Thea e la Clowncucina

L’altro giorno mi telefona Thea da Vicenza. Ve la ricordate? Vi ho parlato di lei prima dell’estate, andava a tenere dei corsi di inglese ad Amatrice.

Thea dalla voce di bambina, con la erre che scivola via, l’aria di una mamma d’altri tempi e la tenacia di un carrarmato Panzer.
Dicevo, mi telefona e parliamo di lavoro per un po’. Lei gestisce un’agenzia di traduzioni, interpretariato e altro. Avete bisogno di una traduzione in aramaico? Lei e i suoi collaboratori vi trovano il traduttore e fanno un lavoro bello, pulito e soprattutto puntuale. (…)

Continua a leggere CACAO del Sabato