Altre notizie dai nostri siti

Tutti i tipi di yoga (Infografica)

People For Planet - Mar, 11/24/2020 - 18:00

Ashtanga yoga, Bikram yoga, Hatha yoga, fino alla Kundalini. Respirazione, movimenti lenti, equilibrio fisico, flussi di energia. Come funziona la pratica dello Yoga?

Per vedere l’infografica più grande clicca qui

Categorie: Altri blog

Monolite scoperto per caso dal Dipartimento Usa: “Vietato, da qualsiasi pianeta provengano”

People For Planet - Mar, 11/24/2020 - 16:30

Mistero nello Utah, anche se tutta l’attenzione che questo monolite metallico sta attirando pare essere (solo!?) una trovata artistica.

Rinvenuto per caso

Mercoledì scorso il Dipartimento di pubblica sicurezza dello Stato americano stavano sorvolando in elicottero una zona a sud-est per un progetto di tutela della fauna selvatica. Ecco però comparire qualcosa di stranamente luccicante: un monolite argentato alto 3 metri e perfettamente piantato nel terreno.

Un riferimento colto?

Biologists of the Utah Division of Wildlife spotted the monolith from a helicopter while conducting a routine count of bighorn sheep in the area. https://t.co/nkm29yJbhl

— The Art Newspaper (@TheArtNewspaper) November 24, 2020

Il pilota dell’elicottero ha detto alla tv locale KSL di credere che si tratti di un’installazione artistica di qualche fan di 2001: Odissea nello spazio (il film di Stanley Kubrick inizia con una scena in cui è presente un grosso e misterioso monolite nero).

L’ironia Usa

Il Dipartimento non ha specificato la zona in cui è stato trovato il monolite e ha detto che non è chiaro al momento chi lo abbia messo lì, precisando tuttavia in un comunicato che è illegale posizionare strutture o installazioni artistiche nei luoghi pubblici “a prescindere dal pianeta da cui si proviene”.

oh this is just great https://t.co/PTbFQm3TrC

— Ryan Perkins (@perkmcgerk) November 24, 2020 Leggi anche:

Perché la Sirenetta Ariel ha la coda verde?

Categorie: Altri blog

È possibile essere sostenibili anche quando si mangia fuori casa?

People For Planet - Mar, 11/24/2020 - 16:00

Perché limitare la propria attenzione nei confronti dell’ambiente e dell’ecologia solo perché ci troviamo fuori casa? È assolutamente possibile ridurre drasticamente i proprio rifiuti con un semplicissimo metodo, anche dai fa te!

Scopriamo insieme ad Alessia Poliandri – Mamma in blu, vediamo quali sono le alternative possibili per un pranzo al sacco nel rispetto dell’ambiente.

People For Planet
Categorie: Altri blog

I vegani hanno un maggior rischio di frattura delle ossa

People For Planet - Mar, 11/24/2020 - 14:00

Il britannico New Scientist, uno dei magazine di divulgazione scientifica tra i più accreditati al mondo, pubblica i risultati di uno studio recente. 

Le persone che seguono una dieta vegana hanno un rischio maggiore di fratture, soprattutto alle anche. È quanto rivela una ricerca realizzata da BMC Medicine. Per giungere a questa conclusione, i ricercatori di BMC Medicine hanno utilizzato un campione di 65.000 individui seguiti sin dal 1993.

Lo studio era stato realizzato inizialmente con un obiettivo diverso, valutare l’influenza della dieta sul rischio di sviluppare il cancro.

“Il lavoro  ha dimostrato che i vegetariani hanno ossa più fragili dei mangiatori di carne”, ricorda il New Scientist. 

In particolare  i vegani (che non mangiano carne, pesce o prodotti animali) hanno il doppio delle probabilità di frattura alle anche rispetto alle persone che mangiano carne. Questo rischio è superiore rispetto ai “carnivori”, ma meno fortemente, nei vegetariani (né carne né pesce) così come tra coloro che mangiano pesce ma non carne.

Complessivamente, sull’insieme della popolazione, il rischio di frattura delle ossa è comunque basso, pari a 20 fratture ogni 1.000 persone in dieci anni. “E’ probabile che il tasso di fratture sia più alto nelle persone anziane, afferma il ricercatore Tammy Tong dell’Università di Oxford, il primo autore dello studio.

Insieme ai suoi colleghi, ha scoperto che le persone che mangiano carne assumono più calcio e proteine. Ricorda il New Scientist: “Il calcio è un componente importante delle ossa e le proteine possono facilitare l’assorbimento del calcio dal cibo”. 

Per Heather Russell, dietista presso la Vegan Society (un’associazione per la promozione del veganismo) nel Regno Unito: ”È del tutto possibile prendersi cura delle proprie ossa seguendo una dieta vegana ben costruita, ma essere informati è essenziale per fare scelte salutari “.

Foto di Louis Hansel

Categorie: Altri blog

Giornata contro la violenza alle donne: “Ma dove sono? Non le vedo!!”

People For Planet - Mar, 11/24/2020 - 10:46

Lo stanco tweet di Alessandro Laterza sia spunto di riflessione nella Giornata contro la violenza alle donne, che cade domani, ché anche questa ne è una forma. Le donne non sono forse oggetto di violenza perché invisibili? Contano poco, e si vedono poco in tutti i ruoli di potere, prestigio e rispetto: dalla cucina, alla scrittura, alla politica, alla formazione. Il celebre, e non più giovane editore, su Twitter s’è lasciato andare a un’analisi ben poco lusinghiera, e ben poco ragionata, nei confronti delle scrittrici contemporanee italiane. “Essere scrittori è altro dal saper scrivere bene: è avere uno “stile”, un proprio uso del lessico, sintassi, figure retoriche, ecc.. Trama, personaggi, soggetto sono marginali. Cerco lumi sulle scrittrici italiane contemporanee. Per mia lacuna mi fermo a Ginzburg e Morante. Grazie”.

Una lacuna non da poco

Come ricorda su Facebook la scrittrice Stefania Prandi, “C’è un bellissimo libro del 1983, “How to Suppress Women’s Writing” di Joanna Russ. (…) Racconta di come la scrittura delle donne sia stata ignorata, minimizzata, esclusa dal canone, nel corso dei secoli, e di come le scrittrici siano state umiliate, molestate, ricattate sessualmente.

“Quando Charlotte Brontë portò il suo primo manoscritto a un agente letterario si sentì rispondere di essere troppo bella per essere una romanziera. L’uomo cercò poi di stuprarla, lasciandola andare solo dopo avere tenuto il suo manoscritto e 50 dollari, per costringerla così a tornare. “Ero ferita e tremavo di rabbia”.

“Il riconoscimento del valore delle opere delle donne, che siano scrittrici o altro (dalle artiste alle scienziate) è uno dei problemi cardine dei nostri giorni, quasi per niente affrontato in Italia rispetto a quanto invece accade negli Stati Uniti, dove si vedono gli effetti del lavoro fatto fino ad ora”.  Il tweet di Laterza è conseguenza di questa lacuna, conclude.

Le pubblicazioni per genere

Secondo una indagine di Andrea Zanni, che lui stesso posta a commento del contributo di Laterza, le cose dai tempi della Brontë non sono cambiate tantissimo.  Considerando il catalogo di ebook di MLOL, che comprende oltre 90mila libri, e può considerarsi una buona approssimazione dell’offerta editoriale italiana, possiamo farci un’idea della differenza nelle pubblicazioni tra autori maschi e femmine. Prendendo i primi 16 editori per numero di ebook, e mettendo da parte HarperCollins, casa editrice molto settoriale (pubblica gli Harmony) i libri scritti da donne sono sempre sotto il 40%.

Una giornata contro la violenza

PS. Sono quasi sette milioni (il 31,5 per cento della popolazione femminile tra i 16 e i 70 anni), le donne che nell’arco di una vita subiscono violenza fisica o sessuale (dati Istat). E a metà novembre 2020 – secondo il ministero dell’Interno – erano giunti a 96 i femminicidi compiuti quest’anno. Con la nota 23622 del 20 novembre, il ministero dell’Istruzione invita le scuole a promuovere iniziative sulla Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, istituita il 25 novembre di ogni anno dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite. Qui qualche spunto.

Categorie: Altri blog

8 trucchi fai-da-te per sopportare meglio le fredde giornate!

People For Planet - Mar, 11/24/2020 - 10:00

Dal canale YouTube di Sagace: L’inverno è alle porte e il freddo in arrivo: è il periodo dell’anno in cui tutti desideriamo rimanere a letto al calduccio e quando finalmente ci alziamo, ecco che inizia una vera e propria lotta contro il freddo. Per questo abbiamo deciso di mettere insieme alcuni trucchi che renderanno le vostre fredde giornate invernali leggermente più sopportabili, sia fuori che dentro casa.”

Sagace

Leggi anche:
Naso chiuso, febbre, mal di testa: influenza o raffreddore? Cinque domande per capirlo
Mal di gola con le placche? Non sempre servono gli antibiotici
Lana gigante: come fare una coperta

Categorie: Altri blog

Ti ricordi “La vita segreta delle piante”?

People For Planet - Mar, 11/24/2020 - 08:00

È quel libro, di Cleve Backster, che più di 40 anni fa raccontò esperimenti condotti sulle piante con attrezzature simili alla macchina della verità: sensori elettrici attaccati alle foglie… Tramite questi test si dimostrava la telepatia vegetale, svenimenti vegetali di fronte alla violenza e addirittura la capacità della verdura di ricordare una persona che aveva ucciso dei gamberetti di fronte a loro.

Ne uscì anche uno sceneggiato televisivo: Andromeda, che fece furore. Grazie alla testimonianza di un ficus benjamin veniva smascherato un assassino!

Le piante non sono telepatiche

La cattiva notizia è che da allora nessuno scienziato è riuscito a ottenere risultati simili. Quindi possiamo supporre che le piante non siano telepatiche e non siano validi testimoni nei processi per omicidio. La buona notizia è che le piante sono capaci di fare parecchie cose che ce le fanno apparire quasi senzienti.

Curioso notare incidentalmente che nonostante in 40 anni nessuno sia riuscito a replicare gli esperimenti di Backster, il web è pieno di articoli che parlano di questi esperimenti come se fosse scontato che funzionano veramente. E alcuni arrivano a citare questi esperimenti come se fossero novità dell’ultima settimana…
Ma torniamo alle cose straordinarie che fanno le piante.

La mimosa è veramente pudica?

Se fai cadere per un metro e mezzo una pianta di mimosa pudica, questa sviene afflosciandosi istantaneamente per ammortizzare la caduta. Se però la prendi al volo, evitandole l’impatto col terreno, dopo un po’ che ripeti questa pratica la pianta capisce che non c’è pericolo e smette di afflosciarsi. E a distanza di 28 giorni è ancora capace di ricordarsi che le cadute che provochi non la mettono in pericolo e continua a non afflosciarsi. Il che è interessante perché molti insetti hanno una memoria che non va oltre le 48 ore.

Il meccanismo a rete

Le piante compiono parecchie azioni affascinanti e gli scienziati si stanno dedicando a risse selvagge sull’interpretazione di queste capacità. Alcuni sostengono che da qualche parte devono avere qualche cosa di simile a un cervello al momento che ricordano e sono capaci di prendere decisioni… Non proprio un cervello nel senso classico del termine, una specie di “meccanismo a rete”…
Se fai sentire a una pianta la registrazione del suono che fa un bruco quando mangia una foglia, quella inizia a produrre tossine per rendersi indigeribile.
Il mais e il fagiolo di Spagna, quando vengono attaccati dai bruchi, emettono un odore che attira alcune vespe che si mangiano i bruchi.
Le piante sentono se le proprie radici si stanno avvicinando a sostanze tossiche o ad altre piante e cambiano direzione.
Le piante producono segnali elettrici e chimici, serotonina e dopamina (DOPAMINA, quella sostanza che ci rende … Sulle piante fa lo stesso effetto?).
E se vengono colpite emettono anche una sostanza che sugli animali ha un effetto anestetico, l’etilene. Quindi c’è da sospettare che sentano il dolore.
E se le piante individuano un pericolo emettono odori capaci di mettere in allarme altre piante… Sono in grado di emettere fino a tremila sostanze diverse… Diversi odori… Se queste sostanze fossero un vocabolario avrebbero più parole dell’italiano medio.
Le piante sanno dove sono, sentono l’acqua, sentono il sole, i rumori, hanno il senso dell’alto e del basso e percepiscono la vicinanza di altre piante e riconoscono le loro simili.

Anche i vegetariani sono cattivi?

Questo fatto che le piante sono meno stupide di quel che si pensava, pone una serie di domande filosofiche molto profonde.
Tanto per cominciare c’è da domandarsi: i vegetariani sono cattivi? Sinceramente da tempo mi pongo il problema. Non saprei dire se dal punto di vista etico esista una grande differenza tra un carnivoro e un vegano. Personalmente ho individuato una mia particolare dieta per quando sto male e ho bisogno di riconciliarmi con l’universo: rinuncio a cibarmi di qualsiasi creatura senziente, sia essa vegetale o animale. Quindi mangio solo semi, miele, latte e uova non fecondate. Questa dieta l’ho chiamata RUBISMO, mangi quel che puoi rubare senza uccidere. Cioè, le piante lo sanno che se fanno i semi così buoni poi arriva qualcuno che se li ruba. La loro strategia riproduttiva anzi si basa proprio su questo tipo di comportamento. Quindi non dovrebbero incavolarsi troppo. Con il latte, le uova e il miele la questione è eticamente un po’ bastarda, ma comunque non ammazzi nessuno.
Ovviamente in casi estremi potrei scegliere di alimentarmi solo di semi e di frutti (ciliegie, cereali eccetera). Ovviamente una visione restrittiva potrebbe sostenere che mangiare un chicco di grano è un’azione simile a un infanticidio. Quindi resterebbe eticamente valido solo alimentarsi della polpa non fruttifera dei frutti: cioè posso mangiare ciliegie, albicocche, prugne, cocco e pomodori, fragole e mele, a patto di non masticare i semini (anzi mangiare pomodori sarebbe molto etico visto che il nostro processo digestivo non danneggia i semi, a patto di farla poi in mezzo ai prati, infatti se i semini finiscono nelle fogne poi marciscono a causa della lunga permanenza a mollo).

Leggi anche:
Le piante d’appartamento depurano l’aria?
Curare le piante per coltivare noi stessi
Anche le piante hanno il battito cardiaco
Piante aromatiche: colori e odori per riempire giardino e balcone
Piante e habitat in pericolo di estinzione (Infografica)

Foto di Jeon Sang-O da Pixabay

Categorie: Altri blog

Rider vince la causa contro Glovo | “Patrimoniale, sarà pagata dai poveri” | Rinvio tasse per le imprese con perdite

People For Planet - Mar, 11/24/2020 - 06:25

Corriere della Sera: Rider vince la causa contro Glovo: verrà assunto a tempo indeterminato;

Il Giornale: “Patrimoniale voluta dalle élite sarà pagata soltanto dai poveri”;

Il Manifesto: In aumento i dati della violenza contro le donne;

Il Mattino: Conte chiude le piste da sci: «A Natale non ripeteremo Ferragosto»;

Il Messaggero: Covid, il talento dei cani che fiutano i positivi: più affidabili dei tamponi Foto;

Ilsole24ore: Gualtieri: rinvio tasse per tutte le imprese con perdite – Fisco, verso nuova rottamazione delle cartelle e niente più tasse «inutili» – Lo stop all’acconto di novembre – Occupazione, welfare e famiglia: le misure della manovra;

Il Fatto Quotidiano: “No a strade affollate e scuole chiuse”: la ministra Azzolina spinge per la riapertura prima di Natale;

La Repubblica: Governo-Regioni, nuovo fronte. Quelle alpine: “Lo sci è sicuro, non chiudete gli impianti”;

Leggo: Coronavirus, De Luca riapre asili e prime elementari in Campania. Il Tar sospende la chiusura in Calabria;

Tgcom24: Con Biden due donne (le prime) al Tesoro e a capo degli 007, alla Sicurezza un ispanico (il primo);

Categorie: Altri blog

ENOUGH – Momenti di perdita di autocontrollo

People For Planet - Lun, 11/23/2020 - 19:00


Un divertente corto in stop-motion sulle piccole frustrazioni quotidiane e sulla voglia di ribellarsi.

Dallo stile inconfondibile il cortometraggio della giovane svedese Anna Mantzaris nel quale, ammettiamolo, noi a molti di piacerebbe immedesimarci.

Anna MantzarisPLUS
Categorie: Altri blog

Autodifesa Finanziaria: le parole che non ti hanno detto (in banca!)

People For Planet - Lun, 11/23/2020 - 17:00

Una delle prime cose che ci ha spiegato Vincenzo Imperatore quando abbiamo iniziato la collaborazione con People For Planet è stata che in banca non ti dicono bugie ma omettono tantissimo, l’omissione è la regola. Omettere tutte quelle informazioni che in qualche modo possono spaventare il cliente… Scopriamole!

flowplayer.conf.analytics = "UA-11693000-17"; flowplayer.conf.container = "#player_369"; p = flowplayer(flowplayer.conf.container, { splash: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/369/output/thumb.jpg', aspectRatio: "16:9", key: '$995340359991288', clip: { sources: [ { type: 'application/x-mpegurl', src: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/369/output/autodifesa-finanziaria-pt8-parole-che-non-dicono.mp4_master.m3u8' }, { type: 'video/mp4', src: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/369/autodifesa-finanziaria-pt8-parole-che-non-dicono.mp4' } ] } })

Clicca qui per vedere le altre puntate

Vincenzo Imperatore è il redattore della rubrica settimanale di People For Planet Bancomatto.

Categorie: Altri blog

Milano, pubblicità choc di un’agenzia funebre: “Promozione Covid, bara in omaggio”

People For Planet - Lun, 11/23/2020 - 13:19

Da tempo, ormai, siamo stati abituati ai contenuti irriverenti promossi dalla celebre agenzia funebre Taffo Funeral Services e al lavoro geniale del suo Social Media Manager, Riccardo Pirrone.

L’ultima fantastica trovata risale a qualche giorno fa, in risposta al fenomeno delle scarpe targate Lidl andate a ruba nei supermercati italiani, con un botta e risposta tra i due brand che non ha fatto altro che accrescere la notorietà dei due famosi marchi.

Tuttavia, non tutti gli addetti alla comunicazione delle aziende hanno l’ironia e l’intelligenza di Riccardo Pirrone.

Così, a Milano, è comparsa una pubblicità choc di un’agenzia di pompe funebri, la SVE, in cui appare un guantone da boxe che dà un pugno al coronavirus, accompagnato dalla scritta “Promozione Covid. Bara in omaggio, te la regaliamo noi!”, oppure “In regalo il cappotto di legno”.

In un momento storico come quello che stiamo vivendo, popolato da incertezza e paura sul presente e sul futuro, con persone che lottano tra la vita e la morte contro una malattia ancora non conosciuta del tutto, promuovere la propria azienda in termini così superficiali e poco delicati, non sembra affatto il modo adatto di fare pubblicità.

Le parole hanno un peso in tutti gli ambiti, soprattutto in quello della comunicazione.

L’unica conclusione a cui possiamo giungere è che non tutti i Social Media Manager sono Riccardo Pirrone!

Leggi anche:
La Lombardia in piena crisi Covid-19 si autocelebra (Video)
Covid-19. L’incredibile storia della Regione Lombardia e dei vaccini antinfluenzali
Covid-19, Torino mette i letti in chiesa e vuole richiamare gli infermieri positivi

Categorie: Altri blog

Covid-19, anche l’Italia chiude i suoi allevamenti di visoni

People For Planet - Lun, 11/23/2020 - 10:50

Sospese anche nel nostro Paese le attività degli allevamenti di visoni, su tutto il territorio nazionale, almeno fino alla fine di febbraio 2021, quando verrà effettuata una nuova valutazione sullo stato epidemiologico. Lo ha stabilito il Ministro della Salute, Roberto Speranza, firmando un’apposita ordinanza.

Abbattuti solo se malati

Pur essendo il numero degli allevamenti in Italia molto ridotto rispetto ad altri paesi europei, si è valutato di seguire il principio della massima precauzione in osservanza del parere espresso dal Consiglio Superiore di Sanità. Secondo l’ordinanza, in caso di sospetto di infezione, le autorità locali competenti dispongono il sequestro dell’allevamento, il blocco della movimentazione di animali, liquami, veicoli, attrezzature e l’avvio di una indagine epidemiologica. “In caso di conferma della malattia, i visoni dell’allevamento sono sottoposti ad abbattimento”, precisa l’ordinanza.

Nei visoni il virus è cambiato

Gli allevamenti di visoni continuano a spaventare ovunque, e dopo la Danimarca, anche la Francia ha recentemente rinvenuto la presenza di coronavirus tra questi animali, allevati per la produzione di pellicce.

Già iniziato oltralpe l’abbattimento degli animali in forma preventiva, per evitare che la mutazione del ceppo di coronavirus rinvenuto negli animali si diffonda anche tra le persone, proprio come accaduto in Danimarca. Altri contagi tra questi animali sono stati registrati anche nei Paesi Bassi, in Svezia e in Grecia.

Le preoccupazioni per il vaccino

Il fatto che nei visoni sia stato trovato un virus mutato preoccupa l’Organizzazione Mondiale per la Sanità Animale, soprattutto in vista della diffusione su larga scala del vaccino. Sebbene la pandemia covid-19 viaggi al momento attraverso la trasmissione da uomo a uomo, l’OIE ha espresso preoccupazione per “l’introduzione e la circolazione di nuovi ceppi virali nell’uomo, come quello dai visoni, possa comportare modifiche della trasmissibilità o virulenza e una diminuzione del trattamento e dell’efficacia del vaccino.  Le conseguenze complete rimangono sconosciute e sono necessarie ulteriori indagini per comprendere appieno l’impatto di queste mutazioni. Una stretta collaborazione tra le autorità sanitarie pubbliche e degli animali è fondamentale per identificare e ridurre meglio l’impatto”.

Covid-19, Crisanti teme un vaccino ma dai reparti covid non aspettano altro. “Paura? Io lo farei subito”

Covid-19, visoni contagiati in allevamenti olandesi

Categorie: Altri blog

Come essiccare fiori in maniera naturale

People For Planet - Lun, 11/23/2020 - 10:00

Dal canale YouTube Arte Green un video tutorial semplicissimo su come seccare i fiori e abbellire gli ambienti della nostra casa! Risultato assicurato!

Arte Green

Leggi anche:
Salvia in vaso, come avere successo!
Mettete dei fiori nei vostri tatuaggi
Rispondere all’odio con l’amore

Categorie: Altri blog

Gli strani casi dell’animo umano: “Quelli che… attenzione ai complimenti!”

People For Planet - Lun, 11/23/2020 - 08:00

C’è una vecchia barzelletta che recita:
«Sai, sei davvero la donna più bella che abbia mai visto»
«Lo dici solo perché mi vuoi portare a letto»
«Anche intelligente!!!»

Fanno piacere, i complimenti. Gli apprezzamenti, le manifestazioni di stima. E spesso, per carità, sono onesti e sinceri. A volte, però, possono nascondere richieste implicite o addirittura una affermazione di ruoli ben precisa.

Vediamone alcuni esempi:

“La donna ha una marcia in più, è superiore all’uomo”

Affermazione spesso attribuibile a uomini che si ritengono particolarmente illuminati. Peccato che, a seguito di tale affermazione, si tenda poi a dare per scontato che certe rogne terrificanti siano proprio appannaggio di “quella con la marcia in più”.
#LazzaroAlzatiDalQuelDivanoEcammina

“Di solito i tuoi articoli non mi piacciono, ma in questo caso sono d’accordo con te: bravo!” 

L’interlocutore ti sta usando per ricordare a te, se stesso e a tre quarti della vostra palazzina, che la misura del valore è sempre data da sé medesimo. Di fatto, mentre ti dice che sei bravo, ti ricorda che lui è quello che dà il voto.
#AbbiamoMisterSimpatiaAbbiamo

“Tesoro, questa lasagna è buona quasi quanto quella di mia madre”

Si preferisce non commentare ulteriormente questo passaggio.
#MaPorcMaggiaggAccidentiAllaPutt

“Sto con te perché mi fai ridere”

A me personalmente viene detto, solitamente, sotto le coperte, abbracciati, dopo una attività che – al di là della sempre ben accetta allegria – non dovrebbe far ridere.
#CeDiPeggioSoloOraNonMiVieneInMente

“I complimenti sull’età”

Quelli che te ne devono dare 25 anche se ne hai 40. Allora tanto vale che ci mettiate in mano la chiave di una camera al motel: si capisce che ci state provando. 
#MancoLeBasiDelMestiere

Attenzione!

I complimenti sono stra-bene accetti. Soprattutto quelli spontanei, ma anche quelli “fatti per far piacere”.
Se una persona a te cara ti riempiva di osservazioni lusinghiere e ad un certo momento smette, magari c’è qualcosa che non va:

a) Siete dannatamente peggiorati voi
b) Si è un po’ abituato lui
c) Ma non è che avete smesso di fargliene anche voi? 

Ecco.

#FateviLeCoccole
#AttenzioniAllAltroSenzaDoppiFini #ComunqueSeMiDiteCheFaccioRidereSonoContentaEh

Foto di Gerhard Gellinger da Pixabay

Categorie: Altri blog

Coronavirus, la Cina accusa l’Italia | Vaccino anti Covid “Ecco per chi scatta l’obbligo” | Ritorno in classe nel 2021

People For Planet - Lun, 11/23/2020 - 06:25

Corriere della Sera: Il governo lavora a un extra cashback di Natale da 150 euro: cos’è e come funziona;

Il Giornale: Piano per il vaccino anti Covid “Ecco per chi scatta l’obbligo”;

Il Manifesto: Ospedali oltre la soglia, il Covid espelle gli altri malati;

Il Mattino: Trump, ricandidatura entro quest’anno;

Il Messaggero: Edizione, i Benetton comunicano il cambio al vertice: Laghi sarà ad e presidente cda;

Ilsole24ore: Occupazione, welfare e famiglia: le misure della manovra alla Camera – Acconti, stop ai pagamenti con perdite del 33% nel primo semestre – Ristori, nel mirino le partite Iva;

Il Fatto Quotidiano: L’Agenzia del farmaco: “Il vaccino anti Covid è sicuro. Entro i primi 3 mesi capacità fino a 10 milioni di dosi. La campagna di massa partirà dall’estate del 2021”;

La Repubblica: Licei e istituti, ritorno in classe nel 2021: “Apriranno solo dopo la Befana”;

Leggo: Coronavirus, la Cina accusa l’Italia: «Lì c’era già a settembre, non siamo noi il paese d’origine del Covid»;

Tgcom24: Oms: “L’Europa si attrezzi o arriverà una terza ondata” | Il Cts avverte gli italiani: “A Natale riaperture rigorose o sanzioni”;

Categorie: Altri blog

La Lombardia in piena crisi Covid-19 si autocelebra (Video)

People For Planet - Dom, 11/22/2020 - 21:00

Massimo Boldi è stato chiamato a parlare davanti alle telecamere per uno spot della Regione Lombardia destinato (parole di Boldi) ai “cipollini lombardi” e che potete vedere qui sotto.

Il momento più “alto” del video arriva quando Boldi per ricordare l’uvetta del panettone fa il gesto di scaccolarsi.
Un video trash ( o, se preferite, horror) commissionato dalla regione record per casi di coronavirus e morti che si vuole autocelebrare per i contributi stanziati alle imprese vittime della stessa pandemia.

Fonte: Regione Lombardia
Categorie: Altri blog

Programma russo per la colonizzazione di Marte (video)

People For Planet - Dom, 11/22/2020 - 18:51

Ecco come sarà una colonia russa su Marte, un luogo bucolico dove i cybercontadini si innamorano dei trattori…

Il fotografo e regista Sergey Vasiliev, stanco del luogo comune secondo cui il suo paese è tecnologicamente arretrato, ci regala una personale visione di come sarà il prossimo futuro

Fonte: birchpunk
Categorie: Altri blog

Autodifesa Finanziaria: il passaggio da risparmiatore a investitore

People For Planet - Dom, 11/22/2020 - 17:00

E’ questa la domanda che più spesso Vincenzo Imperatore, Consulente di Direzione, si sente fare durante gli incontri.
In questo video tutorial alcune regole che bisogna seguire per non sbagliare gli investimenti. Ad esempio: prendersi 4 ore di tempo per analizzare la propria situazione finanziaria, gli obiettivi, i tempi…

Come funziona il delicato passaggio da risparmiatore a investitore? flowplayer.conf.analytics = "UA-11693000-17"; flowplayer.conf.container = "#player_368"; p = flowplayer(flowplayer.conf.container, { splash: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/368/output/thumb.jpg', aspectRatio: "16:9", key: '$995340359991288', clip: { sources: [ { type: 'application/x-mpegurl', src: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/368/output/autodifesa-finanziaria-ep7-investitore.mp4_master.m3u8' }, { type: 'video/mp4', src: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/368/autodifesa-finanziaria-ep7-investitore.mp4' } ] } })

Clicca qui per vedere le altre puntate

Vincenzo Imperatore è il redattore della rubrica settimanale di People For Planet Bancomatto.

PROSSIMA (E ULTIMA) PUNTATA MARTEDI’ 19 NOVEMBRE 2019!

Categorie: Altri blog

Guardami adesso! La storia di Valeria Lusztig e la sua conquista dei 4000 metri del Balmenhorn dopo un trapianto bipolmonare

People For Planet - Dom, 11/22/2020 - 10:41

Lo racconta Valeria Lusztig, consulente di comunicazione e giornalista, di Reggio Emilia. 

Le fu diagnosticata alla nascita una malattia genetica: la fibrosi cistica, degenerativa e incurabile. Poi la rinascita! Datata 1 dicembre 2017, quando al centro trapianti di polmone del Policlinico di Milano ricevette una seconda possibilità di vita. Un rigetto, acuto e devastante, infrange la speranza, ma è ancora lotta e infine ripresa, difficile e totale quanto inaspettata.

La vita è nuovamente in mano a Valeria Lusztig e lo scorso 23 agosto la accompagna nella salita al Balmenhorn, massiccio del Monte Rosa, assieme ad altri sette incredibili compagni di cordata.

A oggi si ha notizia di soli tre trapiantati di polmoni che siano riusciti in questa impresa. 

“Non finiva più. – Racconta Valeria Lusztig  – Non so come riuscissi a inspirare tanta aria, ma quel respiro in vetta, davvero è stato il più lungo di tutta la mia vita”. 

Finalmente raggiunge la vetta, dopo ore di affanno, fatica, soste, e i cinque secondi della filosofia di Alex Zanardi ripetuti all’infinito: “Ancora cinque secondi, poi ti fermi. No, dai, ancora e ancora. Fino su, a 4175 metri. È stato come un time-lapse, di pochi secondi, del lungo approdo al trapianto di polmoni, arrivato dopo quarantatré anni di fibrosi cistica. Un lungo respiro conquistato, dopo un costante debito di ossigeno, vita e progetti”.

In estrema sintesi eccola, la svolta nella vita di Valeria. 

Una delle tante curve, dossi, cadute affrontate, ma che stavolta ha avuto i contorni netti e sinuosi di una salita innevata. 

“Una ribellione sotto un cielo talmente blu da sembrare irreale – continua- almeno agli occhi di una nata e cresciuta in pianura padana”. 

Valeria, perché hai voluto intraprendere quest’avventura?

Per onorare la vita e l’impresa di un amico che non c’è più, con cui condividevo sorte genetica e rinascita, che salì quasi fino a Capanna Margherita nell’aprile del 2018.

Qual è il messaggio?

Credo ce ne sia più di uno. Il più importante: abbiamo raccolto quasi tre mila euro e li abbiamo devoluti alla Fondazione per la ricerca contro la fibrosi cistica. Tutti quelli che hanno voluto partecipare alla causa è sono stati parte di quella cordata hanno visto questa generosità non come pulizia facile e veloce della coscienza del sano, ma come sensibilità condivisa. Poi un messaggio rivolto a chi è in attesa di un organo, ai neo trapiantati, ai malati che possono vedere finalmente allontanarsi o sparire, dietro l’orizzonte dei nuovi farmaci, l’ipotesi sempre spaventosa del trapianto. 

La vita dopo il trapianto può essere costellata d’intoppi, fatiche e imprevisti, ma può essere capace di regalare momenti straordinari, così come una straordinaria normalità. Significa onorare ogni giorno la vita del proprio donatore, della sua famiglia, e il lavoro dei tanti sanitari che si sono spesi per permetterlo. Infine, mostrando la fatica, che mi ha accompagnato quasi ad ogni passo, ho voluto dimostrare che non solo un alpinista esperto, allenatissimo e in sfida per un costante miglioramento dei propri tempi di salita, può accedere a queste vette. Il mio zaino storto, il mio rampone destro che faceva i capricci, le mie soste a base di miele per combattere le ipoglicemie hanno contribuito a testimoniarlo.

È stato un azzardo, quindi?

No. Avevo il benestare delle mie pneumologhe, pazientemente avvezze alla mia attitudine a prendere la vita come una cicala, e un allenamento che, visti i tempi e le possibilità, è stato il massimo che ho potuto. Una cordata di persone esperte che non mi ha mai lasciato sola o fatta sentire insicura.

Com’è nata questa cordata?

Avevo letto la storia di Ilaria Pietropaolo, che scalò il Monte Bianco in solitaria in ricordo delle sue gemelle, perdute pochi giorni dopo la nascita. Le avevo raccontato della mia folle idea di salire sul Monte Rosa e lei si offrì subito di accompagnarmi, senza ancora conoscermi. Poi, piano piano, altre anime belle quanto folli si sono unite e alla fine siamo saliti in otto.

Tornerete in vetta?

“Il mio obiettivo resta Capanna Margherita. I sogni vanno cullati e, allo stesso tempo, va coltivata l’arte di abbandonarli. Sono reduce da una polmonite (non Covid) e non so se avrò una capacità respiratoria all’altezza per la prossima estate. Quindi, non solo vette ma tanti cammini. Sempre legati al Progetto Guardami adesso. Ogni iniziativa vedrà una raccolta fondi per enti e associazioni attive per la prevenzione, la salute o la ricerca in campo medico.

Com’è nata l’idea di Guardami Adesso?

Una volta tornata a casa, dopo il trapianto e finalmente senza la bombola di ossigeno, compagna di passi tanto ingombrante quanto necessaria, le persone mi dicevano: eri un lumicino, e ora, guardati adesso! Il sottinteso era: non ci avremmo scommesso un euro, probabilmente. Poi parlando con amiche reduci da cicli di chemioterapie che avevano barattato la salvezza con i capelli, o malattie che ne avevano segnati il viso e il corpo, saltava sempre fuori il disagio nel sostenere sguardi estranei e difficili, che ogni volta, indagatori o distratti, inconsapevoli o sadici, sottolineavano il nostro aspetto e quindi il nostro stato. 

Guardami adesso è volutamente un titolo arrogante; guardami adesso significa: in questa finestra di benessere possiamo onorare la nostra scalata invisibile, quella condotta nel letto di ospedale a combattere il morbo, e lanciarci in quelle che mi piace chiamare spedizioni di riscatto. Allarghiamo l’orizzonte e guardiamolo, possibilmente. Dall’alto. Anzi guardateci, guardateci adesso.

Lunedì 23 novembre alle ore 21,30 Valeria sarà in diretta con Jacopo Fo e la psicoterapeuta Ilaria Fontana nell’incontro settimanale del “Lunedì Psicologico”  sulla pagina facebook

https://www.facebook.com/jacopofoalcatraz.

 

https://www.facebook.com/spedizionidiriscatto/

https://www.facebook.com/ilariafontanapsicoterapianapoli

Categorie: Altri blog

Concimare il prato in inverno: come fare, quando e quali sono i benefici

People For Planet - Dom, 11/22/2020 - 10:00

Come si legge dal YouTube Bestprato.com: “durante la stagione invernale (dicembre, gennaio e febbraio) il prato diminuisce la sua attività vegetativa, rallenta la sua crescita e il fabbisogno nutritivo diretto si riduce rispetto alla prima parte dell’autunno. In questa fase la nostra attenzione va spostata nel terreno ed in particolare sulla sua fertilità”.

Bestprato.com

Leggi anche:
2020 anno internazionale della salute delle piante
Pollice nero? Ecco 7 piante facili per la casa
Anche le piante fanno musica! (VIDEO)

Categorie: Altri blog