonia, Russia, Regno Unito e Austria), e anzi la speranza è quella che contribuiscano a far luce sulla contaminazione ambientale e alimentare da parte delle microplastiche, stimolando ulteriori studi.

Frammenti di plastica nell’intestino umano

I partecipanti non erano vegetariani e sei di loro mangiavano regolarmente pesce. Ogni singolo campione di feci analizzato è risultato positivo per la presenza di microplastiche, e i ricercatori ne hanno identificate fino a nove tipologie, tra cui il polipropilene e il polietilene tereftalato (più noto come Pet). In media sono state riscontrate 20 particelle microplastiche ogni 10 grammi di materiale fecale.  “Questo è il primo studio nel suo genere e conferma ciò che sospettavamo da tempo, ovvero che la plastica alla fine raggiunge l’intestino umano”, ha spiegato Philipp Schwabl, primo autore dello studio, che ha anche spiegato che “le particelle microplastiche più piccole sono in grado di entrare nel flusso sanguigno, nel sistema linfatico e possono persino raggiungere il fegato. Ora che abbiamo le prime prove della presenza delle microplastiche negli esseri umani, abbiamo bisogno di ulteriori ricerche per capire cosa questo potrebbe significare per la nostra salute“.

Microplastiche, piccole ma dannose

Le microplastiche sono piccole particelle di plastica molto piccole, di dimensioni comprese tra i 5 mm e i millesimi di millimetro. Possono formarsi staccandosi da pezzi più grandi di plastica, attraverso degradazione o usura, ma in alcuni casi fanno parte del processo di fabbricazione di alcuni prodotti come detergenti e vernici, ma anche di cosmetici (quelli che contengono microgranuli di plastica, ad esempio). I ricercatori spiegano che le microplastiche possono avere un impatto sulla salute umana attraverso il tratto gastrointestinale poiché all’interno di quest’ultimo, mediante l’accumulo o promuovendo la trasmissione di sostanze chimiche tossiche e patogene, potrebbero influenzare la tolleranza e la risposta immunitaria dell’intestino.

Fonte immagine: Marevivo

Categorie: Altri blog

Val Seriana: uno su due ha avuto il Covid | Maltempo: crollano 12 ponti | Trump, il bollettino medico ufficiale

People For Planet - Dom, 10/04/2020 - 06:25

Corriere della Sera: Val Seriana, testi sierologici su 22 mila persone: un abitante su due ha avuto il Covid;

Il Giornale: Il maltempo fa crollare 12 ponti ‘E il governo pensa alla Luna…’;

Il Manifesto: L’economia Usa precipita nella crisi con più disuguaglianze della storia;

Il Mattino: Sì al salario minimo di 3.500 euro in Svizzera;

Il Messaggero: VATICANO Abusi notturni nel collegio dei chierichetti del Papa: fissato il processo;

Ilsole24ore: Bollettino medico ufficiale: «Trump sta bene». Ma un’altra fonte: «Segni vitali molto preoccupanti» – L’incertezza disorienta i mercati;

Il Fatto Quotidiano: Mattarella: “Mi preoccupano nuovi contagi e vittime”. Covid, positivi in crescita: 2,844 in 24 ore e 27 morti. Due casi alla Juventus, Asl Napoli ferma la squadra;

La Repubblica: La Russia registra diecimila nuovi casi in 24 ore. Gran Bretagna, vaccino entro tre mesi;

Leggo: Juve-Napoli non si gioca per covid. L’Asl blocca la squadra di Gattuso. Bianconeri, due positivi nello staff. Azzurri, contagiato anche Elmas;

Tgcom24: Venezia, debutta il Mose contro l’acqua alta: marea bloccata;

Categorie: Altri blog

La Francia dice basta agli animali selvatici nei circhi itineranti

People For Planet - Sab, 10/03/2020 - 20:10

Una decisione storica, una vittoria nel campo dei diritti degli animali, “l’inizio di una nuova era” secondo Barbara Pompili, Ministro per la Transizione Ecologica francese.

Negli scorsi giorni, la ministra ha annunciato che la Francia metterà la parola fine agli allevamenti di visoni da pelliccia, alla cattività dei cetacei (orche e delfini) nei 3 delfinari nazionali, nonché alla presenza di animali selvatici nei circhi itineranti.

Una decisione storica ma graduale

La Francia dice, così, basta allo sfruttamento degli animali e all’utilizzo di queste creature per intrattenere visitatori attratti dall’esotismo degli spettacoli nei circhi.

È giunta l’ora che il fascino ancestrale per questi animali selvatici non si traduca più in situazioni in cui la cattività passa prima del loro benessere – ha dichiarato la ministra – Circhi e altre realtà dovranno reinventarsi, con il sostegno dello Stato.

La transizione sarà graduale e non è stato ancora chiarito quanto tempo verrà impiegato per porre fine a queste pratiche crudeli e arcaiche.

Stabilire una data non risolve tutti i problemi. Preferisco dare il via ad un processo affinché accada quanto prima, ha sottolineato la ministra.

Un cambiamento a metà

Nonostante molte associazioni riconoscano questa decisione come una svolta storica, ci sono ancora dei punti che fanno storcere il naso a chi da anni si batte per i diritti degli animali. Come si legge sul sito della PETA (People for the Ethical Treatment of Animals), infatti,

Sebbene sia deplorevole che questa decisione riguardi solo i visoni e non protegga i conigli di Orylag e Angora, segna nondimeno un passo avanti storico e accelererà ulteriormente la fine del già declino del commercio di pellicce nel mondo (…) Questa chiusura purtroppo non sarà completa fino al 2025, quindi innumerevoli animali continueranno a sopportare una vita di sofferenza, rinchiusi, torturati e condannati a una morte terrificante, prima che questi luoghi orribili chiudano per sempre le loro porte. Di fronte alla moltiplicazione delle trasmissioni di COVID-19 in questi allevamenti, il Parlamento dei Paesi Bassi ha votato a giugno a favore della chiusura degli allevamenti di visoni prima della fine dell’anno, quando inizialmente era prevista per 2024. Nell’attuale contesto sanitario, è assurdo per la Francia prevedere una scadenza così lunga per le domande, quando sul nostro territorio sono rimaste solo quattro aziende agricole

Inoltre, il bando dell’utilizzo degli animali selvatici riguarderà soltanto i circhi itineranti, ma non quelli stanziali.

La vita di queste creature non è di certo rosea:

Gli animali nei circhi trascorrono la maggior parte della loro vita in gabbie, recinti o rimorchi per camion, o incatenati da catene, e possono sviluppare gravi disturbi psicologici che si manifestano in comportamenti nevrotici e ripetitivi. Questi esseri sensibili e intelligenti si sottopongono anche a metodi di addestramento a volte violenti e terrificanti (minacce, privazioni, percosse, scosse elettriche) per costringerli a compiere atti per loro privi di significato.

Infine, delfini e orche non saranno più ammessi né utilizzati nei delfinari nazionali a scopo di intrattenimento e questa decisione sarà accompagnata dallo studio della creazione di santuari in grado di accogliere i cetacei, al fine di offrire loro un ritiro in spazi più adatti alle loro esigenze o, si spera, una reintroduzione in il loro ambiente naturale.

Ma i tempi di reinserimento sono molto lunghi: dai 7 ai 10 anni.

Insomma, si tratta, sì, di una decisione storica ma il cambiamento sarà attuato a metà. E un pò di amaro in bocca rimane.

Leggi anche:
Circo, nessuna Regione può salvare gli animali
Greenpeace: gli allevamenti intensivi in Ue inquinano più di auto e furgoni
La Germania vuole imporre il divieto di macellazione dei pulcini maschi

Categorie: Altri blog

Consigli utili su come sbarazzarsi dei propri vecchi Raee

People For Planet - Sab, 10/03/2020 - 17:00

Come funziona in Italia lo smaltimento e il riciclo dei RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche)?
Ce lo spiega Gianluca Martelliano dell’Ufficio Stampa di COBAT, un consorzio specializzato nella gestione di questa particolare tipologia di rifiuti. Se vengono smaltiti nel modo sbagliato possono essere molto pericolosi per l’ambiente.

flowplayer.conf.analytics = "UA-11693000-17"; flowplayer.conf.container = "#player_245"; p = flowplayer(flowplayer.conf.container, { splash: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/245/output/thumb.jpg', aspectRatio: "16:9", key: '$995340359991288', clip: { sources: [ { type: 'application/x-mpegurl', src: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/245/output/Consigli-utili-raee-ok.mp4_master.m3u8' }, { type: 'video/mp4', src: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/245/Consigli-utili-raee-ok.mp4' } ] } })

 

Video di Martina De Polo e Francesco Saverio Valentino

Per approfondire leggi anche Rifiuti elettronici: cos’è il Decreto 1 contro 0
https://www.peopleforplanet.it/tag/raee/

Categorie: Altri blog

Nel 2020 il pensiero di Dario Fo e Franca Rame è ancora bandiera di libertà!

People For Planet - Sab, 10/03/2020 - 15:00

Finché esisterà la censura il pensiero di Dario Fo e Franca Rame manterrà la sua importanza culturale e la sua capacità rivoluzionaria e dirompente di porsi come arma contro qualsiasi dittatura e tentativo di soppressione del pensiero libero.

Chi censura si arroga il diritto di limitare le idee degli altri e contro questo Dario Fo e Franca Rame hanno dedicato tutta la loro vita. 

Non è la prima volta che i testi di Dario e Franca vengono avvertiti come pericolosi da chi ha paura della libera circolazione delle idee. Quello che è successo a Massa Martana – in provincia di Perugia – dove non è potuto andare in scena il Primo miracolo di Gesù Bambino è una censura piccola piccola, ma significativa. 

A 51 anni dal debutto, Mistero Buffo fa ancora discutere in certi ambienti.
Le polemiche su questo testo esplosero nel 1977 quando venne trasmesso dalla Rai.
Ma la storia della censura ai testi di Dario Fo iniziò molto prima, nel 1952  con il monologo di Poer Nano trasmesso alla radio. Poi fu il turno delle commedie Il dito nell’occhio I sani da Legare che suscitarono l’attenzione della censura di Stato, come raccontano i due autori nel libro “Nuovo Manuale Minimo dell’Attore”.
Poi nel 1962 ci fu il celebre episodio di Canzonissima a seguito del quale Franca e Dario vennero  “letteralmente cancellati dallo schermo televisivo per la bellezza di sedici anni, il che, nel mondo dello spettacolo, significa essere messi al bando per una vita.”  
Poi Dario Fo nel 2009 decise di raccontare Giotto e nello spettacolo svelava uno dei segreti di Pulcinella: le meravigliose pitture della navata superiore della basilica di Assisi non sono opera di Giotto.
Lo spettacolo doveva essere messo in scena proprio ad Assisi, ma venne annullato dopo l’intervento del Vescovo. Alla fine si fece a Perugia difronte alla chiesa di San Francesco. 

L’ultima delle censure vissute da Dario Fo fu quella che lui definì “un secondo Premio Nobel”, nel 2016 arrivò infatti la notizia che i testi della coppia Fo Rame erano stati inseriti – insieme a quelli di Shakespeare, Cechov e Brecht – nell’indice degli autori proibiti in Turchia.  A questo proposito l’autore dichiarò “Quando si fa dell’autarchia culturale è un triste segno. Quando ci si accanisce contro il teatro, contro la cultura vuol dire che si ha paura del punto di vista degli altri. Che ci si sente in pericolo.”

Oggi il pensiero di Dario Fo e Franca Rame è ancora bandiera di libertà e libera circolazione delle idee, per questo la Fondazione Fo Rame, fedele ai propri obiettivi, invita ad aderire a questa petizione l’Italia migliore. 

Il teatro è palcoscenico della vita, è da sempre strumento di diffusione della cultura, e censurare gli autori è come imbavagliare gli uomini. 

Per sottoscrivere questa lettera aperta CLICCA QUI

Approfondimenti:

Articolo di Jacopo Fo su quanto successo a Massa Martana (PG) in occasione dello spettacolo di Matthias Martelli: https://www.ilfattoquotidiano.it/2020/08/27/il-comune-di-massa-martana-censura-mistero-buffo-ancora-ma-il-sindaco-di-sinistra-dice-che-non-e-vero/5912479/

Intervista a Dario Fo di Nanni Delbecchi uscita sul Fatto Quotidiano – “Oggi c’è meno censura, è sufficiente il ricatto silenzioso di Dario  sulla censura”: https://www.ilfattoquotidiano.it/2015/08/27/dario-fo-oggi-ce-meno-censura-e-sufficiente-il-ricatto-silenzioso/1985495/

Video di Dario Fo sulla questione della censura in Turchia:https://youtu.be/XFbr6JKlig8

Comunicato stampa in altre lingue:
– To read this press release in englishclick here.
– Haga clic aquí para leer este comunicado de prensa en español.

Categorie: Altri blog

Mal di schiena mattino: 3 esercizi per risolverlo!

People For Planet - Sab, 10/03/2020 - 10:00

Dal canale YouTube L’Altra Riabilitazione oggi parliamo di mal di schiena mattutino/mal di schiena al risveglio: una delle manifestazioni più tipiche del problema lombare. Andremo a vedere perchè si manifesta questo sintomo e come migliorarlo con esercizi mirati.

L’Altra Riabilitazione

Leggi anche:
Covid-19: con sforzi fisici intensi contagio più severo
Punto G, muscoletti vaginali e piacere femminile
Vuoi stare meglio? Passa almeno due ore alla settimana in mezzo alla natura

Categorie: Altri blog

Giornalista russa si dà fuoco contro la repressione | 400 milioni per gli incentivi auto | Vaccino antinfluenzale, chi lo deve fare e quando

People For Planet - Sab, 10/03/2020 - 06:25

Corriere della Sera: Mascherine, si va verso l’obbligo all’aperto in tutta Italia: e il governo rilancia Immuni;

Il Giornale: Milioni di pensionati in allerta. Sparisce il pin Inps: è disastro;

Il Manifesto: Giornalista russa si dà fuoco contro la repressione: «Della mia morte incolpate la Federazione»;

Il Mattino: Barcone prese fuoco,indagati i finanzieri-eroi:ipotesi omicidio colposo ;

Il Messaggero: Manovra, 400 milioni per gli incentivi auto. Estesi gli sgravi per gli hotel;

Ilsole24ore: Vaccino antinfluenzale, ecco chi lo deve fare e quando – In Italia 2.499 casi e 23 decessi. Nuovo record di tamponi – La mappa- Iss, 3.266 focolai Covid , 14 nelle scuole – Corsa per creare 5.500 nuovi posti in terapia intensiva – Live / 12mila nuovi casi in Francia;

Il Fatto Quotidiano: Distanziati dentro le classi, ammassati sullo scuolabus. Video: Bergamo – Roma – Napoli;

La Repubblica: L’Onu verso il summit di Glasgow, Mark Carney: “Il ruolo della finanza nella lotta al Climate Change”;

Leggo: Dalla bandiera transgender al dodo, ecco le nuove emoji. C’è anche l’uomo con il velo da sposa;

Tgcom24: Trump sapeva della positività della collaboratrice Hope Hicks ma volò lo stesso in New Jersey | Presidente e Melania in quarantena, Biden negativo;

Categorie: Altri blog

Covid-19: Science, ecco chi sono i super-diffusori

People For Planet - Ven, 10/02/2020 - 19:04

È il più grande sforzo mondiale di tracciamento dei contatti su qualunque malattia infettiva mai intrapreso finora, uno studio condotto in India su oltre mezzo milione di persone esposte al coronavirus e che conferma la responsabilità della diffusione del covid-19 – e probabilmente dei virus in generale – a una piccola percentuale di infetti. Ovvero chi, circa l’8% dei positivi, si trova nelle condizioni sociali di diventare un super-diffusore: tipicamente si trova in spazi affollati e chiusi, e pratica attività come cantare o parlare a voce alta senza indossare una mascherina. Oppure chi fa sport di contatto (vedi i calciatori) e sviluppa – per forza di cose senza mascherina – una respirazione profonda per via dell’intensa attività fisica. A questo 8% dei contagiati che si trova a svolgere una di queste attività senza dpi si deve il grosso della diffusione in una popolazione. La ricerca è stata pubblicata su Science.

Il 70% dei positivi non infetta

I risultati mostrano che la maggior parte dei pazienti – il 70% delle persone infette – con covid-19 non ha mai infettato nessun altro. Invece solo l’8% dei pazienti è collegato al 60% delle nuove infezioni.

La buona notizia

Quindi la buona notizia è che evitare l’infezione potrebbe essere più facile di quel che crediamo. Evitare posti affollati al chiuso, evitare sport aerobici se non a distanza, evitare la vicinanza con persone che, senza mascherina, parlano a voce alta o cantano.

Un’altra ricerca aveva già mostrato che tra il 10 e il 20 per cento delle persone infette sono responsabili dell’80% della diffusione del coronavirus.

Il ruolo della famiglia (e dei giovani al suo interno)

Secondo questo studio di tracciamento dei contatti i bambini di tutte le età possono essere infettati dal coronavirus e diffonderlo ad altri, anche fra coetanei. “Nel nostro studio abbiamo visto un’elevata prevalenza di infezioni tra i bambini che sono venuti a contatto con altri ragazzini infetti della loro età”, ha detto l’autore principale dello studio, Ramanan Laxminarayan del Center for Disease Dynamics, Economics and Policy di New Delhi. Bambini e ragazzi hanno comunque costituito un terzo dei casi di Covid, e per loro stessa ammissione i ricercatori non sono stati in grado di valutare la capacità di trasmissione dei bambini rispetto agli adulti. Quel che si è visto con chiarezza è che la maggior parte dei casi indice, cioè quelli che in sostanza davano il via a nuovi focolai, era composto da adulti tra i 20 e i 45 anni, più facilmente a contatto con altre persone e più facili a spostamenti numerosi nel corso della giornata. Per i ricercatori, la possibilità di contagiarsi da coronavirus, indipendentemente dall’età, è del 2,6% nella comunità e del 9% nella famiglia. Cosa confermata anche dai dati italiani.

Lo studio è una sorpresa

Lo studio si è svolto in due stati del Sud dell’India, Andhra Pradesh e Tamil Nadu, che hanno una popolazione totale di circa 128 milioni, con una elevatissima concentrazione di contagi e con i sistemi sanitari tra i più sofisticati del Paese. “Siamo stati molto sorpresi nello scoprire che solo l’8% dei pazienti indice – il primo paziente in una catena di trasmissione – sono stati responsabili del 60% delle infezioni secondarie. Si sospettava l’esistenza della superdiffusione, ma non in queste proporzioni”, hanno spiegato.

L’immagine del giorno: Donald e Melania Trump positivi al coronavirus

Covid-19, “Portare la mascherina può aumentare le difese come un mini-vaccino”

Categorie: Altri blog

A Lodi c’è un Arsenale dell’Accoglienza! (VIDEO)

People For Planet - Ven, 10/02/2020 - 17:00

La storia dell’associazione Arsenale dell’Accoglienza Onlus di Borghetto Lodigiano, in provincia di Lodi, ha radici lontane.
Nel 2007 Giuditta Montanari e Andrea Menin aprono la prima comunità familiare, battezzata “La Mongolfiera” per accogliere in casa loro ragazzi in gravi situazioni di disagio sociale.
Nel 2011 nasce poi il primo “alloggio per l’autonomia”, per i ragazzi ormai maggiorenni, nel 2013 nasce la comunità familiare “Il Battello”, nel 2014 la “Società Cooperativa Buona Giornata”, per aiutare professionalmente le persone accolte e nel 2015 si arriva alla fondazione dell’Arsenale dell’Accoglienza.
Oggi contano 15 case aperte, tra comunità familiari, alloggi autonomi, comunità mamma-bambino e case rifugio per le vittime di violenze, dove nel 2017 sono state ospitate 81 persone.
“Nell’arco dell’ultimo anno – sottolinea il vicepresidente dell’Arsenale dell’Accoglienza Andrea Zanelli – abbiamo accolto 59 bambini e ragazzi, 11 giovani adulti e 11 mamme, offrendo loro non solo una casa e il calore di una famiglia, ma anche un sostegno concreto per il reinserimento sociale e per il recupero della serenità. Ai bambini, ad esempio, accanto ai bisogni primari, è stato garantito il diritto di essere, appunto, bambini, con attività ricreative come piccole vacanze al mare e in montagna. Tutto questo è stato possibile grazie ai nostri sostenitori e ai nostri volontari, che quest’anno hanno complessivamente donato all’Arsenale ben 21mila ore del loro tempo”.
Per far fronte a tutte le spese l’associazione riceve fondi da enti pubblici e donazioni da privati.

Con le telecamere di People For Planet siamo andati a conoscere personalmente questa bellissima realtà. Ecco cosa ci hanno raccontato.

flowplayer.conf.analytics = "UA-11693000-17"; flowplayer.conf.container = "#player_236"; p = flowplayer(flowplayer.conf.container, { splash: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/236/output/thumb.jpg', aspectRatio: "16:9", key: '$995340359991288', clip: { sources: [ { type: 'application/x-mpegurl', src: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/236/output/Arsenale-accoglienza.mp4_master.m3u8' }, { type: 'video/mp4', src: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/236/Arsenale-accoglienza.mp4' } ] } })

 

Categorie: Altri blog

L’artista Robico per REDValentino

Gela Le Radici del Futuro - Ven, 10/02/2020 - 15:56

Una sneaker con una rosa dipinta a mano che vede un occhio al centro: a crearla è stato l’illustratore gelese Roberto Collodoro, in arte Robico, per la nuova collezione di REDValentino. Le bowalk sneakers sono presenti in edizione limitata ed esposte presso i punti vendita de La Rinascente in via del Tritone a Roma e in Piazza Duomo a Milano. In quest’ultimo luogo, lo scorso 26 settembre, è stato possibile assistere a un’estemporanea dell’artista.

Pittore, disegnatore, street artist e non solo. Diversi sono i contributi che questo artista ha offerto alla sua città natale ma anche al di fuori. La collaborazione con REDValentino rientra nel progetto Rinascente – Made for Italy, in cui il noto franchise ha voluto celebrare le eccellenze italiane nel campo della moda, del design, della bellezza, del gourmet e della cultura in generale.

Grottesco, onirico, vecchio e rovinato dal tempo. Le figure ritratte da Robico fondono la sicilianità con immagini surreali, spesso rugose e grossolane, ma che con i loro colori vivaci hanno un che di suggestivo che colpisce l’occhio dell’osservatore. Dai volti vissuti degli anziani spazia verso la bruttezza vera e propria, con elementi propriamente disturbanti. Secondo diversi magazine di moda, le nuove scarpe diventeranno ben presto un “must have” della corrente stagione autunnale.

L'articolo L’artista Robico per REDValentino proviene da Gela Le radici del Futuro.

Categorie: Altri blog

Cene autunnali: 3 ricette semplici pronte in poco tempo

People For Planet - Ven, 10/02/2020 - 15:00

La cosa bella delle serate autunnali è potersi coccolare con dei caldi comfort food che ti scaldano da dentro. Dal canale YouTube Elefanteveg ecco come sbizzarrirsi in cucina con pochi semplici ingredienti.

Per una cena sana e gustosa.

Leggi anche:
Covid-19, Nantes è la prima città-orto
Le Ricette di Angela Labellarte: Vellutata di Zucca e Zenzero
Zucca e Halloween: il perché di una strana amicizia

Categorie: Altri blog

Francescani a impatto zero: “Ricicliamo anche i lumini”

People For Planet - Ven, 10/02/2020 - 13:07

Nel nome del Signore, il Convento dei frati francescani a ridosso del parco di Monza è il primo in Italia a emissioni zero. “L’attenzione verso l’ambiente e la natura è l’insegnamento che ci ha passato San Francesco, e sarebbe bello se altri conventi seguissero questo esempio”, commenta fra’ Celestino, responsabile del giardino e della mensa dei poveri nello stesso convento.

“Ricicliamo anche i lumini”

Grazie a un impianto fotovoltaico nel chiostro dell’ostello, l’energia necessaria per i locali del convento, della chiesa, dell’ostello e della mensa dei poveri, ma finanche i 74mila2cento lumini accesi nel santuario della Madonna delle Grazie (11,01 tonnellate di anidride carbonica stimata) sono da energia certificata green, perché anche quel che non produce l’impianto è acquistata da fonti pulite. Lumini votivi in plastica riciclata – tra l’altro – che una volta vuoti vengono ritirati e riempiti di nuova cera, in modo da limitare al massimo la produzione di rifiuti.

La compensazione del verde

Il Santuario, costruito tra il 1463 e il 1467 lungo il fiume Lambro, consuma in tutto 111 tonnellate di Co2 l’anno, in parte abbattute in modo naturale dal rigoglioso giardino alle spalle del chiostro. Piante anche appositamente selezionate: la collina adiacente è stata rimboscata con 80 alberi capaci di catturare al meglio l’anidride carbonica o altri gas serra prodotti dall’attività del convento, poi c’è un frutteto e infine un orto che garantiscono anche frutta e verdura a chilometro zero.

Una certificazione in regalo

A fare i conti che tutto portasse a emissioni zero è stata Energy Saving, azienda locale che per festeggiare i suoi 20 anni nel campo della sostenibilità ha donato al convento 20 piante di ulivo (circa mezza tonnellata di emissioni assorbite ogni anno) e ha certificato il loro primato “speciale” tra gli edifici religiosi.

Zero waste e acqua del rubinetto

L’impegno dei frati francescani per l’ambiente non si ferma qui. Per la mensa dei poveri viene recuperato il cibo prossimo alla scadenza da due supermercati, frutta e verdura arriva anche da un’azienda agricola che utilizza concime biologico, usiamo posate in materiale compostabile e si beve acqua filtrata in caraffa. Per la mobilità, il convento è passato da sette a cinque mezzi e si sta lavorando per utilizzare l’energia dei pannelli fotovoltaici per riscaldare i locali e abbandonare il metano.

Papa Francesco scatenato: condonare il debito dei Paesi poveri e chiudere i paradisi fiscali

Il porto di Livorno ha ridotto le emissioni grazie al 5G

Fuori le auto dai cortili medievali: scatta la protesta dell’Università di Pavia

Categorie: Altri blog