Altri blog

‘Pillole’ di natura di 20 minuti contro lo stress

People For Planet - Sab, 04/06/2019 - 14:59

Troppo stressato? Basta prendere una ‘pillola’ di natura (di appena 20 minuti). Ritagliarsi almeno 20 minuti al giorno per passeggiare o sedersi in un giardino, un parco, un terrazzo fiorito o qualsiasi posto che ci faccia sentire a contatto con la natura, ridurrà significativamente i livelli dell’ormone dello stress. E’ quanto emerge da uno studio che ha stabilito per la prima volta la ‘dose’ più efficace di un’esperienza di natura urbana. I medici potranno utilizzare questa scoperta, descritta su ‘Frontiers in Psychology‘, per prescrivere ‘pillole di natura’ con un effetto anti-stress reale e misurabile.

“Sappiamo che passare del tempo nella natura riduce lo stress, ma fino ad ora non era chiara la durata minima, quanto spesso ripetere l’esperienza o anche quale tipo di esperienza fosse più utile”, afferma MaryCarol Hunter, associato presso l’Università del Michigan e autrice principale di questa ricerca. “Il nostro studio dimostra che per ottenere il massimo guadagno, in termini di livelli di cortisolo, dovresti trascorrere 20 o 30 minuti seduto o camminando in un luogo che ti faccia sentire a contatto con la natura“. Un rimedio gratuito e davvero naturale per alleviare lo stress.

Le pillole di natura potrebbero diventare una soluzione a basso costo per ridurre gli impatti negativi sulla salute della crescente urbanizzazione e di uno stile di vita al chiuso, ‘armati’ di tablet.

Per aiutare i medici a ‘prescrivere’ in modo corretto e mirato le pillole di natura, Hunter e i suoi colleghi hanno progettato un esperimento con l’obiettivo di fornire una stima realistica della dose più efficace. Nel corso di un periodo di 8 settimane, i partecipanti sono stati invitati ad ‘assumere’ una pillola di natura della durata di 10 minuti o più, almeno 3 volte a settimana. I livelli di cortisolo, l’ormone dello stress, sono stati misurati nei campioni di saliva prelevati prima e dopo la sosta nel verde, una volta ogni 2 settimane.

“I partecipanti erano liberi di scegliere l’ora del giorno, la durata e il luogo della loro esperienza”, spiega la ricercatrice. Unici vincoli: doveva essere alla luce del sole, non bisognava fare esercizio aerobico e si doveva evitare l’uso di social media, Internet, ma anche telefonate, conversazioni e letture. “Così abbiamo potuto identificare la durata ottimale di una pillola di natura”. I dati hanno rivelato che un’esperienza di appena 20 minuti è sufficiente per ridurre significativamente i livelli di cortisolo. Ma se si passa un po ‘più di tempo immersi in un’esperienza ‘green’ – da 20 a 30 minuti – i livelli di cortisolo diminuiscono al massimo. Dopodiché, si registrano ulteriori benefici, ma a un ritmo più lento.

Hunter spera che lo studio costituisca la base per ulteriori ricerche in questo settore. “Il nostro approccio sperimentale – conclude – può essere utilizzato per consentire prescrizioni personalizzate di pillole di natura” per i cittadini alle prese con lo stress della vita moderna.

FONTE: ADN KRONOS

Categorie: Altri blog

Chi nasce oggi vivrà due anni in meno a causa dell’inquinamento

People For Planet - Sab, 04/06/2019 - 12:15

L‘aspettativa di vita dei bambini di oggi sarà più breve in media di venti mesi a causa dell’aria inquinata. Quello che non è più solo un allarme, ma un dato di fatto è stato pubblicato nel rapporto State of Global Air SOGA 2019 pubblicato in sinergia da alcuni istituti universitari statunitensi.

Come si legge nel rapporto, l’inquinamento globale dell’aria ha contribuito a circa un decesso su dieci nel 2017, il che lo rende una causa di morte più grave della malaria e degli incidenti stradali, e paragonabile agli effetti del fumo.

Gli effetti più gravi sono concentrati nelle aree dove la tutela ambientale è minore come nell’Asia meridionale: qui l’aspettativa di vita crolla addirittura di trenta mesi, ma anche nell’Africa subsahariana a causa sia dell’inquinamento industriale che dei fuochi domestici l’aspettativa di vita è attesa in calo di 24 mesi. 

E in Italia? Nel nostro paese come nel resto dei Paesi sviluppati la diminuzione dell’aspettativa di vita è di circa cinque mesi per i rischi connessi a smog e inquinamento. Nel solo 2017 il report stima almeno 30mila decessi per fattori legati all’inquinamento dell’aria.

Continua a leggere su TODAY.IT

Categorie: Altri blog

Mobilità: studio, «I ciclisti sono considerati subumani»

People For Planet - Sab, 04/06/2019 - 11:00

Un recente studio australiano sulla percezione dei ciclisti li categorizza come non-umani o più precisamente, meno che umani. Lo studio, condotto con un sondaggio tra circa 500 australiani dal dipartimento di Ingegneria civile del Monash Institute of Transport Studies della Monash University di Victoria, sottolinea che, nonostante i numerosi e ben documentati vantaggi che i ciclisti apportano alla comunità, in molti paesi del mondo si mantiene e cresce un atteggiamento estremamente negativo nei loro confronti, che spesso sfocia in violenza verbale o fisica.

Perché?

Prima di tutto perché sono una minoranza, dice lo studio. In altre parole, è questo il motivo per cui se un’auto parcheggia sul marciapiede o in seconda fila è tollerata, mentre se un ciclista non ha strutture adeguate come una ciclabile, e approfitta di un marciapiede per brevi tratti, viene facilmente insultato dagli stessi pedoni. Accettiamo il noto, mentre non accettiamo il nuovo, anche se il primo partecipa attivamente e notoriamente a farci ammalare e a vivere meno (qui i dati Who ), in ambiente meno bello e sicuro (qui le statistiche sugli incidenti stradali ).

Ora, la bici non è propriamente il nuovo. È casomai il vecchio. Ma negli ultimi anni tutti i Paesi sviluppati e non solo hanno rilanciato e promosso l’utilizzo delle bici proprio per ridurre le perdite umane ed economiche che l’utilizzo diffuso dei mezzi a motore privati ha causato nel mondo. La bici oggi è emblema di una rivoluzione dal basso che non accetta più il rischio di morire precocemente, per sé o i propri figli, che chiede strade e piazze più piacevoli e vivibili, e apprezza ed enfatizza i benefici fisici e psicologici che l’attività fisica regala (qui una review scientifica).

Lo studio australiano include tra le possibili spiegazioni del fatto che i ciclisti siano considerati sub-umani la circostanza che difficilmente si vede la loro faccia e che si muovono meccanicamente. Ora, questa sembra proprio una considerazione eccessiva, ma potrebbe bastare il dubbio a promuovere manifestazioni come ad esempio la celebre Milano Fancy Bike Ryde che punta proprio a umanizzare al massimo la bellezza della bici, o i progetti come il Bike to School promossi in molte città d’Italia per sollecitare il buono spirito e l’indipendenza dei bambini, oltre che salvaguardare la loro salute e il futuro del loro pianeta.

In conclusione, è così: la gente non pensa a dedicare monumenti ai ciclisti, come dovrebbe, ma li odia. Come ricorda Paolo Pinzuti, del resto, solo recentemente Il Giornale e Il Corriere della Sera si sono apertamente schierati contro la categoria. Sappiamo anche che l’Italia sembra proprio un Paese inadatto all’utilizzo della ragione, quando si parla di mobilità (qui un buon parallelo, un confronto tra noi e il resto d’Europa). Tuttavia restiamo convinti che tra le meraviglie che solo un ciclista conosce – la velocità, il tempo, l’equilibrio, gli odori e la luce – ci sia in un angolo nascosto anche l’orgoglio di remare controcorrente. Siamo contro il sistema, siamo contro di voi: sentirci esclusi ci rafforza.

Categorie: Altri blog

Quali esercizi fare per tenere lontano l’Alzheimer?

People For Planet - Sab, 04/06/2019 - 10:48

I dati sull’Alzheimer sono impietosi. Come è emerso in occasione della Settimana del Cervello 2019, 1 anziano su 4 sopra gli 80 anni ne è affetto. Mentre le demenze in generale in Italia colpiscono un milione di persone.

Accumuli di proteina

Alla base della malattia di Alzheimer c’è l’accumulo progressivo di beta-amiloide nel cervello, una proteina che formando placche circonda e distrugge le sinapsi, i punti nevralgici della comunicazione tra i neuroni.

Come prevenire l’accumulo di beta-amiloide?

Come ci spiega nella videointervista Carlo Ferrarese, direttore Scientifico del Centro di Neuroscienze dell’Università di Milano-Bicocca e direttore della Clinica Neurologica presso l’Ospedale San Gerardo di Monza, studi scientifici hanno dimostrato che il deposito anomalo di questa proteina può essere causato dal danno vascolare. Correggere quindi i fattori di rischio di patologie vascolaricome ipertensionediabeteobesitàfumo e scarsa attività fisica consente di limitare notevolmente il rischio di Alzheimer e, più in generale, le demenze.

CONTINUA SU OK-SALUTE.IT

Categorie: Altri blog

Unwashed, la nuova moda di non lavarsi…

People For Planet - Sab, 04/06/2019 - 08:00

Si chiama “Unwashed” ed è la nuova moda per andare incontro all’ambiente. Una scelta che sempre più persone compiono ogni giorno al fine di andare incontro alle tutele che mirano a ridurre il dispendio d’acqua e tutto al solo scopo di far bene all’ambiente. Una tendenza che è sempre più di moda e che farà rabbrividire chi, al contrario, è abituato a fare più docce al giorno e lavarsi i capelli diverse volte in una settimana ma che negli ultimi tempi ha preso sempre più campo, riscuotendo consensi anche da chi inizialmente era più scettico.

Unwashed, ecco di cosa si tratta

Quella di non lavarsi o, per meglio dirla, di lavarsi con meno frequenza del solito, è una tendenza nata in America e diffusasi di recente anche in Europa. In pratica chi vi aderisce si concede una doccia a settimana e uno shampoo ogni dieci giorni circa. Inoltre per far si che le volte in cui ci si lava siano eco sostenibili, invece dei normali detergenti che si trovano ai super mercati vengono usati prodotti alternativi come l’argilla o gli estratti di alcune piante. In questo modo si evita l’inquinamento dell’ambiente e lo spreco di acqua che trova nella rinuncia alla doccia un grande alleato. Per una normale doccia servono infatti circa 50 litri d’acqua. Ciò comporta ad una riduzione settimanale di almeno 300 litri per chi sceglie di effettuarne una ogni sette giorni. Un dispendio che aumenta se di solito si è abituati a farne più di una durante il giorno.

Continua a leggere su CHEDONNA.IT

Categorie: Altri blog

Come si bacia una ragazza

People For Planet - Sab, 04/06/2019 - 08:00

Anni fa ho scoperto che nel mio sito molti ragazzi usavano come chiave di ricerca: “Come si bacia una ragazza” e allora ho deciso di raccontarlo perché mi sono commosso di tenerezza pensando a quanto anch’io ho patito e mi sono arrovellato chiedendomi come dovessi fare per baciare bene. Ecco i miei consigli:

1) La cosa importante da capire è che le ragazze amano la dolcezza. Il bacio dovrebbe essere un modo per comunicare con i movimenti quello che le parole non possono dire. Emozione.

Baciare è come scrivere una poesia.
Molti maschi baciano come se fosse una competizione sportiva, una prova di coraggio, una dimostrazione di forza fisica, una lotta tra lingue. NO!!!
Baciare è un modo per raccontare una similitudine poetica: sei tanto bella che ti mangerei come se tu fossi una fragolina di bosco.
Sei tanto amabile che ti succhierei come se tu fossi un cioccolatino.
Sei tanto morbida che mi viene voglia di giocare a saggiare la tua morbidezza.
Inoltre se muovi la lingua e basta, senza lasciarti andare alle sensazioni che la bocca, le labbra e la lingua di lei ti fanno sentire allora bacerai uno schifo.
La chiave di tutto è mettersi in uno stato d’animo contemplativo, rilassato e sorridente: avvicinare le labbra alle sue come se stessi per assaporare la miglior crema alla vaniglia del mondo e ascoltare il lento accarezzarsi di labbra e lingue. Poi se vuoi puoi anche muovere la lingua un po’ più velocemente ma solo se da questo movimento trai una sensazione fisica piacevole. Ma la velocità non fa punteggio, è un gioco di ascolto non una gara di corsa.
Più ascolti le sensazioni, più entri in empatia con la ragazza, più riesci a lasciarti andare e i movimenti diventano spontanei, la mente smette di pensare e tu sei lì che non fai niente altro che ascoltare cosa ti piace di più nei movimenti che fai.
Non pensare “adesso devo fare questo, adesso devo fare quello”. Non c’è nessun copione da eseguire. Nessuno sa come deve essere un bacio, nei dettagli.
Ogni bacio è un caso unico a sé. Il bacio è una poesia inventata al momento lasciando che le parole vengano fuori spontaneamente, senza stare lì a controllare se sono giuste o sbagliate.
Fidati: quando sei in questo stato libero e sorridente della mente scopri che sai come fare a farla impazzire senza doverci pensare. E’ la magia della natura.
Baciarsi è una cosa che è scritta nel tuo DNA. Non la devi imparare. Devi scoprire che lo sai già fare.

2) LA TECNICA DEL BACIO
Chiarito lo scopo del bacio e lo stile del bacio passo a descrivere la tecnica del bacio.
Baciarsi consiste nel socchiudere la bocca, senza esagerare, non sei dal dentista.

Le bocche dischiuse si avvicinano.
Soprattutto nel primo bacio con una ragazza nuova è importante l’istante dell’impatto. Non sei obbligato ad andarle a sbattere contro fratturandole un labbro. Anzi è più carino, emozionante, lasciare che l’emozione che senti prenda il controllo. Probabilmente ti sentirai tremare dentro, il cuore che batte come una mitragliatrice d’assalto, le mani fredde e sudate, un crampo alla pancia o allo stomaco eccetera eccetera. OK! E’ tutto regolare. Può sembrare assurdo ma il vero motivo per cui ci si bacia è proprio quello di sentire queste sensazioni bomba.
All’inizio ti spaventano perché pensi derivino dalla tua insicurezza e sospetti che sverrai, ti farai la pipì addosso, morirai, le starnuterai in faccia o dirai qualche cazzata mostruosa, e lei non vorrà mai più baciarti e andrà a dire alle sue amiche che sei uno sfigato mondiale.
Butta via tutte queste paranoie e dedicati ad assaporare come l’emozione ti fa perdere il controllo della mente. Osserva come in realtà è molto piacevole questa confusione mentale. Sei perfettamente in grado di sopravvivere a questo scombussolamento. E non è niente male. Comunque molto meglio che essere ubriachi.
A questo punto le tue labbra sono a centimetri 1 dalle sue di lei. OK, fermati per un istante e annusa l’aria. Sentirai il profumo della sua pelle. Se è la prima volta che dai un bacio questo ricordo ti accompagnerà per tutta la vita e sarà qualche cosa di tenerissimo che riguarderai con dolcezza. E’ uno dei ricordi essenziali della vita, di quelli che ti puoi portare nella tomba (i ricordi dolci sono l’unica cosa che ti potrai portare nella tomba).
Ora avanza lentamente fino a sfiorare le labbra di lei con le tue. A me da molto gusto ascoltare che sensazione provo quando avviene questo impatto sfiorante. E poi saggiare le labbra di lei con una lievissima pressione delle mie. Sentire quanto sono elastiche. Quindi uno può indugiare a fregarsi le labbra come fanno i cavalli. Oppure può avanzare con la lingua in terra straniera.
Immagina le due bocche socchiuse di profilo: tra le labbra e i denti si forma uno spazio. Lì le lingue si incontrano inizialmente. E tu lecchi la sua lingua. Se pensi di dare una leccatina a un gelato che ha un gusto nuovo riesci a immaginare come dovrebbe muoversi la lingua. Né troppo dura-rigida né troppo molla-lumaca-morta, né troppo rapida.
E’ una lingua che si muove per andare a sentire il sapore. Una lingua che cerca il piacere del gusto. E a questo punto assapora il sapore che ha la ragazza che stai baciando. Ogni donna ha un sapore diverso e trovare il sapore che ti soddisfa veramente è lo scopo della vita. E magari hai la fortuna di trovare il sapore assoluto per te al primo bacio. Quindi ascolta bene. Successivamente puoi iniziare a fare i movimenti che vuoi, entrare nella sua bocca con la lingua (senza esagerare sennò la soffochi), oppure scivolare sui suoi denti, arrotolarsi e spintonarsi (delicatamente) con la punta della lingua di lei, bearsi in strofinamenti, leccatine. Alternare momenti in cui sono le lingue a parlarsi ad altri nei quali si parlano le labbra. Ma si può anche indugiare a leccare un labbro.

E in effetti quel che fai non è tanto importante. All’inizio uno prova gusto a sperimentare. Poi trovi che ci sono determinati movimenti che ti danno più gusto e che staresti lì a goderteli in eterno, oppure no, magari ti piacerà sempre cambiare. Ma insomma, questo non è importante.

Non è importante cosa fai ma come lo fai.

E questo è un principio che non vale solo per il bacio. Comunque non serve pensare e progettare i movimenti della lingua. Anzi questo è il vero pericolo, l’errore madornale. L’obiettivo è che la parte inconscia della tua mente si occupi dei movimenti della lingua e delle labbra e che tu (essere razionale) ti limiti a stare lì a goderti e assaporare le sensazioni piacevoli.
Se farai così sarai spontaneo, non controllato, e il tuo corpo, che possiede una saggezza di milioni di anni di evoluzione, saprà benissimo trovare i movimenti più piacevoli per te e per lei. Le donne sentono se stai a fare i piani di come muoverti e non ti lasci andare. E non gli piace. E’ come per il ballare. Se pensi ai movimenti che devi fare fai schifo. Se ti lasci andare ad ascoltare la musica il tuo corpo si muove per conto suo e tu balli bene e ti senti bene. Questo è tutto. Buon Bacio a tutti.


P.S. Ricordati che un buon bacio può essere rovinato dall’alito cattivo. Un buon amante si lava i denti e la lingua con cura, mangia caramellane alla menta, foglie di menta, gocce di olio essenziale alla menta o simili. Anche lavarsi le ascelle è utile. E se pensi di arrivare molto lontano lavati bene anche il pisello. E asciugalo con cura dopo averlo lavato sennò rischi fastidiose irritazioni.

Categorie: Altri blog

In Kenya il riciclo della plastica veleggia su una barca fatta di infradito

People For Planet - Ven, 04/05/2019 - 19:15

Il primo dhow della storia (la tradizionale imbarcazione dell’Africa orientale a vela araba triangolare) fatto interamente di plastica riciclata. Volontari ambientalisti kenioti hanno raccolto sulle strade di Nairobi, Mombasa e Malindi e sulle spiagge di Lamu bottiglie di pet, soprattutto, ma anche ciabatte infradito (trentamila). Alla fine, con le tavole colorate gialle, rosse, blu, bianche e verdi ricavate da dieci tonnellate di scarti, hanno varato un veliero dallo scafo arlecchino. Nome: Flipflopi (infradito in inglese). Missione: navigare nell’oceano tra il Kenya e Zanzibar (cinquecento chilometri) per rendere più sensibile la gente al problema dell’inquinamento da plastica e al riciclo dei rifiuti.

UN PROBLEMA GIGANTESCO, nel mondo: secondo l’Onu, dagli anni Cinquanta sul nostro pianeta sono stati prodotti 8,3 miliardi di tonnellate di plastica. Un decimo è stato riutilizzato, un altro decimo incenerito: quasi l’ottanta per cento è finito nelle discariche e nei mari. Secondo l’Università di Berna, il danno economico annuo all’ecosistema marino è di dodici miliardi e mezzo di euro: il Pil dell’Islanda. Contrariamente a quello che possono pensare in molti, però, l’Africa non è al grado zero della sensibilità ecologica. La produzione di rifiuti, oggi 125 milioni di tonnellate l’anno, raddoppierà entro il 2025, ma molti Paesi sono già attivi nel campo del riciclo della spazzatura, della plastica in particolare: il Sud Africa, l’economia più ricca del continente, ha già più di duecento aziende operative. Il Kenya ne ha molte di meno ma vuole recuperare. C’è chi dalla plastica riciclata crea parquet, chi trasforma infradito (sempre quelle) in opere d’arte, chi ne estrae carburante.


IL KENYA PUNTA A DIVENTARE campione d’Africa nella lotta all’inquinamento da plastica. Nel 2017 ha introdotto una delle leggi anti-sacchetti più dure al mondo: ma non è sufficiente una legge a far scattare la sensibilità ecologica, lo sappiamo bene. 

Continua a leggere su CORRIERE.IT

Fonte foto CORRIERE.IT

Categorie: Altri blog

Acqua potabile dal mare grazie al grafene

People For Planet - Ven, 04/05/2019 - 16:00

Il grafene è un materiale costituito da un reticolo a celle esagonali di atomi di carbonio, dallo spessore monoatomico e dotato di straordinarie caratteristiche elettriche e meccaniche, tanto da rappresentare una potenziale risorsa per molte applicazioni. Una delle più significative è filtrare l’acqua marina per renderla potabile, stando ai risultati presentati su “Nature Nanotechnology” da ricercatori dell’Università di Manchester, tra quali c’è anche Andre Geim, premio Nobel per la fisica nel 2010 insieme a Konstantin Novoselov proprio per le loro ricerche sul grafene.

Il materiale usato nello studio è grafene legato a ossigeno, una forma un po’ particolare di grafene che ha già dimostrato il suo potenziale nelle operazioni di filtraggio di piccole nanoparticelle, di molecole organiche e anche di alcuni sali da soluzioni.

In una precedente ricerca, gli autori avevano scoperto che una volta immerse in acqua, le membrane di ossido di grafene si gonfiano facendo dilatare i loro pori: è per questo che possono filtrare solo molecole o ioni di grandi dimensioni. L’ulteriore sviluppo di queste membrane ha portato alla scoperta di una strategia per evitare il rigonfiamento durante l’immersione in acqua e per controllare con precisione la dimensione dei pori, che può essere ridotta fino a essere efficace nel filtraggio del sale.

Continua su LESCIENZE.IT

Categorie: Altri blog

La vendetta sessuale è la disperazione di chi teme il piacere

People For Planet - Ven, 04/05/2019 - 15:00

“Arriva Lo Straniero”. Da questo venerdì inizia la sua collaborazione settimanale con People For Planet Raniero Virgilio in una nuova sezione, “Lo straniero”. Welcome Raniero!
Raniero Virgilio, fisico cibernetico, dopo Irlanda e Svezia ora vive a Berlino e lavora a Praga. Viaggia, difficilmente emigra. Lo annoiano le patrie e le città da difendere. Scrive anche per Il Napolista.

Uno dei motivi per cui la discussione in Parlamento sul Revenge Porn, la diffusione di immagini e video intimi del partner senza il suo consenso, fatica a trovare reale sponda nella mente delle persone è che esso si presenta come l’ennesima regolamentazione necessaria per limitare i danni interni alla cosiddetta società civile, l’ultimo esemplare della lunga lista delle legalizzazioni indispensabili ad evitare di farci del male.

Sarebbe interessante cambiare prospettiva e dotare finalmente la discussione di quella vena umana ed artistica necessaria a liberare l’elefante nella stanza – come direbbero i nostri amici anglosassoni: signore e signori cittadini, filmarsi a letto è piacevole, è divertente, accende passioni, regala qualche domanda, genera sorrisi. La punizione per la vendetta di chi pubblica è sicuramente doverosa, ma va vissuta con lo stesso spirito di sottile rassegnazione con il quale ci si adegua a qualunque legge imperfetta scritta dall’uomo. Ad essere triste, oltre alla ritorsione di chi la compie, è il grigiore di chi guarda. È indice di una comunità in cui il sesso, che nelle chiacchiere sembrerebbe oggi liberato dai legacci dei miti religiosi tanto quanto dagli strascichi para-rivoluzionari del secolo scorso, non è più il piacere che ha l’ambizione di provare, di sbagliare, di irrompere, di significare qualcosa, di tenerci stretti alla vita, mentre si tramuta in materia d’esame e si affida agli obiettivi degli smartphone per setacciare i cessi del Parlamento o agli studi legali che definiscano limiti e confini della dignità.

Puškin scrisse: “Io pensavo che il cuore avesse dimenticato/ il facile talento del soffrire” – e chiosò – “ma ecco ancora mi sorprendono i brividi/ davanti alla forza scardinante della bellezza”. Il focoso moscovita le sue libidinose acrobazie le avrebbe filmate e rifilmate e al poveraccio che avesse osato un commento avrebbe intitolato una delle sue meravigliose invettive.

Categorie: Altri blog

Pasqua 2019: tutta la verità sulle uova di cioccolato e i falsi miti

People For Planet - Ven, 04/05/2019 - 15:00

Un utile vero/falso, stilato dal Professor Giacosa, gastroenterologo e docente all’Università di Pavia, per scoprire i reali benefici del cioccolato per la nostra salute.

Pasqua è alle porte e nelle tavole di milioni di italiani non mancherà il tipico uovo al cioccolato. Secondo una ricerca del CNA (Confederazione Nazionale dell’Artigianato e della Piccola e Media Impresa), per la scorsa Pasqua è stato stimato un consumo di circa 15 milioni di uova di Pasqua in Italia, che va ad aggiungersi a un generale aumento del consumo di cioccolato pro capite, vicino oggi a 13 grammi al giorno, poco più di un cioccolatino.

Effetti benefici per umore e salute

Fondente o al latte, industriale o artigianale: a ognuno il suo uovo al cioccolato preferito, per concedersi questo piccolo piacere che – se consumato con moderazione – può avere effetti benefici non solo per l’umore ma anche per la salute.Tante sono, infatti, le credenze relative al rapporto tra salute e cioccolato. Per fare ordine in vista delle feste pasquali, Assosalute, l’Associazione nazionale farmaci di automedicazione che fa parte di Federchimica, con l’aiuto del Professor Attilio Giacosa, Gastroenterologo, docente all’Università di Pavia, ha stilato un utile vero/falso per scoprire i reali benefici del cioccolato per la nostra salute.

Il cioccolato aiuta a vivere più a lungo? Vero. Una ricerca dell’Università di Harvard, che ha seguito un campione di 7.841 persone di 65 anni per cinque anni, ha riscontrato come coloro che mangiavano cioccolato tre volte al mese vivevano più a lungo (36% di rischio di mortalità in meno) rispetto a quelli che ne facevano a meno. E anche per i più golosi che tendevano a esagerare, il vantaggio in termini di rischio di mortalità era comunque presente, seppur più basso.

Il cioccolato fa male al cuore? Falso. Al contrario, il cioccolato, grazie alla presenza di flavonoidi ad azione antiossidante riduce l’ossidazione dei grassi nel sangue, può aiutare a limitare il danno dei radicali liberi sulle arterie, agendo come protettore dei vasi sanguinei e a beneficio del cuore.

Il cioccolato aiuta a combattere la stanchezza? Vero. Il cioccolato contiene sostanze quali la teobromina e piccole quantità di caffeina, responsabili del senso di “risveglio” che danno il caffè e il tè. 125 grammi di cioccolato darebbero, infatti, tanta caffeina quanto una tazza di caffè. Inoltre, gustare una piccola porzione di cioccolato fondente tre volte a settimana, aiuterebbe a ridurre i sintomi della sindrome da stanchezza cronica, agendo come naturale “rifornimento” di sostanze anti-stanchezza inclusi alcuni minerali e soprattutto il magnesio e il potassio.

CONTINUA SU GIORNALEDIPAVIA.IT

Categorie: Altri blog

La chiesa mormone ha deciso che i figli di genitori LGBT potranno essere battezzati

People For Planet - Ven, 04/05/2019 - 12:15

La Chiesa di Gesù Cristo dei santi degli ultimi giorni, cioè la chiesa mormoneha deciso che i figli di genitori LGBT potranno essere battezzati. La decisione ne modifica una precedente, presa nel 2015, secondo la quale i genitori gay, bisessuali o transgender erano considerati apostati e i loro figli non potevano quindi essere battezzati. La chiesa mormone ha però detto che continua a considerare peccato i matrimoni tra persone dello stesso sesso.

Nella Chiesa di Gesù Cristo dei santi degli ultimi giorni (che nel descriversi non usa il termine “chiesa mormone”) si identificano circa 16 milioni di fedeli, la maggior parte dei quali vive nello Utah. La chiesa mormone è una religione autoctona nordamericana che fu fondata da Joseph Smith nel 1830.

Continua a leggere su ILPOST.IT

Categorie: Altri blog

Cosa dice il DDL “Salva Mare” e perché non a tutti piace

People For Planet - Ven, 04/05/2019 - 10:39

Il disegno di legge Salva Mare, presentato dal ministro dell’Ambiente Sergio Costa e approvato all’unanimità dal consiglio dei ministri, approderà a giugno alla Camera. Così i pescatori diventeranno “spazzini” del mare regolarmente in possesso di un certificato ambientale che identifichi e renda riconoscibile, e riconosciuta, la loro filiera di pescato. Un modello di promozione di economia circolare che vedrà i rifiuti recuperati in mare finalmente regolarmente smaltiti.

“Siamo solo al primo passo ma fondamentale” esulta il ministro dell’Ambiente ricordando che quella della plastica in mare è un’emergenza planetaria con oltre otto milioni di tonnellate che ogni anno inquinano mari e oceani, secondo le stime dell’Onu. Solo l’Italia sembrerebbe disperdere nel mare circa 90 tonnellate al giorno di rifiuti plastici, in classifica al terzo posto tra i paesi del Mediterraneo. Conseguenza prevedibile: il 95% dei rifiuti in mare aperto è plastica e il 90% degli uccelli marini ha nello stomaco dei frammenti di plastica.

Cosa si dice in Italia? Approfondiamo:

Via libera alla “Salvamare”. Approvato dal Consiglio dei ministri il disegno di legge Salvamare presentato dal ministro dell’Ambiente Sergio Costa. I pescatori potranno portare a terra la plastica accidentalmente finita nelle reti. Finora erano costretti a ributtarla in mare perché altrimenti avrebbero compiuto il reato di trasporto illecito di rifiuti, sarebbero stati considerati produttori di rifiuti e avrebbero dovuto anche pagare per lo smaltimento. Con la legge Salvamare appena approvata i pescatori che diventeranno “spazzini” del mare potranno avere un certificato ambientale e la loro filiera di pescato sarà adeguatamente riconoscibile e riconosciuta. I rifiuti potranno essere portati nei porti dove saranno allestiti dei punti di raccolta e verranno introdotti dei meccanismi premiali per i pescatori. È una grande vittoria per il nostro mare, finalmente iniziamo a ripulire il mare dalla plastica e lo facciamo con degli alleati eccezionali, i pescatori, che conoscono il problema meglio di tutti perché ogni giorno tirano su le reti raccogliendo spesso altrettanta plastica rispetto al pescato” ha commentato il ministro Costa. Continua a leggere…

Fonte: Adnkronos

Il disegno di legge “Salva mare” è quello che mancava all’Italia nella lotta alla plastica. […] Nel colmare un vuoto legislativo, il disegno di legge “Salva mare” elaborato dal ministero dell’Ambiente e approvato ieri in consiglio dei ministri introduce, dunque, un cambio di rotta di 180 gradi, che salutiamo con estrema soddisfazione e di cui auspichiamo la rapida approvazione in Parlamento. Introduce una misura necessaria, prevista dalla direttiva europea Marine Strategy e finora ostacolata dalla nostra normativa, prevedendo che nei porti si realizzino delle isole ecologiche per lo smaltimento dei rifiuti, dove i pescatori possano consegnare i rifiuti trovati nelle loro reti. E finalmente consente loro di pulire i fondali marini, anzi li incoraggia a farlo.
[…] I rifiuti galleggianti sono la punta dell’iceberg di un problema ben più complesso che giace soprattutto sui fondali marini e che ha come soluzione principale per la rimozione il fishing for litter. Continua a leggere…

Fonte: LINKIESTA.IT – Stefano Ciafani  

Legge salva mare, Greenpeace: “La montagna ha partorito un topolino”
Commentando quanto previsto dalla legge Salva mare approvata oggi in Consiglio dei ministri, Serena Maso, della campagna Mare di Greenpeace Italia, dichiara: «Dopo numerose belle parole e tante promesse sulla lotta all’inquinamento da plastica, pur correggendo un evidente carenza normativa, il ministro Costa di fatto si limita a trasformare i pescatori in spazzini del mare. È chiaro che per risolvere il problema della plastica in mare non si può fare affidamento solo sulle attività dei pescatori». Secondo Greenpeace è preoccupante e rischioso pensare di certificare come sostenibile un’attività di pesca solo perché i pescatori hanno recuperato rifiuti in mare, come previsto dalla legge. Continua a leggere…

Fonte: Meteoweb.eu – Antonella Petris

Foto di Andrew Martin da Pixabay

Categorie: Altri blog

Tredici modelli di protesi al seno ritirati in Francia: rischio tumore

People For Planet - Ven, 04/05/2019 - 09:27

ROMA – Tredici modelli di impianti di protesi al seno, di sei produttori, sono stati ritirati dal commercio in Francia a titolo precauzionale perché sospettati di causare una rara forma di tumore. Questi modelli di protesi riguardano meno del 30 per cento di tutte le protesi utilizzate. La decisione è stata presa dall’Agenzia sanitaria franceseper la sicurezza dei prodotti medici (Ansm) ed è connessa al rischio dell’insorgenza del linfoma anaplastico (rara forma turmorale). L’Ansm, che ha dato l’annuncio sul proprio sito, al momento non raccomanda l’espianto preventivo per le donne alle quali sono già state impiantate le protesi. Da domani 5 aprile, quindi, sarà vietata l’immissione di questo tipo di protesi sul mercato, la distribuzione e l’utilizzo. E tutte quelle già presenti sul mercato saranno ritirate.

Nel frattempo la ministra della Salute Giulia Grillo ha richiesto un parere urgente al Consiglio superiore di sanità (Css) in merito alle “protesi mammarie a superficie testurizzata e linfoma anaplastico a grandi cellule”, anche “alla luce della decisione delle autorità francesi di ritirare dal mercato tali protesi”.Il parere è richiesto per avviare eventuali iniziative nei confronti dei fabbricanti coinvolti nella produzione dei dispositivi a rischio.

CONTINUA SU REPUBBLICA.IT

Categorie: Altri blog

Smettere di fumare con un videogioco

People For Planet - Ven, 04/05/2019 - 08:00

Sei intrappolato all’interno di un inquietante labirinto pieno di trappole ed enigmi. Hai un solo obiettivo: correre il più velocemente possibile verso l’uscita. Prima che ci riescano gli altri tre tuoi amici che come te sono stati gettati in questo dedalo di corridoi dal sapore di ospedale abbandonato. Solo uno potrà trovare la via di uscita.

Sembra la trama di un film horror non troppo originale, con qualche richiamo a “Saw l’enigmista” e un’abbuffata di tutti i luoghi comuni del genere. E invece si tratta della storia alla base di One Leaves, videogame gratuito disponibile per Xbox e Pc Windows 10. Gioco di cui con ogni probabilità nessuno sentirebbe il bisogno di parlare, e che verrebbe dimenticato in pochi minuti, se non avesse una caratteristica che lo rende unico o quasi: è stato voluto dalla potente Food and Drug administration degli Stati Uniti d’America, l’ente che si occupa della regolamentazione di farmaci e alimenti, per convincere gli adolescenti a smettere di fumare.

La storia recente è piena di campagne di sensibilizzazione che puntano a giovani e meno giovani per ricordargli quanto nicotina e tabacco possano essere dannosi per la loro salute. Spot, lezioni, star e vip assoldati, interi programmi televisivi e radiofonici da anni cercano di convincere gli adolescenti a togliersi il vizio, prima di pentirsene amaramente, o a non cominciare affatto.

Continua a leggere su Agenzia Giornalistica Italia

Categorie: Altri blog

Zanzare, una canzone le tiene lontane

People For Planet - Gio, 04/04/2019 - 19:00

L’arrivo della bella stagione segna anche il ritorno delle temutissime zanzare. Che diciamolo chiaramente non sono proprio degli insetti troppo graditi all’uomo. Una notizia sorprendente però arriva dagli Stati Uniti: un gruppo di ricercatori ha individuato la musica che ne frenerebbe la riproduzione e che soprattutto le terrebbe lontane.

Una canzone tiene lontane le zanzare: scoperta incredibile di alcuni biologi americani

Secondo un team di biologi americani dell’Università di Washington un particolare tipo di musica potrebbe inibire la “voglia” delle zanzare di riprodursi e di mangiare. Un fatto incredibile non credete? La ricerca prende in considerazione l’importanza del suono e delle vibrazioni per le principali funzioni negli animali. Proprio studiando gli insetti ci si è resi conto che le vibrazioni a bassa frequenza facilitano la percezione di segnali da parte dei propri simili e dagli ospiti. Nel caso specifico delle zanzare queste ultime si sarebbero mostrate meno interessate a mordere e ad accoppiarsi in presenza di musica elettronica. Le vibrazioni a bassa frequenza faciliterebbero le interazioni sessuali e aumenterebbero il desiderio di mangiare, al contrario la musica troppo alta disturberebbe la zanzara, soprattutto quella detta Aedes aegypti, responsabile della febbre gialla, una malattia che nei nelle forme più acute e casi più gravi può portare anche alla morte.

La musica elettronica tiene lontane le zanzare

Conclusione? La musica dubstep è l’unico rimedio. Per evitare dunque i morsi di zanzara è bene ascoltare parecchia musica elettronica, nello specifico, una traccia dell’artista americano Skrillex intitolata “Scary Monsters and Nice Sprites”.

Continua a leggere su URBANPOST.IT

Categorie: Altri blog

In carta di identità tornano “padre” e “madre”

People For Planet - Gio, 04/04/2019 - 16:00

Sulla Carta d’Identità dei minorenni tornerà la dicitura “madre” e “padre” anziché genitori: il provvedimento è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale e la notizia è stata data dal Viminale. Diventa realtà, dunque, la modifica che il garante della Privacy, Antonello Soro, aveva nettamente bocciato per gli “effetti discriminatori” che ne conseguono. Ma il nuovo corso del governo, sempre più allineato allo stile Familiy Day, non si ferma davanti a nulla.

Tantomeno si ferma davanti al parere dato il 31 ottobre 2018 dal Garante su richiesta dello stesso Governo, che gli chiedeva di valutare l’eventuale modifica delle informazioni riportate sulla carta di identità elettronica dei minorenni proprio riguardo alla indicazione di chi può richiedere il rilascio del documento. La legge vigente prevede che in carta di identità compaiano i nomi dei “genitori”, mentre la novità fa diventare esplicito il richiamo al sesso e al ruolo dei genitori identificandoli come “padre” e “madre”, una gabbia che rende automaticamente esclusi i genitori dello stesso sesso.  

Proprio per questo, per il Garante, tale modifica non sarebbe stata attuabile: per gli evidenti effetti discriminatori per il minore affidato non ai genitori biologici ma a chi esercita il ruolo in base a un atto atto di nascita all’estero, a una adozione o al riconoscimento di un’adozione all’estero tra persone dello stesso sesso.

Continua a leggere su REPUBBLICA.IT

Categorie: Altri blog

Il governo Usa mette al bando i test mortali sui gatti e gattini contro la toxoplasmosi

People For Planet - Gio, 04/04/2019 - 15:00

«Vittoria. Dopo un’intensa campagna lunga un anno abbiamo ottenuto che il Dipartimento dell’Agricoltura (USDA) ha fermato tutti i test su gatti e gattini e che i sopravvissuti saranno adottati». A dare la notizia con un tweet è il White Coat Waste Project, un’organizzazione no profit che da anni monitora e denuncia i test sugli animali fatti con i soldi dei contribuenti americani. I 14 gatti presenti nel principale laboratorio dove venivano svolti i test sono stati adottati dai funzionari del dipartimento.

Il risultato è arrivato dopo un battaglia di oltre un anno condotta dall’organizzazione e in particolare dopo l’ultima loro denuncia di circa due settimane fa: un rapporto in cui venivano raccontati gli esperimenti di cannibalismo dove i gatti venivano nutriti con carne di altri mici e cani importati da diversi Paesi asiatici. In altri casi i felini venivano nutriti con cibo contaminato da parassiti della toxoplasmosi per monitorarne gli effetti.

CONTINUA SU LASTAMPA.IT

Categorie: Altri blog

Cuore e polmoni: gli ospedali migliori

People For Planet - Gio, 04/04/2019 - 15:00

Uno è il principale organo del corpo umano, quello  deputato a promuovere la circolazione del sangue mediante la contrazione della sua parete muscolare: si trova al centro della cavità toracica, dietro allo sterno e alle costole e davanti alla colonna vertebrale. Gli altri due sono i principali organi dell’apparato respiratorio, responsabili del processo della respirazione (assimilano ossigeno ed espellono anidride carbonica) e si trovano posizionati, anch’essi all’interno del torace, uno sul lato destro e uno sul lato sinistro. Cuore e polmoni sono organi tanto importanti quanto delicati e diverse sono le anomalie e le malattie che possono interessarli, al trattamento delle quali sono deputate le aree specialistiche della cardiologia e della pneumologia.

Per sapere quali sono in Italia i migliori ospedali per quanto concerne le problematiche cardiologiche e pneumologiche abbiamo stilato una breve classifica dopo aver consultato il portale www.doveecomemicuro.it, attivo dal 2016, motore di ricerca sulla salute a cui i cittadini possono far riferimento per mettere in fila le strutture migliori.

Valutazioni istituzionali e parametri dettagliati

Nello stilare le classifiche delle strutture sanitarie migliori alle quali rivolgersi per curare per una certa patologia oppure per sottoporsi a una visita specialistica o a un determinato intervento chirurgico, il portale incrocia diverse informazioni (più di 800 mila) e si basa su valutazioni istituzionali (come quelle effettuate dal Programma nazionale valutazione esiti realizzato dall’Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali per conto del ministero della Salute), di certificazioni provenienti da fonti scientificamente accreditate (tra cui il Centro Nazionale Trapianti e il Breast Center Certification), e su parametri dettagliati (numero dei ricoveri, tassi di mortalità, casi in cui è stato necessario un secondo intervento, ecc).

La classifica dei migliori centri

Quali sono allora le migliori strutture sanitarie per la cardiologia e le pneumologia? La classifica dei primi centri che vi proponiamo tiene conto, oltre che dei parametri già descritti, delle valutazioni sulle aree specialistiche (cardiologia e pneumologia) effettuate dagli utenti (e, quindi, suscettibili di variazioni nel tempo anche frequenti). 

Cardiologia: i 5 migliori ospedali

1.Ospedale San Pellegrino Casa di Cura privata accreditata SSN

2. Ospedale San Giuseppe – Multimedica, ospedale privato equiparato pubblico     

3. Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi, azienda ospedaliera

4. Ospedale Sant’Anna di San Fermo della Battaglia, azienda ospedaliera 

5. Presidio Ospedaliero Alessandro Manzoni, azienda ospedaliera

Pneumologia: i 5 migliori ospedali

1.Ospedale San Giuseppe – Multimedica Ospedale privato equiparato pubblico

2. Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Azienda Ospedaliera

3. Ospedale Sant’Anna di San Fermo della Battaglia, azienda ospedaliera 

4. Ospedale di Sondalo, azienda ospedaliera 

5. Ospedale Papa Giovanni XXIII, azienda ospedaliera

Categorie: Altri blog

Ricordando Heath Ledger

People For Planet - Gio, 04/04/2019 - 12:30

Poco dopo la sua morte, nel 2008, David Lipsky ha scritto questo ritratto per ‘Rolling Stone’.
È arrivato sullo schermo come se un’esplosione lo avesse scaraventato lì da un altro posto. Il suo volto non era propriamente bello, ma c’erano la linea pulita della mascella, il collo e le spalle forti, la voce piena. Era lo studente dell’ultimo anno che speravi di diventare quando eri una matricola. Due giorni dopo la morte di Heath Ledger, all’età di ventotto anni, Daniel Day-Lewis ha interrotto la sua apparizione da Oprah. “Mi dispiace… È strano parlare di qualsiasi altra cosa”, ha detto l’attore. “Non lo conoscevo. Ma ho l’impressione, una forte impressione, che mi sarebbe piaciuto molto, come persona, se lo avessi conosciuto”.

Contiamo sugli artisti per molte cose — come simboli di eccellenza o figure da invidiare — ma raramente ci aspettiamo di sentirci più fortunati di loro. Le stelle per noi incarnano la vita dei sogni. E Ledger era una star in un modo molto particolare. Guardarlo trasmetteva un senso di potere e potenzialità, di salute e giovinezza. Ecco perché la sua morte sembra così sbagliata, e perché la reazione è stata primitiva, tribale. Significa che la giovinezza e la vitalità non sono sufficienti.

È stato tutto molto rapido: il pomeriggio del 22 gennaio 2008 il suo corpo è stato trovato a faccia in giù nella sua camera da letto a Manhattan. Prima di sera, era già stata individuata la causa: overdose, le pillole erano state rinvenute sparpagliate al suo capezzale. Il giorno dopo è stato detto che si trattava di farmaci da prescrizione: Xanax, Valium e Ambien, che accomunavano la camera da letto di Ledger a quella di migliaia di altri ansiosi, ambiziosi, insonni.
C’era l’immagine di Michelle Williams — madre di sua figlia Matilda — in una macchina diretta all’aeroporto, sembrava una first lady in lutto. Nel fine settimana la polizia di New York ipotizzava che i farmaci si fossero accidentalmente mescolati in un cocktail che ha fermato il cuore di Ledger. I giornalisti di gossip hanno accennato morbosamente a una festa senza freni. Fuori dagli Screen Actors Guild Awards, gli evangelici più estremisti facevano picchetto perché Ledger aveva interpretato un cowboy omosessuale. L’ultima volta che lo abbiamo visto era in un sacco nero dentro un’ambulanza.

Continua a leggere su ROLLINGSTONE.IT

Fonte immagine: inverse.com

Categorie: Altri blog

Torre Maura: Rom vs Italiani. Due popoli senza diritti?

People For Planet - Gio, 04/04/2019 - 11:40

Nel pomeriggio di martedì 2 aprile iniziano i primi scontenti dei residenti di Torre Maura (Roma), contrari all’inserimento, presso una struttura autorizzata in via Codirossoni (VI municipio), di circa 70 persone di cui più di 30 bambini, di origine Rom, Sinti e Caminanti. La protesta, che ha visto la presenza anche di militanti di estrema destra di CasaPound e Forza Nuova, ha assunto quasi fin da subito una piega violenta, tanto ché la Digos di Roma è al lavoro per individuare gli autori della protesta. L’impossibilità di dialogo con i manifestanti, la crescente violenza e la paura che qualcuno potesse realmente farsi male hanno spinto il sindaco Virginia Raggi a fare dietrofront. In questi giorni gli ospiti di via Codirossoni verranno quindi ricollocati progressivamente, tra il disappunto della Raggi ribadito in un tweet: “Non possiamo cedere all’odio razziale, non possiamo cedere contro chi continua a fomentare questo clima e continua a parlare alla pancia delle persone, e mi riferisco prevalentemente a Casapound e Forza Nuova” e il sollievo dei residenti che ribadiscono la difficile situazione che le periferie romane sono costrette a vivere quotidianamente sia in termini di sicurezza che di degrado, due elementi che, purtroppo, caratterizzano molto bene anche il VI municipio.

Cosa si dice in Italia? Approfondiamo:

Roma, da dove nasce la rivolta contro i rom a Torre Maura. Tutto nasce da una domanda: al di là delle strumentalizzazioni dei protagonisti della protesta, i cittadini di Torre Maura – ovvero gli abitanti dell’estrema periferia romana – non vogliono vicino alle loro case i rom o non vogliono i campi rom? Alla prima questione è facile rispondere numeri alla mano: su tutto il quadrante est della Capitale, dove insiste anche Torre Maura, il tasso di residenti stranieri è molto alto e altrettanto elevato è quello delle famiglie rom che da decenni vivono, in una convivenza pacifica, in case private o in alloggi dell’edilizia residenziale pubblica. Quindi la protesta era contro la nascita di un campo rom? Ma allora cos’è il centro di via Codirossoni dove i rom sarebbero dovuti essere accolti? Occorre fare un passo indietro di un paio di anni quando, nel maggio 2017, la sindaca Virginia Raggi ha presentato il Piano rom della Capitale, il “capolavoro da applausi” secondo la citazione di Beppe Grillo. In quell’occasione la sindaca annunciò la chiusura dei campi rom della Capitale attraverso il solo utilizzo dei fondi europei e “la fine della mangiatoia” Continua a leggere…

Fonte: Il Fatto Quotidiano – Carlo Stasolla 

Quegli sporchi zingari che nessuno vuole: la vergogna del pogrom anti-rom a Torre Maura. Nella storia italiana i moti per il pane si facevano per riempire le bocche, non per svuotarle. Il piccolo e lurido pogrom anti-Rom di ieri, 2 aprile 2019, a Torre Maura, ha ribaltato questo cardine, e ha trasformato le fette di pane timbrate dalle pedate nere nella bandiera della nuova Vandea razzista: megafoni, agitatori di Casapound, piccoli teppisti arrabbiati e periferia che insorge contro “quelli che rubano, puzzano e non fanno nulla dalla mattina alla sera”. Il Comune aveva trovato una sistemazione programmata per le famiglie Rom, settanta persone e – soprattutto – per trentatré bambini che devono essere scolarizzati: gli attizzatori di roghi si sono opposti al trasferimento e hanno acceso con sapienza le fiamme della rabbia. Non ci sono ragioni, non ci sono pretesti, non ci sono motivi o casus belli che giustifichino quanto è accaduto: la struttura è a norma, inserita in un progetto di accoglienza del Comune, monitorata dai servizi sociali. La sua inaugurazione mette fine ad una baraccopoli, quella sì infame e pericolosa, che prosperava a soli quattro chilometri di distanza. Stavolta tutto è diventato puro pretesto. E così anche questa rivolta ci interroga sul modo troppo accondiscendente in cui abbiamo lasciato passare, senza troppe resistenze, l’idea che Negro è sporco, Povero è brutto, Rom è ladro. Continua a leggere…

Fonte: The Post Internazionale – Luca Telese

Torre Maura, CasaPound: “Cosa è successo e perché i 5S hanno tradito le periferie” […] Diversi media ed esponenti politici hanno accusato gli abitanti di Torre Maura di razzismo per aver insultato i rom al loro arrivo e aver messo in atto la protesta. Come risponde? “Rispondo che questo non è razzismo ma semplice esasperazione. Questi sono quartieri dove il Partito Democratico non prende il 40% come avviene al centro di Roma, e dove gli abitanti vivono situazioni di assoluto disagio e degrado. E’ normale quindi che vedano come un insulto l’arrivo dei rom nel centro di accoglienza. Qui ci vive gente che non ha lavoro, che guadagna stipendi da fame, che deve faticare per arrivare a fine mese e gestire casa e famiglia, che deve fare i conti con seri problemi di vivibilità. Come possono accettare supinamente l’arrivo di altri problemi destinati ad aggravare una situazione già critica? Perché questi rom non vengono portati nei quartieri dove vivono i benpensanti che si indignano e accusano di razzismo la gente di Torre Maura? Quartieri dove questi signori organizzano gli aperitivi da 200 euro? Perché le emergenze devono essere sempre scaricate sulle periferie? Continua a leggere…

Fonte: Lo_Speciale – Americo Mascarucci

Fonte immagine: IlFattoQuotidiano

Categorie: Altri blog