Blog di Marianne e Francesca

 

28 OTTOBRE – Marianne

 

Oggi ho fatto i miei primi massaggi…primo pomeriggio massaggio ai piedi ad una dolce signora…è stato particolare perché durante il massaggio c’è stata una fitta conversazione, più massaggiavo e più continuavano le confidenze e lo scambio di emozioni…a volte il massaggio è un momento per ricevere un po’ di coccole e attenzioni e per dedicarsi quel tempo che ci è tanto difficile concedersi...

Nel pomeriggio tardi invece ho fatto un bel massaggio rilassante al viso ad un ragazzo del corso di fotovoltaico...anche con lui sento di aver fatto un buon lavoro. Sapete qual è la cosa più difficile per me? Farmi pagare per il lavoro svolto…sento più la necessità di un riconoscimento emotivo eppure i maya dicono “..il tempo è arte..” Non devo sottovalutare la mia arte...anche se è solo agli inizi... e infine me la devo guadagnare o no sta benedetta pagnotta!!

 

mirella francesca marianne

Mirella, Francesca, Marianne


27 OTTOBRE - Marianne

 

Oggi ho tenuto la mia prima lezione di massaggio in piscina da sola!!! All'inizio ero un pò emozionata anche perchè in un picosecondo una frase mi è passata per la testa...ma sarò capace? Questa mancanza di fiducia nei miei confronti me la porto dietro da veramente troppo tempo...ed è qui, in questo posto che ha cominciato piano piano a sgretolarsi, ed è con questi piccoli passi che qui ci si costruisce una nuova prospettiva di sè stessi. All'inizio la mia maggior preoccupazione era impostare la lezione, del tipo..oddio domani ho il compito in classe, che faccio!?...poi dopo i primi cinque minuti di imbarazzo il mio spirito allegro ha preso il sopravvento e ha coinvolto i partecipanti...doveva essere una cosa piacevole e rilassante e così è stata...ho spiegato semplici passaggi che tutti sono riusciti ha mettere in pratica...e alla fine la lezione si è conclusa con una gradevole conversazione di gruppo! Sono molto contenta!!!

Ringrazio tutti i partecipanti del corso di fotovoltaico che si sono affidati alle mie mani!

 

 

 

25 OTTOBRE - Marianne

 Lezione con Riccardo

 

Esperimento di Milgram

 

http://it.wikipedia.org/wiki/Esperimento_Milgram

 

...l'obbedienza indotta da una figura autoritaria considerata legittima, induce uno stato eteronomico, caratterizzato dal fatto che il soggetto non si considera più libero di intraprendere condotte autonome, ma strumento per eseguire ordini...

 

 

24 OTTOBRE - Marianne

Lezione con Riccardo

 

Ciao a tutti!! Vi lascio alcuni spunti di ciò che è stato trattato in questa interessante lezione.

 

Watzlawick

 

[...] Le tesi centrali che sono alla base del pensiero di Watzlawick sono: in primo luogo che la nevrosi, la psicosi e in generale le forme psicopatologiche non originano nell’individuo isolato, ma nel tipo di interazione patologica che si instaura tra individui, in secondo luogo che è possibile, studiando la comunicazione, individuarne le patologie e dimostrare che è la comunicazione a produrre le interazioni patologiche [...]

Watzlawick, se le idee si ammalano di Umberto Galimberti (la Repubblica, 04.04.2007)

Esperimento di Jane Elliot

http://www.pbs.org/wgbh/pages/frontline/shows/divided/

 

 

 

21 OTTOBRE - Marianne

 

Lezione di massaggio Thai con Gisella

 

Oggi Gisella ha continuato a guidarci nel massaggio e ha inserito due manipolazioni nel collo e nelle braccia.

La soddisfazione migliore è ,a fine giornata, massaggiare i miei amicici qua ad alcatraz e vedere che il loro viso subire delle trasformazioni meravigliose...come se avessero fatto un lifting!!...Le celluline della nostra pelle si riempono di felicità!!

 

20 OTTOBRE - Marianne

 

Lezione di massaggio Thai con Gisella

 

Gisella ci ha insegnato un massaggio favoloso al viso!!!  Ecco questo è un'altro di quei massaggi che  veramente ti mandano nel mondo di sogni! Con una bella musica orientale di sottofondo...senti i canti dei monaci...sinfonie armoniche penetrano direttamente alle connessioni neuronali...in questo paradiso ci sono due mani che come calamite alleggeriscono il viso dal peso dei pensieri e rilassano le contrazioni dei muscoli facciali....vi consiglio di venire a provare di persona!

Se passate da qua chiedete e vi sarà dato!!

  

17 OTTOBRE - Marianne

Lezione di massaggio con Angelo

Oggi ci siamo concentrati sulla zona del collo e del viso...massaggiare queste parti necessita di una maggiore sensibilità, perchè  i  punti da sollecitare si restringono in pochi centimetri di pelle, e sono molto più delicate...ma ragazzi!!! che godimento farsi massaggiare il viso!!! L'attaccatura dei capelli, le sopracciglia, il contorno dei bulbi oculari... quasi, quasi dopo il massaggio ti senti un pò come Buddha!.. avete presente quelle statue in cui è disteso su un fianco con quel viso beato, imperturbabile agli occhi del mondo..OK! sto esagerando! Certo che non vi possiamo garantire la beatitudine spirituale nel pacchetto del benessere, ma vi assicuro che dopo un massagino del genere, anche al più stressato dei broker newyorkesi  gli si illuminerebbe il viso in un sorriso rilassato!

 

15 OTTOBRE - Marianne

 

Lezione di massaggio con Angelo

 

Oggi abbiamo continuato a perfezionare i movimenti insegnati nelle scorse lezioni, questo è il nostro allenamento…massaggiarci, massaggiarci e massaggiarci ancora…continuare a  praticare per acquisire maggiore sensibilità. L’esperienza fondamentale dell’arte del massaggio che dobbiamo capire è che la tecnica ha un limite intrinseco: non c’è trasmissione di  amore…non è la pura tecnica il canale per veicolare le energie profonde, deve esserci un contatto emotivo, empatia verso chi stiamo massaggiando; il massaggio deve racchiudere in sé l’essenza del donare amore all’altro…è questa l’origine delle carezze…il desiderio irrinunciabile di prendersi cura dell’altro…, la stessa emozione di una madre che abbraccia suo figlio, o di due innamorati che si accarezzano..tutti intuitivamente capiamo che questi contatti racchiudono una forza maggiore…questa forza è il contatto emotivo che dobbiamo ricercare nell’altro affinché il nostro tocco sia veramente magico…al di là della tecnica.       

 

 

 

13 OTTOBRE-Marianne

 

Corso di Estasi Musicando (Tammurriata, Percussioni, Pizzica)

 

La mattina è cominciata con la Tammurriata. La Tammurriata prende il nome dal tamburo che scandisce il ritmo, detto "tammorra" o "tammurro". Mentre si balla questa danza propiziatoria popolare campana si suonano con entrambe le mani  le castagnette (simili alle nacchere).

E’ una danza di gioia e di prosperità, è un omaggio alla raccolta del grano, e come tutti i balli di coppia, è un corteggiamento amoroso. Nel pomeriggio è stato il momento della Pizzica Pizzica danza popolare pugliese. Il termine  pizzica  prende origine dall’antico uso terapeutico di questo ballo, infatti veniva usato come esorcismo per le donne che andando a lavorare nei campi venivano pizzicate dalla tarantola. Anche in questo ballo il richiamo amoroso fa da filo conduttore…la danza diventa un gioco d’amore in cui l’uomo, girando intorno alla compagna, tenta di catturare il fazzoletto che lei sventola maliziosamente davanti a lui.

 La mia esperienza è stata incredibile, mi sono sentita piena di energia creatrice, sono diventata tutte le donne del mondo, il tempo non esisteva più…esisteva solo il ballo, i ritmi incalzanti e sensuali, la voglia di benedire il raccolto e di gioire…la pizzica mi ha travolto, l’estasi di ballare senza fine è straordinaria, energia  vitale pura che vibra…è un ballo ossessivo e liberatorio: non riesci più a smettere di ballare, scarichi i veleni che ti  porti dentro…lo consiglio a tutti, ma soprattutto a noi donne perché la liberazione deve essere l’obbiettivo principe della nostra vita.   

 

 

Mercoledì 10 – Marianne

Lezione di massaggi con Angelo (insegnante di tai chi)

 

Chi viene massaggiato è seduto a cavalcioni sulla sedia, eliminando così il problema dello schienale; in questo massaggio è fondamentale il contatto, senza barriere. La lezione più importante per me è stato il posizionamento delle mani durante il  massaggio: tutta la mano deve toccare la pelle ed è fondamentale che la zona centrale del palmo ( in corrispondenza del chakra) prenda contatto con il punto preciso da massaggiare…è da li che viene emessa energia e calore. Un’altra cosa che mi ha emozionata molto è stato un passaggio chiamato abbraccio sciamanico: chi massaggia appoggia completamente la pancia alla schiena di chi riceve, inoltre poggia i  gomiti dove le clavicole creano una fossetta vicino al collo e le mani una sopra l’altra sulla fronte…è veramente una posizione fantastica  per entrambi, un accoglimento profondo…è un abbraccio intenso. Mi sto accorgendo di quanto il massaggio non sia un atto unilaterale, chi dà e chi riceve, ma un interagire profondo, è un colloquio tra corpi e non solo…ci deve essere grande fiducia e concentrazione da parte di entrambi…questo elimina il dualismo nel massaggio crea l’unità dell’azione.

 

LUNEDI’ 8

FRANCESCA

Incredibile, oggi ho ricevuto la mia prima bambola!
Fantastico!
Se seguite questo blog, ormai dovreste sapere che la bambola è un massaggio dolce, fatto da 5 persone contemporaneamente, in 5 punti diversi del corpo, testa mani e piedi. Lo scopo è quello di staccare il cervello per fare rilassare tutta la muscolatura non razionale… ragazzi, Funziona!
Io non mi lascio andare facilmente, di solito il commento di chi mi conosce da poco è che sono fredda, e non vi dico chi mi conosce da tempo cosa dice di me… no, non è vero non sono così male! Ma sto divagando, sarà che ho finito il massaggio da 10 minuti e ancora ne sento gli effetti.
Allora, se state ancora leggendo vuol dire che vi interessa sapere com’è andata… una parola precisa per dirlo non c’è, forse quella che si avvicina di più è: meraviglioso!
All’inizio il mio cervello seguiva come una pallina da ping pong i singoli stimoli, passava alla velocità della luce dalla mano alla testa poi piede, testa, mano, testa, piede, piede, mano… poi, finalmente, si è rassegnato, ha smesso di cercare di controllare cosa stava succedendo è partita la goduria. La sensazione di rilassamento è stata intensa. Sapete quella sensazione che si prova nell’attimo prima di addormentarsi? Quel tepore coccoloso che ti porta via per la notte, quel senso di abbandono e di fiducia che hai tra le tue coperte nel tuo letto fra i rumori delle mura di casa, quella sensazione che ti da sapere, quando sei piccolo che mamma dorme nella stanza di fianco e papà veglia su di te, ecco cosa ho vissuto oggi, durante il massaggio.
Quando è finito mi è sembrato che il tempo fosse volato ma ho aperto gli occhi, ho visto Marianne, Mirella, Luana, Giuseppe e Rodolfo che mi sorridevano e mi davano di nuovo il benvenuto sulla terra e la prima cosa che ho fatto è stata sorridere a quella sensazione di intimità che mi stavano regalando.

Domenica 7 

 Francesca

 Gruppo benessere in missione per la pace.

Oggi ragazzi, il gruppo benessere ha partecipato alla marcia per la Pace Perugia Assisi. Siamo andati a portare un po’ di benessere ai marciatori. Ovviamente siamo partiti la mattina prestissssssssimo, ma l’entusiasmo ci ha dato carica ed energia.
Avevamo la postazione fissa a Bastia sotto il gazebo di Merci Dolci la bottega equa e solidale vicina ad Alcatraz.
Arrivati alla macia ci siamo dipinti i visi e abbiamo indossato i cartelli che avevamo preparato, se eravate alla marcia è molto probabile che anche voi abbiate ricevuto un FREE HUG (ABBRACCIO GRATIS!)
Per tutti quelli che non l’hanno ricevuto vi racconto come l’ho vissuta io: l’imbarazzo che pensavo avrei provato nell’offrire abbracci a completi sconosciuti si è dissolto appena ho aperto le braccia per la prima volta. Le persone che ho incontrato hanno avuto le reazioni più disparate, c’erano quelli che mi vedevano da lontano e correvano con il sorriso a mille denti a farsi abbracciare, quelli un po’ timidi all’inizio ma che poi stringevano forte forte, quelli che abbracciano camminando e quelli che durante l’abbraccio fanno mille domande, c’è stato addirittura chi non ha voluto essere abbracciato, e allora quell’abbraccio che mi era rimasto così, sulla punta delle mani lo davo a qualcuno che veniva dopo, doppio.
Ho abbracciato sindaci, bambini, disabili, mamme, nonne, ragazzini, ragazzoni, fanciulle e amici, si perché il modo migliore per ricaricare un “abbracciatore” è dargli un abbraccio, gratis ovviamente!
Sono stati tantissimi gli abbracci gratis che ho dato oggi!
Sono state tantissime le persone che ho guardato negli occhi e con cui ho scambiato poche parole ma benevole e sorrisi disinteressati, sinceri e di cuore. Le cose migliori insomma!.

Alla fine della marcia sono qua che scrivo, sono stanca, ovviamente, ma di quella stanchezza felice perché ho il cuore pieno!

Marianne

Sono appena ritornata dalla marcia per la pace…è stata un’esperienza incredibile!!
Con il mio bel cartello “ABBRACCI GRATIS” ho regalato abbracci e baci a tutti…la cosa più bella per me era vedere il viso delle persone dopo aver ricevuto l’abbraccio, oppure la risata che scaturiva spontanea, quanto è emozionante rendere una persona più felice anche per pochi minuti! Per ogni abbraccio dato ne ho ricevuto uno in cambio...non è meraviglioso!!! mi sono riempita di amore ed energia positiva…ho vissuto un giorno di cuore, non riuscivo a smettere di abbracciare: quando ho sentito la pienezza, la commozione del contatto avrei voluto avere braccia infinite per coccolare tutti quelli che mi sono sfilati di fianco…non volevo farmi sfuggire nessuno!!
Mi sono unita a tutti profondamente…grazie!

Martedì 2 - Marianne

Corso di maschere di cartapesta

 

Stamattina abbiamo dato libero sfogo alla nostra fantasia costruendo il calco per le maschere. Si parte da un cubo di argilla alto quanto la profondità del viso,bisogna avere l’accortezza di creare una piccola base piatta che sporga dal cubo in modo da evitare che la maschera, che ai creato con tanto amore, si incolli inevitabilmente al  tavolo nella fase di ingessatura. Una volta segnate le misure del viso sul cubo (distanza degli occhi e naso), si mette mano all’argilla. Che bella sensazione manipolare questo materiale…è docile: si adatta ad ogni tua pressione, carezza e capriccio. Il viso esce da sé, prende forma piano piano...le mani si specchiano nella creazione…una delle cose più belle e vedere le maschere degli altri…diverse ma uguali…un po’ come siamo tutti noi qui ad Alcatraz.

Una volta finito il viso si prepara la colata di gesso, si dispone un bello spessore e si lascia asciugare…lo sapete che il gesso mentre si asciuga si scalda!!E’ la maschera che prende vita! La magia è in ogni cosa basta saper guardare!! Ciaooooo!!

Venerdì 28  - Marianne

Lezione di watsu con Corrado.
Watsu è un’applicazione dello shiatsu in acqua. La posizione base somiglia a quella assunta dai lottatori di sumo, bisogna far crescere le radici ai piedi e abbassare il baricentro del corpo mantenendo la schiena dritta; la torsione del busto e lo scivolamento laterale completano le linee base dei movimenti. Anche in questa disciplina è fondamentale armonizzare i respiri di chi riceve e chi esegue il massaggio, e contemporaneamente l’inspirazione e l’espirazione creano il ritmo e determinano l’ampiezza dei movimenti. La persona che riceve il massaggio e sostenuta completamente in un abbraccio: un braccio sostiene lievemente la parte alta della nuca e l’altro a livello del bacino. Chi esegue deve essere completamente rilassato perchè anche una lieve contrazione del braccio si trasmette al corpo dell’altro.
Chi riceve il massaggio viene cullato come un bambino, stirato, facilitato ad eseguire movimenti istintivi... watsu può essere eseguito anche in subacqueo. L’esperienza in subacquea è molto particolare ed è capace di smuovere emozioni profonde: abbiamo memoria della nostra gestazione e le apnee controllate aprono delle finestre su questa fase così critica della vita di ognuno di noi.

Giovedì 27 - Francesca

Oggi la lezione consiste nel fare pratica.

Ci troviamo in piscina dopo colazione e entriamo in acqua. Il tempo è pessimo ma la piscina riscaldata  e il rumore della pioggia sul tetto offrono il giusto umore per lasciare andare le resistenze e mettersi in sintonia con il proprio compagno.

I gesti da fare non sono particolarmente complicati e quindi la mente si può lasciare andare all’ascolto.

L’abbraccio dell’acqua fa già molto del lavoro del massaggio.

La sensazione straordinaria che si ha è di completa compenetrazione di due esseri. Ci si ascolta, ci si guarda, si respira assieme e sostanzialmente ci si vuole bene e ci si occupa del benessere di chi massaggiamo o ci lascia volere bene. 

Mercoledì 26 - Marianne

Stamattina c’è stata lezione di massaggio in acqua con Jacopo. L’atmosfera è rilassata, l’acqua ti avvolge, ha la stessa temperatura superficiale della mia pelle, il mio corpo si espande. Grazie all’aiuto di galleggianti spugnosi posti a livello delle ginocchia e della nuca mi trovo nella classica posizione del morto in acqua. A questo punto comincia il massaggio: il mio corpo viene trascinato con movimenti lunghi e sinuosi, come un serpente, non c’è una singola cellula della pelle che non anela di sciogliersi in questo brodo fetale. Seguono delicati movimenti degli arti, piccole carezze alle mani e ai piedi.. chi riceve il massaggio e chi lo esegue entrano in una sintonia completa, il respiro e le onde celebrali dell’uno e dell’altro si prendono per mano e danzano insieme. La sensazione che ho provato è stata molto particolare: il corpo si perde in un sonno di cent’anni, la mente è presente ma anche lei assopita. E’ uno stato di ricezione totale, di abbandono senza remore.

Cosa dire del risveglio.. è difficile da spiegare… se potessi ricordare il momento della mia nascita, forse si somiglierebbero.. ti senti in un secondo svuotato, vorresti tornare indietro.. ma vale la pena di rinascere e trovare lo sguardo amorevole di chi ti ha accompagnato in questo viaggio.

Martedì 25  - Marianne

Sono arrivata ad Alcatraz per vacanza...e sono rimasta per frequentare il corso di Benessere.

Sono rimasta proprio per colpa di un massaggio ricevuto la prima sera...che sensazione! Ricevere un'abbraccio, una carezza, un morbido massaggio sulla testa..un pò di sane coccole gratuite!! Allora l'istinto è stato forte: imparare queste tecniche di massaggio così dolci, quasi impercettibili nei movimenti.

Una tecnica che stiamo piano piano imparando è la Bambola: immaginatevi stesi e rilassati, intorno a voi cinque altre persone vi circondano sedute e lentamente come un soffio di vento vi accarezzano le mani, i piedi, e la zona della testa....immaginate di ricevere questa dolce coccola per quasi un'ora..il risultato è puro e semplice benessere. Un'onda di calore che ti ha riempito dalla testa ai piedi.

Non vi preoccupate non è finita qui..ma ora vi devo lasciare per un doce bagno rilassante nella piscina a 35 gradi!!


Commenti

Che fatica arrivare al vostro blog! E' quasi introvabile!!

Beh, non vi scoccierò a lungo: giusto il tempo di salutarvi e mandarvi un bacio...caldo, sincero, dal mio cuore al vostro (se volete)

 

buena prosecucion de curso!

C.

Ciao bimbe, rispondo a Voi perche' ho appena finito di leggere il Vostro blog ( ma naturalmente voglio che diate un bacio a tutti , uno per uno , senza esclusione di nessuno da parte mia ).....molto carino il blog , continuate cosi'........vi ho osservato molto ieri alla marcia......eravate  fantastiche tutte e due.......un abbraccio grande grande......         e non eravate le sole , come al solito era tutto il gruppo ad essere fantastico................osservare Nora, poi, che non solo abbracciava tutti ma aveva parole d'amore per tutti .......il cinematografo !

Per il momento Vi saluto ..............come direbbe il mio amico Valerio, un saluto da Babilonia.......

                                                                            BACI E ABBRACCI A TUTTI         GIANK

e forza real alcatraz

P.S. :     tenetemi da parte il giacchetto di jeans, che il 28-29-30- vedo se lo posso veni' a prende'