Altre notizie dai nostri siti

Utata katika nyumba ya Fatima (Puntata 12)

People For Planet - Sab, 04/14/2018 - 02:19

 

Che cos’è Il Teatro Fa Bene? Clicca qui http://www.ilteatrofabene.it/

The post Utata katika nyumba ya Fatima (Puntata 12) appeared first on PeopleForPlanet.

Categorie: Altri blog

Festival dell’Arte Irregolare 2018: gli atti dell’evento

Comitato Nobel Disabili Onlus - Ven, 04/13/2018 - 16:41

Dal 30 settembre al 2 ottobre 2017 si è tenuto alla Libera Università di Alcatraz il secondo Festival dell’Outsider Art – Arte Irregolare dal titolo “Mondi, luoghi e visioni”.

Potete scaricare qui gli Atti del festival dove troverete tutti gli interventi dei relatori e tante bellissime foto con i quadri dei nostri artisti.

Buona lettura!

Categorie: Altri blog

ATLAS Perugia: dove la tecnologia diventa relazione

Le Buone Notizie di Cacao - Ven, 04/13/2018 - 13:15

Carissimi,
questa settimana lasciamo la parola a Silvia Bonciarelli, psicologa e amica che ci racconta di un magnifico progetto che si sta sviluppando proprio a Perugia in aiuto ai ragazzi affetti da autismo.
Buona Lettura!

ATLAS Perugia: dove la tecnologia diventa relazione
A Casaglia, pochi chilometri da Perugia, c’è un grande casale immerso nel verde dove da qualche anno un gruppo di persone, volontari di varie età provenienti da differenti competenze e formazioni, porta avanti un progetto in cui si amalgamano nuove tecnologie digitali, divertimento e arti creative.

(...) Continua a leggere CACAO del Sabato

In Giappone più colonnine per le auto elettriche che distributori di carburante?

Le Buone Notizie di Cacao - Ven, 04/13/2018 - 12:13

40mila punti di ricarica per auto elettriche contro 34mila stazioni di servizio (le pompe di benzina sono molte di più)
Continua su People For Planet

Contrordine: la pasta non fa ingrassare

Le Buone Notizie di Cacao - Ven, 04/13/2018 - 12:11

Studio la “assolve”: all’interno di una dieta a basso indice glicemico fa anche dimagrire
Continua su People For Planet

Lo stadio di Scampia

Le Buone Notizie di Cacao - Ven, 04/13/2018 - 12:10

E’ dedicato a Antonio Landieri, vittima di camorra, il nuovo stadio di Scampia che ieri ha ricevuto l’agibilità. Potrà ospitare 1300 persone ed è stato realizzato utilizzando la gomma riciclata di 10mila pneumatici.
(Fonte: Ansa)

Abebe Bikila?

Le Buone Notizie di Cacao - Ven, 04/13/2018 - 12:10

Il sito del Comune di Roma annuncia un ospite d’eccezione alla maratona Appia Run del 15 aprile: Abebe Bikila, vincitore della maratona durante le Olimpiadi di Roma nel 1960.
Miracolo! Il Comune ha fatto il miracolo di resuscitare l’atleta etiope morto nel 1973. E annuncia anche che correrà insieme ai partecipanti!

Una filetta, per favore

Le Buone Notizie di Cacao - Ven, 04/13/2018 - 12:07

Vista l’espressione del cerbiatto sembra proprio che stia ordinando il pane. L’animale si è presentato dietro il bancone di una panetteria di Ortona e sembra stupito di tanta sorpresa.
Lo hanno servito subito così è tornato nel bosco a finire di cucinare il sugo.
(Fonte: Repubblica)

Video

Eco-Fashion Day, quando la moda è anche sostenibilità

People For Planet - Ven, 04/13/2018 - 11:55

Alla base della prima edizione dell’Eco-Fashion Day c’è questa riflessione! La giornata dedicata alla moda etica ha avuto luogo giovedì 12 aprile 2018 al Palazzetto Rosso di Genova accendendo i riflettori su questi delicati temi sempre più attuali, sensibilizzando e informando attraverso una tavola rotonda di esperti seguita da una sfilata di fashion brand eco sostenibili.
Organizzata da Sarsì – Laboratorio sartoriale, tessuti ecologici e filiere etiche, che utilizza materiali certificati nel rispetto delle norme di sostenibilità ambientale che si oppongono alle pratiche di sfruttamento del lavoro e Alliance Française de Gênes, sezione genovese dell’associazione fondata nel 1883 promotore della lingua francese e delle culture francofone nel mondo.

La manifestazione ha posto l’attenzione sul tema della moda sostenibile, ricordando le criticità emerse negli ultimi decenni: pessime condizioni dei lavoratori, sfruttamento del lavoro minorile, ricorso a materiali inquinanti e il diffondersi del fast fashion con il suo conseguente accumulo di rifiuti. 

L’evento ha visto la partecipazione di esponenti del settore tra cui: Zoe Romano, fondatrice del WeMake di Milano, esperta sul tema della tecnologia digitale come opportunità della moda; Pigna Mon Amour, realtà legata all’artigianato e alla sartoria sviluppata nell’ambito del progetto Art Lab Net del Dipartimento Architettura e Design di Genova, approfondendo come la moda possa fungere da mezzo di riqualificazione urbana; Radice Comune, spazio aperto in cui artisti e artigiani possono sviluppare idee e condividere esperienze per diffondere i valori di una creatività sensibile, ponendo l’attenzione sul tema della sostenibilità come mezzo di coniugazione tra artigianato e innovazione; i responsabili di Creazioni al Fresco, impegnati in attività legate alla moda con le detenute del carcere di Pontedecimo, hanno trattato il tema della moda come strumento di emancipazione, seguito dall’intervento del Centro antiviolenza Pandora e del brand Sarsì – Fatto con le mani. Da New York Camilla Mendini, graphic designer e appassionata di moda, prima Youtuber italiana a parlare di sostenibilità.

Successivamente al dibattito ha avuto luogo la sfilata multi-brand che ha visto scendere in passerella l’organizzatore Sarsì;  LaMafalda, i cui capi prodotti a mano si contraddistinguono per semplicità e carattere; LABITO, laboratorio artigianale di produzione di abiti dai tagli minimal con una coniugazione unica di colori e materiali; IUTY – It’s Up To You, il brand vegan fashion attento all’aspetto umano e sostenibile della moda; Parpaja sartoria creativa e refashion, laboratorio nel quale si producono capi e accessori ecosostenibili.

Eventi come l’Eco-Fashion Day pongono una reale attenzione a quelli che sono i bisogni del nostro tempo: maggiore attenzione al pianeta, rispetto dei diritti della persone e degli animali. Indirizzano e sensibilizzano a fare scelte più etiche di acquisto, facilitando nella ricerca di eco brand certificati per far in modo che tutti, anche nel nostro piccolo, possiamo contribuire a fare la differenza.

The post Eco-Fashion Day, quando la moda è anche sostenibilità appeared first on PeopleForPlanet.

Categorie: Altri blog

Gambe sane: come combattere gonfiori e varici

People For Planet - Ven, 04/13/2018 - 10:57

Senso di gonfiore e pesantezza alle gambe, dolore e indolenzimento, spesso associati alla comparsa di capillari e varici. Ne soffre una donna su 2: disturbi comuni, più o meno occasionali, influenzati dalla familiarità e legati all’invecchiamento. Ma a partire dai 30 anni, può essere il campanello di allarme di una patologia sottostante, la malattia venosa cronica, che interessa fino all’80% della popolazione, le donne tre volte in più degli uomini.

Ma cosa si può fare per mantenere in salute le gambe?
La prevenzione inizia da un corretto stile di vita e dalla cura del nostro organo più esteso, l’endotelio, il tessuto che riveste la superficie interna degli oltre 50mila chilometri di vasi sanguigni di cui è fatto il corpo umano, e che interviene nei processi infiammatori alla base della malattia venosa cronica. E’ quanto emerso dall’incontro, a Palazzo Giureconsulti di Milano, dello scorso 10 aprile: “Donne in Gamba. Imparare a prendersi cura di sé, a partire dalle gambe”, promosso da Mediolanum Farmaceutici.
“La malattia venosa cronica è una patologia causata da disfunzioni nei meccanismi di ritorno del sangue dalla periferia verso i polmoni. Nelle vene degli arti inferiori, il sangue deve compiere un percorso contro la forza di gravità, possibile solo grazie a valvole che si aprono all’arrivo del sangue sospinto dai muscoli e dalla pompa plantare, e si richiudono dopo il suo passaggio per impedire che ritorni verso il basso”, spiega Angelo Santoliquido, Responsabile Unità di Angiologia, Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli di Roma.

Continua a leggere su 3GoodNews

The post Gambe sane: come combattere gonfiori e varici appeared first on PeopleForPlanet.

Categorie: Altri blog

ATLAS Perugia: dove la tecnologia diventa relazione

People For Planet - Ven, 04/13/2018 - 04:52

L’obiettivo è quello di dar vita a una modalità innovativa per costruire e facilitare relazione e comunicazione anche per quelle persone per le quali questi concetti rischiano di non diventare mai esperienze di vita vissuta.

Stiamo parlando di autismo, che solo in Italia colpisce, secondo recenti stime, fra le 300 e le 500 mila persone; è quindi molto plausibile che ciascuno di noi conosca personalmente qualche bambino o ragazzo autistico e che abbia vissuto in prima persona l’immensa difficoltà di entrarvi in relazione.

E’ altrettanto probabile che abbia notato l’inclinazione che queste persone manifestano verso lo schermo, che sia quello di un tablet, di un pc, di uno smartphone, apparecchi che spesso assorbono la maggior parte del loro tempo “libero”.

Nel Centro Atlas-Sementera Onlus l’intenzione è stata quella di realizzare uno spazio di inclusione, formazione e ricerca, grazie a un’idea che ricorda un po’ quella di Alice quando desidera e riesce a passare dall’altra parte dello specchio. Ad Atlas le chiavi per accedere, in questo caso, dall’altra parte dello schermo, o meglio nello schermo come luogo di realtà aumentata, convivenza e interazione sono rappresentate da due strumenti tecnologici ideati ad hoc: Avatart e paINTeraction.

Si tratta di tecnologie e software di ultima generazione che consentono esperienze immersive rivolte non solo a persone con gravi disabilità intellettive e relazionali ma anche ai cosiddetti normali, visto che come sappiamo gli strumenti dell’incessante progresso tecnologico e la connessione costante spesso corrono il rischio di dare origine a processi di dipendenza e alienazione.

La sfida consiste allora proprio nel far sì che gli stessi dispositivi conducano invece a una crescita personale e relazionale.

PaINTeraction è un software progettato a Torino da Leva Engineering Srl, finanziato dalla Fondazione Charlemagne Onlus, e nasce appunto da una idea di Simone Donnari, una sorta di Alice 2.0, con la sua esperienza decennale nel campo dell’Arteterapia; per la sua messa a punto ci si è avvalsi inoltre della consulenza del team del gruppo di neuro-scienziati dell’Università di Parma, famosi per la scoperta dei neuroni specchio.

Gli elementi chiave di entrambi i software sono uno schermo, una telecamera sensibile al movimento e un computer che proietta in uno schermo nel quale si vede, proprio come in uno specchio, la stanza e le persone che vi si trovano davanti.

Con paINTeraction, muovendosi o emettendo dei suoni, nello schermo si iniziano a generare scie luminose, o bolle di sapone; il suono di una vocale fa uscire, vicino alla bocca di chi lo emette, una cascata della lettera corrispondente, o una scia di colore e luce.

Si può anche decidere di disegnare con il solo movimento della mano e di cancellare, si può giocare con una palla virtuale, che esiste solo nello schermo, eppure che risponde ai calci e rimbalza contro l’immagine del corpo.

Utilizzando entrambi gli strumenti si può sostituire allo sfondo della stanza un’immagine, che sia una famosa opera d’arte o un proprio disegno, in cui fanno capolino le immagini reali di coloro che si muovono davanti allo schermo.

Un singolo elemento dell’immagine scelta può diventare il proprio avatar, che si può incarnare e animare.

La persona quindi, in tempo reale, diventa per esempio una farfalla che vola nello schermo animata dai propri movimenti, o un veliero che naviga in uno scenario marino.

Questo è quanto è possibile grazie ad Avatart, il software sviluppato in Germania da Badaboom Berlin, una giovane impresa che coniuga tecnologia digitale e creatività collaborando con musei, teatri e festival.

I vari progetti multidisciplinari portati avanti dal questo centro di Perugia sono stati presentati in vari contesti nazionali ed internazionali ricevendo grande interesse e consenso.

Per maggiori informazioni sulle attività e le iniziative del Centro:
http://www.atlascentre.eu/
https://www.facebook.com/Atlas-Centre-326789790999590/

The post ATLAS Perugia: dove la tecnologia diventa relazione appeared first on PeopleForPlanet.

Categorie: Altri blog

Contrordine: la pasta non fa ingrassare

People For Planet - Ven, 04/13/2018 - 04:10

La cattiva fama dei carboidrati
Alzi la mano chi, almeno una volta, non si sia sentito dire: “se sei a dieta, devi ridurre il consumo di pasta“. Un mito da sfatare. Un nuovo studio pubblicato sulla rivista BMJ Open da un gruppo di ricercatori  del St. Michael’s Hospital di Toronto (Canada) assolve infatti il piatto italiano per eccellenza dall’accusa di indurre un aumento di peso, e precisa anzi che, se consumata all’interno di una dieta a basso indice glicemico, può avere anche effetti dimagranti.

Lo studio
A differenza della maggior parte dei carboidrati cosiddetti “raffinati”, che vengono rapidamente assorbiti nel flusso sanguigno, la pasta ha un basso indice glicemico e provoca quindi minori aumenti dei livelli di zucchero nel sangue rispetto a quelli causati dal consumo di alimenti che, invece, hanno un livello alto di questo indice. I ricercatori si sono quindi concentrati sul consumo di pasta, invece che di altri carboidrati, come parte di una dieta sana a basso indice glicemico. Dopo aver effettuato una revisione di tutti gli studi (randomizzati e controllati) condotti su questo argomento ne hanno identificati 32, per un totale di quasi 2448 persone coinvolte. Dall’incrocio di tutti i dati raccolti dalle varie ricerche esaminate è emerso che “la pasta non ha contribuito all’aumento di peso o all’aumento del grasso corporeo”. A parlarne è l’autore principale dell’articolo pubblicato su BMJ Open, John Sievenpiper, il quale spiega che, “contrariamente alle preoccupazioni, in realtà la nostra analisi ha mostrato effettivamente una piccola perdita di peso. Quindi forse la pasta può essere parte di una dieta sana, come ad esempio quella a basso indice glicemico”.

Tre porzioni di pasta a settimana
Le persone coinvolte nelle sperimentazioni cliniche hanno mangiato mediamente 3,3 porzioni di pasta (una porzione equivale a circa cento grammi di pasta cotta) alla settimana invece di altri carboidrati, perdendo circa mezzo chilogrammo in un periodo di tempo medio di 12 settimane. “Ora possiamo dire  con una certa sicurezza – ha concluso Sievenpiper – che la pasta non ha un effetto negativo sul peso corporeo quando viene consumata come parte di un regime alimentare sano”.

Dieta a basso indice glicemico
Attenzione, però: non è che adesso si può brandire la forchetta senza più timore di vedere salire l’ago della bilancia. I ricercatori, infatti, precisano che “la pasta nel contesto di modelli dietetici a basso indice glicemico non influenza negativamente l’adiposità e riduce anche il peso corporeo e l’indice di massa corporea rispetto ai regimi alimentari a più alto indice glicemico”. I risultati di questo studio, quindi, sono generalizzabili al consumo di pasta insieme ad altri alimenti a basso indice glicemico e all’interno di un’alimentazione, in generale, a basso indice glicemico. E spiegano che ulteriori studi dovranno essere effettuati per valutare gli effetti del consumo di pasta nel contesto di altri modelli dietetici sani.

Foto: pasta © al62 – Fotolia.com

The post Contrordine: la pasta non fa ingrassare appeared first on PeopleForPlanet.

Categorie: Altri blog

Prima dello spettacolo (Puntata 11)

People For Planet - Ven, 04/13/2018 - 00:40

 

Che cos’è Il Teatro Fa Bene? Clicca qui http://www.ilteatrofabene.it/

The post Prima dello spettacolo (Puntata 11) appeared first on PeopleForPlanet.

Categorie: Altri blog

Gufi virali (non solo i gatti!)

People For Planet - Gio, 04/12/2018 - 16:44

The post Gufi virali (non solo i gatti!) appeared first on PeopleForPlanet.

Categorie: Altri blog

Bambini, fango e batteri

People For Planet - Gio, 04/12/2018 - 16:35

The post Bambini, fango e batteri appeared first on PeopleForPlanet.

Categorie: Altri blog

test

People For Planet - Gio, 04/12/2018 - 11:53

The post test appeared first on PeopleForPlanet.

Categorie: Altri blog

Il car sharing a Firenze (Infografica)

Le Buone Notizie di Cacao - Gio, 04/12/2018 - 10:39

Dopo Milano e Roma scopriamo l’offerta di car sharing della città di Firenze. 4 i servizi disponibili, quale sarà il più conveniente? Che tipi di auto offrono? E se voglio un’auto elettrica?
Continua su People For Planet

Indagine Altroconsumo: molti italiani utilizzano farmaci scaduti

Le Buone Notizie di Cacao - Gio, 04/12/2018 - 10:38

L’indagine realizzata da Altroconsumo conferma l’urgenza della legge proposta da People For Planet sui farmaci sfusi.
Continua su People For Planet

Padri tifosi (troppo)

Le Buone Notizie di Cacao - Gio, 04/12/2018 - 10:37

Partitella di calcio tra dodicenni in Val di Susa. Sabato pomeriggio giocano il Venaus in casa e il Lascaris, categoria esordienti 2006. La partita la sta vincendo il Lascaris per 2 a 0 ma dalle tribune il padre di un giocatore della squadra vincente non smette di insultare alternativamente l’arbitro e il guardalinee e mano a mano tutti i giocatori.
In quelle categorie l’arbitro è un dirigente della squadra e il guardalinee un ragazzino e l’uomo continua a gridare minacce e insulti così forte che la partita viene sospesa.
Andate a giocare a rugby!
(Fonte: Tgcom)

L’alano più gigante del mondo

Le Buone Notizie di Cacao - Gio, 04/12/2018 - 10:36

Si chiama Freddy ed è alto 1 metro e 35 per 70 chili di peso. E’ un alano gigante, così gigante da essere stato riconosciuto dal Guinness dei Primati come il cane più alto del mondo. Vive in Gran Bretagna e mangia 1 chilo di carne al giorno più 300 gr di fegato come stuzzichino a metà mattina.
Tutto bene se non fosse che è molto affettuoso, finora ha distrutto 26 divani.
(Fonte: Ansa)